Una cinquantenne incredibile | Racconto etero di Spring96

Franco non riusciva a distogliere lo sguardo da quel culo. Nonostante sua moglie Elena fosse presente in negozio e gironzolasse fra gli scaffali lui dal bancone non toglieva gli occhi da quel paio di pantaloni neri di pelle che fasciavano quelle cosce e quelle chiappe rotonde della signora Carla, cliente saltuaria ma che si faceva sempre notare per un motivo o per un altro. La scorsa settimana, e meno male che Elena non c’era, si era presentata con un vestitino leggero e una scollatura che lasciava intravedere la sua quarta abbondante di tette, tette che forse non erano più sode e alte come qualche anno prima ma che facevano sempre la loro figura. Eh sì.. perchè la Carla non era più una ragazzina ma veleggiava quasi sui 50 anni.. portati splendidamente.
Ma torniamo a quel culo parlante. Ad una certa età le donne iniziano ad avere il culo più grosso e tendono a mascherarlo con camicioni o maglioni lunghi. Niente di male: noi uomini ci tingiamo i capelli o mettiamo la polo fuori dai pantaloni per nascondere la pancetta. Ecco, Carla nonostante la taglia in più che aveva acquisito nella maturità portava con disinvoltura il suo bel culo in giro lasciando spesso intravedere il solco fra le chiappe sode.. Oggi sembrava più maiala del solito, una bocca rossa da pompinara, capelli neri raccolti, si chinava a controllare gli ingredienti proprio nel momento in cui lui la guardava, quasi come se gli dicesse “sono qui, disponibile, perchè non mi scopi?” Franco non era un vero e proprio donnaiolo, sua moglie Elena si faceva scopare ogni tanto e a lui spesso non rimaneva che masturbarsi in bagno guardando i siti porno. Non aveva mai ceduto però a escort o puttane più per pigrizia che per sensibilità e riguardo verso sua moglie. Questa volta però si era messo in testa almeno di provarci a trombare quella bella sposa (separata da alcuni mesi, aveva saputo indagando tra le clienti). Doveva solo aspettare l’occasione giusta. Nel frattempo, per ingannare l’attesa e approfittando dell’ora pomeridiana ormai senza clienti, si era portato avanti e nel bagno retrostante stava fantasticando sulle sue tette (e su quelle di una pornostar su uno dei suoi siti preferiti in verità) facendosi una sega velocissima con abbondante produzione di sperma. Già.. chissà da cosa dipendeva il fatto che le sue seghe erano sempre veloci mentre quando Elena gli faceva un pompino o scopavano aveva una discreta durata.. certamente lui sapeva come maneggiare quel grosso arnese che si trovava fra le gambe. Non certo grosso come quelli che vedeva sul web ma comunque di una dimensione che poteva tranquillamente mostrare in sauna o in palestra senza vergognarsi.
Era giovedì, erano passati alcuni giorni e Carla, a cui lui dava sempre del lei (mentre lei lo approcciava con un “Francoooooo” che faceva indurire l’uccello), non si era fatta vedere e, forse proprio per questo, gli era entrata in testa più di prima e si era fatta l’idea di trovare il modo per combinarci qualcosa. Ma proprio quel pomeriggio comparve all’improvviso in negozio e senza proferire parola iniziò a scegliere pasta, scatolame, frutta e verdura e a metterla nel cestino, riempiendolo velocemente. Si avvicinò al banco e Franco notò che dalla camicetta aperta spuntava un reggiseno nero di pizzo push-up che faceva sembrare le sue tette ancora più grosse e ritte. In quel momento erano soli in negozio ma lei non fece niente che potesse dare adito a approcci o fraintendimenti. Chiese soltanto se, visto che la spesa era tanta, potevano gentilmente portargliela a casa in serata quando chiudevano. Era un servizio che nella loro piccola cittadina facevano normalmente alla clientela, proprio per differenziarsi dai supermercati che avevano invaso il territorio, e non c’era niente di strano in quella richiesta. Peccato però che il servizio lo facesse sempre Elena e mai lui! questa occasione sembrava quindi sfumata fino a che Carla, mentre pagava, furbescamente buttò là il fatto che aveva il citofono rotto e che per farsi aprire il portone del condominio si doveva chiamare al cellulare 333 54645xxx. Franco se lo appuntò sornione su un foglietto e salutò distrattamente, pregustandosi la futura sborrata su quelle tette.
Adesso era da decidere se mandare un messaggino diretto senza perifrasi o provare a corteggiarla quel tanto che fa felice una donna prima di affondare il colpo. Il mattino successivo aveva già deciso: SMS diretto ancora più spinto di quanto pensasse inizialmente! Digitò veloce sulla tastiera dell’iPhone “sono Franco, dimmi quando posso passare chè ho voglia di leccarti la fica e di farti godere da impazzire con il mio cazzo duro!” erano le otto, un po’ presto, ci pensò un attimo e premette il tasto invio. “O la va o la spacca! al limite perderò una cliente..” Attese cinque minuti che gli parvero un’eternità e quando sentì il bip del messaggio ebbe un tuffo al cuore e un indurimento all’uccello. La risposta era “Ah, complimenti, adesso mi dai del tu?” con due faccine che ridevano. Subito arrivò un altro SMS che diceva “Liberati per l’ora di pranzo così ti faccio sentire qualcosa fatto con i tuoi prodotti. E poi assaggerai anche il dolce..” Adesso il cazzo era proprio duro e gli premeva dai pantaloni, pensò di farsi la consueta sega mattutina ma poi decise di lasciare tutto per Carla. Aveva già in mente una scusa per allontanarsi alle 12 e all’apertura accendendo la cassa disse a Elena che andava con gli amici del calcetto a pranzo visto che l’ultima volta a cena a Fernando avevano tolto la patente perchè aveva bevuto troppo.
La mattina trascorse tranquilla e benchè cercasse di non pensarci immergendosi nei conteggi dei fornotori il pensiero assillante di quel culo e di quelle tette lo tormentava facendogli controllare l’orologio più spesso del solito. Alle 12 in punto biascicò un “io vado!” e corse di sopra a cambiarsi e soprattutto a darsi una bella lavata all’uccello che gli sembrò duro ormai da ore (ma era solo un’impressione). Mise in un sacchetto una bottiglia di champagne e tempo venti minuti era già in prossimità della meta, lasciò lo scooter in un parcheggio a due isolati di distanza e fece a passo svelto quello che rimaneva per arrivare al portone del condominio. Scrisse al cellulare che era sotto casa e lei fece scattare l’apriporta. Entrato nel corridoio sentì dalle scale la sua voce che diceva di salire al terzo piano. Forse l’ascensore era davvero lento ma gli sembrò che salisse al trentesimo piano. Finalmente si aprì e davanti a lui sulla porta di casa Carla lo aspettava sorridente. Era vestita sobriamente, una camicia leggera (con reggiseno in vista) e un paio di pantaloni bianchi attillatissimi (avrei scommesso senza mutandine) ma, particolare intelligente, aveva ai piedi scarpe con un tacco di almeno otto centimetri che la slanciavano ben più del suo metro e settanta. Dopo un breve momento di imbarazzo fece cenno di accomodarsi in soggiorno e scappò un momento in cucina a mettere in frigo la bottiglia che lui le aveva messo fra le mani. Tornò subito con un paio di bicchieri e fecero un brindisi rompendo il ghiaccio. Chiacchierarono del più e del meno, di cibo e di vini e Franco scoprì che Carla se ne intendeva parecchio. Poi mangiarono la pasta con le zucchine e il pesce arrosto che aveva cucinato per lui bevendo tutta la bottiglia di champagne. Si vedeva che il suo interesse era il cazzo e scopare, senza alcun romanticismo accessorio. Lei era sempre stata una vera appassionata del sesso sin da ragazza; purtroppo il suo ex-marito dopo un periodo di grande passione si era assopito e lei a malincuore aveva fatto a meno di scopare per lunghi periodi. Aveva avuto una storia con un ragazzo più giovane ma lui si era innamorato e lei non era pronta per quello. Questo egoisticamente era la parte che faceva eccitare di più Franco: niente legami, niente bacetti e regalini, solo sesso. E sembrava che ne avesse davvero tanta voglia. Al dolce, un po’ brilli, Franco iniziò di botto a farle complimenti più spinti. Uno dei più leggeri era “voglio leccarti la figa almeno una quindicina di minuti, spennellarti dal buco del culo fino alla clitoride e succhiartela fino a sentirti urlare di piacere”. Lei rideva, ne era piuttosto divertita e ribatteva con qualche commento sui cazzi duri omosci ma lui era troppo concentrato su quei capezzoli in tensione che spingevano dalla camicetta per dare peso a simili banalità. Scolato l’ultimo bicchiere Franco notò che i pantaloni bianchi di Carla avevano una chiazza scura fra le cosce: la porcona si era bagnata in una maniera incredibile! un lago fra le gambe! le sue chiacchiere avevano colto il segno eccitandola oltre misura. Lei vide che guardava compiaciuto e invece di essere imbarazzata esclamò gioiosa che erano anni che non si divertiva così a pranzo, con un uomo intraprendente e disinibito. Voleva andarsi a cambiare ma Franco la bloccò dicendole che ci pensava lui. La stese sul divano e delicatamente le tolse i pantaloni che si portò voluttuosamente al naso odorandoli. Poi aprendole le gambe si tuffò in quella fica perfettamente rasata e calda. Carla fece qualche verso di piacere e lui spinse la lingua intorno alla clitoride, scendendo poi alla fessura e giù giù fino al buco del culo con un movimento ritmico aiutato dalle mani che si erano posate su fianchi rotondi. Lei smaniava e Franco si fermò un momento per riprendere fiato e osservare meglio quello splendore: “hai una fica da trentenne! e ti bagni come un’adolescente!”. Non erano smancerie. Lo pensava davvero, ora che la vedeva nuda, almeno dai fianchi in giù, notava che le cosce erano sì belle ma la pelle non era certo quella di una ragazza. Però la fica.. la fica era un tesoro rosa completamente umido e pulsante, un paradiso a cui lui dette un’altra leccata soddisfatta sussurrandole se le era piaciuto questo antipastino. Carla ridendo esclamò che non vedeva l’ora di assaggiare primo secondo e dolce!
Dopo questo travolgente inizio e spostati in camera Franco volle che lei si spogliasse totalmente e Carla fece un divertente strip-tease in cui disinvolta si tolse il reggiseno di pizzo bianco in un colpo solo mostrandogli quelle belle tette su cui lui aveva fantasticato lunghe sborrate. La piccola pancetta che lei aveva era eclissata dal seno pieno e rotondo, sicuramente c’era stato un aiutino del chirurgo estetico per renderlo così sodo a quell’età. Ma non erano due palloni come spesso si vedono nei video porno. Aveva le areole grandi ma non esagerate con due capezzoli gonfi e grossi come il mignolo. Inutile dire che Franco si mise subito a baciarle e a mordicchiarle mentre lei tentava di prendergli in mano l’uccello che lui ostinatamente teneva ancora nei pantaloni pur uscendone quasi fuori di forza da quanto era ritto. Si buttarono sul letto e finalmente anche lui si spogliò completamente mostrando una discreta erezione e una cappella gonfia e rossa su cui Carla si buttò lasciva. Le fece dare qualche leccata con quelle labbra carnose poi le chiese se aveva disponibile un vibratore per divertirsi. Lei, continuando a leccargli l’uccello sorreggendo le palle gonfie, gli indicò con un cenno il comodino. Allungandosi un po’ Franco riuscì ad prire il cassetto e a tirare fuori un bel vibratore fucsia di medie dimensioni che, acceso, provvide a infilare e a muovere su e giù in quella fica umida. Si mise a cavalcioni su di lei leccandole la clitoride mentre la stantuffava con il vibratore; lei a sua volta, vista la posizione ottimale, aveva iniziato a leccargli il buco del culo saettando dentro e fuori la sua lingua svelta. Lui la fermò perchè quella pratica aveva il potere di farlo venire in pochissimo tempo e aveva voglia invece di farsi fare un pompino da guinness. Lei non se lo fece dire due volte e cominciò a impugnare il cazzone e a smanettarlo nella bocca. Riusciva ad ingoiarlo quasi fino alla base per poi succhiarlo avidamente sulla cappella. Mentre lei lo spompinava lui continuava a infilarle dentro e fuori il vibratore alternando questo lavoro con un ditalino nel suo culo accogliente. Il primo pensiero per quella sborrata era di venire copiosamente sulle tette e ricoprirla di sperma ma lei aveva altro in mente.. quando lui non ce la fece più e arrivò il momento di venire le urlò “vengo vengo!” e lei si strinse l’uccellone a sé e prese in bocca tutto quello sperma e vi assicuro che era una discreta quantità (Franco non faceva più lunghi schizzi come quando era giovane ma aveva una bella produzione di liquido bianco e denso). Lo ingollò tutto fino in fondo leccandosi le labbra e non contenta passò la lingua intorno alla base della cappella ancora gonfia nettandola a fondo. Non aveva mai preso Viagra o pastiglie simili e così aveva necessità, dopo questo godimento, di riprendersi per far tornare in servizio il cazzo tanto desiderato da Carla. Si dedicò quindi a carezzare dolcemente tette e culo ma capì che lei aveva bisogno di qualcosa di più.. Aveva intravisto nel comodino vicino al vibratore un dildo doppio, lo arraffò e senza se e senza ma lo spinse negli orifizi atti all’uso. Per fortuna Carla non si era ancora asciugata e aveva ancora un certo umido fra le cosce pregustando forse la vicina scopata. Delicatamente iniziò a muovere il culo ed a assecondare i movimenti che Franco faceva col dildo. Per farla godere di più ora aveva anche irrorato il sex-toy di lubrificante adatto (era proprio attrezzata bene quella donna!) e lei mugulava di piacere ad ogni entra-esci. L’uccello stava tornando in forma, non ancora al massimo ma rigido abbastanza da farselo smanettare e infatti lei non perse l’occasione e da professionista gli dava sostegno e incitamento. Lasciò perdere il dildo e si mise nella posizione del 69 infilandole tre/quattro dita nella fica e sditalinandola velocemente lei schizzò sul lenzuolo un po’ dei suoi liquidi. A questo punto, con il cazzo ben duro, si sdraiò sul letto e la fece montare a cavalcioni su di lui penetrandola di forza tenendola per le cosce, mandandole su e giù il culo e allargandole la fica mentre la scopava. Una sensazione bellissima quella di farla godere così tanto, tale da fargli chiudere gli occhi e concentrarsi sulla spinta pelvica per far arrivare in fondo alla fica l’uccello. Riaprendo gli occhi vide che lei aveva la testa all’indietro e le tettone sbattevano qua e là sul suo corpo sudato. Ne approfittò subito strizzandole fra le mani e tirandole a sé per baciarle e morderle avidamente. Lei ansimò e sentì che godeva forse per la seconda o terza volta, accelerò i colpi e, senza togliere il cazzo da dentro, la capovolse e iniziò a stantuffarla alla missionaria, metodo che secondo lui faceva godere di più la donna. Essendo venuto poco prima la sua resistenza era maggiore e potè dare dei bei colpi fino a quando si sentì stringere l’uccello da quella fica che stava godendo a mille, si lasciò andare e percepì il forte flusso di sperma che invadeva la vagina. Continuò per alcuni attimi il movimento e tirò fuori il cazzo ormai quasi moscio. Dalla fica fuoriuscì una scia bianca che prontamente Carla raccolse con le dita e si portò alla bocca assaporandola. Che scopata! Esausti. Si riposarono sudati senza avere la forza di alzarsi e solo dopo una decina di minuti lei si alzò per andare in bagno. Lui la seguì e vide che aveva aperto l’acqua calda della doccia. Quando Carla si accorse che lui era lì gli sorrise e strizzando l’occhio gli propose un giochino che forse non aveva mai fatto prima. Franco pensò che volesse scopare sotto la doccia e non ci vide niente di originale: l’aveva fatto più volte con Elena anche se non era così divertente come lo fanno sembrare nei film. Invece lei chiuse l’acqua, entrò nella vasca e si sedette nuda a gambe larghe: “pisciami addosso! Vogio sentire il calore del tuo piscio sulla pelle. Non in faccia, dal collo in giù. Avanti! So che ti scappa perchè non l’hai mai fatta da quando sei arrivato” La proposta imbarazzò per un momento Franco ma solo per un momento perchè si prese in mano l’uccello e cominciò a sgorgare una lunga pisciata calda sulle tette e sulle cosce di Carla. A lei sembrava piacere e pure a lui montava un’eccitazione che non avrebbe pensato prima. Alla fine della pisciata aveva il cazzo barzotto ma lei era già diretta sotto la doccia. Lui la fermò e, senza tabù, si sdraiò nella vasca e le disse di fare altrettanto. Lei ne fu felicissima e lo bagnò completamente con un getto potente da quella fantastica fica aperta che lui vedeva sopra di sé. Per niente soddisfatto non le dette tempo di asciugarsi e leccò ben bene la fica bagnata mentre il cazzo era ormai ridiventato duro. Carla se ne accorse e sbarrando gli occhi mormorò “un’altra volta duro?” sapendo che questa volta l’uccellone le avrebbe sfondato quel perfetto buco del culo. E così fu. Tornati sul letto le spalmò il lubrificante intorno al buco (non che ce ne fosse bisogno: era bagnata ovunque) e dopo averla messa a pecorina le spinse dentro delicatamente il cazzo per almeno metà lunghezza. Prendendole le tette fra le mani dette qualche colpo ben assestato, lei godeva e ansimava ma chiaro che era più per la situazione che per il godimento anale. Questa volta Franco non durò molto, tolse l’uccello subito prima di venire e le sborrò soddisfatto sulle chiappe rotonde con un breve schizzo. Adesso potevano davvero fare una bella doccia ristoratrice.
Rivestiti si salutarono affettuosamente promettendo di rivedersi. Sulla porta Carla lo baciò e gli disse ridendo “la prossima volta però giochiamo una sola partita, non tutto il Mondiale!”

sex incestoragazzi vogliosinipotina zoccoladue cazzi per leispanking raccontimarito voyeurscambisti al marepompini dalla ziastorie porno erotichegara di orgasmifoto di donne che si fanno la pipi addossoscopata alle termeracconti erotici di incestifemdomeracconti di scambi di coppiastorie mariti cornutivecchio guardoneraccnti pornoletture eroticheracconti erotici adultiscopate atremi piace prenderlo in culomassaggio per moglieartistoidequel sorriso quel maledetto sorrisoinculatoresega della mammastorie di sesso vereamica segamamme che scopano in cucinacazzo nei boxerstoria erotichezoccolo di cammello fotovero esibizionismoturpiloquiarea mia moglie piace farsi guardaremoglietroiaforum al femminile tradimentosculacciate battipannicinema porno comocosce balivomamma e papa scopanomamma ninfomaneracconti veri incestipompini al mareandrea e sharonracconti erotici greggicalze in pubblicoracconti erotici canimio fratello nudoscopare mia mogliesfondato il culoschiava cagnaracconti. eroticisembri proprio una mignottaerotociraccontiracconti incesto mamma e figliomistersex.cornuto in vacanzatroia cornutopunizione con clistereincesti nonna nipotehot bi sexvicina puttanaporno racconti gratissorpresa alla mia ragazzascopata a cavalloscopa madre e sorellascopata in bagnostorie di sesso spinto"""senza mutandine"""mia moglie fa esibizionismoorge di scambistiproposta indecente porno