Serena la Tettona parte 3 | Racconto tradimenti di GiovaOrt

Cominciai a sudare freddo.
Cosa voleva? La tentazione di fare finta di non esserci era forte, ma alla fine le mie mani si mossero da sole e aprii il portone. In pochi secondi vidi la porta aprirsi e Jacopo, il bastardo che da mesi ormai si divertiva con la mia ragazza, entrò in casa. Vedendomi, sorrise maligno e mi salutò: “Ciao cornutello! Piaciuti i regalini?”
Avrei dovuto picchiarlo, intimargli di non toccare più Serena e cacciarlo a calci nel culo, ma rimasi zitto e immobile.
E come potevo fare altrimenti? Avevo accettato i video che mi aveva mandato e, seppure lui non poteva saperlo, li avevo anche usati per masturbazioni lunghe e ripetute. Il suono del citofono aveva anche interrotto l’ennesima sega guardando quei video.
Jacopo, come se si trovasse a casa sua, andò in cucina e si versò dell’acqua.
“Fa caldo oggi, eh?” disse.
Vedendo che mi ostinavo a non parlare, continuò: “Eh sì, talmente caldo che Serena stamattina è andata all’università con una scollatura pazzesca. E una gonnellina che mamma mia.”
Al sentirgli pronunciare il nome della mia ragazza mi si gelò il sangue.
Trovai finalmente la voce
“Come lo sai?”
Il porco rise: “Bèh, prima di andare ha fatto un salto da me. Purtroppo non sono riuscito a farci niente, ma recupererò”
Incredibilmente, a queste parole cominciai ad eccitarmi. Non riuscivo a fare a meno di pensare ai video e le parole di Jacopo fomentavano la mia immaginazione.
Il grassone mi guardò: “È dura avere quel ben di Dio di tettone davanti ogni giorno e non poterle toccare, eh?”
Sbiancai. Era stato davvero un suo ordine. “Perché?” chiesi.
“Perché posso. Volevo farti capire chiaramente che ho completo potere su Serena. Lei sta ancora con te e fa sesso con te perché è quello che voglio io. Altrimenti ti avrebbe già mollato. Ma che gusto ci sarebbe?” scoppiò a ridere.
“Comunque se non le hai detto nulla dei video vuol dire che sta bene anche a te. Ti piace essere cornuto. Quindi ho deciso di alzare un po’ la posta: niente più tettone per il cornutello.”
Ero immobilizzato, impotente. Jacopo aveva ragione su tutto.
Vergognandomi come un cane, lo supplicai: “Ti prego, dille di lasciarmi toccare le sue tette. Puoi fare quello che vuoi con lei ma lasciami godere di quelle tette”
“Ma io già faccio quello che voglio. E lei è pazza del mio cazzone. Tuttavia ho un cuore buono” -sogghignò- “e sono venuto qui per offrirti esattamente ciò che chiedi. Ad un prezzo, ovviamente.”
Stavo per domandare cosa volesse, quando sentì la porta aprirsi.
Serena entrò in tutta la sua bellezza, la scollatura che metteva in risalto l’enorme e saltellante seno.
Ci vide e sorrise. “Ecco i due migliori amici!”
Senza degnarmi di uno sguardo, mi sorpassò e baciò Jacopo, un lungo bacio che mi causò un’enorme erezione.
Una volta staccata, mi guardò.
“Jacopo mi ha detto tutto. Ti ha mandato i nostri video e tu non hai detto nulla? Se prima provavo un minimo di colpa, adesso proprio zero! E bravo il mio piccolo cornutello!”
Balbettai qualcosa di incomprensibile, completamente frastornato.
Non sapevo come comportarmi.
Serena, schifata, si diresse verso la nostra camera. All’improvviso scattai e la fermai, ma Jacopo mi afferrò da dietro e mi tenne fermo.
“Che c’è, nascondi qualcosa di là?” disse beffardo.
Serena entrò in camera e Jacopo mi spinse dietro di lei.
Ormai sconfitto, rimasi in disparte mentre i due posavano lo sguardo sul computer con uno dei video in pausa e i diversi fazzoletti sparsi per il letto.
“AH! LO SAPEVO! IL CORNUTO SI È SEGATO MENTRE CI GUARDAVA!” Jacopo era esultante.
Serena mi si avvicinò e poggiò la sua mano sul mio pacco, scoprendo la mia erezione.
“Ed è anche eccitato. Sei proprio senza vergogna.” Con la sua manina fatata, cominciò a massaggiarmi da sopra i pantaloni, e il mio cazzo raggiunse presto piena erezione. “Wow! Subito pronto, eh? Peccato che preferisca di gran lunga il cazzone di Jacopo” disse la mia ragazza, suscitando ilarità nel bastardo.
“Non te la prendere, Giova. Non molti hanno le mie dimensioni”
“Già, il tuo è fantastico amore… peccato che il cornutello qui lo abbia più piccolo di tutta la compagnia…”
A quelle parole quasi venni.
“E… e tu come lo sai…?”
Serena, sempre continuando a massaggiarmelo, inclinò la testa di lato: “Oh, non lo sai? Scommetto che lo avevi immaginato. Hai visto il video di me, Jacopo, Victor e Marco, no? Bèh, da quel momento in poi, diciamo che ho conosciuto meglio tutti gli altri… Matteo, Alessio, Riccardo, Simone… e anche tutti gli altri. Ho scoperto che erano tutti impazienti di gustarsi queste tettone e non solo.”
Non credevo alle mie orecchie. Ovviamente il sospetto era più che presente, ma avere la conferma direttamente da Serena fu un colpo pazzesco.
La tettona mi spinse gentilmente sul divano e mi tolse i vestiti. Completamente nudo, guardavo la mia ragazza fare la stessa cosa con il suo amante.
Per la prima volta vidi il cazzone di Jacopo dal vivo, e mi sembrò ancora più grande che in video. Serena masturbò un po’ quella proboscide, poi si spogliò.
Già ve l’ho detto in tutti i modi, lettori, ma devo ripetermi. Mamma mia che tette. Perfette, sode, enormi, molleggianti. Anche io e Jacopo, che eravamo quasi abituati a quel ben di dio, rimanemmo senza parole. Il porco strinse una tettona mentre cominciò a baciare e leccare avidamente l’altra, facendo godere la ragazza.
Poi si rivolse a me.
“Se vuoi avere l’onore di usare nuovamente queste tettone, dovrai fare tutto quello che ti diciamo. Chiaro?”
Annuì all’istante. Avrei fatto qualsiasi cosa. Serena rise e si inginocchiò davanti a me. Accennò una sega, poi me lo prese in bocca. Spompinava in maniera divina, e non potei fare a meno di notare quanto fosse migliorata da quando aveva cominciato a scoparsi Jacopo. Ero già in procinto di venire, ma lei se ne accorse e si fermò. “Ah-ah. Tu non vieni senza permesso. Ora rifatti gli occhi mentre mi dedico a Jacopo. Puoi segarti se vuoi, ma se vieni non mi vedrai mai più”
Davanti ai miei occhi si consumò uno spettacolo senza precedenti. Serena si avventò sul membro di Jacopo con una voracità senza pari, leccando fino all’ano il bastardo e riuscendo incredibilmente ad ingoiare per intero quel mostro. Il pompino che riservò al grassone fu pazzesco, infinitamente migliore di quello che mi aveva portato sull’orlo dell’orgasmo poco prima. L’impegno che ci metteva era incredibile.
Jacopo, dal canto suo, dimostrò una resistenza invidiabile: chiunque, sottoposto ad un tale trattamento, sarebbe esplodo immediatamente o quasi. Ad un certo punto, il porco la fermò. Serena si staccò dal quel cazzone con molta riluttanza, ne voleva ancora.
Ma Jacopo aveva in mente altro.
“Siediti sul cornuto”
La tettona ubbidì, e si sedette sulle mie gambe.(Io vi ricordo ero seduto sul divano appoggiato allo schienale)
Avevo davanti a me la schiena della ragazza e da sopra la spalla di lei vedevo quelle montagne di carne, così invitanti e succose…
“Cornuto, un regalino per te. Inizia a strizzare quelle tette”
Quasi non credevo alle mie orecchie. Cominciai a toccare come un pazzo, erano settimane che non lo facevo. Nel frattempo, Serena aveva afferrato il mio membro e lo segava piano, mugolando soddisfatta.
Jacopo si avvicinò. “Ora, bella mammellona, voglio una spagnola.”
Ovviamente. Anche il più grande sostenitore dei culi avrebbe dato la vita per una spagnola tra quelle tette, ne sono sicuro. Il grassone posizionò il suo enorme cazzone tra le bocce della mia ragazza e ordinò: “Cornuto, voglio che sia tu a muovere le tettone della troia. Muoviti, fammi venire tra le mammellone della tua ragazza, Cornuto”
Senza pensare, come un automa, cominciai a fare come richiesto: strizzavo le tettone di Serena e le muovevo su e giù, mentre il porco godeva e la ragazza, abbandonato il mio cazzo, si dedicava a massaggiare gli enormi e pelosi coglioni di Jacopo.
Ricordando i video, cercai di imitare i movimenti di Serena. Incredibilmente, mi ritrovai a cercare di far godere Jacopo. Forse avevo paura che se non avesso fatto bene ciò che chiedeva mi avrebbe impedito di vedere Serena, forse volevo farla finita il prima possibile, o forse ero semplicemente impazzito.
Fatto sta che mi ritrovai a segare il cazzone enorme del porco con le mammellone della mia ragazza, che di tanto in tanto leccava, ciucciava e baciava la punta di quel mostro.
“Sì, cazzo! Troia, credo che il cornutello abbia visto troppe volte quei video… sa i tuoi movimenti a memoria!” Entrambi risero, mentre le tettone di Serena, imperlate di saliva, sudore e liquidi preseminali, scivolavano velocissime sul membro. In quel momento la ragazza reclinò la testa all’indietro, e io, avendo poggiato la testa sulla sua spalla per guardare meglio ciò che facevo, mi ritrovai col cazzone di Jacopo praticamente in faccia.
All’improvviso, Jacopo sembrò impazzire
“LECCALO! LECCALO O NON LA VEDI PIÙ!” urlò senza rallentare la scopata delle tette.
Nonostante non rallentai la spagnola, esitai. Era troppo. Quel coso puzzava, mi faceva schifo, non potevo farlo.
Jacopo continuò a urlare di succhiarlo, minacciandomi e insultandomi.
Ormai non capivo più nulla, vidi con la coda dell’occhio Serena che alzava leggermente la testa per vedere se effettivamente sarei caduto così in basso.
E caddi. Col cervello completamente in confusione, presi l’intera punta del cazzo in bocca. Appena la mia lingua toccò quel mostro, un disgusto come mai fino a quel momento mi pervase e cercai istantaneamente di staccarmi.
Ma era troppo tardi. Jacopo mi bloccò la testa con le mani e mi tenne lì. Serena, incredula, continuò la spagnola, leccando l’asta. Dovevo liberarmi, mi divincolai più che potevo ma ero senza forze.
Il puzzo e il sapore nauseabondo del cazzone di Jacopo mi portarono vicino allo svenimento, ma resistetti. All’improvviso sentii il porco urlare qualcosa che non afferrai, e una quantità enorme di sborra mi riempì la bocca. Riuscito finalmente a staccarmi, vidi Jacopo che continuava a sborrare tra le tettone di Serena.
Se il membro mi era sembrato disgustoso, non era nulla a confronto del sapore della sua sborra. Cercai di sputare tutto, ma Serena mi saltò addosso e mise la sua mano sulla mia bocca, costringendomi ad ingoiare. Con gli occhi appannati da lacrime di disgusto, vidi Serena che, contentissima, si leccava avidamente le tettone per recuperare ogni goccia di sperma, prima di riprendere in bocca il cazzo del porco.
Quanto a lui, sembrava non essere mai venuto. La sua bestia era più dura che mai, pronta a ricevere il pompino di Serena.
Jacopo mi fissò ridendo “Bevi bene, cornuto, anche se la tua ragazza beve meglio! Però sono di parola, d’ora in poi hai di nuovo la possibilità di toccare le bombe di Serena. Ora goditi il resto dello spettacolo e segati”
Per le seguenti due ore, mi ignorarono completamente. Venni in totale quattro volte guardandoli, niente in confronto a Jacopo, ovviamente.
Cominciarono con una pecorina, Serena muggiva e sbavava mentre quel cazzone la sbatteva in profondità mai da me esplorate. Le tettone della ragazza ballavano incontrollate e Jacopo alternava schiaffi fortissimi sul culo e strizzate alle tette che assomigliavano tremendamente a tentativi di mungitura.
“Ti mungo, bella vaccona! Guarda che mammelle, piene di latte! Lo senti il mio cazzone? Ti piace essere sbattuta davanti a quel cornuto del tuo ragazzo, eh?”
“SÌ CAZZO MUNGIMI SONO LA TUA VACCA, FAMMI MALE, STRINGILE PIÙ FORTE! CRISTO SEI ENORME, È BELLISSIMO, VIENIMI DENTRO DAVANTI AL MIO RAGAZZO SBORRAMI!”
Jacopo venne copiosamente nella figa di Serena, ma non contento riprese subito a sbatterla, stavolta affondando la faccia tra le tettone morbide della troia.
La vacca godeva come una pazza, incitava il grassone a scoparla più forte e nel frattempo eseguiva una sorta di spagnola alla sua faccia, ancora immersa in quelle montagne. Jacopo accelerava sempre di più, muovendo il suo corpo in maniera sorprendente considerata la sua stazza.
Quando venne dentro la mia ragazza, il suo grido di goduria era a malapena udibile a causa delle tettone che lo soffocavano e degli strilli della troia.
Provarono diverse posizioni, e ogni volta Jacopo scaricava tutto quello che aveva dentro la figa di Serena. Infine era la ragazza che cavalcava il porco che, esausto, era sdraiato per terra. Nonostante la stanchezza, non rinunciava a prendere a schiaffi le mammellone che ballavano davanti ai suoi occhi, fino al momento dell’orgasmo quando le prese in bocca e le succhiò più forte che poteva mentre la vacca concludeva in bellezza con uno strillo assordante.
Serena si accasciò sull’amante. Entrambi erano esausti, e anche io ero stremato dal quadruplo orgasmo e da tutto quello che era successo. Già, ero venuto quattro volte, niente in confronto alle sette (o forse otto) sborrate del porco. Tutte dentro la mia ragazza. Vidi Serena baciare Jacopo, che rispose e le strizzò le tettone per l’ennesima volta.
Mi alzai e andai a stendermi a letto, dove mi addormentai subito.
Al risveglio erano circa le cinque del pomeriggio, e la casa era vuota. Chissà dove erano andati quei due. Appena uscito dalla camera un orribile odore di sborra mi fece girare la testa: non si erano neanche presi la briga di pulire. Una volta terminate le pulizie, in cucina trovai un biglietto di Serena.
“Ciao cornutello, io e Jaco andiamo al cinema. Se ti va pulisci la casa, altrimenti goditi l’odore di un vero uomo. Comunque, visto che ti piace tanto sapere che mi sbatto altra gente, sappi che all’università sono piuttosto famosa… e puoi capire bene il perché. Diciamo che molti 30 li ho presi grazie a delle mie doti non proprio accademiche. Se vuoi posso raccontarti tutto, uno di questi giorni. Magari mi faccio prestare la videocamera da Jaco e faccio qualche video…”
Mi rimisi a letto. Incazzato. Con me stesso. Solo a leggere quel biglietto mi era venuto duro. Volevo sapere tutto. Volevo vederla scopare con i compagni di corso e magari con qualche professore vecchio e schifoso.
Ancora non sapevo che sarei stato esaudito.
Triste ma tremendamente eccitato, me lo presi in mano.

racconti porciiomilu comingesti in famigliastorie sesso gratiswww racconti pornozia porcellatrilly arrabbiataracconti sesdogrande troiatettona a mareracconti eoriticla moglie puttanacuckold raccontimoglie triocuckloidletture erotiche gratisesperienze incestoracconti porno sadomasomogli con straponmettimi a pecorinabella inculatabuchi di culo rottiracconti lesbo prima voltaracconti di sesso 69lotta eroticasorella inculatastorie eroticcuckold campaniasesso in pizzeriabimbe bellissime occhi azzurriracconti erotcitrio raccontisegretaria sottomessadonne e sesso con animalilecca piedi gaynonna troianinfomane tettonastorie di corna pornosorella incestomilu raccontoracconti piccanti di sessoscopata con vecchiogloryhole gayracconti video pornotrombata in ascensorealice pompino mareracconti gay eterosuper orgevicina troiamia moglie è una vaccaracconti sexsisorella sanjiescort robertabattipanni immaginiculetto sverginatoracconti mariti guardoniraccomti 69pompini mammacane monta padronaracconti erotici nipotinaracconti erptici gayfilm hard mogliegran bocchinararacconti erotici pornocosce sotto il tavoloragazza con dildoracconti dominazione gaygabbia slavegara cazziracconti schiavoadorazione piedi femminiliracconti etotici gaynonne maialoneracconti hotracconti reoticiscopata con madreracconti fratello sorellaracconti di tradimenti 69mia cugina mi ha fatto un pompinomoglie incestuosai piedi di mia ziaracconti erotici di donne maturesega dalla sorellairacconti eroticiracconti erotici gay papà