I sogni della vedova | Racconto incesti di messerfrank

Jen era una cinquantenne vedova di colore, abitava in Virginia in una modesta casa ereditata dal marito. Ai tempi del racconto l’uomo, che era un bianco di medio reddito, era morto da 2 anni, stroncato da un infarto. Jen aveva un figlio di 20 anni dal precedente matrimonio con un uomo di colore da cui aveva divorziato perché violento.

Ditalini sempre di più | Racconto masturbazione di Loredana74

Sono una donna sposata di 42 anni……..e dalleta di 16 mi masturbo. Da ragazzina mi masturbavo due o tre volte al giorno, questo e durato fino a 22 anni quando mi sono sposata. Allinizio facevamo lamore tutti i giorni e non avevo mai voglia di masturbarmi, ero molto soddisfatta. Con il passare degli anni le scopate si sono fatte sempre più rare e da 3 anni circa mi scopa in media una volta a settimana. A me non basta, ho sempre voglia e quindi ho ripreso a masturbarmi di nuovo.

I massaggi della cougar | Racconto etero di DavideMls

Mi chiamo Davide, sono una ragazzo di 26 anni e vi voglio raccontare storie erotiche che descrivono fatti realmente accaduti durante una relazione di 3 anni con una cougar da quando avevo 21 anni. Sono alto circa 1.80, 65 kg, capelli corvini, occhi marroni, fisico sportivo e pelle chiara. Da settembre del 2013, decisi di iniziare a frequentare un corso di lingua straniera durante il quale conobbi Lara, una donna di 35 anni, alta circa 1.60, magra, capelli biondi lunghi fino alle spalle e occhi azzurri. Durante il corso, durato 9 mesi, al netto dei saluti, dialogai pochissimo con lei. Una notte destate 2014 stavo tornando da una discoteca con i miei amici e uno di loro mi chiese di fermarci allAutogrill per mangiare e…chi vedo? Lara con una sua amica! Indossava un bel vestito da sera nero, attillato che esaltava le sue forme modeste, che bel figurino e che fortuna sfacciata ad averla incontrata! su tutte le Autogrill in cui potevamo fermarci proprio questa dove cè lei. Mi ricordai che durante il corso di lingua straniera disse di essere single durante la lettura di un testo autobiografico scritto da lei, allora partii allattacco: le chiesi come andava lo studio della lingua straniera, se avesse avuto intenzione di riiniziare il livello più avanzato del corso a settembre, poi, non ricordo come, ottenni il suo contatto di FaceBoook. Dopo qualche giorno, la contattai e fissai lappuntamento: fu piacevole: parlammo intensamente per 3 ore, capii che nei discorsi cera molta più intesa rispetto a quando dialogavo con le mie coetanee. Ci furono altri 2 appuntamenti durante i quali non successe nulla, al quarto scatto il bacio e un bel rapporto orale e masturbazione con lei in macchina. Passarono diversi mesi, fino a quando cominciammo a vederci a casa sua e lì ebbimo i primi rapporti completi. Una sera decidemmo di acquistare un lettino, le serviva per fare i massaggi (aveva fatto un corso di massaggiatrice) rilassanti, assolutamente non erotici, a pagamento. I massaggi a me li fece rilassanti, erotici e ovviamente gratis. Il primo massaggio lo ricordo bene: vestita con un abito attillato sportivo, mi fece spogliare nudo sul lettino (solo io potevo stare nudo durante i suoi massaggi eheh), mi sdraiai prono sul lettino, mi mise lolio per massaggi ed iniziò il massaggio, partì dalle spalle, collo e man mano scese. La mia libido ad un certo divenne incontrollabile: la presi per il bacino, la avvicinai a me, ci baciammo con la lingua, le alzai la maglietta ed iniziai a leccarle i capezzoli ormai turgidi, prima uno poi laltro, con movimenti circolari della lingua, poi portai la mia bocca sulla sua vagina, iniziai a leccarla appassionatamente. Decisi di farle assumere una posizione che trovai più eccitante: la feci mettere a 90° con le sue due entrate rivolte verso il mio viso, tornai a leccarle la vagina concentrandomi sul clitoride, nel frattempo i suoi gustosi umori mi riempivano la bocca e cominciò a a gemere fino a raggiungere lorgasmo. Mi baciò, le piaceva anche a lei in sapore della sua figa e mi disse ora tocca a te. Mi sdraiai supino, cominciò a leccarmi il pene in modo divino come sempre: dalle palle alla cappella, concentrandosi su questultima. La sua lingua la avvolse, ci sputò sopra, poi riiniziò a pompare, tornò alle palle ingoiandone una alla volta, delicatamente. Ad un certo punto smise e mi fece mettere a pecorina sul lettino dei massaggi, prese dellolio per massaggi che era abbastanza caldo lo mise sul mio ano, sentii la piacevole sensazione dellolio caldo che scorreva sulla riga del culo e verso le palle, mi mise altro olio sul culo e iniziò un massaggio delle natiche. Non nascondo che al momento ero un pò imbarazzato, non avevo mai dato il mio culo a nessuna, ma decisi di lasciarla fare. Lara mi disse sei sempre incredibilmente pulito, meriti un bel lavoretto. Si mise lindice della mano destra in bocca, lo insalivò per bene, lo fece girare intorno al mio ano sfiorandolo delicatamente e facendomi provare una sensazione piacevole, poi delicatamente lo inserì nel mio orifizio, cominciò a farlo muovere avanti ed indietro con delicatezza.Ero in estasi. Mi disse di rilassarmi mentre faceva il movimento con quel magico indice e cominciai ad assecondare i movimenti tanto che cominciai a sentire un ciak ciak sul culo dato dallimpatto del palmo della sua mano. Ad un certo punto si mise sdraiata supina sotto di me con la bocca ad altezza pene, lo spompinò mentre continuava il suo stupendo massaggio prostatico con lindice, improvvisamente una sensazione partì dal mio basso ventre facendomi avere degli spasmi: era lorgasmo, molto più intenso di qualsiasi altro orgasmo abbia mai provato, lei si lasciò eiaculare in bocca che fu presto piena. Finimmo abbracciati sul lettino, soddisfatti e rilassati. Il mio primo pensierò fu non vedo lora di rifare queste a altre porcate ma vi racconterò questo in unaltra storia. Spero vi sia piaciuta la narrativa e la storia in sè, ne scriverò altre. Questa è la prima che scrivo, con lesperienza spero di migliorare. Piccolo consiglio: i massaggi prostatici sono qualcosa di divino, in particolare per quanto riguarda lorgasmo, lo consiglio a tutti di provarli almeno una volta, indipendentemente dallorientamento sessuale.

Avevano un piano per farmi la festa | Racconto incesti di ScorpioneRM

Tornato da scuola in doccia e uscendo sento delle voci in camera di mio fratello Luca 20 anni io ne ho 18 sdraiati sul letto affianco a lui mio cugino Walter 21 anni guardavano un film porno e si masturbavano cazzo mio cugino stava messo meglio di mio fratello più corto ma doppio di circonferenza mio cugino lungo grosso cappella a fungo e avevano le palle gonfie mi sono eccitato ho fatto cadere asciugamano intorno alla vita e mi sono accarezzato e infilato le dita nel culo per paura di farmi scoprire ho accellerato i movimenti e mi sono schizzato nella mano e sono scappato in camera mia Il giorno dopo stavo mangiando in cucina mio fratello mi ha detto dopo che hai fatto la doccia porta una birra in camera mia a Walter è uscito ho fatto la doccia poi sono sceso ho preso due birre e sono salito ho bussato e aperto lui era sdraiato aveva una canottiera e sotto era nudo il cazzo era dritto lo chiamato poi curioso ho accarezzato il cazzone duro aperto gli occhi e mi ha detto ciao bello che ne dici è grosso ? Si fa paura gli ho passato la birra e abbiamo bevuto poi mi ha detto voglio farti vedere una cosa ha preso il cellulare e mi ha mostrato un video dove io spio loro e mi sego e mi accarezzo il culo e infilo le dita tremando e schizzando mi ha fatto segno di sdraiarmi sul letto Vedi carino non vuoi che lo mostro a TUO FRATELLO O TUO PADRE sai che casino che fanno un fratello e figlio finocchio e mi accarezzava poi ha preso la mia mano e la portata sul cazzone io lo segavo poi mi ha tolto asciugamano intorno alla vita e mi ha stretto le chiappe se sei gentile io sto zitto e mi ha spinto la testa sul cazzone lo baciato e leccato e succhiato e mi teneva ferma la testa e da sotto spingeva il cazzo per farmelo ingoiare poi si bagnava le dita e le infilava nel culo allargandolo mi ha costretto a mandarlo tutto in gola e mi ha girato a leccarmi e succhiarmi il buco che era pulito perchè sotto la doccia infilavo il tubo e lo pulivo dentro poi mi girato e io sotto allargato le gambe e salito sopra mi ha tenuto aperto le chiappe e sputato dentro e poi appoggiato il cappellone e a spinto una mano intorno al collo e altra sotto a bloccarmi il cazzo eccitato mi leccava il collo e le orecchie e poi mi ha girato il viso e quando ho fatto delle smorfie di dolore mi ha infilato la lingua in bocca e mi ha scopato poi lui sotto io seduto sopra e da sotto mi alzava e mi abbassava poi a pecorina infine mi ha sbattuto sul letto a gambe aperte venuto dentro e mi ha baciato con una forza e passione e entrato mio fratello nudo a cazzo dritto e mi ha messo il suo cazzone in bocca e ha preso il posto di mio cugino e lo succhiato e ingoiato mi ha scopato anche lui in tutte le posizioni poi lui sotto io in mezzo e altro dietro mi hanno infilato i due cazzi insieme e li urlato di piacere e sono venuto e anche loro in bagno a ripulirmi e poi li ho iniziati a succhiarli facendoli eccitare e mi hanno sbattuto soli e insieme e tutti e due io inginocchio e loro in piedi davanti alla mia bocca e ho ingoiato tutto .quando avevano voglia mi chiamavano e mi usavano un pomeriggio mi hanno chiamato in camera una benda sugli occhi e le mani dietro la schiena in ginocchio mi avvicinavano i cazzo sulla bocca e succhiavo mi ero accorto che uno era diversa i loro ormai a occhi chiusi li riconoscevo e questo era largo facevo fatica a ingoiarlo poi mi hanno tirato su e messo a pecorina uno i n bocca e uno in culo e quando entrato il cazzone ho sentito la carne slabbrarsi mi teneva con le manone sotto le cosce e mi tirava quando lo spingeva facendolo entrare tutto e urlavo dal piacere mi hanno sciolto le mani e mi sono sfilato la benda e il terzo era un ragazzone grosso roscio e cazzuto mi ha tirato e a cavalcioni sul cannone e sono venuto e mi ha girato e mettendosi le gambe sul collo mi ha scopato sbattendomi forte e alla fine ha scaricato un litro di seme colava dal culo e poi io in mezzo e a turno mi hanno spaccato il culo con due cazzi insieme passata una settimana avevo il culo che mi bruciava mettendo creme anestizzanti mi hanno detto domani pomeriggio andiamo ad una festa di un nostro amico preparati In una villa una festa pochi invitati vedevo dei ragazzi in costume buttarsi in piscina poi bere mi hanno portato dietro la casa un miniappartamento un salone angolo cottura e un bagno una camera da letto con un letto grande e tondo mi hanno fatto spogliare e dovevo aspettare dopo un quarto d ora si aperta la porta mio fratello mi ha detto fai finta di dormire e fai tutto quello che ti chiede il mio amico e mi da una sculacciata ci sono solo delle piccole luci il tizio si siede e mi accarezza le spalle e scende poi sento la sua lingua lungo la colonna e mi vengono brividi mi muovo mi infila la lingua nel culo mi morde la chiappe le stringe le bacia poi mi gira e mi lecca tutto succhia il cazzo poi si allunga e mi bacia con passione sento il suo cazzone sulla pancia mi abbasso lo lecco lo bacio e lo ingoio è duro sui 19 cm mi tiro su e mi ci siedo sopra e lo faccio entrare poi mi giro di lato e mi sbatte è dolce bacia con passione mi tocca delicatamente e si gira a 69 e veniamo uno nella bocca dell altro esce lui entra un altro e cosi per tutta la sera cazzi di tutte le misure ma il festeggiato un po bevuto mi prendeva con forza e della violenza costringendomi a fare quello che gli piaceva avevo capito che piu facevo resistenza e piu si eccitava e quando mi ha scopato ho goduto alla grande mi ha costretto a bere e succhiarmi la mano e poi il suo facendomelo ingoiare e baciandomi passandomi la lingua in bocca tutti soddisfatti poi mi hanno preso a fine serata mio fratello e mio cugino

La mia ragazza scopata davanti a me legato | Racconto tradimenti di Identita cancellata

Erika è una bellissima ragazza di 20anni con viso dolce, occhi blu cobalto, una 4 di seno e un culetto tondo tondo. Da un po di tempo mi eccitava lidea di vederla scopata da unaltro uomo magari brutto. Cosi andai da un mio pseudoamico, non molto bello con una panza prominente e la faccia da maiale, la quintessenza dello sfigato insomma.. e gli dissi , Lo sai che mi piacerebbe vederti scopare la mia ragazza ..Lui rimase incredulo a quelle parole. Con lei ho gia parlato e la cosa la diverte, magari domani pomeriggio andiamo in un hotel , naturalmente lo paghi tu, (coglione si, ma fino a un certo punto!) e dopodiche voglio vederti fare con Erika le peggio cose. Voglio vederti che te la inculi e poi che gli sborri in bocca e lei che ingoia tutto. Io restero seduto davanti a voi a guardare. Senti passa in un sexyshop questo pomeriggio e compra degli accessori bondange per legarmi ad una sedia, xke sai e la prima volta che faccio scopare la mia ragazza a qualcunaltro oltre a me e non so quale potra essere la mia reazione. Lo sai che sono molto geloso di Erika, magari poi mentre te la inculi mi vien voglia di riempirti di botte, lo faccio per precauzione e poi mi eccita ancora di piu se sto legato e tu te la scopi davanti a me. Con un sorriso da ebete e il cazzo duro come il cemento quello sfigato ando di corsa al sexyshop e ci demmo appuntamento per il giorno seguente. Arrivati in hotel prima di salire in camera andammo al bar a berci tutti e 3 insieme un bel superalcoolico. Erika era vestita da strafiga come quando andava in discoteca e il barista non smetteva di mangiarsela con gli occhi , Max invece sorridente non vedeva lora di scoparsela e io al pensiero di vederla con il suo cazzo in bocca ero sempre piu eccitato. Cosi salimmo in camera baciai Erika e poi mi sedetti su una poltrona , Max mi lego come un salame e mi tappo anche la bocca con un accessorio a forma di pallina da tennis comprato al sexyshop, ecco ora finalmente stava per succedere. I due iniziarono a spogliarsi e lui la palpava dappertutto, io invece riuscivo solo a muovere le mani per stringere forte con i pugni il divano. Erika slaccio il reggiseno e lui si avvento sulle sue tette succhiandogliele e sbavando come un porco, poi lo tiro fuori. Spalancai gli occhi quando mi accorsi delle sue dimensioni e Erika fece altrettanto, non era un pene ma un vero e proprio Jumbo Jet era quasi il doppio del mio e lui mi guardo sorridente. Cazzo!.. Cazzo!.. pensai, mi sa che ho fatto una cazzata, quasi mi ero pentito della brillante idea che avevo orchestrato e iniziai ad agitarmi e divincolarmi ,volevo annullare il tutto ma ormai era troppo tardi. Erika si era tolta anche le mutandine e si era messa in ginocchio davanti a lui, era pronta per fargli un pompino. Lui la stava schiaffeggiando con il cazzo sulle guance e sulle labbra e poi di colpo glielo mise in bocca. Erika inizio a pompare e lui a godere e grugnire come un porco. I due si guardavano fissi negli occhi, Erika lo ipnotizzava guardandolo dal basso verso lalto con i suoi bellissimi occhi blu cobalto mentre lui gli godeva in bocca. Trascorsi 5 minuti dalla sua espressione intuii che stava per venire, stava per sborrare sulla lingua della mia ragazza e infatti eccolo.. Inizio a emettere versi da gorilla in calore dopodichè riverso nella bocca di Erika un quantitativo inaudito di sperma. Erika ingoio tutto poi si giro verso di me e sorridente tiro fuori la lingua per farmi vedere che aveva bevuto tutto e non aveva sprecato neanche una goccia. Ora era pronto per scoparla in figa , la mise a pecorina e inizio a penetrarla piano , poi con sempre piu vigore prese velocita. Se la stava scopando di gran gusto tirandola per i capelli e tastandogli le tette. Erika godeva e gemeva senza alcum riguardo nei miei confronti e a me era venuto il cazzo duro ma quello che potevo fare era solo guardare.. ,guardare la mia ragazza che stava godendo con il cazzo di un altro. Quindi dopo un po gli sborro anche dentro la figa inondandola completamente. Ora rimaneva solo una cosa ed era quella che mi eccitava di piu.. Erika stava per essere inculata davanti a me. Lui gli appoggio la cappella nel buchino e inizio a penetrarla dolcemente. Lei aveva delle smorfie di dolore e con dei gridolini gli diceva di fare piano, ma lui sentendola lamentarsi si eccitto come uno scimmione e tutto dun botto glielo spinse tutto dentro, tutto nel culo, quasi gli metteva dentro anche le palle. Erika diede un urlo pazzesco Ahhhiii!!! Ahhhhi!!! Ahiiiiiiiiiii!! e lui inizio a sfondargli il culo come un forsennato. Io seduto sulla poltrona guardavo con disgusto ma ero impossibilitato a muovermi e dalla rabbia strappavo pezzi di divano con le unghie. Vedere Erika inculata da quello stronzo mi stava facendo impazzire, avevo fatto bene a farmi legare altrimenti lo avrei preso e buttato fuori a calci in culo. Vergognosamente pero ero anche eccitato, non capivo piu un cazzo e Erika continuava a gemere e godere sotto i colpi del suo cazzo. Quello stronzo mentre se la inculava inizio anche ad insultarmi dandomi del coglione. Dopo interminabili minuti ecco!, stava per arrivare il peggio, con versi da tricheco in calore gli sborro dentro il culo riempiendoglielo completamente, facendogli travasare la sborra fuori dal buchino ormai diventato un traforo. Non pago di tutto cio si fece anche una sega sopra il culo della mia ragazza sborrando nelle sue bellissime chiappe sode facendo colare il suo sperma da tutti i lati del bellissimo culetto di Erika. Esausto venne da me, mi slego e io gli dissi.. sborragli ancora una volta in bocca dai, voglio vedere lo sperma che gli cola giu nella cavità orale, mi eccita tantissimo. Il porco non se lo fece ripetere due volte e gli riverso tutta la sua rimanente sborra nella lingua e Erika sorridente ingoio nuovamente tutto.

Mi faccio il nonno della mia migliore amica | Racconto prime esperienze di Elena di Castelbuono

Ho messo in questa sezione perchè è stata una delle prime esperienze e di sicuro una esperienza unica che feci per vincere una scommessa con una mia amica. Avevo 19 anni, ero stata iniziata al sesso da mio cugino che mi aveva anche messa incinta. A scuola sperimentavo con i primi fidanzati le cose che mio cugino mi faceva fare.. dai pompini ai giochi manuali anche se scopavo solo con lui perchè cosi voleva. Spesso studiavo a casa della mia migliore amica e ci stava sempre suo nonno che era molto gentile con entrambe ci portava i dolcetti ci faceva assaggiare qualche liquore che faceva lui e devo dire che era ancora un belluomo che si portava benissimo i suoi anni (72 credo) . La mia amica scherzava sempre appena io arrivavo e diceva che suo nonno stravedeva per me.. che dovevo salutarlo con due baci e che ero la sua fidanzata. Insomma dopo un pò mi venne in mentre di dire alla mia amica che mi volevo fare suo nonno e lei iniziò a ridere come una pazza dicendo che il nonno era un porco e che teneva tante riviste porno e che lei lo aveva spiato spesso mentre se lo faceva in mano. Comunque lei disse che non ci sarei mai riuscita.. che lo dicevo ma non ero capace di farmi un vecchio di 72 anni e allora io la presi come una sfida e decisi di farmelo. Un giorno dissi alla mia amica di uscire e non farsi trovare a casa ed io mi presentai dal nonno che viveva da solo essendo rimasto vedovo. Bussai e lui venne ad aprirmi dicendomi subito che Arianna, la mia amica non ci stava ma io gli dissi che ero caduta e mi faceva male il ginocchio e lui mi fece entrare. Avevo un gonnellino molto corto ovviamente ed ero senza mutandine.. mi sedetti su una poltrona e lui andò a prendere del ghiaccio ma io dissi che non lo volevo e se teneva invece una pomatina era meglio e cosi lui portò della pomata e iniziò a massaggiarmi il ginocchio con me che lo guardavo e aprivo le gambe per mostrargli la fica nuda. Lui si dimostrò davvero molto porco come mi aveva detto la nipote e mi guardava tra le cosce mentre mi passava la pomata oltre che sul ginocchio anche sulle cosce. Io gli dissi ma qui non mi fa male… e lui rispose sei sicura? qui non ti piace? diventai rossa e mi usciì di dire che mi piaceva e la sua grossa e rugosa mano me la trovai in mezzo alle cosce dove ero bagnatissima e lui mi disse sei proprio una puttanella… non sei piu vergine vero? io annuì e lui mi penetrò con due dita mentre mi mise la lingua in bocca e iniziammo a baciarci con passione… sentivo la sua saliva e il suo ansimare… mi prese la mano e se la mise sui pantaloni mentre mi tolse la maglia e iniziò a leccarmi i capezzoli facendomeli diventare duri come chiodi. Volevo fermarmi perchè stavo realizzando ora che era coetaneo di mio nonno ed anche suo amico… che figura stavo facendo… ma le sue mani mi facevano godere tanto e vidi il suo cazzo fuori dai pantaloni e devo dire che era ancora bello duro.. come cazzo faceva un vecchio a tenere un cazzo cosi tosto bohh forse prendeva qualcosa… ma fatto sta che mi tirò a se e me lo infilò dentro iniziando a pomparmi tutta… con la bocca alternava baci sul seno e in bocca e mi scopava bene devo dire… e in quel momento mi dimenticai che era il nonno della mia amica e me lo feci ben bene o forse fu lui che si fece me non saprei ma ricordo sempre con piacere questa scopata e ogni volta che poi sono tornata dalla mia amica suo nonno non perdeva occasione per mettermi le mani addosso e infatti dopo un pò non ci andai piu perchè poi lui si era troppo affezionato a me e io come ho sempre detto volevo invece cambiare spesso pietanza e assaggiare altri cazzi magari piu giovani di quello di un vecchio.

La Madre Aspiratutto | Racconto incesti di Eliseo91

Fabiola era veramente un bel puttanone. Milfettona sexy, viveva la vita da casalinga disperata alla perenne ricerca di qualcosa che la facesse bagnare dentro le mutandine. Cinquanta primavere sulle spalle e qualche annetto di meno tra le gambe. Il marito era un porco, un maiale di prima categoria ma preferiva dare attenzione a cagnette più giovani. Fabiola non ce la faceva più a vivere quella vita, snobbata di attenzioni e carezze. I suoi bei capelli rossi, ricci, cascavano intriganti su un corpicino ancora bello tonico e ancora non devastato dal proseguire delletà. A parte qualche ruga sul viso era ancora una bella gnoccolona. I ragazzi la guardavano, era la donna matura con cui tutti avrebbero fatto volentieri un po di nave scuola. Al supermercato se la mangiavano con gli occhi soprattutto destate quando scollata e senza reggiseno lasciava intravedere le sue grazie. Peccato Francesco il marito non la vedesse più come un oggetto sessuale. Quel corpicino magro meritava ben altre attenzioni. Quel bel culetto ancora sodo ispirava una bella chiavata dal culo.

Mia madre porca | Racconto incesti di mia mamma

venne a trovarmi mia madre bellissima signora, 3 di seno bel culo, e un fisico quasi perfetto, venne a casa mia mentre mia mia moglie non cera, cominciò a pulire casa abbassandosi piu volte verso me, ma io feci finta di niente. dissi a mia madre che andavo a farmi una doccialei mi rispose

La Curiosità fa male al Culo | Racconto dominazione di Artistoide

Le dure ore di auto sono già un lontano ricordo. E che importa se l´albergo non è un gran che. Il sud Italia ha ancora posti come questo, angoli di paradiso scampati all´edilizia sfrenata, più o meno abusiva. Cielo limpido, scintillante sole del mattino, mare di cristallo appena increspato dal vento tiepido e nell´aria il profumo della macchia mediterranea. Persino lo stabilimento balneare è discreto, perfettamente inserito nel paesaggio naturale. È tutto talmente bello da non sembrare neanche vero. Sembra una di quelle cartoline pubblicitarie. Anche Martina è ammutolita.

Avventura in ascensore | Racconto etero di ussaro

Mi hanno sempre turbato gli sguardi in ascensore. Ho sempre sperato che fossero un preludio ad una avventura erotica. I tempi di un viaggio in ascensore non sono sicuramente giusti per consumare un rapporto oppure cogliere un’occasione al volo. Eppure, incredibile a dirsi, quella volta in un hotel grattacielo successe proprio quello che avevo sempre desiderato, complice un guasto all’undicesimo piano ed una donna speciale.

nuda in casadonna inculata da canestprie pornopompino al professorecompagna di classe troiavere storie eroticheorgia en la discoracconti erotici con mia sorellatroie e canispaccami tuttaracconti erotici con la mammaracconti erotici a69venire nei pantaloniracconti erotici.comditalini con il ciclopiccole porcellineeracconti eroticicome masturbarlainculando a mammaracconti erotici safficiracconti sesssuocera da scoparebull per mia moglienel culo di ziamia moglie e il neroracconti gratis eroticistorie erotic eho scopato mia mammadonnavogliosacornuti e puttaneerotika occasionestorie di sesso vereracconti porno milferoticiraccontiscopare una quarantenneandrea e sharonpiedi ragazze a scuolaracconti hot gaysesso con animali domesticimilf sessantennefoto artistiche erotichegiochi delle tettenonne che seganoincula la vicina di casainculata in montagnaa letto con mia mogliemadre natura culostorie erotiche italianeracconti gratis eroticifratello scopa mamma e sorellafilm erotici incestuosiracco ti eroticiclaudio uomini e donne eteroracconti erotici massaggioracconto incesto padre figliaincesti italiani realisesso con cugineinculata da mio figlioracconti di mutandinepompino di mia moglieracconti erorticizenzero nel culoscopata con un caneerotici racconti gayscambio mail eroticheracconti erotici piedibull per mia moglieracconti erotici di zoofiliapiccolina inculataracconti hard gaymoglie troia con guardonischiavo umiliatoporno di nonnaclaudio uomini e donne eterosverginata dal padremi masturbo 3 volte al giornoporno tube.itsuocera racconti eroticitarga cazzonenonne porchenuda saunaseghe dalla ziaracconti prime segheche sorpresa posso fare alla mia migliore amicaracconto porno gratis