Il barbone ed il suo cane nella metropolitana | Racconto zoofilia di claudia Clemente

Mi chiamo Claudia e sono piccola di età, sono bionda con occhi castani, magra,di statura media e le discrete dimensioni delle mie tette dovute forse alla mia età sono compensate dal mio bel culo e dalla mia forma fisica. Questo è il mio terzo racconto e vi assicuro che non è frutto della mia fantasia. Cercherò di raccontare la sensazione più sporca, immorale e meravigliosa che abbia mai provato sulla mia pelle. Agli occhi dei miei genitori sono sempre stata una ragazza acqua e sapone che si impegna

La mia vita da Bull: Incularsi la fidanzata del rivale | Racconto tradimenti di Bull del nord

I giorni successivi si svolsero come se nulla fosse successo, sia Piero che Chiara si comportavano normalmente, da coglione lui e silenziosa lei, senza nemmeno rivolgermi un occhiata, come se non esistessi, il che, nel fatto di Piero, era un grande miglioramento. Non osai raccontare niente a nessuno, da un lato per la minaccia che Piero mi avrebbe gonfiato, cosa che fisicamente era in grado di fare tranquillamente, e dall’altro nessuno mi avrebbe creduto che io, studentello al primo anno, mi ero fatto fare un bocchino da una delle più fighe della scuola mentre il suo ragazzo si masturbava il cazzetto in un angolo. Una cosa è sicura, quell’esperienza mi aveva dato una botta di autostima. Ero diventato molto più espansivo, allegro, parlavo con le ragazze con molta più facilità. Il miracolo del sesso stava facendo sentire i suoi effetti. A rendermi ancora più euforico era la fine della scuola: due settimane dopo i corsi finirono e, promosso a pieni voti, mi aspettavo di godermi una calda estate. Il terzo giorno di vacanza mi trovavo in un pomeriggio sul tardi a fare qualche tiro a canestro con Marino al centro sportivo locale, quando vidi arrivare la banda dei bulli. Mi ricordava un branco di scimmie chiassose, urlavano e le ragazze starnazzavano urlando e strillando. Per fortuna il centro era abbastanza grande e non ebbi a che fare con loro, ero sempre sul chi vive con loro nelle vicinanze, mi aspettavo da un momento all’altro una vendetta per il pompino anche se per ora i segni erano positivi. Fortunatamente i bulletti scomparvero a breve, probabilmente diretti alla spiaggia lì vicino. Dopo una mezz’oretta smisi di giocare e andai a prendere un asciugamano che avevo lasciato nello zaino. Nel tirarlo fuori ne cadde un bigliettino, mi voltai guardandomi attorno ma non vidi nessuno, nemmeno Marino che aveva lasciato le sue cose dalla parte opposta del campo. Così lo raccolsi e lo lessi. Conteneva solo un indirizzo, la data di domani, le ore 15 ed era firmato C. Ci misi un attimo a capire, C. stava per Chiara e quello doveva essere il suo indirizzo, evidentemente aveva lasciato scivolare il biglietto nella mia borsa mentre si stavano dirigendo in spiaggia. L’indirizzo era di una zona abbastanza borghese della periferia, tutte villette unifamiliari, a 20 minuti da casa mia, evidentemente casa di Chiara. L’erezione fu immediata, l’idea di poter ancora godere di quella figa pazzesca mi strinse la pancia in una piacevolissima morsa. Nascosi il biglietto in tasca perché il mio amico si stava avvicinando. Mentre tornavamo a casa a stento lo ascoltavo, nella testa avevo solo immagini stra eccitanti di Chiara che mi masturbava e sbocchinava, delle sue grosse teste e tutte quelle porno fantasie che solo un adolescente poteva pensare. Il pomeriggio dopo alle 14.30 ero pronto, mi ero messo a lucido, avevo lavato il cazzo talmente bene che era quasi infiammato, ero pure passato dalla farmacia a prendere orgogliosamente i miei primi preservativi, nel caso Chiara avesse voluto qualcosa di più. Io ci speravo tantissimo, sarebbe stato così eccitante fottermi per la prima volta una figa come lei, senza quel bulletto del cazzo in giro. Mezz’ora dopo ero fuori casa sua, una elegante villetta e un po’ tremante, sia per l’eccitazione che per il timore, suonai il campanello. Nel momento che rilasciai il dito notai il nome. Cazzo. Cazzo cazzo cazzo, non era casa di chiara, era casa di Piero! Era una trappola! Una vendetta, mi avrebbe trascinato in casa e mi avrebbero trovato la mattina dopo sul prato davanti al pronto soccorso con le gambe rotte. Proprio quando mi stavo girando per scappare si aprì la porta e comparve Chiara in tutta la sua bellezza. Indossava un vestito abbastanza semplice, era di colore celeste, le arrivava poco sopra le ginocchia ed era discretamente scollato. Mi sorrise “Ciao, benvenuto, Piero non c’è, accomodati pure”. Ancora non mi fidavo ma le sue tettone e i suoi incantevoli occhi mi rapirono e così entrai. La casa era piuttosto elegante e Chiara prendendomi per mano mi accompagnò di sopra, in quella che credevo la camera di Piero. Bastardo viziato, aveva una stanza grande quasi come il mio salotto, un letto a due piazze era messo al centro. Lei si sedette sul letto e mi fece accomodare accanto a lei. A stento avevo spiccicato parola e allora provai con un timido “Come sta andando la tua estate?” Lei scoppiò in una sensuale risata divertita “Bene e la tua? Mi hai pensato?”. Ovviamente mi ero ammazzato di seghe a ripensare quell’eccitante esperienza e le risposi più sicuro “Si, qualche volta”. Lei sorrise maliziosa “Hai pensato a me… o a loro?” e nel dire così abbasso una spallina del vestito e abbassandolo, visto che non indossava il reggiseno, un grosso e invitante seno fece capolino da sotto. Con una mano lo sostenne, era perfettamente tondo e leggermente più pallido del resto del corpo, il capezzolo era rosa scuro e eretti. Io da imbranato balbettai qualcosa facendola ridere ancora di gusto. Ovviamente anche ebbi un erezione lampo come negli altri casi, cosa che sotto i leggeri pantaloni si notò subito, un lungo rilievo che si faceva strada lungo la gamba. Lei sempre sorridente iniziò a toccarmi il cazzo da sopra i pantaloncini tastandone la consistenza ma smise subito e mi disse con tono di rimprovero “Eh no bello, ora tocca a te!” e così dicendo liberò anche il secondo seno e si sdraiò sul letto restando con le gambe oltre i bordo. Io non sapevo cosa fare e così ripensai ai porno che avevo visto e presi a succhiarli il seno in maniera molto impacciata ma evidentemente anche efficace perché il suo respiro, appena la mia lingua toccò il capezzolo, cominciò a farsi più pesante. Dopo due minuti, mentre sentivo il cazzo che mi esplodeva, lei mi interruppe “No guarda, fai così” e prendendosi un voluminoso seno in mano cominciò a leccarselo mostrandomi il movimento di lingua da fare e poi cominciare a succhiarselo. La scena era veramente bollente, io mi strofinavo il cazzone da sotto i pantaloni e quando feci per sbottonarmi lei mi diede una sberletta sulla mano “No, ora tocca a te, fammi vedere” Ripresi a leccare il suo voluminoso seno imitando i suoi movimenti “Oh sì, molto meglio!” gemette. Cominciai ad alternare i due seni, mentre succhiavo e leccavo un capezzolo giocavo con l’altro, poi preso dall’audacia premetti i due seni assieme e provai a succhiarli entrambi ma con scarso successo. Iniziavo a infoiarmi davvero, la mia vera natura da porco stava uscendo di nuovo allo scoperto. Il mio ciucciare si faceva più selvaggio, alternavo morsetti e succhiate, ero come una Ferrari in accelerazione e stavo rapidamente arrivano al punto in cui il tachimetro indicava il rosso. Smisi di leccarle il seno e arrapato come non mai mi misi ai suoi piedi alzandole il vestito misi in evidenza un paio di mutandine bianche. Lei lanciò un urlo sorpreso e io senza badarci troppo gliele abbassai fino alle caviglie e mi fiondai sulla figa, la prima che vedevo dal vivo. Cominciai a leccare ovviamente sbagliando tutto, leccavo le labbra, sopra il pube, sotto sul perineo e dentro il buco. Non capivo più nulla, l’odore di figa eccitata mi aveva dato alla testa come un cane che sente la cagna in calore, leccavo ma con scarso effetto. Sentii una mano mettersi sulla mia testa e il tachimetro scese un po’. “Qui” mi disse lei allargando le gambe in maniera oscena e con due dita allargano la figa mentre con l’altra mano mi mostrava il clitoride. “Lecca e succhia qui e intanto penetrami con le dita” facendomi rapidamente vedere. Allora ripresi a leccare con più calma seguendo i suoi consigli. Lei si riadagiò sul letto cominciano a sospirare forte “oh si proprio li, cazzo sei un talento!” e effettivamente a me piaceva, piaceva un sacco, giocare con la lingua col suo clitoride e sentire le mie dita che penetravano quel suo caldo antro. Mi dovetti fermare un paio di volte perché qualche pelo mi finiva in bocca ma per fortuna era poco pelosa. Dopo 5 minuti di quel massaggio sentii la sua fica stringersi attorno alle mie due dita
e dieci secondi più tardi esplose in un orgasmo e con la mano mi allontanò gentilmente della sua fica. Aveva la faccia tutta arrossata per quanto lo permettesse la sua carnagione scura. “Wow… sei ancora un po’ grezzo ma con un po’ di allenamento diventerai davvero bravo!” E io lusingato dal complimento le sorrisi e poi mi guardai il cazzo e lei lo notò. “Si non preoccuparti, ora è il tuo turno, spogliati” mi ordinò io in 5 secondi ero col cazzo di fuori ma tenni la maglietta (avevo ancora un po’ di complessi perché non avevo ne pettorali ne addominali scolpiti). Lei guardò soddisfatta e mi masturbò distrattamente “Hai preservativi? Quelli di piero sicuramente non ti andranno” disse ridacchiando e io allungai la mano verso la tasca e estrassi i presevativi. Lei lo aprì e me lo mise in maniera impeccabile. Mi andavano un po stretti lo stesso ma andava bene. Lei prese a ciucciarmelo bene e poi si girò, prese un tubetto di gel che scoprii era lubrificante dalla borsetta appoggiata li sul letto e cominciò a lubrificarmi il cazzo “Perché lubrifichi? Sei già bagnatissima!” e lei mi guardò vogliosa “Perché tu non mi scoperai la figa… ma il culo!” a quelle parole il mio cazzo che si era un po’ abbassato si alzò in maniera vistosa di nuovo. A dire il vero mi eccitava più l’idea di inculare una ragazza che il farlo davvero, in fondo immagino che infilarlo li potevi trovarti una brutta sorpresa. Ma la zona rossa era ancora vicina e quando lei si mise a pecora sul letto aprendosi le chiappe mostrandomi il fiorellino anale non capii più un cazzo “Forza, inculami! Ma piano però” e io appoggiai il cazzo all’ingresso e molto lentamente sprofondai nel suo culo. Era una sensazione indescrivibile, caldo e molto molto stretto. Quando arrivai in fondo lei con viso sofferente “Cazzo… fai pianissimo” e io cominciai a incularla molto molto lentamente. Un paio di lacrime le caddero lungo le guance e io mi fermai “No cazzo! Continua, va sempre meglio” allora ripresi. Piano piano il suo culo si faceva meno stretto e acceleravo il movimento. I suoi gemiti cambiarono di intensità e pian piano cominciò a mormorare “si… sii” prese a masturbarsi mentre la inculavo sempre più forte e i suoi urletti si facevano sempre più forti. I rumori della mia pancia che picchiava contro il suo culo perfetto erano la colonna sonora dell’inculata incoronata dai miei gemiti di piacere e dai suoi sospiri.

Dragon Ball Gay – Nella Stanza dello Spirito e del Tempo pt.II | Racconto gay di fabio.unico.87

Il tempo trascorreva veloce nella Stanza dello Spirito e del Tempo tra allenamenti di vario genere. Ormai io e papà non perdevamo tempo. Il tempo stava per scadere e dovevamo crescere di potenza ancora un altro po. Ma io aspettavo che mio padre Goku mi prendesse come Junior e si allenasse con me anche in quellaltra maniera. E finalmente quellaltro allenamento non tardò ad arrivare…

In gita il giorno dopo | Racconto tradimenti di La signora porcona

Salve,sono sempre io la signora porcona.Mi piace essere chiamata così,voglio raccontarvi cosè successo il giorno dopo .Mi alzo presto,faccio la doccia,mi trucco mi vesto comoda con legghins molto aderente,ho un bel sedere tondo e anche molto sporgente, sexy come al solito i capelli lunghi un po mossi ,una camicia bianca un po scollata che metteva in mostra il mio seno,non troppo grande una 3 abbondante,dei sandali tacco 6 però a spillo che mi facevano sculettare ancora di più del solito .Prendo la borsa e scendo ero in ritardo avevano già fatto colazione ed erano pronti per uscire.Mi sento gli occhi adosso di tutti anche dei ragazzi.Tutto il giorno andiamo in giro a visitare la città,il ciccione ,mi sta sempre vicino, mi fa complimenti su come sono vestita,sui capelli, senza essere volgare anzi lo trovo molto divertente,così le ore scorrono.Giunta la sera avevano promesso ai ragazzi che dopo cena li avremmo portati in un locale e cosi fu.Mi preparo per la serata,metto un bel vestito, non troppo corto,scarpe con tacco 10 e alzo i capelli tutti raccolti dietro, per mettere in evidenza anche la scolatura sulla schiena.Andiamo in un locale non troppo lontano,i ragazzi si divertono molto e anchio, ballo con tutti e due colleghi.Verso le 12:30 si torna in albergo stavolta avevo promessa a me stessa che non mi facevo scopare come la sera prima ,anche perché era rischioso ,laltro collega anche se era un po frastornato chi mi diceva che non ci avesse sentiti.Tutti i ragazzi entrarono nelle loro stanze.Noi tre ci diamo la buonanotte,io vado nella mia Camera, nemmeno il tempo di fare la pipì e lavarmi che sento bussare alla porta,chiedo chi fosse ?è lui il ciccione ,lo faccio entrare ,solo perché non voglio che lo vedono fuori la porta della mia Camera.Faccio storie ,gli dico che non è possibile ,che se ci sentono i ragazzi ché sono ancora svegli sia loro che il nostro collega ,lui non vuole sentire ragioni ,mi dice che la sera prima Non mi aveva scopata abbastanza e poi era tutto il giorno che aveva il cazzo duro,non avevo fatto altro che sculettare avanti .Mi prese per il braccio e mi porto sul letto ,mi mise a pecora ,mi alzo il vestito mi sposto le culotte e inizio a leccare con forza.Avevo la sua testa tra le mie gambe e il culo sembrava un cane,mi leccata il buchetto,mi mordeva la farfallina,io non potevo fare altro che stare ferma.Si alza,si abbassa i pantaloni e tira fuori il suo pisellone ,per un attimino penso che mi vuole inculare ,invece me lo pianta dentro la farfallina. Mi monta come una vacca mi tira i capelli,mi caccia i semi da fuori e con le sue grosse mani mi stringeva, mi ha schiacciata, mi chiama zoccola dicendomi che era da tempo che voleva scoparmi.Mi tiene il suo pisellone dentro per più di 15minuti sento la pancia sopra al mio sedere .tira fuori il suo cazzo e gode sul mio culo e sulla schiena ,mi giro in fretta e lo prendo in bocca ,voglio vedere quanto è grande ,è ancora in erezione,è molto più grande di quanto immaginavo, salgo piano baciadogli la pancia ,il petto e poi la bocca, stiamo così a baciarci per un po lui mi tocca ancora il sedere è le tette, mi piace che dopo fatto l amore mi accarezzano tutta.sono un lago non vorrei farlo andare via,si veste e esce.Stavolta non penso che non ci ha sentito nessuno.

racconti veri cuckoldil pisello nel culostorie di piedifesta bdsmracconti neriracconti porno gay gratisracconti orsi gayvoglia di fotterel uomo con due cazziculo contro culofree hot gaypissing donneracconti porboracconti tradimentisolletico vipracconti etotici gaymoglie dal ginecologofamiglie incestuoseincesto tra sorellemogli dal ginecologopompino profstupro raccontisesso con una sconosciutala prima volta con un neromoglie trioi racconti di milyracconti erotici a69sesso gay storieerotici raccpntimi hai sborrato dentrocoppia sottomessagay culo sfondatola zia di maxricatti sessuali pornosexy softnuda esibizionistapadrone cerca schiavomia moglie fa i pompinidominatrice di uominivoyeur hracconti erotici con ziasbattimi forteracconti erotici con vecchiepiange mentre viene inculatascabio di coppiasesso con il paparacconti senza mutandinesauna voyeurmia sorella vuole farlo con meche troia tua figliastorie pormoracconti erotici pissingsuocera figadonne che si fanno pisciare addossobelle gambe sexyracconti erotucipompini anzianimoglie sottomessaracconti gay bisexragazza incula ragazzoracc erotzero in condotta fumetti eroticiporn raccontiravconti eroticiporno incesti tra fratelli gratiserositalia raccontiil mio primo bocchinoracconti pornoraconti eroticifrasi sulla convinzione che fotte la genteracconti eritici gayabbiamo fatto sessocuckold in spiaggiaclaudiaeffemariti cornuto