Una delle più belle scopate della mia vita | Racconto orge di Anonima

Tutto ebbe inizio con le solite uscite che faccio ogni tanto, si va fuori a mangiare, ma non nel quel di Roma, proprio fuori fuori, tipo chessò, in Umbria o nelle Marche oppure, come ho fatto 6 anni fa e più, nel Veneto da un carissimo amico. Fatto sta invece che andammo verso Lucca. A Lucca si mangia da DIO!! Soprattutto ad un ristorante appena dentro le mura, lo si riconosce perché ha lintonaco avana carico e guardate, se vi va di spendere bene da di spanciarvi da sentirvi quasi male questo è il posto adatto!

Una delle più belle scopate della mia vita | Racconto orge di Anonima

Tutto ebbe inizio con le solite uscite che faccio ogni tanto, si va fuori a mangiare, ma non nel quel di Roma, proprio fuori fuori, tipo chessò, in Umbria o nelle Marche oppure, come ho fatto 6 anni fa e più, nel Veneto da un carissimo amico. Fatto sta invece che andammo verso Lucca. A Lucca si mangia da DIO!! Soprattutto ad un ristorante appena dentro le mura, lo si riconosce perché ha lintonaco avana carico e guardate, se vi va di spendere bene da di spanciarvi da sentirvi quasi male questo è il posto adatto!

Una delle più belle scopate della mia vita | Racconto orge di Anonima

Tutto ebbe inizio con le solite uscite che faccio ogni tanto, si va fuori a mangiare, ma non nel quel di Roma, proprio fuori fuori, tipo chessò, in Umbria o nelle Marche oppure, come ho fatto 6 anni fa e più, nel Veneto da un carissimo amico. Fatto sta invece che andammo verso Lucca. A Lucca si mangia da DIO!! Soprattutto ad un ristorante appena dentro le mura, lo si riconosce perché ha lintonaco avana carico e guardate, se vi va di spendere bene da di spanciarvi da sentirvi quasi male questo è il posto adatto!

Una delle più belle scopate della mia vita | Racconto orge di Anonima

Tutto ebbe inizio con le solite uscite che faccio ogni tanto, si va fuori a mangiare, ma non nel quel di Roma, proprio fuori fuori, tipo chessò, in Umbria o nelle Marche oppure, come ho fatto 6 anni fa e più, nel Veneto da un carissimo amico. Fatto sta invece che andammo verso Lucca. A Lucca si mangia da DIO!! Soprattutto ad un ristorante appena dentro le mura, lo si riconosce perché ha lintonaco avana carico e guardate, se vi va di spendere bene da di spanciarvi da sentirvi quasi male questo è il posto adatto!

Scopate in famiglia | Racconto etero di IVAN6

Vivo in una villetta a schiera con mia figlia, mia moglie, i suoi due figli maschi e un cane e due gatti. Nella villetta a fianco stanno i suoceri, due signori ingamba nonostante letà, con una suocera di quelle che lotta contro laccanimento del tempo curandosi molto, vestendosi con eleganza e frequentando spesso il parrucchiere. Mentre sul versante coniugale sono arrivato ad una battuta darresto, per aver da tempo superato la soglia del fatidico settimo anno, verso la suocera mi si è accesa una attenzione che finora nn avevo considerato. Mi piace essere desiderato, e mia suocera mi dimostra grandi attenzioni; Mi cucina piatti deliziosi e mi stira ogni cosa le chieda. Inoltre si mostra sempre al massimo della forma e addirittura nn perde occasione per farmi spiare quello che tiene sotto i suoi abiti griffati. Tra gambe aperte e piegamenti sul pavimento, mi ha mostrato le mutandine una infinità di volte. Così la nostra intesa procede tra laffettuoso e il morboso, almeno per me. Un giorno mi trovai a tu per tu con lei, e vedendomi di cattivo umore mi chiese cosa mai avessi; nulla risposi. Ma lei che è di quelle che sa leggere i pensieri insistette, e lo fece con tale tatto che mi sentii in obbligo di aprirmi; non funziona con tua figlia le dissi ormai da tempo nn facciamo più lamore. e come mai? chiese. Chissà, forse letà, forse sono cose di donne, o magari ha un altro ipotesi più plausibile, dato che amici lhanno vista salire più volte su una macchina, ma io nn le chiedo, perchè mi interessa poco. e cosa posso fare per te? insistette. eh! poco dissi io Mi serve lunica cosa che nn puoi darmi. Sai, un uomo ha delle esigenze e da qualche parte deve sfogarle. cosa intendi dire? disse lei. sesso risposi tanto secco quanto esplicito. A questa battuta allargò leggermente e forse inconsciamente le sue belle gambe, facendomi intravvedere la parte alta delle cosce e il triangolino dello slip. Sembrava interessata allargomento. certo mi spiacerebbe tu facessi le corna a Luisa, ma ti posso capire, e lo diceva protendendosi in avanti. La mia capacità di astinenza ha un limite, e sono vicino a superarlo e mentre lo dicevo mi si gonfiava il pacco, tanto da sbucare con la cappella da sotto il boxer. Lei getto subito uno sguardo lì sotto e gli occhi le si accesero, mentre sui suoi slip mi parve di intravvedere una macchiolina chiara. guarda di nn sottovalutarmi, io forse qualcosa lo posso fare continuava con voce meno ferma. E dicendolo mi mise una mano sulla cosca. Io provando a gettare lesca tra il sorpreso e lironico esclamai ma mica che possiamo fare sesso io e te? e chi lo vieta? mi rispose con un tono euforico, se e per una operazione di bene, tantopiuse rimane in famiglia, io ci sono. E io fingendo sorpresa perche, faresti cose di sesso con me per consolarmi? certo disse. evabbe, se ti chiedessi di farmi una cosa con la bocca? puoi anche chiamarlo pompino, so bene cose. vorrei prenderti in parola le dissi, ormai su di giri. Dai, tira giu le braghe che ti dimostro che nn scherzo. Simulando ancora un po di ritrosia, mentre lei senza incertezze mi sfilava la mutanda, in pochi secondi ero pronto a mostrare lo strumento del piacere, bello grosso, turgido e gonfio. Negli occhi di lei passo un lampo, in due secondi lo aveva gia afferrato con la mano e spalancata la bocca, vidi scomparire il battacchio tra le sue labbra. Senza piu dire nulla comincio una delle pompe più godute di tutta la mia vita, e mentre lei succhiava io allungavo la mano prima ad accarezzare le sue belle cosce, passandole da sotto i collant. E un secondo dopo aver eluso le mutandine, ero alla sua umida e soda figa, gia intento a massaggiarla. Era davvero una situazione meravigliosa, e cosi continuai con la mia opera. In breve ci eravamo tolti gli abiti di dosso, e dalla sua bocca avevo portato il mio battacchio tra le sue gambe, dove una sorca pronta e umida lo aspettava. Da come sospirava e urlava direi che provava molto gusto, ed io sempre fottendomela e infilando il mio cazzone nel suo ventre, davo il meglio di me per lasciarle un buon ricordo a opportunità future. Nella foga la sollevai, la girai e glielo spinsi nel buco dietro, cosa che lei parve gradire. Prima di venire la rigirari e glielo rimisi in figa, duro al massimo e pronto a dare tutto. Il fiotto di sperma che segui poteva sembrare un fiume in piena, lei si lascio andare tra sospiri di piacere e gridolini di soddisfazione, finii di venirle in bocca per suggellare il mio possesso di lei e delle nostre prossime scopate. Mi ero fatto lamante gratis, e stava comodamente al piano di sopra. Le tante chiavate che seguirono furono superbe e sontuose. Mi hanno sempre detto che le over 60 sono troie e spregiudicate, smaliziate e nemiche dei preamboli. Mbè, con mia suocera è verissimo

Scopate in famiglia | Racconto etero di IVAN6

Vivo in una villetta a schiera con mia figlia, mia moglie, i suoi due figli maschi e un cane e due gatti. Nella villetta a fianco stanno i suoceri, due signori ingamba nonostante letà, con una suocera di quelle che lotta contro laccanimento del tempo curandosi molto, vestendosi con eleganza e frequentando spesso il parrucchiere. Mentre sul versante coniugale sono arrivato ad una battuta darresto, per aver da tempo superato la soglia del fatidico settimo anno, verso la suocera mi si è accesa una attenzione che finora nn avevo considerato. Mi piace essere desiderato, e mia suocera mi dimostra grandi attenzioni; Mi cucina piatti deliziosi e mi stira ogni cosa le chieda. Inoltre si mostra sempre al massimo della forma e addirittura nn perde occasione per farmi spiare quello che tiene sotto i suoi abiti griffati. Tra gambe aperte e piegamenti sul pavimento, mi ha mostrato le mutandine una infinità di volte. Così la nostra intesa procede tra laffettuoso e il morboso, almeno per me. Un giorno mi trovai a tu per tu con lei, e vedendomi di cattivo umore mi chiese cosa mai avessi; nulla risposi. Ma lei che è di quelle che sa leggere i pensieri insistette, e lo fece con tale tatto che mi sentii in obbligo di aprirmi; non funziona con tua figlia le dissi ormai da tempo nn facciamo più lamore. e come mai? chiese. Chissà, forse letà, forse sono cose di donne, o magari ha un altro ipotesi più plausibile, dato che amici lhanno vista salire più volte su una macchina, ma io nn le chiedo, perchè mi interessa poco. e cosa posso fare per te? insistette. eh! poco dissi io Mi serve lunica cosa che nn puoi darmi. Sai, un uomo ha delle esigenze e da qualche parte deve sfogarle. cosa intendi dire? disse lei. sesso risposi tanto secco quanto esplicito. A questa battuta allargò leggermente e forse inconsciamente le sue belle gambe, facendomi intravvedere la parte alta delle cosce e il triangolino dello slip. Sembrava interessata allargomento. certo mi spiacerebbe tu facessi le corna a Luisa, ma ti posso capire, e lo diceva protendendosi in avanti. La mia capacità di astinenza ha un limite, e sono vicino a superarlo e mentre lo dicevo mi si gonfiava il pacco, tanto da sbucare con la cappella da sotto il boxer. Lei getto subito uno sguardo lì sotto e gli occhi le si accesero, mentre sui suoi slip mi parve di intravvedere una macchiolina chiara. guarda di nn sottovalutarmi, io forse qualcosa lo posso fare continuava con voce meno ferma. E dicendolo mi mise una mano sulla cosca. Io provando a gettare lesca tra il sorpreso e lironico esclamai ma mica che possiamo fare sesso io e te? e chi lo vieta? mi rispose con un tono euforico, se e per una operazione di bene, tantopiuse rimane in famiglia, io ci sono. E io fingendo sorpresa perche, faresti cose di sesso con me per consolarmi? certo disse. evabbe, se ti chiedessi di farmi una cosa con la bocca? puoi anche chiamarlo pompino, so bene cose. vorrei prenderti in parola le dissi, ormai su di giri. Dai, tira giu le braghe che ti dimostro che nn scherzo. Simulando ancora un po di ritrosia, mentre lei senza incertezze mi sfilava la mutanda, in pochi secondi ero pronto a mostrare lo strumento del piacere, bello grosso, turgido e gonfio. Negli occhi di lei passo un lampo, in due secondi lo aveva gia afferrato con la mano e spalancata la bocca, vidi scomparire il battacchio tra le sue labbra. Senza piu dire nulla comincio una delle pompe più godute di tutta la mia vita, e mentre lei succhiava io allungavo la mano prima ad accarezzare le sue belle cosce, passandole da sotto i collant. E un secondo dopo aver eluso le mutandine, ero alla sua umida e soda figa, gia intento a massaggiarla. Era davvero una situazione meravigliosa, e cosi continuai con la mia opera. In breve ci eravamo tolti gli abiti di dosso, e dalla sua bocca avevo portato il mio battacchio tra le sue gambe, dove una sorca pronta e umida lo aspettava. Da come sospirava e urlava direi che provava molto gusto, ed io sempre fottendomela e infilando il mio cazzone nel suo ventre, davo il meglio di me per lasciarle un buon ricordo a opportunità future. Nella foga la sollevai, la girai e glielo spinsi nel buco dietro, cosa che lei parve gradire. Prima di venire la rigirari e glielo rimisi in figa, duro al massimo e pronto a dare tutto. Il fiotto di sperma che segui poteva sembrare un fiume in piena, lei si lascio andare tra sospiri di piacere e gridolini di soddisfazione, finii di venirle in bocca per suggellare il mio possesso di lei e delle nostre prossime scopate. Mi ero fatto lamante gratis, e stava comodamente al piano di sopra. Le tante chiavate che seguirono furono superbe e sontuose. Mi hanno sempre detto che le over 60 sono troie e spregiudicate, smaliziate e nemiche dei preamboli. Mbè, con mia suocera è verissimo

Scopate in famiglia | Racconto etero di IVAN6

Vivo in una villetta a schiera con mia figlia, mia moglie, i suoi due figli maschi e un cane e due gatti. Nella villetta a fianco stanno i suoceri, due signori ingamba nonostante letà, con una suocera di quelle che lotta contro laccanimento del tempo curandosi molto, vestendosi con eleganza e frequentando spesso il parrucchiere. Mentre sul versante coniugale sono arrivato ad una battuta darresto, per aver da tempo superato la soglia del fatidico settimo anno, verso la suocera mi si è accesa una attenzione che finora nn avevo considerato. Mi piace essere desiderato, e mia suocera mi dimostra grandi attenzioni; Mi cucina piatti deliziosi e mi stira ogni cosa le chieda. Inoltre si mostra sempre al massimo della forma e addirittura nn perde occasione per farmi spiare quello che tiene sotto i suoi abiti griffati. Tra gambe aperte e piegamenti sul pavimento, mi ha mostrato le mutandine una infinità di volte. Così la nostra intesa procede tra laffettuoso e il morboso, almeno per me. Un giorno mi trovai a tu per tu con lei, e vedendomi di cattivo umore mi chiese cosa mai avessi; nulla risposi. Ma lei che è di quelle che sa leggere i pensieri insistette, e lo fece con tale tatto che mi sentii in obbligo di aprirmi; non funziona con tua figlia le dissi ormai da tempo nn facciamo più lamore. e come mai? chiese. Chissà, forse letà, forse sono cose di donne, o magari ha un altro ipotesi più plausibile, dato che amici lhanno vista salire più volte su una macchina, ma io nn le chiedo, perchè mi interessa poco. e cosa posso fare per te? insistette. eh! poco dissi io Mi serve lunica cosa che nn puoi darmi. Sai, un uomo ha delle esigenze e da qualche parte deve sfogarle. cosa intendi dire? disse lei. sesso risposi tanto secco quanto esplicito. A questa battuta allargò leggermente e forse inconsciamente le sue belle gambe, facendomi intravvedere la parte alta delle cosce e il triangolino dello slip. Sembrava interessata allargomento. certo mi spiacerebbe tu facessi le corna a Luisa, ma ti posso capire, e lo diceva protendendosi in avanti. La mia capacità di astinenza ha un limite, e sono vicino a superarlo e mentre lo dicevo mi si gonfiava il pacco, tanto da sbucare con la cappella da sotto il boxer. Lei getto subito uno sguardo lì sotto e gli occhi le si accesero, mentre sui suoi slip mi parve di intravvedere una macchiolina chiara. guarda di nn sottovalutarmi, io forse qualcosa lo posso fare continuava con voce meno ferma. E dicendolo mi mise una mano sulla cosca. Io provando a gettare lesca tra il sorpreso e lironico esclamai ma mica che possiamo fare sesso io e te? e chi lo vieta? mi rispose con un tono euforico, se e per una operazione di bene, tantopiuse rimane in famiglia, io ci sono. E io fingendo sorpresa perche, faresti cose di sesso con me per consolarmi? certo disse. evabbe, se ti chiedessi di farmi una cosa con la bocca? puoi anche chiamarlo pompino, so bene cose. vorrei prenderti in parola le dissi, ormai su di giri. Dai, tira giu le braghe che ti dimostro che nn scherzo. Simulando ancora un po di ritrosia, mentre lei senza incertezze mi sfilava la mutanda, in pochi secondi ero pronto a mostrare lo strumento del piacere, bello grosso, turgido e gonfio. Negli occhi di lei passo un lampo, in due secondi lo aveva gia afferrato con la mano e spalancata la bocca, vidi scomparire il battacchio tra le sue labbra. Senza piu dire nulla comincio una delle pompe più godute di tutta la mia vita, e mentre lei succhiava io allungavo la mano prima ad accarezzare le sue belle cosce, passandole da sotto i collant. E un secondo dopo aver eluso le mutandine, ero alla sua umida e soda figa, gia intento a massaggiarla. Era davvero una situazione meravigliosa, e cosi continuai con la mia opera. In breve ci eravamo tolti gli abiti di dosso, e dalla sua bocca avevo portato il mio battacchio tra le sue gambe, dove una sorca pronta e umida lo aspettava. Da come sospirava e urlava direi che provava molto gusto, ed io sempre fottendomela e infilando il mio cazzone nel suo ventre, davo il meglio di me per lasciarle un buon ricordo a opportunità future. Nella foga la sollevai, la girai e glielo spinsi nel buco dietro, cosa che lei parve gradire. Prima di venire la rigirari e glielo rimisi in figa, duro al massimo e pronto a dare tutto. Il fiotto di sperma che segui poteva sembrare un fiume in piena, lei si lascio andare tra sospiri di piacere e gridolini di soddisfazione, finii di venirle in bocca per suggellare il mio possesso di lei e delle nostre prossime scopate. Mi ero fatto lamante gratis, e stava comodamente al piano di sopra. Le tante chiavate che seguirono furono superbe e sontuose. Mi hanno sempre detto che le over 60 sono troie e spregiudicate, smaliziate e nemiche dei preamboli. Mbè, con mia suocera è verissimo

Scopate in famiglia | Racconto etero di IVAN6

Vivo in una villetta a schiera con mia figlia, mia moglie, i suoi due figli maschi e un cane e due gatti. Nella villetta a fianco stanno i suoceri, due signori ingamba nonostante letà, con una suocera di quelle che lotta contro laccanimento del tempo curandosi molto, vestendosi con eleganza e frequentando spesso il parrucchiere. Mentre sul versante coniugale sono arrivato ad una battuta darresto, per aver da tempo superato la soglia del fatidico settimo anno, verso la suocera mi si è accesa una attenzione che finora nn avevo considerato. Mi piace essere desiderato, e mia suocera mi dimostra grandi attenzioni; Mi cucina piatti deliziosi e mi stira ogni cosa le chieda. Inoltre si mostra sempre al massimo della forma e addirittura nn perde occasione per farmi spiare quello che tiene sotto i suoi abiti griffati. Tra gambe aperte e piegamenti sul pavimento, mi ha mostrato le mutandine una infinità di volte. Così la nostra intesa procede tra laffettuoso e il morboso, almeno per me. Un giorno mi trovai a tu per tu con lei, e vedendomi di cattivo umore mi chiese cosa mai avessi; nulla risposi. Ma lei che è di quelle che sa leggere i pensieri insistette, e lo fece con tale tatto che mi sentii in obbligo di aprirmi; non funziona con tua figlia le dissi ormai da tempo nn facciamo più lamore. e come mai? chiese. Chissà, forse letà, forse sono cose di donne, o magari ha un altro ipotesi più plausibile, dato che amici lhanno vista salire più volte su una macchina, ma io nn le chiedo, perchè mi interessa poco. e cosa posso fare per te? insistette. eh! poco dissi io Mi serve lunica cosa che nn puoi darmi. Sai, un uomo ha delle esigenze e da qualche parte deve sfogarle. cosa intendi dire? disse lei. sesso risposi tanto secco quanto esplicito. A questa battuta allargò leggermente e forse inconsciamente le sue belle gambe, facendomi intravvedere la parte alta delle cosce e il triangolino dello slip. Sembrava interessata allargomento. certo mi spiacerebbe tu facessi le corna a Luisa, ma ti posso capire, e lo diceva protendendosi in avanti. La mia capacità di astinenza ha un limite, e sono vicino a superarlo e mentre lo dicevo mi si gonfiava il pacco, tanto da sbucare con la cappella da sotto il boxer. Lei getto subito uno sguardo lì sotto e gli occhi le si accesero, mentre sui suoi slip mi parve di intravvedere una macchiolina chiara. guarda di nn sottovalutarmi, io forse qualcosa lo posso fare continuava con voce meno ferma. E dicendolo mi mise una mano sulla cosca. Io provando a gettare lesca tra il sorpreso e lironico esclamai ma mica che possiamo fare sesso io e te? e chi lo vieta? mi rispose con un tono euforico, se e per una operazione di bene, tantopiuse rimane in famiglia, io ci sono. E io fingendo sorpresa perche, faresti cose di sesso con me per consolarmi? certo disse. evabbe, se ti chiedessi di farmi una cosa con la bocca? puoi anche chiamarlo pompino, so bene cose. vorrei prenderti in parola le dissi, ormai su di giri. Dai, tira giu le braghe che ti dimostro che nn scherzo. Simulando ancora un po di ritrosia, mentre lei senza incertezze mi sfilava la mutanda, in pochi secondi ero pronto a mostrare lo strumento del piacere, bello grosso, turgido e gonfio. Negli occhi di lei passo un lampo, in due secondi lo aveva gia afferrato con la mano e spalancata la bocca, vidi scomparire il battacchio tra le sue labbra. Senza piu dire nulla comincio una delle pompe più godute di tutta la mia vita, e mentre lei succhiava io allungavo la mano prima ad accarezzare le sue belle cosce, passandole da sotto i collant. E un secondo dopo aver eluso le mutandine, ero alla sua umida e soda figa, gia intento a massaggiarla. Era davvero una situazione meravigliosa, e cosi continuai con la mia opera. In breve ci eravamo tolti gli abiti di dosso, e dalla sua bocca avevo portato il mio battacchio tra le sue gambe, dove una sorca pronta e umida lo aspettava. Da come sospirava e urlava direi che provava molto gusto, ed io sempre fottendomela e infilando il mio cazzone nel suo ventre, davo il meglio di me per lasciarle un buon ricordo a opportunità future. Nella foga la sollevai, la girai e glielo spinsi nel buco dietro, cosa che lei parve gradire. Prima di venire la rigirari e glielo rimisi in figa, duro al massimo e pronto a dare tutto. Il fiotto di sperma che segui poteva sembrare un fiume in piena, lei si lascio andare tra sospiri di piacere e gridolini di soddisfazione, finii di venirle in bocca per suggellare il mio possesso di lei e delle nostre prossime scopate. Mi ero fatto lamante gratis, e stava comodamente al piano di sopra. Le tante chiavate che seguirono furono superbe e sontuose. Mi hanno sempre detto che le over 60 sono troie e spregiudicate, smaliziate e nemiche dei preamboli. Mbè, con mia suocera è verissimo

Stupro di gruppo | Racconto gay di Mimi

Nella piscina comunale dell’entroterra Milanese dove lavora Giulio, un dipendente di 30 anni e ligio al dovere, anche se nel box spesso si annoia e pensa ad altro: un fine settimana con qualche bella ragazza da fottere, giocare a palla o bere con gli amici, oppure osserva con attenzione certi culetti degli avventori che si accalcano nei spogliatoi per usufruire della palestra e le vasche, lui non disdegna un bel culetto di donna e neanche quello maschile, purché sia piacente e specialmente passivo. Purtroppo in piscina sono pochissimi le persone di bello aspetto, a maggior parte di loro sono grassi e racchi, anche se qualche volta chiude un occhio pur di sollazzare la sua minchia, come su Yuri: ragazzo 18enne albanese, non era gran che… come fisico, ma a bocca sapeva tirare pompa da sballo tanto che lo veniva a trovarlo spesso nel gabbiotto e farsi fare un bel pompino compreso il culo, anzi fatico molto per sverginarlo la prima volta in palestra. Purtroppo si doveva accontentare di qualche maschietto che gli prudeva il buco, mentre cera uno in particolare che lo eccita solo a guardarlo, non lo conosce molto bene e neanche per nome, non aveva la tessera, pagava l’ingresso e veniva rare volte. Ma? Nei suoi successivi turni di lavoro…. lui, lha visto completamente nudo quel fichetto che niente male a culo da sognarlo pure di notte. E alto 1,80… sui 20 anni e molto carino, capelli corti e biondi, viso gentile, con spalle larghe e forti, braccia e gambe normalmente muscolose, non troppo. Si veste sempre con dei jeans scoloriti e delle scarpe da running con indosso un maglioncino di cotone bianco, e sotto porta un slip nero della Calvin Klein con bordo bianco, un tshirt bianco intenso. Nel vederlo era molto sexy.

Come mi sono scopato mia suocera | Racconto etero di Ivan3

Vivo in una villetta a schiera con mia figlia, mia moglie ed i suoi due figli maschi. Nella villetta a fianco stanno i suoceri, due signori ingamba nonostante letà, con una suocera di quelle che tengono al loro aspetto e ne hanno grande cura. Mentre sul versante coniugale sono arrivato ad una battuta darresto, per aver da tempo superato la soglia del fatidico 7° anno, verso la suocera mi si è acceso un interesse che finora nn esisteva. Mi piace essere desiderato, e mia suocera con me è sempre molto attenta e gentile, sembra proprio mi desideri. Mi cucina piatti deliziosi, mi stira le camicie magistralmente, si mostra sempre al massimo della forma e addirittura nn perde occasione per farmi spiare quello che tiene sotto i suoi abiti griffati. Tra gambe aperte e genuflessioni al pavimento, mi ha mostrato il suo sedere e le sue mutandine una infinità di volte. Così la nostra intesa procede tra laffettuoso e il morboso, almeno per me. Un giorno mi trovai a tu per tu con lei, e vedendomi di cattivo umore mi chiese cosa avessi mai; nulla risposi. Ma lei che è di quelle che sa leggere i pensieri insistette, e lo fece con tale garbo e costanza, che mi sentii di aprirmi; non funziona con tua figlia le dissi ormai da tempo nn facciamo più lamore. e come mai? chiese. Chissà, forse letà, forse cose di donne, oppure ha un altro ipotesi più plausibile perchè amici lhanno vista salire spesso sulla stessa macchina, ma io nn le chiedo, perchè mi interessa poco. e cosa posso fare per te? insistette mia suocera. eh! poco dissi io Mi serve lunica cosa che nn puoi darmi. Sai, un uomo ha delle esigenze e da qualche parte deve sfogarle. cosa intendi dire? disse lei. sesso risposi io tanto secco quanto esplicito, quasi soprendendomi da solo. A questa battuta allargò leggermente e forse inconsciamente le sue belle gambe, facendomi intravvedere la parte alta delle cosce e il triangolino dello slip. Sembrava interessata allargomento. certo mi spiacerebbe tu facessi le corna a mia figlia, ma ti capirei, e lo diceva avvicinando il viso al mio. La mia capacità di astinenza ha un limite, e sono vicino a superarlo dissi, e mentre lo dicevo mi si gonfiava il pacco. Lei getto subito uno sguardo ai miei pantaloni, lo sguardo le si accese e sulle mutandine mi parve intravvedere una macchiolina chiara. guarda di nn sottovalutarmi, io forse qualcosa lo posso fare continuava. E dicendolo mi mise una mano sulla coscia. Io provando a gettare lesca tra il sorpreso e lironico esclamai ma mica possiamo fare sesso io e te? e chi lo vieta? rispose con tono euforico, se e per una operazione di bene, tantopiuse rimane in famiglia, io ci sono. E io fingendo sorpresa perche, faresti cose di sesso con me per alleviare le mie sofferenze? certo evabbe, se ti chiedessi di farmi una cosa con la bocca? puoi anche chiamarlo pompino, so bene cose. vorrei prenderti in parola le dissi, ormai su di giri. Dai, tira giu le braghe che ti dimostro che nn scherzo. Fingendo ancora un po di ritrosia, mentre lei mi aiutava a spogliarmi, sfilai pantaloni e mutande e in un secondo apparve il mio strumento del piacere, bello grosso, turgido e gonfio. Gli occhi suoi si accesero e in due secondi lo aveva gia afferrato con la mano e spalancata la bocca, vidi scomparire il mio battacchio tra le sue labbra. Senza piu dire nulla comincio una delle piu belle pompe di tutta la mia vita e mentre lei succhiava io allungavo la mano prima ad accarezzare le sue belle cosce, passandole da sotto i collant. E un secondo dopo aver eluso le mutandine, ero alla sua umida e soda figa, gia intento a massaggiarla. Era davvero una situazione meravigliosa, e cosi continuai col mio lavorìo. In breve ci eravamo strappati gli abiti di dosso, e dalla sua bocca avevo portato il mio battacchio tra le sue gambe, dove una sorca pronta e umida lo aspettava. Da come sospirava e urlava direi che provava molto gusto, ed io sempre fottendomela e infilalandole il mio cazzone nel ventre, davo il meglio di me, per lasciarle un buon ricordo e creare opportunità future. Nella foga la sollevai di peso e la girai, e glielo spinsi nel buco dietro, cosa che lei parve gradire. Prima di venire la rigirari e glielo rimisi in figa, duro al massimo e pronto a dare tutto. Il fiotto di sperma che segui sembrava un fiume in piena, lei si lascio andare tra sospiri di piacere e gridolini di soddisfazione, e al secondo getto finii col venirle in bocca per suggellare il possesso di quella bella femmina e delle nostre prossime scopate. Mi ero fatto lamante e stava comodamente nella casa a fianco. Le tante chiavate che seguirono furono superbe e sontuose. Mi lasciava entrare nel culo e davanti, bocca e spagnole, tutto!! Mi hanno sempre detto che le over 60 sono troie e spregiudicate, smaliziate e nemiche dei preamboli. Mbè, con mia suocera è verissimo. Non ha limiti

Le femmine sono tutte troie e puttane | Racconto scambio di coppia di Filippoacquario

Sono Filippo, un uomo di 50 anni, sposato da 22 e con due figli. Vivo, con mia moglie. in una cittadina della Sicilia. I miei figli sono fuori per motivi di studio. Non lo dico tanto per dire, lo dico dallalto della mia esperienza di 50enne e vi posso dire che le donne sono tutte: è solo questione di tempo, di prezzo e di simpatia. Intanto vi dico che nel mio ufficio su 12 colleghe me ne sono fatte ben 4; 2 nel passato e 2 attualmente sono mie amanti: una 35enne e laltra, più recente, solo da pochi mesi, 41enne. La situazione e lintrigo che mi hanno fatto diventare un porco sono state le scopate con la zia di mia moglie, sorella di mio suocero, quando, ancora 24enne, era fidanzato. Tutto iniziò una mattina di settembre quando la incontrai con due sacchetti di spesa. Mi offrii di accompagnarla e mi invitò a casa per una bibita fresca. Si lamentava del fatto che marito e figlio, come ogni anno, non potevano mancare allapertura della caccia ed era da sola. Tra lusinghe incominciò a toccarmi. Ero molto imbarazzato. Poi me lo tirò fuori e, facendo una smorfia di meraviglia, disse che sua nipote era molto fortunata. Mi portò a letto. Immaginate voi, per me, abituato con la mia fidanzata, nonché sua nipote, alla masturbazione reciproca e al massimo qualche leccatina o qualche spagnola, cosa volesse dire ritrovarsi con una bella 50enne formosa e porca che ti offre tutta la sua esperienza di donna vissuta e ti mette a disposizione tutto il suo corpo: tette, fica, culo e bocca dove sborrare. Non dovevo diventare un porco? Anche perché non finì tutto lì: ci incontrammo ancora e la storie continuò per 3 anni, fino a quando mi sposai. Oggi è 70enne e quando mi è possibile scherzando le dico: Zi, ti ricordi che bei tempi? Lei sorride dandomi una manata sul braccio come per dirmi: . Non sa che mi sono scopato pure sua nuora, la moglie del figlio che quel giorno era caccia. A parte la parentela è amica di mia moglie e sono coetanee. Un pomeriggio di un paio di anni fa venne da noi pensando che Maria Grazia, mia moglie, fosse a casa. Invece no e sarebbe rientrata più tardi. Premesso che, eccetto le cosce, non è una grande bellezza e non mi è nemmeno tanto simpatica, in quelloccasione, da soli a casa mia, i suoi atteggiamenti e quella antipatia, me la fecero apparire attraente e sensuale. Sprofondata sulla poltrona le sue cosce erano in bella mostra ed io, in piedi davanti a lei, le chiesi se gradisse qualcosa. Rispose di no e si rialzò dicendo che, visto che mia moglie non cera, andava via. Alzandosi ci ritrovammo vicinissimi. Non so cosa mi prese e lafferrai per i fianchi. Che fai? Sei impazzito? Come ti permetti? disse non appena tentai di baciarla appoggiando le mie labbra alle sue. Nel tentativo di scostarsi ricadde seduta. Mi chinai, le scostai la gonna e le accarezzai le cosce. Come ti permetti? Smettila! Con chi credi di avere a che fare? Ma capii subito che si trattava di una falsa resistenza. Infatti riuscii ad aprirle le cosce e a leccargliele. Anche se lei cercava, anzi faceva la finta, di scostarmi la testa, riuscii ad arrivare in fondo, sulle sue mutandine bianche e da lì la sua resistenza, o falsa resistenza, cessò. Mi diede tutto, anche quello che non aveva mai dato a suo marito: il culo. Fino ad oggi non vi è stata una seconda volta. La sorella, di 7 anni più giovane, è collega mia. La mia seconda amante attuale. la 41enne. Qualche mese fa, allinizio dellestate, entrò nelle mia stanza per dirmi se fosse stato possibile, farla venire nel reparto di cui sono responsabile in quanto aveva dei problemi dove si trovava. Le dissi che avrei dovuto parlarne col direttore. Lei mi pregò dicendomi che mi sarebbe stata grata. Poi io le dissi: Proverò…….Ma tu che mi dai?. Capì perfettamente. Arrossì. Si alzò, si diresse alla finestra e si soffermò a guardare fuori. E una gran bella donna di 41 anni; decisamente più bella e attraente della sorella. Ammirai il suo culo fasciato da un paio di jeans attillatissimi. Poi si girò di scatto e tutta rossa e imbarazzata disse: Se ci riesci e mi fai questo favore poi si vede No poi si vede, me lo dici ora, altrimenti niente. Sospirò forte e mi guardò come per dirmi che ero una carogna. Parlai col direttore, lo convinsi e nel giro di una settimana fu trasferita al mio reparto. Fu di parola e due giorni dopo me la scopai a casa sua. Più troia della sorella maggiore. un altro culo sverginato e quando le sborrai in bocca mi disse: Me lo hai fatto costare troppo questo cambio di reparto. Insistetti per rivederci ancora e disse di no. Insistetti lindomani in ufficio e disse: Dopo si vede Dopo quando? Quando rientro dalle ferie. Quando rientrò dalle ferie ero in ferie io. Quando rientra glielo ricordai. Non insistere! Se è possibile. Fu possibile 3 giorni dopo; ancora dopo e ancora dopo. Non posso non parlarvi di Cettina. E una ragazza di 22 anni che ho scopato esattamente il 3 ottobre, qualche settimana dopo il suo ritorno dal viaggio di nozze. Fa la cassiera al market del centro commerciale poco distante da casa mia e che io frequento regolarmente quasi tutti i giorni. Di lei mi ha colpito subito la sua faccia libidinosa; oltre al suo corpo acerbo, agile e ben proporzionato. Aveva capito benissimo che per pagare aspettavo che non ci fosse nessuno nella sua postazione. Si creò una certa confidenza che giorno dopo giorno diventava sempre più intrigante. Aveva capito che la guardavo, lammiravo e mi interessava. A quanto pare pure io, nonostante potessi essere suo padre, non le ero indifferente. Si sposò i primi giorni di settembre e quando riprese a lavorare in quei pochi minuti che mi soffermavo alla cassa, si parlava del matrimonio e di come si era divertita in crociera. Anche il 3 ottobre quando uscendo dallufficio passai dal market. Mia moglie sarebbe dovuta andare dalla mamma influenzata ed io avrei dovuto arrangiarmi per il pranzo. Essendo ormai convinti, lei che me la volevo scopare ed io che lei ci poteva pure stare, storcendosi la bocca e arrossendo ancora di più, disse: Che le sembra che non lo so che a voi maturi piacciono le ragazze giovani? Ed io, senza perdere tempo: Che ti sembra che io non lo so che a voi ragazzine piacciono gli uomini Maturi?. Mi guardò e, ancora tutta più rossa e imbarazzata, chinò la testa sulla spalla sinistra e sussurrò: Però col preservativo!. on credevo alle mie orecchie. Certo, ci mancherebbe risposi sorpreso. Al che prese una scatola di preservativi dallespositore e li aggiunse al conto della spesa. Era il giorno giusto: mia moglie non cera e lei aveva 2 ora di pausa. Mi seguì con la sua auto fino a casa. Quando entrammo la presi per le chiappe e la strinsi cercando di baciarla. Mi vergogno disse. Ma la vergogna andò a farsi benedire quando le ficcai la lingua in bocca e cominciai a palparla tutta. Ci baciavamo furiosamente mentre la spogliavo. Subito le leccai la fica facendola godere più volte. Le presentai il mio cazzo e lo guardò con ammirazione; lo menò, lo leccò e lo mise in bocca. Ero molto eccitato, non tanto per il pompino in se stesso in quanto, francamente, quelli di mia moglie e delle mie amanti sono unaltra cosa, ma per il fatto che mi stava spompinando una ragazzina coetanea di mia figlia. Misi il preservativo e la scopai facendola godere ancora. Lei supina ed io fra le sue cosce. Mi innamorai del suo buchino chiuso, pulito senza peli e molto stuzzicante. Mi sfilai il preservativo e spalmai una pomata sul cazzo e sul suo buchino. Era restia ma molto eccitata e curiosa. Allinizio fastidi e poi sempre più piacere. Le strizzavo pure il clitoride ed ebbe ancora un orgasmo. Le sborrai dentro e godette ancora dicendomi che le piaceva. Era il quarto culo che sverginavo… Non sono uno di quelli che dice che le donne sono tutte puttane tranne la madre, la sorella e la moglie. Delle prime due non so niente; di mia moglie posso dire che ultimamente sono riuscito a tirarle fuori tutta la sua troiaggine. Maria Grazia, da questo momento MG, è una splendida 48enne, sensuale, provocante e con tutti gli attributi al posto giusto: un bel paio di tette, un gran bel culo e un gran bel paio di cosc
e; mora con capelli lunghi e occhi neri. Intanto vi devo dire, tornando al passato, che, a seguito del mio svezzamento da parte di sua zia, nel giro di 2-3 mesi, le sverginai la fica, il culo e un bel po di sborra le feci assaggiare. Aveva 22 anni e da allora i nostri rapporti sono stati del tutto disinibiti e intensamente piacevoli, tranne, come in tutti i matrimoni, ad alcuni periodi di stanca e di apatia. Quasi un anno fa, durante uno di questi periodi, in un momento di riflessione, ammirandola seminuda mentre dormiva, pensai: ma le impiegate puttane sono solo nel mio ufficio? E mai possibile che un porco come me nel suo ufficio non cè? E mai possibile che nessun porco le abbia mai fatto qualche proposta? In effetti non ho mai avuto motivi o indizi che mi facessero pensare che lei avesse qualche storia o che, quanto meno, mi avesse fatto qualche cornicino isolato. Ma poi chi lo sa? Le femmine sono….Insomma, noi mariti le conosciamo: sono capaci di tutto. Così una mattina, non so se stupidamente, io in ufficio e anche lei, pensai di mandarle, tanto per stuzzicarla, questo messaggio: Pensavo che mi avrebbe detto mentalmente una parolaccia e poi il resto a casa, invece mi rispose: . A casa se ne parlò. Mi apostrofò dicendomi che cazzate mi venivano in testa. Il pompino però me lo fece. Il gioco dei messaggi incominciò a piacere pure a lei e, di giorni in giorno si faceva sempre più intriganti e più spinto. Un giorno, essendo giorno di rientro per entrambi, mi spinsi ancora oltre:

La donna delle pulizie | Racconto etero di grillino

L’idea di fare sesso in un ufficio pubblico dove si lavora penso sia uno dei desideri erotici più diffusi, sia tra gli uomini che tra le donne. Per me che ci lavoro è veramente un’idea fissa! Il palazzo è molto grande, ci sono impiegati uomini e donne, e le storie sentimentali o di solo sesso sono praticamente infinite. Ma nessuno pensa alle povere signore delle pulizie, forse perché sono così dimesse e sfuggenti, per gli orari di lavoro, oppure perché nessuno vuole “abbassarsi” al loro livello…Invece, per me, sono una risorsa erotica stupenda. Si tratta quasi sempre di donne sole, divorziate o vedove, oppure con problematiche familiari pesanti, che invece vogliono svagarsi e divertirsi come tutte le donne. Ivana era una di quelle, una donna ancora piacente nonostante i suoi 45 anni circa, divorziata, con un figlio a suo carico. Nonostante la divisa oscena, manifestava un discreto fisico, belle mani ma soprattutto una splendida carica erotica rivelata da occhi vivissimi, azzurri, i capelli leonini e selvaggi, il trucco pesante ma gradevole… Tra noi due c’era molta simpatia e confidenza, forse uno dei pochi ai quali dava chiacchiera. Ogni volta che pensavo a lei, mi eccitavo e il pensiero correva a incredibili scopate nei luoghi più strani del palazzo. Ultimamente, non potevo pensare a Ivana senza correre nel bagno del mio piano e masturbarmi sulla tazza, pantaloni e mutande calate alle caviglie, come un sedicenne! Siccome ho una eiaculazione particolarmente abbondante, finivo per godere e schizzare sperma ovunque nel piccolo bagno, per riuscire a non sporcarmi e poi mi toccava pulire con la carta igienica. Poi mi venne un’idea porca! Una mattina presto, prima che Ivana facesse il giro di pulizie dei bagni, la precedetti, mi masturbai e lasciai tutto sporco, con i filamenti e i grumi di sborra sul lavandino, sullo specchio, sulla tazza. Uscii senza farmi vedere, poi tornai quando Ivana aveva scoperto e pulito il tutto e mi godevo la scena “…questi maiali…si divertono la mattina e lasciano sporco…porci…e io devo pulire!” la guardavo sorridendo solidale e le chiedevo notizie e lei “guarda Andrea, mi vergogno pure io a dirlo…qualcuno dei tuoi colleghi ha fatto il birichino e ha sparso tutto in bagno…” arrossì di vergogna, la salutai e andai via. Il giorno dopo rifeci lo stesso, una pippa al volo in bagno, schizzai ovunque come un idrante e via, aspettando che passasse Ivana. Tornai subito dopo e lei ancora più incazzata “…il maiale ha colpito ancora…si diverte a farmi pulire, il porco…” io le sorrisi malizioso e lei confessò “vieni a veder almeno tu Andrè…un maschietto si è fatto una pippetta e ora mi tocca pulire…almeno non lo sprecasse questo ben di dio…se lo prendo io…!!” e mi mostrò nuovamente il bagnetto con tutti gli schizzi del mio sperma ovunque, poi rimasi a veder un’attimo lei che con uno straccio lambiva i sanitari pulendo il mio liquido seminale e sciacquando lo straccio si sporcò le sue mani della mia sborra! Io rimasi di stucco, volevo solo provocarla ma lei mi eccitò ancora di più…Mi arrapai visibilmente, sentivo il cazzo gonfio premere sui pantaloni, notai che Ivana con la coda dell’occhio mi osservava il pacco e sorrise leggermente. Gli risposi “mbè, magari non ha con chi riciclarlo questo liquido e lo spreca così…anche avesse una moglie o fidanzata…” e lei “guarda, poveraccio lui, la fidanzata chissà che si perde se tanto mi dà tanto sulla quantità…” e mi fece l’occhiolino. Io diventai viola per la vergogna, corsi in stanza poi in un altro bagno del piano a masturbarmi nuovamente, pensando a Ivana che mi scopava come volevo. Qualche giorno dopo, andai in bagno, mi misi in piedi davanti alla tazza, calati pantaloni e mutande, iniziai a segarmi il mio grosso uccello, lo scappellai e iniziai a mormorare il nome di Ivana, lasciando la porta socchiusa e sapendo che lei sarebbe entrata tra poco. Ed infatti, la signora delle pulizie entrò, io accelerai la masturbazione bisbigliando il suo nome “oooh Ivana…siiii…dai Ivana succhiamelo…siii…ooohhh che pompino…” vidi di traverso Ivana avvicinarsi alla porta di soppiatto e sbirciare dentro, rimase lì un po’ e poi, come se nulla fosse, mi girai verso di lei con l’enorme uccello in mano e feci finta di rimanere sorpreso, cercando di nascondere un po’ il cazzo, Ivana si accese in volto, gli occhi si fecero maliziosi e piccoli, si mise sulla porta e disse “aaah…ma allora sei tu il porcellino sconosciuto eeehh…birichino…ora che dovrei fare??” io rimasi con il cazzo in mano e lo segavo lentamente, indeciso su che fare, e già dalla cappella gocciolava del liquido pre-eiaculazione… Ivana, in modo sfrontato, entrò nel bagnetto e si chiuse la porta dietro, mi guardò e disse “beh, è un piacere per una donna essere pensata da voi maschi durante le pippe…alla mia età poi…da un trentenne come te, il piacere è doppio” e senza dire altro, mi tolse la mano e mi afferrò lei il cazzone, masturbandolo lentamente. Io avevo il cuore in gola, era quello che volevo ma mi vergognavo troppo…Lei mi masturbò per un po’, poi si sedette sulla tazza, davanti a me e, guardandomi negli occhi, spalancò la bocca e si ingoiò tutto il pisello, sino ai coglioni! Iniziò così a farmi un bocchino incredibile, succhiando, leccando e ciucciando tutto il mio cazzo e la cappella come nessuna donna aveva mai fatto! Era una vera troia, come avevo sempre immaginato. Succhiò il mio pene con vero amore e trasporto, solo come una donna matura sa fare…non tralasciò un millimetro, leccò ogni singola vena del cazzo, lucidò la cappella con la lingua, io ero al settimo cielo…nemmeno la mia attuale fidanzata sapeva fare altrettanto! Quando stetti per godere, Ivana da vera esperta si interruppe, si alzò e si abbassò i pantaloni blu dell’uniforme da lavoro e le mutandine, nere e di pizzo, sino alle caviglie poi mi girò e mi fece sedere sulla tazza, prese il cazzo per la punta e si sedette sopra di me, impalandosi con un colpo secco. La sua fica era bagnatissima, carnosa, bollente…Ivana fece un gemito prolungato di piacere “oooohhhh….che bel cazzo che hai…mmmmmm dio quanto tempo che non scopo…” e iniziò a muovere il bacino e il culone per prendersi tutta la verga di carne dentro. Io stavo per svenire, sentivo il cazzo risucchiato dentro quella donna formosa ma soda, vogliosa come una troia, che mi scopava con vero desiderio! La tenevo per i fianchi, morbidi e larghi, le strizzai le tette, anch’esse sode nonostante l’età, entrando da sotto la divisa, mentre Ivana faceva anche su e giù impalandosi da sola sul mio uccello, era come se non scopasse da anni, io andai fuori controllo e l’onda dell’orgasmo arrivò prepotente “Ivana….Ivana…sto per venire…mi fai godere..ooohh cazzo sborrooooo…levati levati…” lei si girò famelica e rispose “…bello mio… ho pulito il tuo sperma per giorni, e adesso mi sborri dentro capito???…mi devi annaffiare la fica…ti voglio sentire tutto dentro la pancia, dai sborra sborraaaa…” a quelle parole gli diedi dei violenti colpi di cazzo in alto, facendola sobbalzare e mi lasciai andare ad un’enorme eiaculazione che mi travolse i sensi…sentii uscire dalla cappella enormi quantità di schizzi di sperma invadergli le viscere…Ivana emise un lungo gemito di godimento, aveva avuto un orgasmo travolgente, e si inarcò con la schiena prendendo tutto il mio piacere…poi si sfilò da me, si inginocchiò subito prendendo il mio cazzo in bocca e masturbandomi si prese in gola gli ultimi spruzzi di sperma! Rimase in ginocchio a farmi un pompino incredibile, pulendomi tutta la sborra e i suoi umori sparsi lungo l’uccello, con devozione e vero trasporto, guardandomi con i suoi occhioni quasi materni ma da porca milfona! Dovetti interromperla, altrimenti avrei sborrato un’altra volta, ma il dovere ci chiamava, quindi ci pulimmo con la carta igienica e ci rivestimmo, uscendo dal bagno facendo attenzione a non essere visti. Ora Ivana e io scopiamo spesso, ogni volta abbiamo l’occas
ione, ma sempre in quell’ufficio pubblico, sempre in quel bagnetto, sempre alla stessa ora…e stavolta non sprechiamo neanche una goccia!

pompino in aereocuckold .itcontadina maturaculo gay sfondatopompini di ziaporno mariti traditimogli alla montaracconti rroticimariti cukoldzia troionastorie69imprestatoforum incestimia zia mi fa un pompinocoppia e transdonne che raccontano le loro esperienze sessualiracconti sessracconti erotici giapponesisesso a capodannomoglie cazzo neroracconti di sessimpiegata troiaracconti erotici di mogliracconti di sesso e tradimentipadre e figlia sessocollant odorosiscopare la suorafrasi obbligo o veritàsauna eroticascopare con una prostitutasesso con mio suoceroprendipornotv.famiglia2 milfstorie erotiche suoceraracconti reali di incestiracconti erotici adultiraccnti eroticiracconti eropticimia suocera mi vuoleracconti erotici zooracconti perettemia moglie trombatafare sesso in discotecamogliettina porcafiglio scopa la madremi sculacciaracconti porno moglie troiaincontri bisexracconti travpiccanti raccontimio fratello mi ha chiesto di farlomamma scambistaraccon ti eroticila più troiamia zia è una troiainculato davanti alla mogliele cosce di mammai racconti di miluracconti erotici africaracconti porno erotici gratisclaudio uomini e donne eteromogli in caloreposizioni masturbazionescopata dal cuginosesso con donne di coloreil primo pompinorosso scarlatto racconticazzi neri per mia moglievideo porno gay marocchiniincesti fatti in casavoglia di culoorgia a quattrosesso con la compagna di classegayboyracconti ertici 69lesbica violentataracconti erotici italiani gratisla nipote del pretebella la figala troia di mia cuginamoglie con dildomia moglie è una puttanaguzzon69gemelli siamesi gayracconti sexycognate che scopanozoofilia brasilianaho scopato con mammaracconyi eroticianale con suoceraracconti di mia mogliemano morta in autobusi racconti eroticimasturbazionrleccapiedi schiavoho scopato la mamma