Scopata da mio suocero | Racconto dominazione di gerry

Nella vita a volte accadono cose che tu non avresti nemmeno immaginato potessero accadere.Mi chiamo Rosina ho 47 anni e sono sposata con Renato,stessa eta.Il nostro matrimonio e stato un susseguirsi di alti e bassi,nessuno dei due e come si dice fedele nei secoli,e qualche scappatella sia lui che io ce la siamo concessa,.Non e mai venuto meno il rispetto reciproco,io sapevo di lui e lo perdonavo dopo una scenata creata ad arte,e poi gli rendevo pan per focaccia,confessandogli il mio peccato.Con il passare degli anni,ci siamo calmati,io malgrado ancora riesca ad attrarre lattenzione delluniverso maschile grazie al mio corpo ormai burroso,con le forme abbondanti,mi dedico al mio uomo che a letto mi sa dare tante soddisfazioni,e attratto dalle mie forme abbondanti,e io dal suo cazzo sempre duro e pronto.Ma si sa la curiosita e femmina. Renato mi ha chiesto di potere ospitare lanziano padre per un breve periodo,non ho avuto nulla in contrario.Don Luigi ha 77,anni,e rimasto vedovo da 3 anni,la mamma di mio marito era una santa donna,Don luigi,da giovane aveva la nomea di essere un donnaiuolo,correva dietro a tutte e lei ogni volta perdonava,e al contrario mio,non gli rendeva pan per focaccia,erano altri tempi.Ora luomo rimasto solo,alternava le visite ai figli per stare in compagnia.Da premettere che mio suocero,malgrado gli anni,e sano come un pesce,e un uomo alto,certo il fisico appesantito e con tante rughe che segnano il corso degli anni.Nei miei confronti e stato sempre gentile,quando ero ragazza,mi chiedeva come avessi fatto ad innamorarmi di quel debosciato di suo figlio,e che se lui era piu giovane mi avrebbe corteggiato,insomma mi ha sempre fatto capire che gli piacevo,ma senza andare mai oltre le righe. Quando e arrivato a casa,lho abbracciato,ero contenta di vederlo mi si e accesa una fantasia morbosa,volevo soddisfare il suo desiderio di scoparmi,e soddisfare un mio desiderio recondito ,cosa si prova a farsi scopare da un uomo anziano,che soddisfazione si prova a vederlo sbavare sul corpo ancora arrapante di una donna.Ho iniziato da subito a mettermi in evidenza,donandogli abbondanti porzioni del mio corpo nudo,senza mai fargli capire che lo facevo di proposito,trovavo sempre il modo che il culo,le tette,le cosce fossero disponibili,il vecchio reagiva compostamente,ma ormai era una sua costante,trovare il modo di spiarmi quando andavo in bagno,quando stendevo la biancheria e mi abbassavo,per guardarmi in mezzo alle cosce,un pomeriggio che lui guardava la tv mi sedetti di fronte a lui,avevo un vestitino corto,non avevo messo le mutande,e con le cosce aperte gli mostrai la mia figa,che data leta e leccitazione perenne che ormai avevo, era bella gonfia e succosa.Ormai lavevo cotto a puntino,dovevo solo passare allazione.Quel pomeriggio eravamo soli in casa,Renato era al lavoro,era una giornata un po uggiosa,anche se eravamo ormai in primavera,andai in bagno,a darmi una sciacquata alla figa,lasciai la porta socchiusa,sicura che lui sarebbe venuto a spiare,mi sedetti sul bidet,lui era fuori,vedevo lombra sul muro attraverso la porta,Improvvisamente lanciai un grido di dolore chiaramente finto,lo chiamaiDon luigi,venite mi e venuto un dolore forte alla schienaa non posso muovermi.Un attimo e la porta si aprimi vide seduta a cosce aperte sul bidet,ebbe un attimo di imbarazzo,lo incitai,venite a darmi una mano a rialzarmi,cose,non ditemi che vi imbarazza vedermi cosi.Lui si avvicinosenza togliere lo sguardo dalla figa.Non sono riuscita a lavarmi,volete farlo voi?gli chiesi,presi la sua mano e gli versai del sapone,e la portai verso la mia figa.Ebbe un attimo di smarrimento come fu a contatto con le labbra della mia figa,poi comincio a strofinare leggermente,cercando di aprirla per entrare con le dita.Era in piedi davanti a me,avevo il suo cazzo ancora chiuso nei pantaloni a a pochi centimetri dal mio viso,non resistetti,andai a tastare,sentii tra le mani un cazzo che non doveva essere niente male,Lui cincischio qualcosa, io abbassai la cerniera e tirai fuori un cazzo dalle dimensioni notevoli,era molle,ma lungo e con un glande,che malgrado non eretto,era di dimensioni strepitose,da giovane doveva avere un cazzo da fare invidia.Si aggrappo con le mani al lavabo per non cadere,gli abbassai i pantaloni sino alle ginocchia,e lo liberai tutto,aveva le palle penzoloni erano grosse,Il primo pensiero fu quello di prenderle in bocca,lo feci,gli tremavano le gambe,lo guardai,don Luigi,tutto a postochiesi,Per tutta risposta mi mise una mano in testa e la spinse verso il suo cazzo,che era una proboscide,ma ancora molle,presi il glande tra le labbra,massaggiavo quelle palle stuzzicandole,cominciava a muoversi,cresceva,il vecchio stese una mano per prendere una tetta,gli facilitai il compito abbassando la spallina del reggiseno e la tirai fuori,ci si avvento sopra,la soppesava,la stringeva mi pizzicava il capezzolo.Ma io non volevo stare li tutta la sera con quel cazzo in bocca,lo volevo nella figa,mi alzai mi misi a pecora,alzando una gamba,gli feci cenno di venirmi dietro,teneva la proboscide con le mani,la punto verso la figa,il glande cercava di farsi strada,ma non riusciva ad entrare era ancora moscio per penetrarmi,e si che la mia figa era un lago,allora lo presi in mano infilandomi il glande dentro,lui spingeva e finalmente entro tutto,mise le mani sui miei fianchi spingendo per non farlo uscire.Ora mi chiava,pensai,ma non si muoveva me lo sentivo tutto dentro,lui si muoveva con il bacino,si aggrappo di nuovo ad una zizza,e per fare questo movimento entro ancora di piu,io con la mano da sotto gli stuzzicavo ancora le palle,lo sentivo che cresceva dentro di me,comincio a muoversi,finalmente mi stava chiavando,mi riempiva la pucchiacca con quellarnese che adesso si poteva chiamare cazzo,mi stava chiavando e anche divinamente bene,lo lasciava entrare tutto dentro fino alle palle,dava colpi profondi,stavo godendo mi riempiva tutta,quel capocchione enorme adesso mi pompava e si faceva sentire.qualche minuto ancora poi,lo sentii irrigidirsi,pulsava dentro di me,una goduria,stava arrivando,non volevo perderla quella sborra,mentre usciva uno spruzzo dentro lo presi,mi girai,presi il cazzo tra le mani,sborrava il vecchio,tra le tette,nelle mani,si era messo spalle al muro per non cadere,presi quel glande in bocca,aveva ancora da arrivare,lo fece tra le mie labbra,la sborra era piu liquida rispetto a quella di mio marito,meno forte,lo pulii tutto con la lingua.Era esausto poverino,ma ce laveva fatta,mi aveva chiavato,lo desiderava da anni,e chissa da quando non sborrava.Non lo lasciai,laiutai a ricomporsi,mi ringrazio e mi confesso che laveva sognato tante volte di fottermi,Lo sapevo,gli dissi,ora vada a riposare le faccio uno zampaglione cosi si rimette subito.Si mise sul divano,e io pensavo,se dirlo a Renato oppure no,avrei tradito il nostro patto?si sarebbe arrabbiato……..

Mamma che scopata | Racconto incesti di lilia

Mia madre apri il portabagagli e sistemò due valige, appoggio un borsone nel sedile posteriore dellauto e finalmente salimmo sul mezzo, i chilometri che avremmo dovuto percorrere erano parecchi e il tempo era alquanto inclemente una pioggia incessante ci stava assillando da stamattina presto .

La più bella scopata | Racconto incesti di Ivan10

Fino da bambino somigliavo più a mia madre, timida e riservata, che a mio padre, esuberante e socievole. Mentre lui stava con le sue compagnie oppure preferiva quella di mia sorella, di qualche anno più grande di me e molto simile a lui, io preferivo stare con mia madre, alla quale mi stringevo e sulle cui ginocchia stavo ad ogni ora del giorno. Poi arrivò la pubertà e letà degli amori, e su quel versante mia sorella somigliava fin troppo a mio padre. Non ricordo di averla mai vista più di una volta con lo stesso fidanzato, ma ricordo che già al primo appuntamento, quando io fingevo di dormire, lei finiva per farsi sbattere sul suo letto e farsi strofinare fino al culmine. Questa sua attività notturna cominciò a solleticare il mio immaginario. Non tanto con lei, con cui nn andavo daccordo e che nn mi piaceva sebbene fosse molto bella ed ambita da tutti i maschi, quanto nei confronti di mia mamma, vera grande figura positiva della mia vita. Un giorno mentre le stavo abbracciato sbirciavo le sue bellissime gambe da sotto le braccia, così mi assalì il desiderio di toccarle per sentirne la consistenza. Feci cadere casualmente la mano su quella bella coscia, e lì la lasciai, ferma immobile. Da parte di lei nn ci fu nessuna reazione, ma continuava a occuparsi dei fatti suoi. Io allora dopo qualche minuto feci scorrere la mano verso il bacino. Ancora nulla. Sarà che da un ragazzino di 12 anni nn ci si aspetta tanto ardore, ma fu che la mia mano arrivò dritta alla sua zona pubica, e una volta identificata la patatina si fermò. Mia madre a quel punto tolse il mio arto, ma sempre senza dire nulla nè commentare. Io la rimisi e lei la tolse nuovamente. Alla fine, quando il gioco diventò stucchevole, mi chiese se volevo davvero toccare. Con lo sguardo più innocente possibile le dissi di sì, anche se di innocenza ce nera poca. fai quello che ti piacerebbe mi disse allora guardandomi coi suoi dolci occhi. Incredulo tuffai nuovamente le mani tra le sue cosce e in poco tempo stavo strofinandole la figa attraverso calze e slip. Ehi! Piano sbottò sorridendo. Se nn fossi stato tanto piccolo di certo nn mi avrebbe lasciato fare. Da quel giorno però, il mio palpeggiamento diventò una abitudine, e anzi un rito, a cui mia madre nemmeno faceva più caso, convinta si trattasse di atteggiamento infantile, come volere la mammella o il biberon da succhiare. Fu con larrivo dellEstate, che senza la barriera dei collant la mia mano si introdusse sotto gli slip, sempre col beneplacito di mia madre, che continuava a considerarlo un gioco di bimbo. Magari da nn contraddire troppo, per nn renderlo infelice. Non capivo se le piaceva e in quale modo, ma io dovevo solo fare attenzione a nn farle male con le dita, poi tutto il resto mi era concesso. Non sapevo bene fin dove mi ero spinto, ma potevo solo verificare una volta solo se il dito odorava di pipì o di pupù, se era quindi stato in culo o in fica. Poi crebbi, e tutto questo nn mi bastava più. Cominciavo a scoprire il sesso con le amiche, e francamente avrei voluto avere altrettanto da mia madre, vero figone del mio immaginario sin da piccolo. Ormai la desideravo e dedicavo tutto il mio tempo a pensare come averla, senza provocare traumi nè drammi. Solo gigantesche seghe spiandola in ogni dove. Non fosse stato per la poca attenzione che mio padre le degnava, per dedicarsi ai suoi amori prezzolati, nn sarebbe mai successo quel che successe una sera, quando sorella e padre erano fuori, in una delle troppe volte che la lasciavano sola, anche per la notte intera. Mentre stava seduta sul suo letto, rivolta verso la testata e verso labat jour a leggere, mi avvicinai e la abbracciai da dietro. Mi fece un dolce sorriso e mi carezzò le mani. Io allora le insinuai sotto la sua camicetta, e lei sempre sorridendo mi guardò con sguardo interrogativo, ma lasciò fare. O sei ingenua, o nn credi possa farlo, oppure sei come tua figlia pensai. La mia mano andò oltre, e raggiunse i sodi e perfetti seni, accarezzandoli come fa un amante e nn un figlio. Lei si levò dalla lettura e trattenne per un secondo il respiro con lo sguardo perso nel vuoto, io mi fermai e lei reclinò nuovamente il capo sul libro. Io sempre afferrando il suo seno, tentai il tutto per tutto portando laltra mano ai glutei, cominciando a carezzarli esplicitamente con intenzione. Mia madre pose la sua mano sulla mia, sempre continuando nel suo silenzio, e allora io trasferii la mano dal seno allinterno delle cosce, spingendola giù sino al suo sesso. Fu una esplosione, lei si voltò di scatto, mi fissò nello sguardo e mi diede un bacio in bocca. Io ricambiai con maggior foga e lei allora si lasciò andare. La baciai intensamente a bocca aperta, lei corrispose. Le mie mani viaggiavano velocemente sul suo corpo fino a spogliarla. Lei fece lo stesso con me. Senza capire come sucesse, ci ritrovammo entrambi nudi e stesi sul letto, ed io ero fiero di mostrare a mia madre la grande mazza di cui mi aveva fornito, felice di fargliela provare. fammi tua ebbe solo la presenza di dirmi. Ed aprì quelle splendide cosce per accogliermi. Io strofinai sul suo sesso il mio attrezzo già grosso e turgido, e la sentii bagnarsi. La fissavo nei suoi begli occhi, e lei fissava me mentre facevo andare il mio cazzo lentamente ma senza soste dentro di lei. Ansimava sotto i miei colpi e dava sbuffi di piacere sincronizzati col mio movimento pelvico. Mi dava infinito piacere saperla mia e mi faceva impazzire che le piacesse. Lo avessi fatto prima!! Passammo tanto tempo in quella maniera, io godendo di lei e del suo corpo, lei stringendomi e abbracciandomi, baciandomi ed incoraggiandomi a spingere di più. Sentivo il mio grosso pene esattamente dentro di lei, e sentivo il suo corpo rispondere. Dovevo fare solo attenzione a nn venirle dentro, sebbene lei mi cingesse con le gambe intorno al corpo. Quando fu il momento, la girai dolcemente sulla schiena, le infilai due dita nel culo e ci introdussi il mio pene, la penetrai ripetutamente e freneticamente per qualche minuto e poi lo estrassi, anche causandole una piccola fitta, che manifestò con un leggero gemito, e le sborrai sulla schiena, a completare quello straordiario amplesso. Finito di venire ci lasciammo andare uno a fianco allaltra, mi strinsi al suo bellissimo corpo, lei strinse me e mi carezzò con un sentimento misto fra materno e di amante. Avevamo cominciato una meravigliosa storia damore e si sesso che nn sarebbe finita tanto presto.

Scopata per scommessa dopo Germania-Brasile 7-1 | Racconto tradimenti di carolina22

Ciao mi chiamo Carolina ho 22anni, lo scorso 8 luglio 2014 ci fu la famosa partita di semifinale dei mondiali Gemania Brasile terminata 7-1 Quello stronzo del mio fidanzato Piero di tre anni piu grande di me, accetto una scommessa che gli fu proposta dal suo amico Ugo. Siccome accetto la scomessa senza dirmi niente prima, io voglio fare lo stesso pubblicando quelche è successo qui senza fargli sapere niente..e se per sbaglio Piero ti ritrovi a leggere qui la prossima volta pensaci prima di scommettere a mia insaputa..ma credo che dopo quello che è successo non scometterai piu neanche 1euro. Quellimbecille di Piero nonostante lassenza di neymar e thiago silva era sicuro che il brasile non avesse preso un gol e quindi fosse andato in finale tranquillamente asfaltando la germania.. Ugo invece era convinto che vincesse il brasile.. Vi racconto come inizio tutto….Io e Piero stiamo insieme da 4anni e Ugo invece lo conoscevamo solo da pochi mesi…Il mio Piero e un bellissimo ragazzo alto 1.87 biondo occhi castani, pratica nuoto e va in palestra..Ugo invece e lopposto…molto opposto di piero….ha 28anni alto 1.64 pesa intorno ai 100kg tutti di grasso.. e distribuiti malamente sulla sua prominente pansa da cammionista….tante che nel nostro gruppo tutti lo chiamano pinguin..il tutto supportato poi da un carattere rozzo e rude..la quintessenza dello sfigato insomma.. Da quando entro nel nostro gruppo Ugo inizio subito a mettermi gli occhi addosso e a provarci con me, incurante del mio fidanzato che oltretutto è un tipo molto geloso, facendo apprezzamenti a volte anche pesanti nei miei confronti..insomma voleva in tutti i modi portarmi a letto. Accortosi pero che la mia fedelta per Piero era intaccabile…sembrava essersi rassegnato e aver dato bandiera bianca…aveva capito insomma che io una bellissima ragazza alla moda, con lui neanche se fosse stato lultimo uomo sulla terra sarei andata. ..Quindi la sua unica chance per raggiungere il suo intento era di proporre al mio fidanzato una scommessa. Il padre di Ugo è a capo di una concessionaria audi, quel pomeriggio prima della partita si incontro a mia insaputa con Piero e gli propose questa scommessa..Noi qui gli disse potrai ben capire che per ovvi motivi stasera tiferemo Germania….E gli propose questa scommessa.. Se vince il brasile convinco mio padre a regalarti una nostra berlina superaccesoriata e nuova di pacca..tanto per mio padre una in piu o una meno non cambia nulla…ma se vince la germania invece..mi farai scopare la tua ragazza. Qellimbecille di Piero che da un po aveva in mente di vendere la sua vecchia golf accetto senza pensarci su 2volte..convinto di portarsi a casa un audi nuova fiammante e che la germania come al suo solito in semifinale fosse uscita. Quindi alla sera ci ritrovammo tutti al nostro bar per vedere la partita.. ..solo 10minuti prima dellinizio della partita Piero con un sorriso ebete mi rivelo quello che aveva scommesso.. io andai su tutte le furie, che cosa gli dissi? devo scopare con quellessere se il brasile perde..ma neanche morta! lui mi disse dir star tranquilla e che domani gia si vedeva con me sulla sua nuova auto..io gli dissi.. e io scusa? che ci guadagno?..se vinci tu lauto va a te, e se vince Ugo me lo devo scopare….maffanculo gli dissi mentre stavo per andarmene… puoi anche mettere la parola ex davanti al mio nome.. Furibonda stavo per andarmene quando interveni Ugo e disse… Ne faccio regalare una anche a te.. se accetti Carolina e il brasile vince parlo con mio padre e domani vi trovate 2audi nuove sotto casa.. A quel punto non so neanchio cosa mi prese..dentro di me era scattato qualcosa, quella scommessa che allinizio mi inorridiva…mi aveva fatto sentire viva come non mi ero mai sentita prima.. dentro di me cera un adrenalina mai provata,e non lo nascondo anche il pensiero dellauto nuova mi intrigava, cosi anche se un po titubante accettai. ..La partita inizio..Piero mi disse.. tranquilla carolina..il brasile a iniziato ad attacare bene..domani ci facciamo un giro con le auto nuove.. radiocronaca della partita..29minito del 1tempo…del 1tempo si avete letto bene…Germania 5-Brasile-0 in tv i tifosi brasiliani piangevamo…. accanto a me Piero peggio di loro.. una fontana di lacrime…. Ugo invece sembrava esser diventato un ultra tedesco ..era arrivato a scolarsi quasi mezzo barile di birra.. Mi guardava sfregandosi le mani come ad accendere il fuoco, con sorriso da maniaco..io anche lo guardai vidi la sua canottiera bianca tutta sbrodolata di birra, mi veniva da vomitare al pensiero che quello avrebbe messo le sue luride mani su di me.. Fini il primo tempo..Piero resosi conto della cazzata che aveva fatto, ando ad ubriacarsi con vari superalcolici ….alla fine la partita come sapete termino 7-1 per la Germania.. Ugo venne da me ruttando come un porco e con un boccale di birra pieno che travasava…. e mi disse…andiamo bella alzati che non vedo lora di iniziare a sfondarti quel bel culo tondo….io misi le mani in volto e dentro di me pensai…. oh cazzo cosa mi tocca fare adesso.. Cosi fui costretta ad andar via con Ugo e Piero rassegnato a testa bassa si invio a piedi verso casa. Ugo non poteva guidare dato che aveva bevuto troppo quindi chiamammo un taxi che ci porto a casa sua. Arrivati a casa si scolo un altra bottiglia di birra e inizio subito a spogliarmi e a palparmi dappertutto..mi porto in camera e mi butto sul letto… prese la bottiglia di birra appena scolatasi e me la inseri nella figa… inizio a fare dentro e fuori..era un vero pervertito… butto poi la bottiglia.. e inizio a leccarmi la figa con la sua ruvida lingua adesso era arrivato il peggio… voleva mettermelo in bocca..mi fece mettere in ginocchio davanti a lui e mi schiaffeggiava con il cazzo sulle labbra e sulle guance…dicendomi dai apri la bocca troietta ..inizia a spompinarmi….io ero quasi impaurita ad accogliere nella mia bocca il suo cazzo..era quasi il doppio di quello del mio fidanzato….Ugo poteva confrontarsi a testa alta anche con ragazzi di colore in fatto di dimensioni del pene cosi aprii la bocca e lui me lo inserii tutto dentro con forza…e io iniziai a spompinarlo disgustata.. dopo 5 minuti sentivo che stava per venire e cercai di spostarmi indietro e sfilarmi da quellarnese per non farmi venire in bocca, dato che neanche a Piero concedo mai lingoio….ma lui mi prese per il collo e mi disse.. non pensarci neanche adesso tira fuori la lingua..che voglio vedere il mio sperma che ti cola giu nella cavita orale.. cosi guardandomi nei miei bellissimi occhi azzurri mi sborro sulla lingua e io fui costretta ad ingoiare tutto.. che schifo.. ero disgustata dal suo sperma si riposo 3 minuti e facendomi mettere a pecorina e inizio a sbattermi con forza…mentre mi sbatteva mi tastava le tette da sotto….io mi guardai nello specchio e rabbrividi….io una bellissima ragazza alla moda scopata da una fattispecie di pinguino brutto e grasso lui intanto continuava a pomparmi con sempre piu vigore, anche se con un po di vergogna devo ammettere che era bravo a scoparmi stavo iniziando a godere continuava a scoparmi con forza e io dopo poco non ce la feci piu e persi il controllo iniziando a mugugnare e urlare di piacere cosiUgo talmente eccitato nel sentirmi gemere mi venne ben bresto anche in figa si riposo un po e poi tiro fuori il gel lubrificante….io gli dissi.. fermo che fai? no! non pensarci neanche! il culo non lo mai concesso neanche al mio fidanzato…. ma lui del tutto incurante mi tappo la bocca e mi disse…zitta troia
e rimettiti a pecora che adesso voglio incularti! non potevo piu oppormi ormai ero sua.. cosi mi lubrifico bene il buchino e penetro dolcemente….quindi con prepotenza me lo spinse tutto dentro facendomi urlare.. adesso quel putrescente essere mi stava inculando.. Andava su e giu nel mio bellisimo culo..che mai prima era stato violato e io ormai priva di controllo stavo godendo con lui ..ormai la mia parte troia aveva preso il sopravvento su di me,non capivo piu nulla..ero sola affamata di cazzo non pensavo neanche piu che stavo tradendo il mio fidanzato e presi ad incitare Ugo dicendogli di sfondarmi, di sfondarmi piu forte.. mi piaceva un casino come mi inculava..mi sborro dentro e poi ricomincio ad incularmi altra volta Ugo dopo avermi inculata ul altra volta cadde giu nel letto ubriaco fradicio e si mise a dormire, io restai li con lui fino alla mattina seguente io e Piero ancora stiamo insieme, lui a fine estate a venduto la sua golf, per passare ad una panda a metano:)

Scopata da mio suocero | Racconto dominazione di gerry

Nella vita a volte accadono cose che tu non avresti nemmeno immaginato potessero accadere.Mi chiamo Rosina ho 47 anni e sono sposata con Renato,stessa eta.Il nostro matrimonio e stato un susseguirsi di alti e bassi,nessuno dei due e come si dice fedele nei secoli,e qualche scappatella sia lui che io ce la siamo concessa,.Non e mai venuto meno il rispetto reciproco,io sapevo di lui e lo perdonavo dopo una scenata creata ad arte,e poi gli rendevo pan per focaccia,confessandogli il mio peccato.Con il passare degli anni,ci siamo calmati,io malgrado ancora riesca ad attrarre lattenzione delluniverso maschile grazie al mio corpo ormai burroso,con le forme abbondanti,mi dedico al mio uomo che a letto mi sa dare tante soddisfazioni,e attratto dalle mie forme abbondanti,e io dal suo cazzo sempre duro e pronto.Ma si sa la curiosita e femmina. Renato mi ha chiesto di potere ospitare lanziano padre per un breve periodo,non ho avuto nulla in contrario.Don Luigi ha 77,anni,e rimasto vedovo da 3 anni,la mamma di mio marito era una santa donna,Don luigi,da giovane aveva la nomea di essere un donnaiuolo,correva dietro a tutte e lei ogni volta perdonava,e al contrario mio,non gli rendeva pan per focaccia,erano altri tempi.Ora luomo rimasto solo,alternava le visite ai figli per stare in compagnia.Da premettere che mio suocero,malgrado gli anni,e sano come un pesce,e un uomo alto,certo il fisico appesantito e con tante rughe che segnano il corso degli anni.Nei miei confronti e stato sempre gentile,quando ero ragazza,mi chiedeva come avessi fatto ad innamorarmi di quel debosciato di suo figlio,e che se lui era piu giovane mi avrebbe corteggiato,insomma mi ha sempre fatto capire che gli piacevo,ma senza andare mai oltre le righe. Quando e arrivato a casa,lho abbracciato,ero contenta di vederlo mi si e accesa una fantasia morbosa,volevo soddisfare il suo desiderio di scoparmi,e soddisfare un mio desiderio recondito ,cosa si prova a farsi scopare da un uomo anziano,che soddisfazione si prova a vederlo sbavare sul corpo ancora arrapante di una donna.Ho iniziato da subito a mettermi in evidenza,donandogli abbondanti porzioni del mio corpo nudo,senza mai fargli capire che lo facevo di proposito,trovavo sempre il modo che il culo,le tette,le cosce fossero disponibili,il vecchio reagiva compostamente,ma ormai era una sua costante,trovare il modo di spiarmi quando andavo in bagno,quando stendevo la biancheria e mi abbassavo,per guardarmi in mezzo alle cosce,un pomeriggio che lui guardava la tv mi sedetti di fronte a lui,avevo un vestitino corto,non avevo messo le mutande,e con le cosce aperte gli mostrai la mia figa,che data leta e leccitazione perenne che ormai avevo, era bella gonfia e succosa.Ormai lavevo cotto a puntino,dovevo solo passare allazione.Quel pomeriggio eravamo soli in casa,Renato era al lavoro,era una giornata un po uggiosa,anche se eravamo ormai in primavera,andai in bagno,a darmi una sciacquata alla figa,lasciai la porta socchiusa,sicura che lui sarebbe venuto a spiare,mi sedetti sul bidet,lui era fuori,vedevo lombra sul muro attraverso la porta,Improvvisamente lanciai un grido di dolore chiaramente finto,lo chiamaiDon luigi,venite mi e venuto un dolore forte alla schienaa non posso muovermi.Un attimo e la porta si aprimi vide seduta a cosce aperte sul bidet,ebbe un attimo di imbarazzo,lo incitai,venite a darmi una mano a rialzarmi,cose,non ditemi che vi imbarazza vedermi cosi.Lui si avvicinosenza togliere lo sguardo dalla figa.Non sono riuscita a lavarmi,volete farlo voi?gli chiesi,presi la sua mano e gli versai del sapone,e la portai verso la mia figa.Ebbe un attimo di smarrimento come fu a contatto con le labbra della mia figa,poi comincio a strofinare leggermente,cercando di aprirla per entrare con le dita.Era in piedi davanti a me,avevo il suo cazzo ancora chiuso nei pantaloni a a pochi centimetri dal mio viso,non resistetti,andai a tastare,sentii tra le mani un cazzo che non doveva essere niente male,Lui cincischio qualcosa, io abbassai la cerniera e tirai fuori un cazzo dalle dimensioni notevoli,era molle,ma lungo e con un glande,che malgrado non eretto,era di dimensioni strepitose,da giovane doveva avere un cazzo da fare invidia.Si aggrappo con le mani al lavabo per non cadere,gli abbassai i pantaloni sino alle ginocchia,e lo liberai tutto,aveva le palle penzoloni erano grosse,Il primo pensiero fu quello di prenderle in bocca,lo feci,gli tremavano le gambe,lo guardai,don Luigi,tutto a postochiesi,Per tutta risposta mi mise una mano in testa e la spinse verso il suo cazzo,che era una proboscide,ma ancora molle,presi il glande tra le labbra,massaggiavo quelle palle stuzzicandole,cominciava a muoversi,cresceva,il vecchio stese una mano per prendere una tetta,gli facilitai il compito abbassando la spallina del reggiseno e la tirai fuori,ci si avvento sopra,la soppesava,la stringeva mi pizzicava il capezzolo.Ma io non volevo stare li tutta la sera con quel cazzo in bocca,lo volevo nella figa,mi alzai mi misi a pecora,alzando una gamba,gli feci cenno di venirmi dietro,teneva la proboscide con le mani,la punto verso la figa,il glande cercava di farsi strada,ma non riusciva ad entrare era ancora moscio per penetrarmi,e si che la mia figa era un lago,allora lo presi in mano infilandomi il glande dentro,lui spingeva e finalmente entro tutto,mise le mani sui miei fianchi spingendo per non farlo uscire.Ora mi chiava,pensai,ma non si muoveva me lo sentivo tutto dentro,lui si muoveva con il bacino,si aggrappo di nuovo ad una zizza,e per fare questo movimento entro ancora di piu,io con la mano da sotto gli stuzzicavo ancora le palle,lo sentivo che cresceva dentro di me,comincio a muoversi,finalmente mi stava chiavando,mi riempiva la pucchiacca con quellarnese che adesso si poteva chiamare cazzo,mi stava chiavando e anche divinamente bene,lo lasciava entrare tutto dentro fino alle palle,dava colpi profondi,stavo godendo mi riempiva tutta,quel capocchione enorme adesso mi pompava e si faceva sentire.qualche minuto ancora poi,lo sentii irrigidirsi,pulsava dentro di me,una goduria,stava arrivando,non volevo perderla quella sborra,mentre usciva uno spruzzo dentro lo presi,mi girai,presi il cazzo tra le mani,sborrava il vecchio,tra le tette,nelle mani,si era messo spalle al muro per non cadere,presi quel glande in bocca,aveva ancora da arrivare,lo fece tra le mie labbra,la sborra era piu liquida rispetto a quella di mio marito,meno forte,lo pulii tutto con la lingua.Era esausto poverino,ma ce laveva fatta,mi aveva chiavato,lo desiderava da anni,e chissa da quando non sborrava.Non lo lasciai,laiutai a ricomporsi,mi ringrazio e mi confesso che laveva sognato tante volte di fottermi,Lo sapevo,gli dissi,ora vada a riposare le faccio uno zampaglione cosi si rimette subito.Si mise sul divano,e io pensavo,se dirlo a Renato oppure no,avrei tradito il nostro patto?si sarebbe arrabbiato……..

Mamma che scopata | Racconto incesti di lilia

Mia madre apri il portabagagli e sistemò due valige, appoggio un borsone nel sedile posteriore dellauto e finalmente salimmo sul mezzo, i chilometri che avremmo dovuto percorrere erano parecchi e il tempo era alquanto inclemente una pioggia incessante ci stava assillando da stamattina presto .

Scopata da mio suocero | Racconto dominazione di gerry

Nella vita a volte accadono cose che tu non avresti nemmeno immaginato potessero accadere.Mi chiamo Rosina ho 47 anni e sono sposata con Renato,stessa eta.Il nostro matrimonio e stato un susseguirsi di alti e bassi,nessuno dei due e come si dice fedele nei secoli,e qualche scappatella sia lui che io ce la siamo concessa,.Non e mai venuto meno il rispetto reciproco,io sapevo di lui e lo perdonavo dopo una scenata creata ad arte,e poi gli rendevo pan per focaccia,confessandogli il mio peccato.Con il passare degli anni,ci siamo calmati,io malgrado ancora riesca ad attrarre lattenzione delluniverso maschile grazie al mio corpo ormai burroso,con le forme abbondanti,mi dedico al mio uomo che a letto mi sa dare tante soddisfazioni,e attratto dalle mie forme abbondanti,e io dal suo cazzo sempre duro e pronto.Ma si sa la curiosita e femmina. Renato mi ha chiesto di potere ospitare lanziano padre per un breve periodo,non ho avuto nulla in contrario.Don Luigi ha 77,anni,e rimasto vedovo da 3 anni,la mamma di mio marito era una santa donna,Don luigi,da giovane aveva la nomea di essere un donnaiuolo,correva dietro a tutte e lei ogni volta perdonava,e al contrario mio,non gli rendeva pan per focaccia,erano altri tempi.Ora luomo rimasto solo,alternava le visite ai figli per stare in compagnia.Da premettere che mio suocero,malgrado gli anni,e sano come un pesce,e un uomo alto,certo il fisico appesantito e con tante rughe che segnano il corso degli anni.Nei miei confronti e stato sempre gentile,quando ero ragazza,mi chiedeva come avessi fatto ad innamorarmi di quel debosciato di suo figlio,e che se lui era piu giovane mi avrebbe corteggiato,insomma mi ha sempre fatto capire che gli piacevo,ma senza andare mai oltre le righe. Quando e arrivato a casa,lho abbracciato,ero contenta di vederlo mi si e accesa una fantasia morbosa,volevo soddisfare il suo desiderio di scoparmi,e soddisfare un mio desiderio recondito ,cosa si prova a farsi scopare da un uomo anziano,che soddisfazione si prova a vederlo sbavare sul corpo ancora arrapante di una donna.Ho iniziato da subito a mettermi in evidenza,donandogli abbondanti porzioni del mio corpo nudo,senza mai fargli capire che lo facevo di proposito,trovavo sempre il modo che il culo,le tette,le cosce fossero disponibili,il vecchio reagiva compostamente,ma ormai era una sua costante,trovare il modo di spiarmi quando andavo in bagno,quando stendevo la biancheria e mi abbassavo,per guardarmi in mezzo alle cosce,un pomeriggio che lui guardava la tv mi sedetti di fronte a lui,avevo un vestitino corto,non avevo messo le mutande,e con le cosce aperte gli mostrai la mia figa,che data leta e leccitazione perenne che ormai avevo, era bella gonfia e succosa.Ormai lavevo cotto a puntino,dovevo solo passare allazione.Quel pomeriggio eravamo soli in casa,Renato era al lavoro,era una giornata un po uggiosa,anche se eravamo ormai in primavera,andai in bagno,a darmi una sciacquata alla figa,lasciai la porta socchiusa,sicura che lui sarebbe venuto a spiare,mi sedetti sul bidet,lui era fuori,vedevo lombra sul muro attraverso la porta,Improvvisamente lanciai un grido di dolore chiaramente finto,lo chiamaiDon luigi,venite mi e venuto un dolore forte alla schienaa non posso muovermi.Un attimo e la porta si aprimi vide seduta a cosce aperte sul bidet,ebbe un attimo di imbarazzo,lo incitai,venite a darmi una mano a rialzarmi,cose,non ditemi che vi imbarazza vedermi cosi.Lui si avvicinosenza togliere lo sguardo dalla figa.Non sono riuscita a lavarmi,volete farlo voi?gli chiesi,presi la sua mano e gli versai del sapone,e la portai verso la mia figa.Ebbe un attimo di smarrimento come fu a contatto con le labbra della mia figa,poi comincio a strofinare leggermente,cercando di aprirla per entrare con le dita.Era in piedi davanti a me,avevo il suo cazzo ancora chiuso nei pantaloni a a pochi centimetri dal mio viso,non resistetti,andai a tastare,sentii tra le mani un cazzo che non doveva essere niente male,Lui cincischio qualcosa, io abbassai la cerniera e tirai fuori un cazzo dalle dimensioni notevoli,era molle,ma lungo e con un glande,che malgrado non eretto,era di dimensioni strepitose,da giovane doveva avere un cazzo da fare invidia.Si aggrappo con le mani al lavabo per non cadere,gli abbassai i pantaloni sino alle ginocchia,e lo liberai tutto,aveva le palle penzoloni erano grosse,Il primo pensiero fu quello di prenderle in bocca,lo feci,gli tremavano le gambe,lo guardai,don Luigi,tutto a postochiesi,Per tutta risposta mi mise una mano in testa e la spinse verso il suo cazzo,che era una proboscide,ma ancora molle,presi il glande tra le labbra,massaggiavo quelle palle stuzzicandole,cominciava a muoversi,cresceva,il vecchio stese una mano per prendere una tetta,gli facilitai il compito abbassando la spallina del reggiseno e la tirai fuori,ci si avvento sopra,la soppesava,la stringeva mi pizzicava il capezzolo.Ma io non volevo stare li tutta la sera con quel cazzo in bocca,lo volevo nella figa,mi alzai mi misi a pecora,alzando una gamba,gli feci cenno di venirmi dietro,teneva la proboscide con le mani,la punto verso la figa,il glande cercava di farsi strada,ma non riusciva ad entrare era ancora moscio per penetrarmi,e si che la mia figa era un lago,allora lo presi in mano infilandomi il glande dentro,lui spingeva e finalmente entro tutto,mise le mani sui miei fianchi spingendo per non farlo uscire.Ora mi chiava,pensai,ma non si muoveva me lo sentivo tutto dentro,lui si muoveva con il bacino,si aggrappo di nuovo ad una zizza,e per fare questo movimento entro ancora di piu,io con la mano da sotto gli stuzzicavo ancora le palle,lo sentivo che cresceva dentro di me,comincio a muoversi,finalmente mi stava chiavando,mi riempiva la pucchiacca con quellarnese che adesso si poteva chiamare cazzo,mi stava chiavando e anche divinamente bene,lo lasciava entrare tutto dentro fino alle palle,dava colpi profondi,stavo godendo mi riempiva tutta,quel capocchione enorme adesso mi pompava e si faceva sentire.qualche minuto ancora poi,lo sentii irrigidirsi,pulsava dentro di me,una goduria,stava arrivando,non volevo perderla quella sborra,mentre usciva uno spruzzo dentro lo presi,mi girai,presi il cazzo tra le mani,sborrava il vecchio,tra le tette,nelle mani,si era messo spalle al muro per non cadere,presi quel glande in bocca,aveva ancora da arrivare,lo fece tra le mie labbra,la sborra era piu liquida rispetto a quella di mio marito,meno forte,lo pulii tutto con la lingua.Era esausto poverino,ma ce laveva fatta,mi aveva chiavato,lo desiderava da anni,e chissa da quando non sborrava.Non lo lasciai,laiutai a ricomporsi,mi ringrazio e mi confesso che laveva sognato tante volte di fottermi,Lo sapevo,gli dissi,ora vada a riposare le faccio uno zampaglione cosi si rimette subito.Si mise sul divano,e io pensavo,se dirlo a Renato oppure no,avrei tradito il nostro patto?si sarebbe arrabbiato……..

Scopata da mio suocero | Racconto dominazione di gerry

Nella vita a volte accadono cose che tu non avresti nemmeno immaginato potessero accadere.Mi chiamo Rosina ho 47 anni e sono sposata con Renato,stessa eta.Il nostro matrimonio e stato un susseguirsi di alti e bassi,nessuno dei due e come si dice fedele nei secoli,e qualche scappatella sia lui che io ce la siamo concessa,.Non e mai venuto meno il rispetto reciproco,io sapevo di lui e lo perdonavo dopo una scenata creata ad arte,e poi gli rendevo pan per focaccia,confessandogli il mio peccato.Con il passare degli anni,ci siamo calmati,io malgrado ancora riesca ad attrarre lattenzione delluniverso maschile grazie al mio corpo ormai burroso,con le forme abbondanti,mi dedico al mio uomo che a letto mi sa dare tante soddisfazioni,e attratto dalle mie forme abbondanti,e io dal suo cazzo sempre duro e pronto.Ma si sa la curiosita e femmina. Renato mi ha chiesto di potere ospitare lanziano padre per un breve periodo,non ho avuto nulla in contrario.Don Luigi ha 77,anni,e rimasto vedovo da 3 anni,la mamma di mio marito era una santa donna,Don luigi,da giovane aveva la nomea di essere un donnaiuolo,correva dietro a tutte e lei ogni volta perdonava,e al contrario mio,non gli rendeva pan per focaccia,erano altri tempi.Ora luomo rimasto solo,alternava le visite ai figli per stare in compagnia.Da premettere che mio suocero,malgrado gli anni,e sano come un pesce,e un uomo alto,certo il fisico appesantito e con tante rughe che segnano il corso degli anni.Nei miei confronti e stato sempre gentile,quando ero ragazza,mi chiedeva come avessi fatto ad innamorarmi di quel debosciato di suo figlio,e che se lui era piu giovane mi avrebbe corteggiato,insomma mi ha sempre fatto capire che gli piacevo,ma senza andare mai oltre le righe. Quando e arrivato a casa,lho abbracciato,ero contenta di vederlo mi si e accesa una fantasia morbosa,volevo soddisfare il suo desiderio di scoparmi,e soddisfare un mio desiderio recondito ,cosa si prova a farsi scopare da un uomo anziano,che soddisfazione si prova a vederlo sbavare sul corpo ancora arrapante di una donna.Ho iniziato da subito a mettermi in evidenza,donandogli abbondanti porzioni del mio corpo nudo,senza mai fargli capire che lo facevo di proposito,trovavo sempre il modo che il culo,le tette,le cosce fossero disponibili,il vecchio reagiva compostamente,ma ormai era una sua costante,trovare il modo di spiarmi quando andavo in bagno,quando stendevo la biancheria e mi abbassavo,per guardarmi in mezzo alle cosce,un pomeriggio che lui guardava la tv mi sedetti di fronte a lui,avevo un vestitino corto,non avevo messo le mutande,e con le cosce aperte gli mostrai la mia figa,che data leta e leccitazione perenne che ormai avevo, era bella gonfia e succosa.Ormai lavevo cotto a puntino,dovevo solo passare allazione.Quel pomeriggio eravamo soli in casa,Renato era al lavoro,era una giornata un po uggiosa,anche se eravamo ormai in primavera,andai in bagno,a darmi una sciacquata alla figa,lasciai la porta socchiusa,sicura che lui sarebbe venuto a spiare,mi sedetti sul bidet,lui era fuori,vedevo lombra sul muro attraverso la porta,Improvvisamente lanciai un grido di dolore chiaramente finto,lo chiamaiDon luigi,venite mi e venuto un dolore forte alla schienaa non posso muovermi.Un attimo e la porta si aprimi vide seduta a cosce aperte sul bidet,ebbe un attimo di imbarazzo,lo incitai,venite a darmi una mano a rialzarmi,cose,non ditemi che vi imbarazza vedermi cosi.Lui si avvicinosenza togliere lo sguardo dalla figa.Non sono riuscita a lavarmi,volete farlo voi?gli chiesi,presi la sua mano e gli versai del sapone,e la portai verso la mia figa.Ebbe un attimo di smarrimento come fu a contatto con le labbra della mia figa,poi comincio a strofinare leggermente,cercando di aprirla per entrare con le dita.Era in piedi davanti a me,avevo il suo cazzo ancora chiuso nei pantaloni a a pochi centimetri dal mio viso,non resistetti,andai a tastare,sentii tra le mani un cazzo che non doveva essere niente male,Lui cincischio qualcosa, io abbassai la cerniera e tirai fuori un cazzo dalle dimensioni notevoli,era molle,ma lungo e con un glande,che malgrado non eretto,era di dimensioni strepitose,da giovane doveva avere un cazzo da fare invidia.Si aggrappo con le mani al lavabo per non cadere,gli abbassai i pantaloni sino alle ginocchia,e lo liberai tutto,aveva le palle penzoloni erano grosse,Il primo pensiero fu quello di prenderle in bocca,lo feci,gli tremavano le gambe,lo guardai,don Luigi,tutto a postochiesi,Per tutta risposta mi mise una mano in testa e la spinse verso il suo cazzo,che era una proboscide,ma ancora molle,presi il glande tra le labbra,massaggiavo quelle palle stuzzicandole,cominciava a muoversi,cresceva,il vecchio stese una mano per prendere una tetta,gli facilitai il compito abbassando la spallina del reggiseno e la tirai fuori,ci si avvento sopra,la soppesava,la stringeva mi pizzicava il capezzolo.Ma io non volevo stare li tutta la sera con quel cazzo in bocca,lo volevo nella figa,mi alzai mi misi a pecora,alzando una gamba,gli feci cenno di venirmi dietro,teneva la proboscide con le mani,la punto verso la figa,il glande cercava di farsi strada,ma non riusciva ad entrare era ancora moscio per penetrarmi,e si che la mia figa era un lago,allora lo presi in mano infilandomi il glande dentro,lui spingeva e finalmente entro tutto,mise le mani sui miei fianchi spingendo per non farlo uscire.Ora mi chiava,pensai,ma non si muoveva me lo sentivo tutto dentro,lui si muoveva con il bacino,si aggrappo di nuovo ad una zizza,e per fare questo movimento entro ancora di piu,io con la mano da sotto gli stuzzicavo ancora le palle,lo sentivo che cresceva dentro di me,comincio a muoversi,finalmente mi stava chiavando,mi riempiva la pucchiacca con quellarnese che adesso si poteva chiamare cazzo,mi stava chiavando e anche divinamente bene,lo lasciava entrare tutto dentro fino alle palle,dava colpi profondi,stavo godendo mi riempiva tutta,quel capocchione enorme adesso mi pompava e si faceva sentire.qualche minuto ancora poi,lo sentii irrigidirsi,pulsava dentro di me,una goduria,stava arrivando,non volevo perderla quella sborra,mentre usciva uno spruzzo dentro lo presi,mi girai,presi il cazzo tra le mani,sborrava il vecchio,tra le tette,nelle mani,si era messo spalle al muro per non cadere,presi quel glande in bocca,aveva ancora da arrivare,lo fece tra le mie labbra,la sborra era piu liquida rispetto a quella di mio marito,meno forte,lo pulii tutto con la lingua.Era esausto poverino,ma ce laveva fatta,mi aveva chiavato,lo desiderava da anni,e chissa da quando non sborrava.Non lo lasciai,laiutai a ricomporsi,mi ringrazio e mi confesso che laveva sognato tante volte di fottermi,Lo sapevo,gli dissi,ora vada a riposare le faccio uno zampaglione cosi si rimette subito.Si mise sul divano,e io pensavo,se dirlo a Renato oppure no,avrei tradito il nostro patto?si sarebbe arrabbiato……..

Mamma che scopata | Racconto incesti di lilia

Mia madre apri il portabagagli e sistemò due valige, appoggio un borsone nel sedile posteriore dellauto e finalmente salimmo sul mezzo, i chilometri che avremmo dovuto percorrere erano parecchi e il tempo era alquanto inclemente una pioggia incessante ci stava assillando da stamattina presto .

racconti d incestoscopo con il mio canealice pompino marecazzo 20 cmracconti ereoticilui la fa squirtareporno gay muratoribelen altezza verapastore scopa pecorascopata con la suoceraorgia in campagnaspa di gessatecuckold americaerotica pornoscopare la moglie del capoincesti fotomia moglie fa i pompinidonne con voglia di cazzoracconti ereros eroticaraccontierotici gratisamiche intimeerotici raccomtidonne con animalifidanzata trioleccata di penepompini all universitàracconti reali incestidocumentari eroticistorie di tradimenti veriracconti erotici in busscherzi bastardi da fare ai vicini di casaquella troia di mia cognataraacconti eroticistorie sesso incestomia moglie e ninfomanesupposta eroticacazzo nel muroracconti xhamsterseghe in spiaggiamamma papà mi scopala vicina di casa porcamamma in doppia penetrazioneschiavi dei piedistorie sexyerotiche storienegro incula gayscopata per casofiga dilatataracconti 69il ditalinotroia stuprataracconti diincestoscopate incestuoseincesto con nonnomasturbazione collettivaracconti erotici visitamarito cukoldmamma penetrataracconti erotici di gayracconti eroticvisenza mutande in discotecaracconti padre e figliasteve ireamastemoglie con 2 cazziracconti porno analeincesto lesbo raccontiracconti roticicazzi neri in culoiomilu.commi fai arrossiresesso con idraulicobalbuziarestorie erotichr