Stupro di gruppo | Racconto gay di Mimi

Nella piscina comunale dell’entroterra Milanese dove lavora Giulio, un dipendente di 30 anni e ligio al dovere, anche se nel box spesso si annoia e pensa ad altro: un fine settimana con qualche bella ragazza da fottere, giocare a palla o bere con gli amici, oppure osserva con attenzione certi culetti degli avventori che si accalcano nei spogliatoi per usufruire della palestra e le vasche, lui non disdegna un bel culetto di donna e neanche quello maschile, purché sia piacente e specialmente passivo. Purtroppo in piscina sono pochissimi le persone di bello aspetto, a maggior parte di loro sono grassi e racchi, anche se qualche volta chiude un occhio pur di sollazzare la sua minchia, come su Yuri: ragazzo 18enne albanese, non era gran che… come fisico, ma a bocca sapeva tirare pompa da sballo tanto che lo veniva a trovarlo spesso nel gabbiotto e farsi fare un bel pompino compreso il culo, anzi fatico molto per sverginarlo la prima volta in palestra. Purtroppo si doveva accontentare di qualche maschietto che gli prudeva il buco, mentre cera uno in particolare che lo eccita solo a guardarlo, non lo conosce molto bene e neanche per nome, non aveva la tessera, pagava l’ingresso e veniva rare volte. Ma? Nei suoi successivi turni di lavoro…. lui, lha visto completamente nudo quel fichetto che niente male a culo da sognarlo pure di notte. E alto 1,80… sui 20 anni e molto carino, capelli corti e biondi, viso gentile, con spalle larghe e forti, braccia e gambe normalmente muscolose, non troppo. Si veste sempre con dei jeans scoloriti e delle scarpe da running con indosso un maglioncino di cotone bianco, e sotto porta un slip nero della Calvin Klein con bordo bianco, un tshirt bianco intenso. Nel vederlo era molto sexy.

Stupro di gruppo | Racconto gay di Mimi

Nella piscina comunale dell’entroterra Milanese dove lavora Giulio, un dipendente di 30 anni e ligio al dovere, anche se nel box spesso si annoia e pensa ad altro: un fine settimana con qualche bella ragazza da fottere, giocare a palla o bere con gli amici, oppure osserva con attenzione certi culetti degli avventori che si accalcano nei spogliatoi per usufruire della palestra e le vasche, lui non disdegna un bel culetto di donna e neanche quello maschile, purché sia piacente e specialmente passivo. Purtroppo in piscina sono pochissimi le persone di bello aspetto, a maggior parte di loro sono grassi e racchi, anche se qualche volta chiude un occhio pur di sollazzare la sua minchia, come su Yuri: ragazzo 18enne albanese, non era gran che… come fisico, ma a bocca sapeva tirare pompa da sballo tanto che lo veniva a trovarlo spesso nel gabbiotto e farsi fare un bel pompino compreso il culo, anzi fatico molto per sverginarlo la prima volta in palestra. Purtroppo si doveva accontentare di qualche maschietto che gli prudeva il buco, mentre cera uno in particolare che lo eccita solo a guardarlo, non lo conosce molto bene e neanche per nome, non aveva la tessera, pagava l’ingresso e veniva rare volte. Ma? Nei suoi successivi turni di lavoro…. lui, lha visto completamente nudo quel fichetto che niente male a culo da sognarlo pure di notte. E alto 1,80… sui 20 anni e molto carino, capelli corti e biondi, viso gentile, con spalle larghe e forti, braccia e gambe normalmente muscolose, non troppo. Si veste sempre con dei jeans scoloriti e delle scarpe da running con indosso un maglioncino di cotone bianco, e sotto porta un slip nero della Calvin Klein con bordo bianco, un tshirt bianco intenso. Nel vederlo era molto sexy.

Il regalo 2 | Racconto incesti di TATO

Per essere stato il mio primo regalo, devo dire, di essere veramente soddisfatta, e allo stesso tempo, incredula, sapevo che i miei avevano capito, la mia vera natura, spesso sbirciavo mio padre nudo in bagno, mentre si lavava, o faceva la barba, e osservavo il suo cazzo molle, ma di dimensioni pazzesche per mè, e non ha mai fatto nulla per nascondersi, certo, non lo faceva apposta, non ha mai pensato di farmelo vedere di proposito, ma se succedeva, non cera imbarazzo, come spesso vedevo mia madre nuda, anzi spesso entravo in camera sua, e mi siedevo vicino a lei, e poi mettevo la mia testa, appoggiata sulle sue gambe, e le parlavo, vedendole se sue meravigliose tette da sotto e scorgevo i capezzoli turgidi svettare, e si chiacchierava senza pudore, poi quando ha capito, che ero cresciuta, e che volevo di più, mi ha seguita stretta stretta, ormai, mi toccavo, vedevo il mio corpo diverso da quello dei miei compagni, e ogni giorno che passava, se li vedevo nudi alle docce o in spogliatoio, la voglia di accarezzare i loro membri cresceva.

Stupro di gruppo | Racconto gay di Mimi

Nella piscina comunale dell’entroterra Milanese dove lavora Giulio, un dipendente di 30 anni e ligio al dovere, anche se nel box spesso si annoia e pensa ad altro: un fine settimana con qualche bella ragazza da fottere, giocare a palla o bere con gli amici, oppure osserva con attenzione certi culetti degli avventori che si accalcano nei spogliatoi per usufruire della palestra e le vasche, lui non disdegna un bel culetto di donna e neanche quello maschile, purché sia piacente e specialmente passivo. Purtroppo in piscina sono pochissimi le persone di bello aspetto, a maggior parte di loro sono grassi e racchi, anche se qualche volta chiude un occhio pur di sollazzare la sua minchia, come su Yuri: ragazzo 18enne albanese, non era gran che… come fisico, ma a bocca sapeva tirare pompa da sballo tanto che lo veniva a trovarlo spesso nel gabbiotto e farsi fare un bel pompino compreso il culo, anzi fatico molto per sverginarlo la prima volta in palestra. Purtroppo si doveva accontentare di qualche maschietto che gli prudeva il buco, mentre cera uno in particolare che lo eccita solo a guardarlo, non lo conosce molto bene e neanche per nome, non aveva la tessera, pagava l’ingresso e veniva rare volte. Ma? Nei suoi successivi turni di lavoro…. lui, lha visto completamente nudo quel fichetto che niente male a culo da sognarlo pure di notte. E alto 1,80… sui 20 anni e molto carino, capelli corti e biondi, viso gentile, con spalle larghe e forti, braccia e gambe normalmente muscolose, non troppo. Si veste sempre con dei jeans scoloriti e delle scarpe da running con indosso un maglioncino di cotone bianco, e sotto porta un slip nero della Calvin Klein con bordo bianco, un tshirt bianco intenso. Nel vederlo era molto sexy.

ho voglia di luisesso vicinaracconti maturaracconti erotici di sottomissioneesibizionista marefiga analeracconti porno in italianoraccondi eroticiputanelleracconti porno animaliracconti sesso incestoesibizionismo pubblicoprima doppia penetrazionerompere culostorie di incestoraccontieroticiprima volta gay pornosesso fra fratello e sorellaracconti di incesti vericome si masturbano le donnesadomaso raccontiracconti erotici zooracconti erotticisesso fra sorella e fratellola moglie si fa scopareracconti erotici trioraccontierotici gaypompino palestraravconti pornoculo della zialatroia.comracconti gay eroticitarga troionapompino bisextette al concerto di vascoditalini violentiracconti erotici per adultilory pornoracconti erotici animalistorie di sesso gratissesso fra coinquilinemia sorella mi vuole scopareorgia di nonnevestita da puttanamesso in culoracconti incesto ziami inculano la mogliela sega di mia sorellagay succhia cazziracconti hard 69farsi masturbare dalla mammaracconti erotickracconti eroticazzi grossi per mia mogliecfnm partyfigli che scopanole scopate di mia mogliesadomaso gaystorie scambio di coppiafare pompinila gabbia schiavemamma porcellonasamael lilithtroia dal dottoreracconti erotici scuoladonne che scopano in bagnoorgia in villaracconti di mamme inculatefisting cos'èla figa della nonnastorie pornitroia da stradaracconti erotici pompinoincesti tailandesiinculata e pompino