La prima scopata estiva | Racconto masturbazione di Chase90

Finalmente la scuola era finita e per fortuna, come tutti gli anni, Chase era stato promosso. La strada per il diploma era quasi al termine, ancora un anno. Ma ora limportante era godersi la lunga estate. Appartenente ad una famiglia non proprio ricca, Chase e i suoi due fratelli trascorrevano le vacanze estive sulle spiagge Laziali, non troppo lontane dalla propria cittá. Si erano organizzati bene: abbonamento settimanale ai mezzi pubblici extraurbani, pranzo al sacco con panini, asciugamano e crema solare, ed abbonamento settimale allo stabilimento balneare che offriva prezzi stracciati agli studenti. Tutto era perfetto per iniziare la vacanza! Chase come tutti pensava ad una sola cosa, divertimento: nuoto, mare, pallone e perché no, conoscere qualche ragazza. I giorni passavano velocemente, casa, bus, mare, pranzo e poi di nuovo casa. Ogni tanto qualche uscita serale con i nuovi amici conosciuti, ma niente di piú. La ventata di freschezza e novitá, arrivó due giorni prima della fine della seconda settimana al mare. Chase era a pranzo, seduto con i suoi fratelli ed i suoi nuovi amici su un muretto. Parlavano e ridevano per stupidaggini, fino a quando una ragazza del gruppo si rivolse a Chase Senti, perché non ci facciamo un giro, cosí digeriamo e possiamo farci il bagno prima? Chase accettó e prima ancora che potesse chiedere al resto della comitiva se volesse unirsi a Loro, Milena, la ragazza lo prese per mano e lo trascinó via. Fecero pochi passi, Milena gli chiese di fermarsi e di entrare nella piccola cabina che lei e le sue amiche avevano affittato per tutto il mese. Chase non ci vide nulla di male, ma appena entrarono e lei chiuse a chiave la porta di legno, il cuore inizió a battere più velocemente! Ti piaccio Chase? Disse, cosí, diretta, senza esitazione. Come? rispose. Ho detto, ti piaccio? Glielo fai sempre dire due volte alle ragazze?. No… io… non avevo capito e… prima ancora che Chase finí il pensiero, Milena con la stessa spavalderia con cui lo portó nella cabina e la stessa sicurezza con cui gli fece le domande, afferró decisa i suoi boxer da mare e li tiró giú con un colpo deciso, lasciando Chase nudo di fronte a Lei. Ma… ma che cosa fai? disse subito Lui provando a riprendere la situazione in mano e cercando di tirare su il suo costume. Cosa faccio? e senza aggiungere una parola si mise in ginocchio davanti a Lui, che ormai capendo la direzione che stava prendendo quella situazione, la lasció fare. Inizió ad accarezzargli il cazzo, a pulirlo delicatamente con le sue mani affusolate, dalla sabbia. E piú lo puliva, piú si gonfiava. Poi poggió la sua sinistra su una gamba e con

Il motoraduno | Racconto bisex di Carletto Bruni

Non ho abbastanza fantasia per inventare storie, posso solo attingere a lontani ricordi. Racconto fedele in ogni dettaglio. Tutto accadde quell’unica volta che partecipai a un motoraduno nei pressi di Rimini. Non ricordo se nell’86 o nell’87; ma forse era già l’88. Quello che invece ricordo con assoluta certezza è il mese: giugno; intorno alla […]

Diario (vero) di una coppia di scambisti | Racconto prime esperienze di Daniele

Questa è una storia vera. Come faccio ad esserne certo? Perché è la nostra storia! Mia (sono Paolo) e di Marta (la mia compagna). Siamo una coppia famosissima in certi ambienti. Per intenderci diciamo da …TOP 10 in un sito famoso! Se vi intriga leggete. Ho cercato di fare del mio meglio per renderla completa ma scorrevole contemporaneamente. Spero lo apprezziate. Buona lettura e se avrete dei quesiti….ci sarò!

Quattro ragazze ed una grande scopata | Racconto orge di Chase90

Lo devo ammettere, probabilmente, anzi sicuramente, quel pomeriggio con quelle quattro ragazze, é stata la scopata piú grande della mia vita ad oggi! Ancora oggi mi sembra impossibile che sia accaduto. Ma partiamo dallinizio, con una piccola premessa: questo racconto é un pó piú lungo rispetto ai precedenti, ma non potevo tralasciare nessun dettaglio, perché quellesperienza, quella scopata, duró un pomeriggio intero e racchiudere quello che accadde in poche righe, sarebbe stato impossibile.

Insegnamenti da zia | Racconto incesti di Juan Alberto

Monica è uscita dalla doccia con suo accappatoio cortissimo di satin rosso, io ero lì in salotto e l’ho guardata con timidezza, force oscenamente, non saprei dire definitivamente com’era il mio sguardo, ma che mi faceva turbare maledettamente questo sì lo posso assicurare, anche il gonfiore di cazzo era fedele testimone. Sono Giorgio, ho quasi […]

Una scopata amichevole | Racconto tradimenti di Linda

Venerdì scorso, dopo aver accompagnato mio figlio allasilo, come mia abitudine ho fatto un giretto al mercatino settimanale che nella mia città, Agrigento, lo fanno il venerdì. E una prassi, anche perchè abito proprio li vicino. Mi chiamo Linda, ho 32 anni e sono sposata da 5 anni. Premetto che non avevo mai tradito mio marito. Ci mancherebbe, direte voi, solo dopo 5 anni di matrimonio? Faccio la biricchina e la spavalda, ma solo per nascondere la mia timidezza. Anche nella cerchia delle nostre amicizie. Quelli che ci vediamo sempre siamo 4 coppie. Noi siamo la più giovane. Mentre camminavo lentamente mi sentii chiamare da dietro e mi girai. Era Carmelo. Che ci fai tu al mercato? Chiesi. Mi disse che aveva preso un giorno di congedo appositamente perchè doveva venire al mercato. Aveva un sacchettino perchè aveva comprato delle magliette intime e delle calze. Carmelo e la moglie sono la coppia più grande della comitiva. Lui ha 49 anni. E anche il più attraente. Tutti, a maggior ragione io, lo chiamiamo ; tutti, a maggior ragione lui, mi chiamano . Parlando del più e del meno, camminando, ci fermammo di fronre al bar. Mi chiese se gradivo il caffè e, mentre mi sfilavo il giubbino leggero perchè mi dava fastidio, gli risposi di si. Nello sfilarmi il giubbino portai il petto in avanti e lui, ammirandolo, disse: Che mi fai vedere le minne? Nonostante la confidenza restai sorpresa. Insomma, io sono una bella ragazza. Sono bassina ma ben proporzionata, con un bel paio di minne e un bel paio di gambe. Non di rado avevo notato i suoi sguardi sui miei attributi. Sono una bella morettina e so rendermi attraente. Si, le minne ti faccio vedere. Scordatelo. Forse le vorresti vedere tu semmai. Ma guarda stu vicchiareddu! Dissi guardadolo con un occhio a causa del sole e sicuramente rossa in viso. Stavamo entrando al bar e, non so nemmeno io perchè, gli chiesi se voleva prenderlo su da me. Sorrise. Dopo che mi hai fatto vedere le minne? Non hai paura? Paura di te? Vicchiareddu. Naturalmente scherzavamo. Il fatto sta che continuammo a scherzare anche a casa: vicchiareddu io, picciridda lui e poi, dopo aver messo la ceffettiera su, vicchiareddu e picciridda dandoci pure le botticine sulle mani. Ad un tratto mi prese i polsi, mi portò le braccia dietro la schiena e mi tirò a se. E una ventina di cm più alto di me e alzai la testa per guardarlo e dirgli, in evidente stato di disagio, che mi faceva male. I nostri corpi aderivano. Pure lui a disagio, io accaldata e piena di vergogna, ma prese a sfiorarmi il collo e la nuca con le labbra. Sorrisi come se fosse un gioco mugugnando e gli dissi che mi solleticavo. Sbuffò la caffettiera e gli dissi di lasciarmi per spegnere il gas. Lo spense lui e riprese a baciucchiarmi, ma questa volta con la lingua. Certo che mi piaceva, nonostante mi vergognassi, e il respiro leggermente affannoso e qualche gemito gli fecero capire che gradivo. Gradivo ma non volevo e gli ricordai del caffè. Dopo Dopo che? Cercò la mia bocca e feci di no con la testa. Ma che fai sulserio? Gli dissi sorridendo. Mi strinse ancora più forte e sentii la sua viralita sul ventre. Mi piaceva e mi vergognai perchè mi piaceva. E come per scherzo? Disse. Così, quando ricercò la mia bocca, le nostre labbra si unirono e, dopo qualche secondo di assaggio e qualche morsetto, le nostre bocche si spalancarono e le nostre lingue si intrecciarono. Ero in soggezione: non potevo avere lesperienza di sua moglie. Ci strofinavamo uno sullaltra, mi liberò le braccia e li portai attorno al suo collo. Mi accarezzò i seni e cercò di alzarmi il maglioncino. E qua che volevi arrivare? non ti sembra che stiamo esagerando? Forse Sicuramente. Però il maglioncino fu sempre più su fino a quando me lo feci sfilare completamente. Il divanetto era proprio dietro di lui; si sedette; mi fece sedere sulla sua coscia sinistra; prese a palparmele con delicatezza e poi mi sganciò il reggiseno. Mamma mia che vergogna! Ma la vergogna svanì subito quando prese a leccami i capezzoli. Capii che non si poteva più tornare indietro. Infatti i miei gemiti furono sempre più fitti e più sonori, fino a quando mi sbottonò e mi aprì gli jeans dicendomi di toglierli. Ebbi un attimo di tentennamento guardandolo negli occhi con disappunto. Però fu più forte di me, mi alzai, abbassai gli jeans restando in mutandine e mentre ni accarezzava le cosce mi fece ridere sulla sua ciscia. Riprese a baciarmi i seni e poi le nostre bocche si unirono iniziando un grande gioco di lingue. Naturalmente il giocolo conduceva lui. La sua mano destra scivolò lentamente giù lungo il mio ventre fino a raggiungere le mutandine. Sentii che si voleva intrufolare e pensai: che devo fare?La mano entrò ed ebbi un sussulto di piacere e un forte gemito quando arrivò al mio clitoride. Istintivamente divaricai le cosce e da quel momento persi ogni ritegno. Stavo quasi per godere ma, facendomi alzre, mi sfilò le mutandine. Che disagio a mostrargli la mia fica e il mio culo! Mi fece ssdraiare sul divano, si sistemò in ginocchio e subito la sua testa fu fra le mie cosce. Come mi faceva godere con la lingua! Mio marito mi leccava sempre ma con Carmelo era tutta unaltra cosa. Mi dimenavo, gemevo e gli gridavo di continuare. Presto non resistetti più e scoppiai in un orgasmo frenetico e infinito, fino a quando gli intimai di smettere perchè non resistevi più. Adesso veniva il bello: si slacciò i pantaloni, se li abbassò fino alle caviglie e sedette accanto a me col suo coso duro sotto gli slip in bella mostra. Lui aspettava ed io ero fuori di me dalla vergogna. Poi glielo palpai. Mii che brava a mia picciridda! Non mi fare vergognare se no lascio perdere. Lo guardai in modo accattivante, mi sistemai a terra in ginocchio e spostai gli slip liberando un coso che, forse perchè completamente depilato, mi sembrò un cazzone enorme. Fece scendere completamente giù gli slip e lo impugnai scappellandolo tutto e segandolo. Lo guardai maliziosamente e gli dissi: Ti faccio venire così, va bene? Non ti basta che te lo sego? Allora vero picciridda sei! E che vuoi? Non ti piace leccarlo? Non mi dire che non lo fai Si, ma a mio marito. Invece pure a lui. Lecco, lecco e lui sempre a darmi suggerimenti fino a farmi leccare pure le grosse palle. Mi piaceva tantissimo e poi, prendendomi per la nuca me lo fece prendere in bocca. Pensavo di fare qualche brutta figura invece mi diceva che ero una pompinara nata. No, non mi offendevo, anzi. Così quando mi disse di mettermi a cavallo, dopo che gli dissi un paio di volte che dentro non lo volevo, me lo strofinò più volte nella fica facendomi impazzire. Mi chiese: Sei sicura che non lo vuoi dentro? Non mi stuzzicareeee. Sii. Non mi venire dentro però, va bene? Me lo puntò, mi abbassai e in un attimo fu tutto dentro di me. Persi la ragione. mi attorciglia al suo collo con le braccia e incominciammo a leccarci mentre io facevo su e giù sul suo cazzone. Non sapevo più nemmeno per quanto tempo, durante il quale i miei orgasmi si susseguivano uno dopo laltro. Mio marito avrebbe già finito da in sacco di tempo. Mi spinse allindietro denendomi dalle braccia e facendomi vedere il cazzo dentro la fica. Le ricordai di non venirmi dentro e sorridendo rispose: Che sono scemo? Semmai in bocca. Gli dissi di non pensarci nemmeno perchè queste cose non le facevo neanche con mio marito. Certe cose anche se non si fanno neanche col marito, possono però essere oggetto delle tue fantasie sessuali. Pansai che una prima volta ci doveva essere e se non lo facevo a 32 anni quando dovevo iniziare? Solo che lui non era mio marito, ma il mio vicchiareddu. Ebbene mi venne in bocca e poi corsi in bagno a sputare e a sciacquarmi la bocca. Quando ritornai era quasi del tutto rivestito. Doveva andare. E il caffè? Dissi. Lo riscaldai e lo prendemmo. Prima di uscire mi disse: Al prossimo caffè? La sera dopo, sabato, eravamo tutta la comitiva in pizzeria. In un momento che eravamo leggermente più distante mi disse: Abbiamo dimenticato una cosa. Vabbè, il prossimo venerdì Cosa Che pensi di non darmi il culo? Che ti viene in mente? Che fa scherzi? Perchè che
ce lhai vergine? Certo! Che credi! Non ti vergogni?

Insegnamenti da zia | Racconto incesti di Juan Alberto

Monica è uscita dalla doccia con suo accappatoio cortissimo di satin rosso, io ero lì in salotto e l’ho guardata con timidezza, force oscenamente, non saprei dire definitivamente com’era il mio sguardo, ma che mi faceva turbare maledettamente questo sì lo posso assicurare, anche il gonfiore di cazzo era fedele testimone. Sono Giorgio, ho quasi […]

bottiglia nella ficaracconti esperienze erotichesesso in jamaicaracconti di incestiposizione a candela per rimanere incintaincesti suoceraculi bassistetoscopio reggisenoracconti erotici veremamme porche incestipiedi di ilary blasistorie eroticiincesto tettonascopata da animaliracconti di donne in caloretrans giuliaingesti in famigliamio suocero mi scopacompagni di classe pornosega a un canecugine zoccolemamme che masturbano i figliracconti pissingracconti erotici esibizionistail culo di ziavoglia di culopompini in ginocchiomadre maialala ragazza dai capelli rossisesso dolcissimoracconti tranvoglio le cornacome farsi mettere incinta senza che lui se ne accorgaputtane e cornutistorie feticismoruota del sessoracconti erotickmamma inculata in cucinafare sesso con gli animaliditomracconti erotici mia suoceraracconti erotici in barcaamica sessoscopata con mia cuginaracconti erotic ifrustate eroticheracconti erotici vacanzehanno rotto il culo a mia mogliemamma sega il figlioerotiraccontigif zoofiliaracconti feticismo piedircconti pornovecchia porcaracconti d incestotette nude spiaggianudi tra amicimarito inculatoracconto bdsmcome liberarsi di una suocera maledettabeccata dalla mammaschiava bondagesborrate eccezionaliquella porca di mia mogliepiedi femminili odorosizio scopa la nipotinaerotic raccontizucchina nella figaracconti 69.itracconti storie gayracconti erotici sesso con animalivada non cincischivenute tra fratellicazzoni che sborranostorie di sesso lesboracconti gay prima esperienzaprimi pompinivicine vogliose