Ammucchiata in spiaggia | Racconto orge di Anonima

Come accade spesso sono andata a trovare il mio ragazzo nel week end. Vista la splendida giornata dopo pranzo abbiamo deciso di andare al mare. Mi ha portata in un posto meraviglioso ancora quasi incontaminato. Peccato che per causa del suo comportamento un po maschilista abbiamo litigato e abbiamo trascorso buona parte del pomeriggio separati. Era geloso del mio topless, ma il posto era praticamente desolato e io non vedevo perché mai avrei dovuto indossare la parte superiore del bikini. Stanco di passeggiare è tornato in silenzio a stendersi al sole. Fatte ormai le 19, ho approfittato del fatto che si fosse messo a sedere per appoggiarmi sul suo petto. Allora mi ha baciato sul collo piano, piano e poi mi ha stretto i seni tra le mani a riprova del fatto che il topless non è poi così tanto una brutta cosa. Insomma qualche bacio e qualche palpatina dopo la situazione si è fatta caliente e abbassato il suo costume, gli sono montata sopra nel vero senso della parola. Stavo godendo tantissimo, quando ci copre con laltro asciugamano e mi ferma. Si era accorto che due persone stavano passeggiando poco distante e ovviamente infuriato borbotta.

Il mio cavallo | Racconto zoofilia di sconosciuto18

ho un cavallo, un bel cavallo nero, era da un paio d anni che guardavo porno in cui donne si facevano il cazzone del cavallo, allora una domenica, non potendo scopare il mio amico, mi venne un idea, mi recai in stalla, il mio cavallo stava mangiando, cominciai togliendoni pantaloni e mutande(mi ero vestito come una vera puttana, con mutandine, reggiseno e autoreggenti nere),comincio piano piano ad accarezzare la pancia, con la mano scendo piano piano, finche non lo sentii, il suo bel cazzone, comincio a palparlo, piano piano mi metto sotto la pancia del cavallo, e ad un cero punto, sento che sta tirando fuori il pene, non so perché ma ne tira fuori meta, sono eccitatissimo , lo tocco, è cosi duro e stranamente non puzza, lo afferro con decisione, aprii la bocca,senza pensarci due volte lo succhio , passano due minuti ed ecco che sborro subito sui miei collant ,lecco il mio sperma,ma ho ancora voglia, ha ancora il cazzo fuori, allora prendo dell olio di girasole che mi ero portato, lo spalmo sul mio culone, prendo poi il suo cazzo e me lo inserisco nel culo, faticava ad entrere, ma ad un certo punto scivola di colpo e mi ritrovo con piu di 20 cm di cazzo nel mio culo, comincio ad urlare per il dolore , ma mi tappo la bocca e comincio a fare avanti e indietro, passano dieci minuti, sborro una seconda volta e ad un certo punto tolgo quel bel cazzo dal mio culo, mi scendono lelacrime per il dolore, casco fra la paglia con l ano dolorante e solo i miei collant addosso, ero una puttana e senza motivo mi leccai lo sperma sulla gamba e stranamente mi piaceva, il cavallo mi guardava e dopo che il dolore passo , mi rivestii e mi incamminai verso casa

Iculato da tre magredini nel parco | Racconto gay di tullio

Ciao IERI (domenica) pomeriggio ero al parco reale di monza in mezzo a dei boschetti. Mi eroaddentrato perchè mi era venuta voglia di farmi una sega e una pisciata, Mi abbasso i pantaloncini e rimango praticamente nudo non facci in tempo nemmeno a farmi idurire il mio PISTOLINO che un bel MAGREDINO si avvicina e in un italino stentato mi dictu vuoi sesso io mi giro unpo itimerito e gli chiedo di mostrami il suo CAZZO DAi fammi vedere come sei messo comè il tuo CAZZO lui senza battr ciglio si alccia i jeans e si abbssa le mutande e fa saltar fuori un arnese da 40×5 e strabuaao gli occjh e gli cado in ginocchio di fronte a tutto quel ben di DIO. LUi mi prende per i capelli e mi stringe la faccai sul GRAN cazzo che gli pendolava fino quasi alle ginocchia Dai falo ingrossare in tua bocca che dopo ti sfondo il CULO io non mi faccio pregare glie lo bacio e cominci a leccsrgli CAZZO e Palle lui geme e dice prendilo in BOCCA mi apprestavo a prenderlo in bocca che mi sento sollevare il CULO da due possenti mani che mi alzano verso una CAPPELLA che sentivo GROSSISSIMA io cerco di divincolarmi ma purtroppo ARRIVA un alto magredino con una cinghia in mano e mi frusta sulla schiena e dice TACI se no ti spello vivo e si leva i pantaloni quelo di dietro con le sue manacce mi tiene sollevatoda terra e mi sputa sul culo appoggia la CAPPELLA alla mi figanale e comincia a spingere io urlo NOOO mi rovini mi stai squrtando il CULO fermati ma una cinghiata mi viene assestata sulla schiena e il fustigatore sposta il primo Magredino e mi infila il suo SILURO nero in bocca e adesso ciuccia dice ridendo meglio per te che lo ciucci bene mi fai godere, e dopo avermi messo il CAZZO infilato fino alle tonsille ordina al mgredino di sfondarmi il CULO il nero che era dietro mi solleva di mezzo metro e mi sputa ancora sul BUCO del MIO CULO e poi con un gran colpo mi infila la CAPPELLA mostruosanel CULO io pur avendo un grancazzo infilato in gola facci uscire un urlo terribile per il gran dolore, ma nessuno dei due neri si ferma quello che mi ha sfondato il CULO con le seu manone mi tira i fianchi verso il suop cazzone e comincia a pomparmi io cominio a dimenticare il dolore e a pensare di godermi questi garn Bei CAZZONI mugulando di piacere faccio sborare prim il CAZZO che ho in gola e poi gridando al nero dietro DAi spingi porco fammelo arrivare in gola. e auesto mi riempi con vari schizzi di sbora caldissima che mi arrivarono in pancia Ho pensato ora che cominciavo a godere questi sono gia venuti. ma dun tratto mi ricordai che il primo nero che melo aveva struscito sulla faccia era ancora li colcazzo bello duro e grosso. mi liberai dei cazzi che mi avano sborato in CULO ed in GOLA strzzai locchiolino al primo nero che si avvicino col suo cazzone in tiro e melo sbatteva in faccia. io mi grai e gli dissi adessso iculami brutto PORCO lui mi sbatte pancia a terra in mezzo ai rovi e alle spine poi si sdraio sopra di me infilo le gambe tra le mie mi punto il GRAN CAZZO al buco del culo e con un colpo deciso mi penetro io gridai SIII da fottimi come un VACCA e gli dissi di morsicarmi il collo, lui mi montava rabbiosamente entrando e usceno dal mio culo e mentr mi motav da vero toro mi mordeva sul collo ed io sii dai che stogodendo

La Sorella che non ti aspetti | Racconto incesti di Mr. Tette

Ciao a tutti, sono Giuseppe e ho 20 anni, mia sorella ha esattamente 10 anni più di me ed ha un seno enorme, precisamente una 5 coppa D. Come è facile immaginare mia sorella, che pure ha qualche chilo di troppo, in virtù del suo seno enorme ha sempre esercitato un certo fascino su di me, e da sempre ero alla ricerca di un modo per cercare di averla. Io e mia sorella abitiamo in città diverse, ma di tanto in tanto ci vediamo, e ho potuto felicemente constatare nellultimo anno che era una grande amante del sesso, che gli piaceva farsi scopare da tanti uomini, riempiendo di corna il marito.

Chi lavrebbe mai pensato | Racconto incesti di Dovusm

Mi chiamo Angela e 19 anni, volevo raccontarvi questa mia avventura che mi ha cambiato la vita. Nel mese di maggio io e il mio ragazzo Paolo decidiamo di andare a fare una settimana di relax in unalbergo sul lago Trasimeno, noi siamo di Perugia. Io e Paolo sono 3 anni che stiamo insieme abbiamo scoperto lamore nello stesso momento, lui è molto dolce e molto premuroso anche se parlando con le mie amiche molto più scafate di me ho scoperto che ha il pene piccolo, ma a me sta bene io sono molto minuta, sono alta un metro e cinquanta e peso 45kg ho la 3 di seno, capelli a caschetto neri occhi verdi.

Con Alessio il mio primo orgasmo e amore | Racconto gay di grecoantico

La storia narrata è capitata realmente, mio malgrado , in quanto siano trascorsi, per anni, ho pensato di sentirmi in colpa,in quanto pensassi unico responsabile di pratiche deprecabili ; (in quanto al tempo di età maggiore ad il mio partner,ma non maggiorenne ), ma con gli anni riflettendo, ( io all epoca 15 enne già sviluppato da uomo), ed il mio amante ( Alessio di 10 anni all epoca ) credo che oggi da Uomo maturo di 46 anni,il mio non fù atto da condannare, in quanto concupito da un comportamento seduttivo , e in me nacque amore, e una passione che travalica il sesso, e la seduzione che fui vittima, è la seduzione non ti aspetti da un impubere efebo, dolce come il miele e capriccioso capace di ottenere con caparbietà sempre ciò che desiderasse,; era come quello di una una sorta di ninfomane, un angelo che in realta fù demone, da lui soggiogato e sottomesso dai suoi approcci poi nostri giochi (anche se con repulsa agli iniziali approcci); nel tempo non si è mai verificato che cercassi sesso con adolescenti ,in quanto non ho mai cercato ciò, solo non immaginavo che tra un 15enne e un bimbo di 10 anni, fossi rapito da questo ultimo dalla sua passione maliziosa, di bambino viziato come una femminuccia in calore capace di metterti in croce ;che passione impudica, nemmeno nella ninfomane più incallita avrei ritrovato .ALesssio abituato e ostinato ad avere tutto, con malizia di bambino viziato e che raccontarlo ora non possa passare per un reato in quanto io fui adescato e provocato e per colpe diremo condivise, e ora che ci ripenso credo che la mia innocenza fù di innamorarmi di quell efebo e alla fine fui usato ,e comunque sia stata una semplice attrazione fisica, e non sò se si può parlare di AMORE tra persone minorenni, ma dopo quegli approcci e la sensazioni che Ale mi trasmetteva, mi sentivo realmente innamorato di Alessio come se fosse stata la mia prima Ragazza o Donna.. e l Alessio realmente si sentiva protetto quando giunto a casa del mio amico Luca ( Alessio era il più piccolo fratellino), correva per gettarsi tra le mie braccia, per poi incominciare a toccarmi . Sta di fatto che l unica mia colpa è stata quella di lasciarmi coinvolgere da quel bambino MALIZIOSO , che per quanto ancora efebico, sovente nutriva una curiosità sessuale fuori dal comune, poi trapelata dal fatto, che egli, spesso a sua detta, era abituato a toccare i piselli, di tutti i ragazzini del parco dove abitavo; per lui era diventato un gioco, e probabilmente, Alessio era stato iniziato , da un suo coetaneo di giochi, che l aveva abituato in segreto, a manipolare i genitali dei ragazzini del parco ( a mia insaputa e del fratello……)solo dopo questo me ne accorsi e gli domandai da dove derivasse questo suo comportamento…..e lui : sai tocco tutti i cazzi per vedere come si intostano ai ragazzi ma nessuno è grosso come il tuo!!!!, e gli altri ragazzi probabilmente ne approfittavano, ma non sarebbero arrivati a quello che capitò a me!!!!

erotociraccontitrans padronescoparsi la sorellastprie pornocazzi nella figafiga impalatamia moglie con un nerosesso sullo yachtmia moglie porcascopate piu belletettone al mareeriticiraccontiguardoni psicologiazia incestobuonanotte stronzola moglie del professore pornobellescopatemistress rumeneragazzi vogliosimamme senza mutandesessantenne porcaspiando la mammaregina del pompinoerotici raccalice pompino marecoppie al privemagaluf 2017orge bisessualimamme che masturbano i figliracconti incrstostorie porno.comesibizionista al centro commercialela troia di mia cognatasesso eroticoracconto incesto mamma figliostorie di feticismoracconti erotici sodomiala nonna pompinararacconti di amantiesperienza safficai generi dei racconti eroticistorie eroticopompino e inculatatroia al cinemanonna seduce nipotesesso in luna di mieleracconti di mogli esibizionistesesso e animalistorie disessoracconti erotici exfoto zoofiliatromba mia mogliemia moglie non vuole fare l'amoretroie mogliracconti eros gratisracconto 69storie di sesso gaymia moglie in mostral'ultima notte pornosesso con cuginefammi vedere come sborristorie sesso gratismilf orgemoglie porconaragazze inculate da vecchistorie erotiche realicazzo 24 cmvecchie affamate di cazzoeroticiracconti.itil cazzo neroraccontie roticigioco della manigliamammina porcanipotina vogliosail pene più belloesibizionistmamma voglio scopareditalini violentiincedti italianiprime esperienze di sessoorsi italiani raccontimia moglie in costumestorie di scambio di coppiascopata canemi hanno scopato la moglie