Cosi Sarash ha rotto il mio culo | Racconto trans di america52

Mi chiamo diciamo Francesco ho 62 anni, ho conosciuto x caso ponte Milvio una ragazza cubana alta più di me ma molto bella, ci facemmo una passeggiata lungo il Tevere , e dopo di che mi invitò a casa sua, io accettai per prenderci un caffè, salii su da lei e chiesi di andare in bagno, ma non so che mi prese mi arrapai come un toro, e ne uscii fuori con il cazzo eccitato al massimo che dai pantaloni si notava benissimo che avevo il cazzo in tiro, lei se ne accorse e mi disse che come persona gli piacevo a quel punto ci abbracciammo e gli strusciai il mio cazzo in tiro che era dentro ai pantaloni all’altezza della sua figa, cosi pensavo, ma da li a poco mentre che ci baciavamo sentii sotto la gonna un tronco incredibile, era un trans, lei mi disse hai dei problemi? Non ti piaccio? Io gli dissi nò e gli dissi che mi piaceva molto, ma il mio imbarazzo si notava, a quel punto mi cominciò ad accarezzare e mentre pomiciavamo mi mise una mano dentro i calzoni toccandomi le mie natiche, lei vide che ebbi un sospiro voglioso, ed a quel punto mi disse oggi ho proprio voglia , e tu non sai che questa sera da qui andrai via con il culo rotto, e aperto al punto che alla prima scoreggia ti cagherai sotto, volevo levarmi ma la libidine era tanta che restai a pomiciare, a quel punto mi mise una mano nelle sue mutandine e tirai un cazzo fuori gigantesco, circa 28 cm lungo e largo 18, aveva un cazzo a punta , cioè non molto grande alla cappella che poi progressivamente diventava largo enormemente alla fine, lo presi e cominciai a segarlo e lei mi disse che tranquillamente potevo perché tanto mi avrebbe inculato per un’ora, ci baciammo a lungo, poi presi il suo cazzo e me lo misi in bocca, era talmente largo che più della metà non mi entrava e mi venivano cognati di vomito, cominciò a scoparmi in bocca con tutta saliva gommosa che mi scendeva tra le labbra, dopo circa 15 minuti di sbocchinaggio, lei mi prese e mi calò i pantaloni poi le mutandine , e cominciò un pompino stupendo, mentre mi sbocchinava mi leccava le palle piano piano cominciava a leccarmi il culo, mi mise a pecora e cominciò a infilarmi prima un dito poi leccava poi due dita e rileccava con la lingua che entrava nel mio culetto, ero in estasi, a quel punto mi disse adesso preparati che ti spaccherò il culo, sentirai un po’ di dolore e poi un po’ di bruciore ma poi vorrai che non finissi mai di romperti il tuo culetto, sentii che mi spalmava del gel fresco sia intorno al foro che dentro, poi cominciò a strofinare il suo enorme cazzo tra il mio buco e le palle, ad un certo punto sentii che la cappella l’aveva piazzata nel foro e cominciò a spingere , dopo poco la cappella entrò senza tanto dolore, quando la sua cappella fu dentro sentii che mi faceva scendere del liquido e tutto di una botta diede una spinta incredibile, “un urlo disumano mi usci” ero con le lacrime x il dolore e misi una mano dietro per sentire il suo cazzo, ma mi accorsi che ne aveva messo neanche la metà, a quel punto la implorai di smetterla che se nò mi sarei sentito male x il dolore che avevo, ma lei si fermo con quel palo dentro il mio culo aspettando che si dilatava e si adattava al suo calibro, quando si accorse che il buco del mio culo era diventato più morbido, cominciò un avanti ed indietro pianissimo, mi resi conto che dolore non avevo più e che cominciavo a sborrare dal mio culo, a quel punto lei diede un’altra botta, “altro urlo disumano” altro fermo e mi accorsi che le sue palle toccavano dietro le mie chiappe , mi resi conto di essere stato inculato, mi aveva infilato tutto il suo cazzo dentro il mio culo al punto che mi faceva male la pancia x quanto lo aveva lungo, misi una mano dietro e mi accorsi che avevo la coscia bagnata, credevo che era crema , ma quando la portai sul mio viso mi accorsi che era sangue, mi aveva rotto veramente il culo, stette un pochino ferma per dar modo che il mio culo si adattasse alla sue dimensioni cavalline, e poi piano piano cominciò a muoversi, cominciò ad incularmi prima piano poi sempre più forte di tanto in tanto tirava fuori il suo tronco di ebano e lo rimetteva tutto di una botta, mi stava pompando come un animale, al punto che dopo circa venti minuti avevo la pancia che mi faceva male e gli chiesi di smettere ma lei niente, era arrapata dal fatto che aveva rotto il culo ad un verginello, mentre ebbe il cazzo fuori per poco, mi scappo una scoreggia incredibile, e lei disse è normale, ti ho pompato tanta aria, e ricominciò ad incularmi per altri venti minuti, dopo di che sentii il cazzo che si gonfiava ancora di più ed un gettito di liquido caldo inondò il mio culo all’interno, non gli bastò quello lo tirò fuori ancora duro e me lo mise in bocca e volle che gli ripulii la cappella ed il suo cazzo sporco di sborra e sangue e di merda mia, ero talmente arrapato che non capii più niente e mi ritrovai 28 cm del suo cazzo che le mie labbra toccavano le sue palle, con la lingua le leccai e lei sborrò una seconda volta nella mia gola, quando lo tiro fuori piano sembrava che non finisse più di uscire, si distese affianco a me, aveva un seno stupendo con dei capezzoli belli rigidi, cominciai a leccarglieli ed a succhiargleli, gli baciavo il colle fino ad arrivare alle sue labbra, lei si girò e con il suo stupendo culo ed io non me lo feci ripetere due volte, cominciai a leccargli il culo e la misi a pecorina, feci come lei fece a me gli strusciai il cazzo al suo culo bagnato della mia saliva, infilai la mia cappella e di colpo scivolo dentro il suo culo e cominciai ad incularla, dopo circa 15 minuti di inculata feroce, anche perché mi bruciava il mio culo, gli feci una bella sborrata molto copiosa nel suo culo, la baciai come se fosse stata il mio primo amore e poi ci dirigemmo verso il bagno. Dopo mezzora ci ritrovammo a tavola per uno spuntino di frutta esotica, con una smorfia di dolore nel sedermi gli dissi “mi hai proprio sfondato il mio culo, mi resterà aperto il mio forellino per parecchi giorni, e di certo non soffrirò più di stitichezza” rise con dolcezza, come per farmi capire che se anche inizialmente mi aveva provocato del dolore sarebbe passato col tempo. lei sorridendo mi rispose “credimi se vuoi questo è solo l’inizzio,” se vuoi ci possiamo vedere una volta alla settimana tu mi piaci e mi sei simpatico, quando verrai da me non ti farò pagare niente perché mi piaci, e vedrai che la prossima volta non sentirai più dolore solo un pochino di bruciore all’inizzio, e la terza volta che ti inculerò vedrai che te lo metterai da solo dentro il tuo bel culo, ma la prossima volta ti sborrerò mezzo litro della mia sborra, e se ci riesco ti farò un clistere di piscio nel tuo bel culo, lei sorrise e mi diede un bel bacio come se avessimo 20 anni.

Cosi Sarash ha rotto il mio culo | Racconto trans di america52

Mi chiamo diciamo Francesco ho 62 anni, ho conosciuto x caso ponte Milvio una ragazza cubana alta più di me ma molto bella, ci facemmo una passeggiata lungo il Tevere , e dopo di che mi invitò a casa sua, io accettai per prenderci un caffè, salii su da lei e chiesi di andare in bagno, ma non so che mi prese mi arrapai come un toro, e ne uscii fuori con il cazzo eccitato al massimo che dai pantaloni si notava benissimo che avevo il cazzo in tiro, lei se ne accorse e mi disse che come persona gli piacevo a quel punto ci abbracciammo e gli strusciai il mio cazzo in tiro che era dentro ai pantaloni all’altezza della sua figa, cosi pensavo, ma da li a poco mentre che ci baciavamo sentii sotto la gonna un tronco incredibile, era un trans, lei mi disse hai dei problemi? Non ti piaccio? Io gli dissi nò e gli dissi che mi piaceva molto, ma il mio imbarazzo si notava, a quel punto mi cominciò ad accarezzare e mentre pomiciavamo mi mise una mano dentro i calzoni toccandomi le mie natiche, lei vide che ebbi un sospiro voglioso, ed a quel punto mi disse oggi ho proprio voglia , e tu non sai che questa sera da qui andrai via con il culo rotto, e aperto al punto che alla prima scoreggia ti cagherai sotto, volevo levarmi ma la libidine era tanta che restai a pomiciare, a quel punto mi mise una mano nelle sue mutandine e tirai un cazzo fuori gigantesco, circa 28 cm lungo e largo 18, aveva un cazzo a punta , cioè non molto grande alla cappella che poi progressivamente diventava largo enormemente alla fine, lo presi e cominciai a segarlo e lei mi disse che tranquillamente potevo perché tanto mi avrebbe inculato per un’ora, ci baciammo a lungo, poi presi il suo cazzo e me lo misi in bocca, era talmente largo che più della metà non mi entrava e mi venivano cognati di vomito, cominciò a scoparmi in bocca con tutta saliva gommosa che mi scendeva tra le labbra, dopo circa 15 minuti di sbocchinaggio, lei mi prese e mi calò i pantaloni poi le mutandine , e cominciò un pompino stupendo, mentre mi sbocchinava mi leccava le palle piano piano cominciava a leccarmi il culo, mi mise a pecora e cominciò a infilarmi prima un dito poi leccava poi due dita e rileccava con la lingua che entrava nel mio culetto, ero in estasi, a quel punto mi disse adesso preparati che ti spaccherò il culo, sentirai un po’ di dolore e poi un po’ di bruciore ma poi vorrai che non finissi mai di romperti il tuo culetto, sentii che mi spalmava del gel fresco sia intorno al foro che dentro, poi cominciò a strofinare il suo enorme cazzo tra il mio buco e le palle, ad un certo punto sentii che la cappella l’aveva piazzata nel foro e cominciò a spingere , dopo poco la cappella entrò senza tanto dolore, quando la sua cappella fu dentro sentii che mi faceva scendere del liquido e tutto di una botta diede una spinta incredibile, “un urlo disumano mi usci” ero con le lacrime x il dolore e misi una mano dietro per sentire il suo cazzo, ma mi accorsi che ne aveva messo neanche la metà, a quel punto la implorai di smetterla che se nò mi sarei sentito male x il dolore che avevo, ma lei si fermo con quel palo dentro il mio culo aspettando che si dilatava e si adattava al suo calibro, quando si accorse che il buco del mio culo era diventato più morbido, cominciò un avanti ed indietro pianissimo, mi resi conto che dolore non avevo più e che cominciavo a sborrare dal mio culo, a quel punto lei diede un’altra botta, “altro urlo disumano” altro fermo e mi accorsi che le sue palle toccavano dietro le mie chiappe , mi resi conto di essere stato inculato, mi aveva infilato tutto il suo cazzo dentro il mio culo al punto che mi faceva male la pancia x quanto lo aveva lungo, misi una mano dietro e mi accorsi che avevo la coscia bagnata, credevo che era crema , ma quando la portai sul mio viso mi accorsi che era sangue, mi aveva rotto veramente il culo, stette un pochino ferma per dar modo che il mio culo si adattasse alla sue dimensioni cavalline, e poi piano piano cominciò a muoversi, cominciò ad incularmi prima piano poi sempre più forte di tanto in tanto tirava fuori il suo tronco di ebano e lo rimetteva tutto di una botta, mi stava pompando come un animale, al punto che dopo circa venti minuti avevo la pancia che mi faceva male e gli chiesi di smettere ma lei niente, era arrapata dal fatto che aveva rotto il culo ad un verginello, mentre ebbe il cazzo fuori per poco, mi scappo una scoreggia incredibile, e lei disse è normale, ti ho pompato tanta aria, e ricominciò ad incularmi per altri venti minuti, dopo di che sentii il cazzo che si gonfiava ancora di più ed un gettito di liquido caldo inondò il mio culo all’interno, non gli bastò quello lo tirò fuori ancora duro e me lo mise in bocca e volle che gli ripulii la cappella ed il suo cazzo sporco di sborra e sangue e di merda mia, ero talmente arrapato che non capii più niente e mi ritrovai 28 cm del suo cazzo che le mie labbra toccavano le sue palle, con la lingua le leccai e lei sborrò una seconda volta nella mia gola, quando lo tiro fuori piano sembrava che non finisse più di uscire, si distese affianco a me, aveva un seno stupendo con dei capezzoli belli rigidi, cominciai a leccarglieli ed a succhiargleli, gli baciavo il colle fino ad arrivare alle sue labbra, lei si girò e con il suo stupendo culo ed io non me lo feci ripetere due volte, cominciai a leccargli il culo e la misi a pecorina, feci come lei fece a me gli strusciai il cazzo al suo culo bagnato della mia saliva, infilai la mia cappella e di colpo scivolo dentro il suo culo e cominciai ad incularla, dopo circa 15 minuti di inculata feroce, anche perché mi bruciava il mio culo, gli feci una bella sborrata molto copiosa nel suo culo, la baciai come se fosse stata il mio primo amore e poi ci dirigemmo verso il bagno. Dopo mezzora ci ritrovammo a tavola per uno spuntino di frutta esotica, con una smorfia di dolore nel sedermi gli dissi “mi hai proprio sfondato il mio culo, mi resterà aperto il mio forellino per parecchi giorni, e di certo non soffrirò più di stitichezza” rise con dolcezza, come per farmi capire che se anche inizialmente mi aveva provocato del dolore sarebbe passato col tempo. lei sorridendo mi rispose “credimi se vuoi questo è solo l’inizzio,” se vuoi ci possiamo vedere una volta alla settimana tu mi piaci e mi sei simpatico, quando verrai da me non ti farò pagare niente perché mi piaci, e vedrai che la prossima volta non sentirai più dolore solo un pochino di bruciore all’inizzio, e la terza volta che ti inculerò vedrai che te lo metterai da solo dentro il tuo bel culo, ma la prossima volta ti sborrerò mezzo litro della mia sborra, e se ci riesco ti farò un clistere di piscio nel tuo bel culo, lei sorrise e mi diede un bel bacio come se avessimo 20 anni.

Cosi Sarash ha rotto il mio culo | Racconto trans di america52

Mi chiamo diciamo Francesco ho 62 anni, ho conosciuto x caso ponte Milvio una ragazza cubana alta più di me ma molto bella, ci facemmo una passeggiata lungo il Tevere , e dopo di che mi invitò a casa sua, io accettai per prenderci un caffè, salii su da lei e chiesi di andare in bagno, ma non so che mi prese mi arrapai come un toro, e ne uscii fuori con il cazzo eccitato al massimo che dai pantaloni si notava benissimo che avevo il cazzo in tiro, lei se ne accorse e mi disse che come persona gli piacevo a quel punto ci abbracciammo e gli strusciai il mio cazzo in tiro che era dentro ai pantaloni all’altezza della sua figa, cosi pensavo, ma da li a poco mentre che ci baciavamo sentii sotto la gonna un tronco incredibile, era un trans, lei mi disse hai dei problemi? Non ti piaccio? Io gli dissi nò e gli dissi che mi piaceva molto, ma il mio imbarazzo si notava, a quel punto mi cominciò ad accarezzare e mentre pomiciavamo mi mise una mano dentro i calzoni toccandomi le mie natiche, lei vide che ebbi un sospiro voglioso, ed a quel punto mi disse oggi ho proprio voglia , e tu non sai che questa sera da qui andrai via con il culo rotto, e aperto al punto che alla prima scoreggia ti cagherai sotto, volevo levarmi ma la libidine era tanta che restai a pomiciare, a quel punto mi mise una mano nelle sue mutandine e tirai un cazzo fuori gigantesco, circa 28 cm lungo e largo 18, aveva un cazzo a punta , cioè non molto grande alla cappella che poi progressivamente diventava largo enormemente alla fine, lo presi e cominciai a segarlo e lei mi disse che tranquillamente potevo perché tanto mi avrebbe inculato per un’ora, ci baciammo a lungo, poi presi il suo cazzo e me lo misi in bocca, era talmente largo che più della metà non mi entrava e mi venivano cognati di vomito, cominciò a scoparmi in bocca con tutta saliva gommosa che mi scendeva tra le labbra, dopo circa 15 minuti di sbocchinaggio, lei mi prese e mi calò i pantaloni poi le mutandine , e cominciò un pompino stupendo, mentre mi sbocchinava mi leccava le palle piano piano cominciava a leccarmi il culo, mi mise a pecora e cominciò a infilarmi prima un dito poi leccava poi due dita e rileccava con la lingua che entrava nel mio culetto, ero in estasi, a quel punto mi disse adesso preparati che ti spaccherò il culo, sentirai un po’ di dolore e poi un po’ di bruciore ma poi vorrai che non finissi mai di romperti il tuo culetto, sentii che mi spalmava del gel fresco sia intorno al foro che dentro, poi cominciò a strofinare il suo enorme cazzo tra il mio buco e le palle, ad un certo punto sentii che la cappella l’aveva piazzata nel foro e cominciò a spingere , dopo poco la cappella entrò senza tanto dolore, quando la sua cappella fu dentro sentii che mi faceva scendere del liquido e tutto di una botta diede una spinta incredibile, “un urlo disumano mi usci” ero con le lacrime x il dolore e misi una mano dietro per sentire il suo cazzo, ma mi accorsi che ne aveva messo neanche la metà, a quel punto la implorai di smetterla che se nò mi sarei sentito male x il dolore che avevo, ma lei si fermo con quel palo dentro il mio culo aspettando che si dilatava e si adattava al suo calibro, quando si accorse che il buco del mio culo era diventato più morbido, cominciò un avanti ed indietro pianissimo, mi resi conto che dolore non avevo più e che cominciavo a sborrare dal mio culo, a quel punto lei diede un’altra botta, “altro urlo disumano” altro fermo e mi accorsi che le sue palle toccavano dietro le mie chiappe , mi resi conto di essere stato inculato, mi aveva infilato tutto il suo cazzo dentro il mio culo al punto che mi faceva male la pancia x quanto lo aveva lungo, misi una mano dietro e mi accorsi che avevo la coscia bagnata, credevo che era crema , ma quando la portai sul mio viso mi accorsi che era sangue, mi aveva rotto veramente il culo, stette un pochino ferma per dar modo che il mio culo si adattasse alla sue dimensioni cavalline, e poi piano piano cominciò a muoversi, cominciò ad incularmi prima piano poi sempre più forte di tanto in tanto tirava fuori il suo tronco di ebano e lo rimetteva tutto di una botta, mi stava pompando come un animale, al punto che dopo circa venti minuti avevo la pancia che mi faceva male e gli chiesi di smettere ma lei niente, era arrapata dal fatto che aveva rotto il culo ad un verginello, mentre ebbe il cazzo fuori per poco, mi scappo una scoreggia incredibile, e lei disse è normale, ti ho pompato tanta aria, e ricominciò ad incularmi per altri venti minuti, dopo di che sentii il cazzo che si gonfiava ancora di più ed un gettito di liquido caldo inondò il mio culo all’interno, non gli bastò quello lo tirò fuori ancora duro e me lo mise in bocca e volle che gli ripulii la cappella ed il suo cazzo sporco di sborra e sangue e di merda mia, ero talmente arrapato che non capii più niente e mi ritrovai 28 cm del suo cazzo che le mie labbra toccavano le sue palle, con la lingua le leccai e lei sborrò una seconda volta nella mia gola, quando lo tiro fuori piano sembrava che non finisse più di uscire, si distese affianco a me, aveva un seno stupendo con dei capezzoli belli rigidi, cominciai a leccarglieli ed a succhiargleli, gli baciavo il colle fino ad arrivare alle sue labbra, lei si girò e con il suo stupendo culo ed io non me lo feci ripetere due volte, cominciai a leccargli il culo e la misi a pecorina, feci come lei fece a me gli strusciai il cazzo al suo culo bagnato della mia saliva, infilai la mia cappella e di colpo scivolo dentro il suo culo e cominciai ad incularla, dopo circa 15 minuti di inculata feroce, anche perché mi bruciava il mio culo, gli feci una bella sborrata molto copiosa nel suo culo, la baciai come se fosse stata il mio primo amore e poi ci dirigemmo verso il bagno. Dopo mezzora ci ritrovammo a tavola per uno spuntino di frutta esotica, con una smorfia di dolore nel sedermi gli dissi “mi hai proprio sfondato il mio culo, mi resterà aperto il mio forellino per parecchi giorni, e di certo non soffrirò più di stitichezza” rise con dolcezza, come per farmi capire che se anche inizialmente mi aveva provocato del dolore sarebbe passato col tempo. lei sorridendo mi rispose “credimi se vuoi questo è solo l’inizzio,” se vuoi ci possiamo vedere una volta alla settimana tu mi piaci e mi sei simpatico, quando verrai da me non ti farò pagare niente perché mi piaci, e vedrai che la prossima volta non sentirai più dolore solo un pochino di bruciore all’inizzio, e la terza volta che ti inculerò vedrai che te lo metterai da solo dentro il tuo bel culo, ma la prossima volta ti sborrerò mezzo litro della mia sborra, e se ci riesco ti farò un clistere di piscio nel tuo bel culo, lei sorrise e mi diede un bel bacio come se avessimo 20 anni.

Finalmente riesco a far montare mio marito dal Trans | Racconto trans di Elena di Castelbuono

Per un periodo , giusto per non farmi mancare niente me la sono fatta con un Trans molto bello , biondo bei lineamenti, un fisico molto curato.. un bel seno a pera accenato ma con capezzoli rifatti duri come chiodi e delle gambe da valchiria.. e poi sotto una dotazione da far paura un cazzo non grosso ma lungo oltre misura e che diventando duro fa godere come pochi uomini per cui in quel periodo io uscivo con lei (si chiama Sandra) e andavamo in giro per negozi di giorno a farci ammirare e di notte per locali equivoci. Mio marito ci spiava e qualche volta ci seguiva e si eccitava vedendoci amoreggiare e limonare senza pudore. Di giorno ci portava a fare schopping comprandoci di tutto e di piu dalla lingeria ai capi firmati e gli mandavamo ogni volta la carta di credito in tilt ma lui era contento di questa amicizia morbosa. Una sera come tante andammo a bere in enoteca e a mangiare stuzzichini vari e tra una bevuta e unaltra iniziammo a ridere e a toccarci tutti e tre tanto che dovemmo uscire dal locale e continuammo questo gioco in auto. Ad un certo punto Sandra mi tolse la gonna e iniziò a leccarmi la fica mentre mio marito faceva da guardone e si toccava dai pantaloni. Sandra era eccitata e mio marito le alzò il miniabito e vide quanto fosse eccitata e per la prima volta (almeno davanti a me..) prese a masturbarla dallo slip . Si tolse i pantaloni e anche lui sotto era vestito da femminuccia sexy con le autoreggenti e una culotta presa dalle mie mutandine. Eravamo in auto e vidi mio marito che ad un certo punto venne schizzandoci tutto addosso e si mise in un angolo della macchina mentre Sandra con il cazzo duro iniziò a scoparmi e a baciarmi in bocca facendomi eccitare e venire quasi subito. Pure Sandra venne dentro di me e restammo un pò cosi tutti e tre contenti di aver goduto. Ci rivestimmo alla meglio e tornammo a casa (in quel periodo Sandra viveva da noi) e appena arrivati mio marito si mise a letto mentre io e Sandra ci fermammo a parlare della cosa e ad un certo punto Sandra mi disse che voleva farsi mio marito e che stasera era la volta buona e mi disse se volevo scommettere che se lo sarebbe montato. Gli dissi che secondo me si sarebbe tirato indietro e lui andò in camera dove mio marito stavo dormendo. Si era messo a dormire con le autoreggenti e si era tolta la culotta e Sandra prese a carezzargli il culo e lui si stava .. poi gli prese il cazzo e glielo fece diventare duro.. poi gli mise un dito nel culetto e lui niente si faceva fare di tutto finchè Sandra lo mise a pecora e tolto il dito gli mise il suo cazzo dentro penetrandolo con me presente. Era la prima volta che vedevo mio marito inculato e mi eccitai come una porca… volevo anche io un cazzo anzi ne volevo due o tre lo ammetto ma Sandra era tutta per lui e lo montava con energia fino a sborrargli dentro e stavolta io dovetti accontentarmi di un Vibratore che tenevo e di guardare come loro due godevano . Da quel momento cercai altre volte di far scopare mio marito da Sandra o da altri miei uomini ma niente per almeno un anno non ne volle sapere almeno in mia presenza perchè Sandra mi disse che se lo era chiavato altre volte ma questa è unaltra storia.

Mi hanno rotto il culo | Racconto trans di Ettore

Albergo a Milano, viaggio di lavoro, navigo su internet alla ricerca di qualche bella topa da scopare, in mezzo alle foto di donna appare una nera molto bella con un cazzo enorme, incuriosito clicco ed entro nel suo sito, è un travestito brasiliano, mi eccita da morire. La chiamo, al terzo tentativo mi risponde tutta ansimante e mi invita ad andare da lei promettendomi dolcissime emozioni. Mai fatto una cosa del genere ma mi ha eccitato da morire, con un taxi la raggiungo in 10 minuti, la voglia di trasgredire mi ha preso completamente, dico a me stesso che un bel pompino stavolta me lo faccio proprio fare.

Mi hanno rotto il culo | Racconto trans di Ettore

Albergo a Milano, viaggio di lavoro, navigo su internet alla ricerca di qualche bella topa da scopare, in mezzo alle foto di donna appare una nera molto bella con un cazzo enorme, incuriosito clicco ed entro nel suo sito, è un travestito brasiliano, mi eccita da morire. La chiamo, al terzo tentativo mi risponde tutta ansimante e mi invita ad andare da lei promettendomi dolcissime emozioni. Mai fatto una cosa del genere ma mi ha eccitato da morire, con un taxi la raggiungo in 10 minuti, la voglia di trasgredire mi ha preso completamente, dico a me stesso che un bel pompino stavolta me lo faccio proprio fare.

Finalmente riesco a far montare mio marito dal Trans | Racconto trans di Elena di Castelbuono

Per un periodo , giusto per non farmi mancare niente me la sono fatta con un Trans molto bello , biondo bei lineamenti, un fisico molto curato.. un bel seno a pera accenato ma con capezzoli rifatti duri come chiodi e delle gambe da valchiria.. e poi sotto una dotazione da far paura un cazzo non grosso ma lungo oltre misura e che diventando duro fa godere come pochi uomini per cui in quel periodo io uscivo con lei (si chiama Sandra) e andavamo in giro per negozi di giorno a farci ammirare e di notte per locali equivoci. Mio marito ci spiava e qualche volta ci seguiva e si eccitava vedendoci amoreggiare e limonare senza pudore. Di giorno ci portava a fare schopping comprandoci di tutto e di piu dalla lingeria ai capi firmati e gli mandavamo ogni volta la carta di credito in tilt ma lui era contento di questa amicizia morbosa. Una sera come tante andammo a bere in enoteca e a mangiare stuzzichini vari e tra una bevuta e unaltra iniziammo a ridere e a toccarci tutti e tre tanto che dovemmo uscire dal locale e continuammo questo gioco in auto. Ad un certo punto Sandra mi tolse la gonna e iniziò a leccarmi la fica mentre mio marito faceva da guardone e si toccava dai pantaloni. Sandra era eccitata e mio marito le alzò il miniabito e vide quanto fosse eccitata e per la prima volta (almeno davanti a me..) prese a masturbarla dallo slip . Si tolse i pantaloni e anche lui sotto era vestito da femminuccia sexy con le autoreggenti e una culotta presa dalle mie mutandine. Eravamo in auto e vidi mio marito che ad un certo punto venne schizzandoci tutto addosso e si mise in un angolo della macchina mentre Sandra con il cazzo duro iniziò a scoparmi e a baciarmi in bocca facendomi eccitare e venire quasi subito. Pure Sandra venne dentro di me e restammo un pò cosi tutti e tre contenti di aver goduto. Ci rivestimmo alla meglio e tornammo a casa (in quel periodo Sandra viveva da noi) e appena arrivati mio marito si mise a letto mentre io e Sandra ci fermammo a parlare della cosa e ad un certo punto Sandra mi disse che voleva farsi mio marito e che stasera era la volta buona e mi disse se volevo scommettere che se lo sarebbe montato. Gli dissi che secondo me si sarebbe tirato indietro e lui andò in camera dove mio marito stavo dormendo. Si era messo a dormire con le autoreggenti e si era tolta la culotta e Sandra prese a carezzargli il culo e lui si stava .. poi gli prese il cazzo e glielo fece diventare duro.. poi gli mise un dito nel culetto e lui niente si faceva fare di tutto finchè Sandra lo mise a pecora e tolto il dito gli mise il suo cazzo dentro penetrandolo con me presente. Era la prima volta che vedevo mio marito inculato e mi eccitai come una porca… volevo anche io un cazzo anzi ne volevo due o tre lo ammetto ma Sandra era tutta per lui e lo montava con energia fino a sborrargli dentro e stavolta io dovetti accontentarmi di un Vibratore che tenevo e di guardare come loro due godevano . Da quel momento cercai altre volte di far scopare mio marito da Sandra o da altri miei uomini ma niente per almeno un anno non ne volle sapere almeno in mia presenza perchè Sandra mi disse che se lo era chiavato altre volte ma questa è unaltra storia.

Finalmente riesco a far montare mio marito dal Trans | Racconto trans di Elena di Castelbuono

Per un periodo , giusto per non farmi mancare niente me la sono fatta con un Trans molto bello , biondo bei lineamenti, un fisico molto curato.. un bel seno a pera accenato ma con capezzoli rifatti duri come chiodi e delle gambe da valchiria.. e poi sotto una dotazione da far paura un cazzo non grosso ma lungo oltre misura e che diventando duro fa godere come pochi uomini per cui in quel periodo io uscivo con lei (si chiama Sandra) e andavamo in giro per negozi di giorno a farci ammirare e di notte per locali equivoci. Mio marito ci spiava e qualche volta ci seguiva e si eccitava vedendoci amoreggiare e limonare senza pudore. Di giorno ci portava a fare schopping comprandoci di tutto e di piu dalla lingeria ai capi firmati e gli mandavamo ogni volta la carta di credito in tilt ma lui era contento di questa amicizia morbosa. Una sera come tante andammo a bere in enoteca e a mangiare stuzzichini vari e tra una bevuta e unaltra iniziammo a ridere e a toccarci tutti e tre tanto che dovemmo uscire dal locale e continuammo questo gioco in auto. Ad un certo punto Sandra mi tolse la gonna e iniziò a leccarmi la fica mentre mio marito faceva da guardone e si toccava dai pantaloni. Sandra era eccitata e mio marito le alzò il miniabito e vide quanto fosse eccitata e per la prima volta (almeno davanti a me..) prese a masturbarla dallo slip . Si tolse i pantaloni e anche lui sotto era vestito da femminuccia sexy con le autoreggenti e una culotta presa dalle mie mutandine. Eravamo in auto e vidi mio marito che ad un certo punto venne schizzandoci tutto addosso e si mise in un angolo della macchina mentre Sandra con il cazzo duro iniziò a scoparmi e a baciarmi in bocca facendomi eccitare e venire quasi subito. Pure Sandra venne dentro di me e restammo un pò cosi tutti e tre contenti di aver goduto. Ci rivestimmo alla meglio e tornammo a casa (in quel periodo Sandra viveva da noi) e appena arrivati mio marito si mise a letto mentre io e Sandra ci fermammo a parlare della cosa e ad un certo punto Sandra mi disse che voleva farsi mio marito e che stasera era la volta buona e mi disse se volevo scommettere che se lo sarebbe montato. Gli dissi che secondo me si sarebbe tirato indietro e lui andò in camera dove mio marito stavo dormendo. Si era messo a dormire con le autoreggenti e si era tolta la culotta e Sandra prese a carezzargli il culo e lui si stava .. poi gli prese il cazzo e glielo fece diventare duro.. poi gli mise un dito nel culetto e lui niente si faceva fare di tutto finchè Sandra lo mise a pecora e tolto il dito gli mise il suo cazzo dentro penetrandolo con me presente. Era la prima volta che vedevo mio marito inculato e mi eccitai come una porca… volevo anche io un cazzo anzi ne volevo due o tre lo ammetto ma Sandra era tutta per lui e lo montava con energia fino a sborrargli dentro e stavolta io dovetti accontentarmi di un Vibratore che tenevo e di guardare come loro due godevano . Da quel momento cercai altre volte di far scopare mio marito da Sandra o da altri miei uomini ma niente per almeno un anno non ne volle sapere almeno in mia presenza perchè Sandra mi disse che se lo era chiavato altre volte ma questa è unaltra storia.

Prima volta con trans nero | Racconto trans di Anonimo

Che giornataccia, seguita da una cena di lavoro pallossissima e noiosa da morire, tornando in albergo avevo deciso di passare nella zona del sesso, ma c’era veramente poco e niente in giro, deluso, poco prima dell’albergo, vedo una visione irreale: una nera, più alta di 180 cm, bella da morire, con tacchi a spillo, avvolta in un abito bianco largo. Mi avvicino, le chiedo le solite informazioni e mi accordo per portarla in albergo. Prima di salire in macchina mi dice che è un trans e mi fa intravedere l’uccello sotto il vestito. Rimango di sasso, ma era da un po di tempo che osservavo queste creature e mi dico di provare a vedere cosa succede, al massimo mi faccio fare un pompino. Sale in macchina, è bellissima e simpaticissima, si accorge che è la mia prima volta e sorride, toccandomi in mezzo alle gambe e facendomi sollevare subito il cerchione.

Finalmente riesco a far montare mio marito dal Trans | Racconto trans di Elena di Castelbuono

Per un periodo , giusto per non farmi mancare niente me la sono fatta con un Trans molto bello , biondo bei lineamenti, un fisico molto curato.. un bel seno a pera accenato ma con capezzoli rifatti duri come chiodi e delle gambe da valchiria.. e poi sotto una dotazione da far paura un cazzo non grosso ma lungo oltre misura e che diventando duro fa godere come pochi uomini per cui in quel periodo io uscivo con lei (si chiama Sandra) e andavamo in giro per negozi di giorno a farci ammirare e di notte per locali equivoci. Mio marito ci spiava e qualche volta ci seguiva e si eccitava vedendoci amoreggiare e limonare senza pudore. Di giorno ci portava a fare schopping comprandoci di tutto e di piu dalla lingeria ai capi firmati e gli mandavamo ogni volta la carta di credito in tilt ma lui era contento di questa amicizia morbosa. Una sera come tante andammo a bere in enoteca e a mangiare stuzzichini vari e tra una bevuta e unaltra iniziammo a ridere e a toccarci tutti e tre tanto che dovemmo uscire dal locale e continuammo questo gioco in auto. Ad un certo punto Sandra mi tolse la gonna e iniziò a leccarmi la fica mentre mio marito faceva da guardone e si toccava dai pantaloni. Sandra era eccitata e mio marito le alzò il miniabito e vide quanto fosse eccitata e per la prima volta (almeno davanti a me..) prese a masturbarla dallo slip . Si tolse i pantaloni e anche lui sotto era vestito da femminuccia sexy con le autoreggenti e una culotta presa dalle mie mutandine. Eravamo in auto e vidi mio marito che ad un certo punto venne schizzandoci tutto addosso e si mise in un angolo della macchina mentre Sandra con il cazzo duro iniziò a scoparmi e a baciarmi in bocca facendomi eccitare e venire quasi subito. Pure Sandra venne dentro di me e restammo un pò cosi tutti e tre contenti di aver goduto. Ci rivestimmo alla meglio e tornammo a casa (in quel periodo Sandra viveva da noi) e appena arrivati mio marito si mise a letto mentre io e Sandra ci fermammo a parlare della cosa e ad un certo punto Sandra mi disse che voleva farsi mio marito e che stasera era la volta buona e mi disse se volevo scommettere che se lo sarebbe montato. Gli dissi che secondo me si sarebbe tirato indietro e lui andò in camera dove mio marito stavo dormendo. Si era messo a dormire con le autoreggenti e si era tolta la culotta e Sandra prese a carezzargli il culo e lui si stava .. poi gli prese il cazzo e glielo fece diventare duro.. poi gli mise un dito nel culetto e lui niente si faceva fare di tutto finchè Sandra lo mise a pecora e tolto il dito gli mise il suo cazzo dentro penetrandolo con me presente. Era la prima volta che vedevo mio marito inculato e mi eccitai come una porca… volevo anche io un cazzo anzi ne volevo due o tre lo ammetto ma Sandra era tutta per lui e lo montava con energia fino a sborrargli dentro e stavolta io dovetti accontentarmi di un Vibratore che tenevo e di guardare come loro due godevano . Da quel momento cercai altre volte di far scopare mio marito da Sandra o da altri miei uomini ma niente per almeno un anno non ne volle sapere almeno in mia presenza perchè Sandra mi disse che se lo era chiavato altre volte ma questa è unaltra storia.

Mi hanno rotto il culo | Racconto trans di Ettore

Albergo a Milano, viaggio di lavoro, navigo su internet alla ricerca di qualche bella topa da scopare, in mezzo alle foto di donna appare una nera molto bella con un cazzo enorme, incuriosito clicco ed entro nel suo sito, è un travestito brasiliano, mi eccita da morire. La chiamo, al terzo tentativo mi risponde tutta ansimante e mi invita ad andare da lei promettendomi dolcissime emozioni. Mai fatto una cosa del genere ma mi ha eccitato da morire, con un taxi la raggiungo in 10 minuti, la voglia di trasgredire mi ha preso completamente, dico a me stesso che un bel pompino stavolta me lo faccio proprio fare.

Mi hanno rotto il culo | Racconto trans di Ettore

Albergo a Milano, viaggio di lavoro, navigo su internet alla ricerca di qualche bella topa da scopare, in mezzo alle foto di donna appare una nera molto bella con un cazzo enorme, incuriosito clicco ed entro nel suo sito, è un travestito brasiliano, mi eccita da morire. La chiamo, al terzo tentativo mi risponde tutta ansimante e mi invita ad andare da lei promettendomi dolcissime emozioni. Mai fatto una cosa del genere ma mi ha eccitato da morire, con un taxi la raggiungo in 10 minuti, la voglia di trasgredire mi ha preso completamente, dico a me stesso che un bel pompino stavolta me lo faccio proprio fare.

nonno racconti eroticimia moglie fa i pompiniscopando mia cognataracconti erotici vedovaprima segapompini raccontiracconti disciplina domesticasucchiami il cazzo mammaorge con milftrans a viterbostorie gigantessedog zoofiliastorie pormoracconto prima volta gayinculata non volutanonne porkeinculata a scuolamia moglie mi inculafiglio che scopa la madrearchivio racconti eroticicazzo nodosostorie ornola mia ragazza è stranaracconti sadomasiracconti troieracconti donne sposatefiga pelosa incestipiedino sotto il tavoloinculate la prima voltapiscia in boccamoglie scopata al maremoana cumshotesmeralda nudaleccapiedi maschiliscopate tra cuginitrans culo rottocuckold.itgiorgina la troiaporno racconti animalgay guardonidiario di una escorti racconti di lulula bella figaesibizionisti del sessoragazza fa enemavoglio prenderlo nel culodonna scopata da tre uominimia moglie scopata in spiaggiaporno mia moglie mi tradiscehotel eroticidonne feticistela gabbia femdomcazzi fintibiscotti a forma di cazzocognata tettonareggi tettebuona notte sorellina miaracconti di segheracconto erotico incestiracconti erotici bendatastorielle pornostorie di sesso gratisracconti eoritciracconti moglie pornoracconti kyraprimi la figatriobisexmogli in perizomaporno video raccontistorie di sessitroia da stradafare i pompiniracconti erotici animalicompagna di classe pompinoiomiluerotica 69racconti erotici erotici raccontimia cugina mi ha toccatoraccontie eroticibull e cuckolduomini nudi al mareracconti punizioneracconti erotici con canisega cuginaraccontiposesso di animaliflertarepompino palestraracconti per adulti con immaginiil principe azzurro è gayracconti trasgressionimamma molto porcaraccontieroracconti super pornoi generi racconti erotici