La nonna e la nipote | Racconto etero di ringhio76

nel paese in cui vivo cè una signora ormai settantenne che è sempre stata di vedute aperte e libertina, adesso è vedova ma era generosa con tanti anche quando il povero marito (cornuto) era in vita. con me ci aveva provato qualche volta in passato ma conoscendo suo figlio, di cui sono stato compagno di classe alle scuole medie, e sapendo che è un tipo poco raccomandabile ho sempre gentilmente declinato linvito. a volte mi sarebbe piaciuto, specie anni fa quando era veramente una bella e tutti in paese sapevano che passava da un cazzo allaltro come bere un bicchiere dacqua. come già detto nel corso degli anni mi ha invitato più volte a casa, ho sempre rifiutato ma qualche volte mi sono chiesto a quanto poteva essere porca a letto.

La nonna e il suo nipotino 3 | Racconto incesti di elimaialino

dopo quella notte incestuosa con la mia nonnina cioè la mia troia al mattino ci svegliammo tutti e facemmo colazione io scesi solo con i boxer e mia nonna a quella vista mia nonna la vidi mettere una mano sotto il tavolo e toccarsi la sua passerona… poi arrivò una chiamata da mia zia che voleva che andassimo a casa sua ma io e mia nonna decidemmo di non andare…. così i miei ci portarono a casa di mia nonna e loro andarono da mia zia così io e mia nonna in macchina ci continuavamo a guardarci,io non ce la facevo più avevo il cazzo duro per effetto delle sue tettone così in macchina mi appogiai sulla sua spalla e poi labbracciai e nellabbraccio portai la mia mano sulla sua tettona e gliela massaggiai per tutto il viaggio difatti lei teneva gli occhi chiusi e i suoi gemiti erano trattenuti, e così facendo i miei non se ne accorsero …. poi arrivati a casa della troia …io e lei scendemmo subito e i miei se ne andarono e mi dissero che mi venivano a prendere dopo cena… poi salimmo subito le scale fino al portoncino che si chiuse subito alle nostre spalle e poi salimmo anche le scale per raggiungere lappartamento della mia troia … e arrivati mi disse dai amore andiamo subito di la ho una voglia grossissima del tuo cazzone mmmmmh…chiudemmo subito la porta e andammo direttamente nel suo letto matrimoniale , ci spogliammo subito , io mi fiondai subito a succhiare le sue tettone e lei disse oh amore ti piacciono proprio le mie tette mmmmmh!!, poi ci dammo un bacio appassionatissimo , le nostre lingue si attorcigliarono , il nostro bacio fu lunghissimo,poi io passai alla sua passerona, la leccai come un forsennato, fino a farla venire due volte oh amore come me la lecchi bene , si brutta troia adesso però succhiami il cazzo!!!, poi lei si mettè in ginocchio e io sdraiato gia con il cazzone in tiro si mettè a succhiarmelo come se non avesse mai provato un cazzo … e mentre lo faceva mugolava si mmmmmmmh si ancora ancora ho voglia del tuo cazzo … poi allora si mise sopra di me e si inserì il mio cazzo da sola in quella passerona fradicia di umori che strabordavano, e entrò in un baleno come se fosse unapirapolvere e incomincio a galoppare sopra il mio cazzo con le mani sulla spalliera e con le sue tette che sballonzolavano sulla mia faccia, si ancora amoreeeee dammi il tuo cazzzzzooooo!!!! si troia galloppa e gli davo delle pacche sul culo, fin quando stavo per venire….. si troiiiiaaaaaaaaaa galoppaaaa di più vengo vengo !!!! e gli scaricai tutto il mio seme nel suo ventre,poi venne anche lei , oh amooreeeeeeee!! e si accasciò su di me con le tettone che si schiaciarono sul mio petto poi si tolse il mio cazzo da dentro e si sdraiò vicino a me poi dopo un po di riposo arrivò una telefonata, erano i miei e mi dissero che non avevano voglia di venirmi a prendere e che sarebbero venuti il lunedì , e io gli dissi che palle!!! va bene, e li salutai poi glielo dissi alla troia e lei mi rispose che bello amore così avrò il tuo cazzone ancora per due giorni!!…mmmmmmh che bello !! adesso vieni qui che ho voglia di massaggiarti il cazzo, così mi rimisi vicino a lei e mi feci massaggiare il mio cazzo intanto gli ricominciai a succhiare le tette e i suoi capezzoli diventarono come il marmo, poi gli rifeci la proposta , nonna perpiacere io non ce la faccio più ho voglia del tuo culo?? e lei : visto che mi hai scopato così bene te lo lascierò varcare solo se ti metti su lolio coprato apposta dalla troia…. e io le risposi va bene!! ero felicissimo e a quella risposta il mio cazzo riprese vigore in un istante, così lei tirò fuori dal cassetto lolio e mi massaggiò di nuovo il cazzo poi la feci mettere a pecora , poi me ne mise un pò sulle mani e lubrificai il suo orifizio anale e il suo culone , poi iniziai ad entrare un pò con fatica con la cappella poi andò dentro tutto e sentivo stringere quel orifizio intorno al mio cazzo e sentivo quelle pareti che lo avvolgevano fortemente, poi iniziai a montarla come una cavalla e lei urlava…. amoreeee mi fai male pianooooo!!! solo che io non mi fermai e andai avanti a incularla, poi il dolore si attenuò e incomincio a mugolare …… vai avanti amoreeee mmmmmmmmmh si ancora riempimiiiii!!!! e io le dico si troiaaaa ti sto cavalcando , adesso ti riepoooooooooo aaaaaahh!!!! e ando avanti ancora per poco, perchè la riempiii fino alle budella…e mi staccai dalla troia e mi disse oh amore è stato bellissimo , poi ci andammo a fare una doccia con la troia che mentre camminava a gambe aperte per il dolore e mentre gli colava il mio seme e io dietro che mi sentivo benissimo dopo quella grande scopata ….. e mi dissi da solo ,si avevo proprio riempito la mia nonna anzi la mia troia!!!!!! e continuò così anche per i due giorni e nel mio ritorno a casa prima di andare mi disse nellorecchio grazie amore mi hai proprio riempita e soddisfatta la prossima volta ti farò una sorpresa io!!! e io grazie troia va bene!!! e quando i miei non ci videro gli ho dato un bacio e me ne andai … e ci furono molte altre occasioni per riempirla di nuovo …. così finisco questo racconto che è parte integrante della mia vita e vi lascio alla vostra fantasia che cosè la sorpresa!!!! ciao dal vostro elimaialino…. cmq vi avviso che la sorpresa ve la farò sapere con unaltro racconto e un altro titolo di un nuovo capitolo…. mi raccomando votatemi bene!!! ciaoooooo

Nonna finalmente mia | Racconto incesti di Grannylover

Allepoca del fatto avevo 18 anni lei nonna Nila 64,una donna ancora piacente che ci teneva,sempre molto curata,capelli sempre fatti,con lei potevo parlare veramente di tutto..Era vedova e da diversi anni ero solito passare almeno un mesetto da lei visto che stava in un paesino di montagna dove trovavo riparo dalle calure della città dove abito e dove avevo molte amicizie..La notte negli anni passati dormivo nella camerina che era stata di mia madre e di mio zio ma il riposino dopo pranzo lo abbiamo sempre fatto nel suo letto insieme..Tutti i giorni tutte le estati dopo i meravigliosi pranzi che mi preparava andavamo in camera e io in mutande e lei in sottoveste ci riposavamo due orette tra sonnelli e piacevoli chiacchierate..Nel corso degli anni però con lavanzare delle mie pulsioni sessuali quello era anche diventato per me un momento di eccitazione incredibile..ho sempre avuto preferenze sessuali per le donne over 60,fino a quellestate solo nei pensieri ovviamente,e lei ai miei occhi era divina…gli anni passati aspettavo che si addormentasse per guardarmela tutta,per sfiorarla,a volte gli alzavo la sottoveste per ammirare la peluria che usciva dai lati delle sue mutande e mi avvicinavo ad annusarla….non vi dico le seghe che mi facevo…Quellanno ero rimasto daccordo con lei che sarei andato per i primi di Luglio,presi il mio scooter qualche vestito nello zaino,gli altri li avrebbe portati mamma,e andai su da lei….arrivai verso le 11 ci salutammo con due bei baci sulle guance parlammo un po lei intanto comiciò a cucinare e io seduto sulla poltrona di cucina me la guardavo e mi immaginavo il dopo pranzo,la sua sottoveste le mutande lodore della sua fica,insomma mi stavo eccitando….finiamo di pranzare la aiuto a sparecchiare,lei va in bagno e io preparo il caffè,quando torna è in sottoveste nera mi passa davanti io gli guardo il culo e le cosce,sto muorendo dalla voglia di andare a letto,ah hai fatto il caffè mi porge una delle 2 tazzine qui rimetto a posto più tardi vado a stendermi un po,vieni anche tu o ormai sei abituato alle ragazze della tua età e non ti va di venire a letto con una vecchiettae con un sorriso uscì dalla cucina….rimasi sulla poltrona con il caffè in mano,ero un pò spiazzato,il cazzo mi esplodeva,è solo una battuta pensai ma ho solo un modo per scoprirlo io mi butto,finii il caffè e mi avventai in camera sua….busso ed entro,la serranda abbassata lascia entrare un pò di luce,lei è su un fianco verso lesterno del letto con una gamba distesa e laltra tirata su…è meravigliosa in quella posizione si vedono tutte quelle curve,gira un pò la testa sei venuto allora da nonna,io intanto mi tolgo la maglietta le infradito e i pantaloncini mi sistemo accanto a lei la abbraccio da dietro,una mano sotto il suo cuscino laltra sul fianco ,metto una gamba sulla sua distesa,sentirà sicuramente la mia erezione,mi avvicino allorecchio le dicosecondo te se una bella donna mi invita ad andare a letto con lei io non ci vado?..Fabiosussulta lei cosa ti sei messo in testa di fare,sono tua nonnamentre dice queste parole però sento il suo culo muoversi e spingere verso di me…la mia mano risale la sua coscia fino alla natica alzando la sottovestequello che da anni sogno di fare,lo so benissimo che sei mia nonna ma siamo anche un uomo e una donna mezzi nudi su un letto,se vuoi smetto ma ho una voglia matta di scoparti tutta…mi spinge allindietro,ora mi ritrovo supino lei si gira mette una coscia sopra di me e la testa sul mio petto,comincia a baciarlo con foga,poi si tira su si toglie le mutandine e me le lancia sul viso le annuso,poi fa per togliersi la sottoveste ma io le dicotogliti solo il reggisenoubbidisce e poi mi toglie i miei slip…si rituffa su di me comincia a baciarmi e mordicchiarmi dalla pancia in su arriva al petto la prendo e comincio a baciarla lentamente ma profondamente,le lingue e le salive si mischiano…una sua mano afferra il mio cazzo di marmo e lo massaggia dalle palle fino alla cappella,sa il fatto suo,poi ricomincia con baci morsetti e leccate a tornare verso il basso…lo prende in bocca,quindi si dedica totalmente a leccarmelo dalle palle passando con la lingua lungo lasta e su fino alla cappella che succhia avidamente….mi guarda negli occhi mentre lo fa sto muorendo…la afferro per la testa e la tiro verso me,lei si infila il cazzo bello umido di saliva nella fica e comincia a cavalcarmi..si muove bene,la sento sdrusciare bene la fica al mio pube mentre io gli abbasso le spalline e la sottoveste facendogli fuoriuscire le tette,una terza bella morbida,bei capezzoloni che succhio avidamente…lei mi prende la testa e guardandomi negli occhi non ci credo mi fai venire pochi altri movimenti e si butta su di me fermandosi…affondo altri due o tre volte il cazzo dentro lei tenendola stretta per il culo..ogni affondo un gemito di piacere..poi si sfila dal mio cazzo e si mette a pecora con le mani appoggiate alla testata del letto..scopami così tesoro,vienimi dentro,ho voglia di sentirti venire dentro di me..non me lo faccio dire due volte e sono subito dietro di lei…pochi minuti,la schiaffeggio un pò sulle chiappe poi la prendo per le spalle tre/quattro colpi fortissimi lanciamo tutti e due un gemito e la riempio di sborra…lei si alza e appoggia la schiena a me la abbraccio e la bacio da dietro…ci mettiamo giù e ci addormentiamo tutti aggrovigliati…al mio risveglio lei non cè,ci sono però le sue mutandine e il suo reggiseno,sento rumori in cucina la raggiungo tutto nudo,la trovo allacquaio che lava i piatti con solo la sottoveste, ben svegliato tesoro…ciaogli dico io,comincio a sdrusciargli il cazzo sulle chiappe,la bacio sul collo,la giro gli faccio cadere la sottoveste e comincio a leccargli i capezzoli poi mi inginocchio e gli lecco la fica…la scopo in cucina in piedi da davanti al lavandino e a pecora appoggiata al tavolo…..così sono diventato lamante di mia nonna,quel giorno e quel mese sono senza dubbio le esperienze sessuali più belle della mia vita…non ho più scopato nessuna in quel modo…

Nonna depravata | Racconto incesti di stea72

Eravamo stati alla festa di prima comunione di una mia cugina ed io come al solito mi ero abbuffato di dolci. In più mio zio aveva insistito per farmi bere lo spumante. All’epoca l’alcool non lo reggevo per niente. Quando arrivammo a casa dovetti correre in bagno per vomitare, ma purtroppo non servì a liberarmi completamente. Fu una notte infernale e neanche la camomilla servì a molto. Credo che crollai verso le quattro di notte. Logicamente la mattina non andai a scuola ma nonna comunque mi svegliò non troppo tardi. Erano infatti le nove quando una sua carezza mi fece aprire gli occhi. Purtroppo il mio risveglio coincise con delle fitte addominali tremende, quasi da farmi piangere.

La nonna e Luamba | Racconto incesti di obelix55

Vi voglio raccontare una nuova storia .Per chi non mi conosce sono quello in possesso di un cazzo esagerato,ho perso la mia verginità con mia nonna che è stata l’unica che non si è spaventata delle mie misure, ma che anzi gradisce molto farsi scopare da me. La mia famiglia è abbastanza agiata per cui tre volte la settimana viene da noi una colf a fare le faccende di casa,è una donna di colore di mezza età,io non l’ avevo mai valutata dal punto di vista sessuale ma devo dire che ultimamente vederla girare per casa in vestaglia mi provoca pensieri sconci. Luamba, cosi si chiama è non molto alta ma è bella in carne e soprattutto con due poppe enormi. Negli ultimi giorni ho avuto modo di vederla in bagno mentre faceva i suoi bisogni, lo so che spiare dal buco della serratura è infantile ma che spettacolo. Quando si tirò giu i mutandoni bianchi apparve un cespuglio molto sviluppato,io adoro le fiche pelose, dopo che ebbe fatto per rimettersi le mutande mi beai della visione del suo culone rotondo e apparentemente bello sodo.Il pensiero di scoparmela si faceva sempre più strada.Una mattina eravamo in cucina.lei stava pulendo la cucina io facevo colazione, ma la guardavo più che altro guardavo le sue enormi tette che facevano capolino dalla vestaglia.Ad un certo punto la invitai a sedersi per una tazza di caffè,lei fu un poco restia ma poi si convinse. Ci mettemmo a parlare , lei mi raccontò della sua vita in africa , mentre parlava io non badavo tanto alle sue parole ma ero molto concentrato sulle sua tettone tanto che l’uccello mi diventò duro sotto il pigiama decisi di tentare il tutto per tutto la voglia di ficcarglieo dentro era sempre più forte . Le domandai se fosse sposata lei arrossendo mi rispose che era ormai già troppo anziana per interessare qualcuno,giocai la mia carta “Ma cosa dici Luamba sei una donna molto attraente,fai colpo sugli uomini credimi!” “Ma cosa dice signorino !” Mi chiamava cosi era più forte di lei “Guarda che effetto fai a me !” Mialzai e le scodellei l’uccello duro e paonazzo su tavolo “ Oh my …god…!” “ Non ti spaventare !” “No..io non paura signorino…solo sorpresa!..non …sapevo…che …lei….lei!” “Lo so è troppo grosso,vero?” “No!” mi raccontò che a nove anni ,come da tradizione, era stata sverginata da suo nonno che aveva un cazzo enorme.Le prime volta aveva sentito male ma poi era lei ad andare a cercare il nonno per farsi trombare,per cui i cazzi grossi lo la spaventavano,ma aggiunse anche che un cazzo cosi non l’ aveva neppure immaginato . Mi avvicinai a lei e le misi il cazzo su una spalla ,lei allungò la mano in modo incerto ma quando lo strinse fu ben decisa io da dietro le infilai le mani sotto la vestaglia e le brancicai le tettone calde e dure con due grossi capezzoli durissimi . Luamba si era alzò poi si inginocchio e mi prese in bocca la cappella durissima ,riusci ad imboccare tutta la cappella e me segava il cazzo con due mani,che goduria era veramente brava a fare i pompini.”Dai spogliati voglio vederti tutta !” Si sbottono la vestaglia sotto aveva della biancheria rossa reggiseno e mutane di pezzo che risaltavano su quella pelle nera come il carbone. Scodellò dal reggiseno le poppe enormi , i capezzoli avevano le dimensioni di un mignolo ,glieli succhiai e mordicchiai intanto che le carezzavo la folta peluria fino ad insinuare un dito nella sua fica che grondava. Aveva anche lei una forte eccitazione le sfilai le mutande e immersi il naso nella passera odorosa.Le diedi una passata di lingua sul clitoride lei mugolò “Dai signorino dammi il tuo grosso ungum !”La feci sdraiare sul tavolo e alzai le coscione robuste ,la fica color corallo spiccava tra i peli.Gliela leccai brevemente facendola godere sul mio viso.”…Dai….signorino…….mettilo…!”.Le puntai la cappella lucida all’ingresso della fica che colava sulla sue chiappone ,la punta stava entrandole dentro,la fica emise delle scureggine quando il cazzo le si fece strada nella pancia. Glielo infilai in pancia poco più della metà ,quando le picchiai sull’ utero emise un urletto “…My …god…is …..tutto no si…gnorino è troppo..!” “Tranquilla ,ti piace o ti fa male ?” “ E’ …bello……wonderful…..dai ….signorino…….fuck me….!”. Cominciai a pomparla lentamente,lei scuoteva la testa di qua e di là godendo di brutto,ogni tanto le davo un colpo più profondo e lei si scuoteva tutta facendo ballonzolare le grandi poppe. “ E brava Luamba!”.Trasalimmo era la nonna ,non l’avevamo sentiata rientrare .La situazione era evidente ,Luamba assunse una espressione spaventata ,certo temeva di essere licenziata. “No Luamba tranquilla non ti preoccupare !” La rassicurò la nonna e mentre lo faceva cominciò a spogliarsi .Luamba la guardò meravigliata “Non vorrai trombartelo tutto te vero!” . La nonna pronunciando queste parole aveva finito di spogliarsi,era rimasta con un reggiseno ,calze e reggicalze neri.Si mise a ciucciare le poppe di Luamba, che tranquillizzata gradiva molto,ricominciai a scoparla finchè venne tre o quattro volte. “Ora Luamba lo voglio anche io!” Certo signora….ma che….cazzo ha il….signorino!” “Lo so è meraviglioso!” Lo sfilai di pancia a Luamba grosse gocce di succo di fica formarono una pozzetta in terra ,la nonna si mise a pecora con la testa tra le cosce di Luamba porgendomi il culetto secco,io sapevo già che la nonna lo voleva nel culo,il cazzo duro era già bello lubrificato dalle secrezioni che non ci fù bisogno di ungerlo . La cappellà entrò comprimendo la fica che rumoreggiò.”Ahhh….sii…spingi…ficcamelo tutto!” La accontentai la riempii proprio fino in fondo e con tutta quella ciccia in culo la comincai a scopare a fondo,la nonna soffocò le sue grida di godimento nella fica lucente di Luamba che veniva urlando.Dopo che la nonna venne copiosamente andando ad allargare la pozzetta di succhi a terra mi pregò di fermarmi che le bruciava il buco del culo,glielo tolsi dalle budella arroventate. “Dai dagliene ancora a Luamba!” “Sii…la prego…signorino….ancora ……cazzone….a …Luamba!” .Glielo rimisi dentro e lei godette immeditatamente.Stavo per venire accelerai il ritmo e Luamba gridò sentendo le pompate che le davo ,lo sfilai e glielo poggiai sulla pancia tonda , la sbroda le si spiaccicò sulle poppe e alcuni schizzi le arrivarono anche sul viso “Oddio….my..god….la mia …..povera …pussy……è…..spalancata…..!” Esclamo Luamba toccandosela “Un uccello come il suo lascia il segno! Guarda iol mio povero culo!” Si girò e mostrò il buco del culo arrossato e spalancato “Signora..lei…se lo è preso dietro…e non fà male?” “beh un poco ma che sensazione quando lo infila tutto te lo senti fino in gola,è meraviglioso. Prova non te ne pentirai !” “ Ma ..non ..so …ho… paura…e poi ….il signorino…..!” Disse guardando il mio cazzo floscio. “Ma questo non è un problema!” Rispose la nonna ridendo. Poi si inginocchio davanti a me e con mosse abili me lo fece diventare di nuovo duro “Visto!” Esclamò orgogliosa.”Lo vuoi provare Luamba?” Disse la nonna agitando il cazzone enorme nella direzione di Luamba “Sii…ma non…voglio che mi faccia del male !” “Tranquilla ti aiuto io!” La nonna aiutò Luamba a scendere dal tavolo e a ripulirsi .Poi ci trasferimmo in salotto ,la nonna fece inginocchiare Luamba sul divano ,dopo aver messo sotto un pesante asciugamano.Prese la crema che teneva in camera ecominciò ad ungerle il buco del culo scuro e grinzoso .Quando fu ben lubrificato passò al mio cazzo ,che all’idea di incularmi quelle chiappone nere era duro come il marmo .Mentre la nonna indirizzava la cappella al buco comincio a masturbare il grosso griletto ,poi cominciai a spingere delicatamente “yes….sento….il…cazzo..tutto…bene…dai…signora ..lecca…Luamba….piace!” Obbidendo la nonna si mise a leccare il ficone ancora arrossato.Luamba cominciò a godere.Il buco del culo boccheggiava sotto la goduta e io ne approfittai e con un colpo
deciso riuscii a ficcarle dentro la cappella.”AHHH…go

La nonna e il suo nipotino 3 | Racconto incesti di elimaialino

dopo quella notte incestuosa con la mia nonnina cioè la mia troia al mattino ci svegliammo tutti e facemmo colazione io scesi solo con i boxer e mia nonna a quella vista mia nonna la vidi mettere una mano sotto il tavolo e toccarsi la sua passerona… poi arrivò una chiamata da mia zia che voleva che andassimo a casa sua ma io e mia nonna decidemmo di non andare…. così i miei ci portarono a casa di mia nonna e loro andarono da mia zia così io e mia nonna in macchina ci continuavamo a guardarci,io non ce la facevo più avevo il cazzo duro per effetto delle sue tettone così in macchina mi appogiai sulla sua spalla e poi labbracciai e nellabbraccio portai la mia mano sulla sua tettona e gliela massaggiai per tutto il viaggio difatti lei teneva gli occhi chiusi e i suoi gemiti erano trattenuti, e così facendo i miei non se ne accorsero …. poi arrivati a casa della troia …io e lei scendemmo subito e i miei se ne andarono e mi dissero che mi venivano a prendere dopo cena… poi salimmo subito le scale fino al portoncino che si chiuse subito alle nostre spalle e poi salimmo anche le scale per raggiungere lappartamento della mia troia … e arrivati mi disse dai amore andiamo subito di la ho una voglia grossissima del tuo cazzone mmmmmh…chiudemmo subito la porta e andammo direttamente nel suo letto matrimoniale , ci spogliammo subito , io mi fiondai subito a succhiare le sue tettone e lei disse oh amore ti piacciono proprio le mie tette mmmmmh!!, poi ci dammo un bacio appassionatissimo , le nostre lingue si attorcigliarono , il nostro bacio fu lunghissimo,poi io passai alla sua passerona, la leccai come un forsennato, fino a farla venire due volte oh amore come me la lecchi bene , si brutta troia adesso però succhiami il cazzo!!!, poi lei si mettè in ginocchio e io sdraiato gia con il cazzone in tiro si mettè a succhiarmelo come se non avesse mai provato un cazzo … e mentre lo faceva mugolava si mmmmmmmh si ancora ancora ho voglia del tuo cazzo … poi allora si mise sopra di me e si inserì il mio cazzo da sola in quella passerona fradicia di umori che strabordavano, e entrò in un baleno come se fosse unapirapolvere e incomincio a galoppare sopra il mio cazzo con le mani sulla spalliera e con le sue tette che sballonzolavano sulla mia faccia, si ancora amoreeeee dammi il tuo cazzzzzooooo!!!! si troia galloppa e gli davo delle pacche sul culo, fin quando stavo per venire….. si troiiiiaaaaaaaaaa galoppaaaa di più vengo vengo !!!! e gli scaricai tutto il mio seme nel suo ventre,poi venne anche lei , oh amooreeeeeeee!! e si accasciò su di me con le tettone che si schiaciarono sul mio petto poi si tolse il mio cazzo da dentro e si sdraiò vicino a me poi dopo un po di riposo arrivò una telefonata, erano i miei e mi dissero che non avevano voglia di venirmi a prendere e che sarebbero venuti il lunedì , e io gli dissi che palle!!! va bene, e li salutai poi glielo dissi alla troia e lei mi rispose che bello amore così avrò il tuo cazzone ancora per due giorni!!…mmmmmmh che bello !! adesso vieni qui che ho voglia di massaggiarti il cazzo, così mi rimisi vicino a lei e mi feci massaggiare il mio cazzo intanto gli ricominciai a succhiare le tette e i suoi capezzoli diventarono come il marmo, poi gli rifeci la proposta , nonna perpiacere io non ce la faccio più ho voglia del tuo culo?? e lei : visto che mi hai scopato così bene te lo lascierò varcare solo se ti metti su lolio coprato apposta dalla troia…. e io le risposi va bene!! ero felicissimo e a quella risposta il mio cazzo riprese vigore in un istante, così lei tirò fuori dal cassetto lolio e mi massaggiò di nuovo il cazzo poi la feci mettere a pecora , poi me ne mise un pò sulle mani e lubrificai il suo orifizio anale e il suo culone , poi iniziai ad entrare un pò con fatica con la cappella poi andò dentro tutto e sentivo stringere quel orifizio intorno al mio cazzo e sentivo quelle pareti che lo avvolgevano fortemente, poi iniziai a montarla come una cavalla e lei urlava…. amoreeee mi fai male pianooooo!!! solo che io non mi fermai e andai avanti a incularla, poi il dolore si attenuò e incomincio a mugolare …… vai avanti amoreeee mmmmmmmmmh si ancora riempimiiiii!!!! e io le dico si troiaaaa ti sto cavalcando , adesso ti riepoooooooooo aaaaaahh!!!! e ando avanti ancora per poco, perchè la riempiii fino alle budella…e mi staccai dalla troia e mi disse oh amore è stato bellissimo , poi ci andammo a fare una doccia con la troia che mentre camminava a gambe aperte per il dolore e mentre gli colava il mio seme e io dietro che mi sentivo benissimo dopo quella grande scopata ….. e mi dissi da solo ,si avevo proprio riempito la mia nonna anzi la mia troia!!!!!! e continuò così anche per i due giorni e nel mio ritorno a casa prima di andare mi disse nellorecchio grazie amore mi hai proprio riempita e soddisfatta la prossima volta ti farò una sorpresa io!!! e io grazie troia va bene!!! e quando i miei non ci videro gli ho dato un bacio e me ne andai … e ci furono molte altre occasioni per riempirla di nuovo …. così finisco questo racconto che è parte integrante della mia vita e vi lascio alla vostra fantasia che cosè la sorpresa!!!! ciao dal vostro elimaialino…. cmq vi avviso che la sorpresa ve la farò sapere con unaltro racconto e un altro titolo di un nuovo capitolo…. mi raccomando votatemi bene!!! ciaoooooo

La nonna e la nipote | Racconto etero di ringhio76

nel paese in cui vivo cè una signora ormai settantenne che è sempre stata di vedute aperte e libertina, adesso è vedova ma era generosa con tanti anche quando il povero marito (cornuto) era in vita. con me ci aveva provato qualche volta in passato ma conoscendo suo figlio, di cui sono stato compagno di classe alle scuole medie, e sapendo che è un tipo poco raccomandabile ho sempre gentilmente declinato linvito. a volte mi sarebbe piaciuto, specie anni fa quando era veramente una bella e tutti in paese sapevano che passava da un cazzo allaltro come bere un bicchiere dacqua. come già detto nel corso degli anni mi ha invitato più volte a casa, ho sempre rifiutato ma qualche volte mi sono chiesto a quanto poteva essere porca a letto.

Nonna finalmente mia | Racconto incesti di Grannylover

Allepoca del fatto avevo 18 anni lei nonna Nila 64,una donna ancora piacente che ci teneva,sempre molto curata,capelli sempre fatti,con lei potevo parlare veramente di tutto..Era vedova e da diversi anni ero solito passare almeno un mesetto da lei visto che stava in un paesino di montagna dove trovavo riparo dalle calure della città dove abito e dove avevo molte amicizie..La notte negli anni passati dormivo nella camerina che era stata di mia madre e di mio zio ma il riposino dopo pranzo lo abbiamo sempre fatto nel suo letto insieme..Tutti i giorni tutte le estati dopo i meravigliosi pranzi che mi preparava andavamo in camera e io in mutande e lei in sottoveste ci riposavamo due orette tra sonnelli e piacevoli chiacchierate..Nel corso degli anni però con lavanzare delle mie pulsioni sessuali quello era anche diventato per me un momento di eccitazione incredibile..ho sempre avuto preferenze sessuali per le donne over 60,fino a quellestate solo nei pensieri ovviamente,e lei ai miei occhi era divina…gli anni passati aspettavo che si addormentasse per guardarmela tutta,per sfiorarla,a volte gli alzavo la sottoveste per ammirare la peluria che usciva dai lati delle sue mutande e mi avvicinavo ad annusarla….non vi dico le seghe che mi facevo…Quellanno ero rimasto daccordo con lei che sarei andato per i primi di Luglio,presi il mio scooter qualche vestito nello zaino,gli altri li avrebbe portati mamma,e andai su da lei….arrivai verso le 11 ci salutammo con due bei baci sulle guance parlammo un po lei intanto comiciò a cucinare e io seduto sulla poltrona di cucina me la guardavo e mi immaginavo il dopo pranzo,la sua sottoveste le mutande lodore della sua fica,insomma mi stavo eccitando….finiamo di pranzare la aiuto a sparecchiare,lei va in bagno e io preparo il caffè,quando torna è in sottoveste nera mi passa davanti io gli guardo il culo e le cosce,sto muorendo dalla voglia di andare a letto,ah hai fatto il caffè mi porge una delle 2 tazzine qui rimetto a posto più tardi vado a stendermi un po,vieni anche tu o ormai sei abituato alle ragazze della tua età e non ti va di venire a letto con una vecchiettae con un sorriso uscì dalla cucina….rimasi sulla poltrona con il caffè in mano,ero un pò spiazzato,il cazzo mi esplodeva,è solo una battuta pensai ma ho solo un modo per scoprirlo io mi butto,finii il caffè e mi avventai in camera sua….busso ed entro,la serranda abbassata lascia entrare un pò di luce,lei è su un fianco verso lesterno del letto con una gamba distesa e laltra tirata su…è meravigliosa in quella posizione si vedono tutte quelle curve,gira un pò la testa sei venuto allora da nonna,io intanto mi tolgo la maglietta le infradito e i pantaloncini mi sistemo accanto a lei la abbraccio da dietro,una mano sotto il suo cuscino laltra sul fianco ,metto una gamba sulla sua distesa,sentirà sicuramente la mia erezione,mi avvicino allorecchio le dicosecondo te se una bella donna mi invita ad andare a letto con lei io non ci vado?..Fabiosussulta lei cosa ti sei messo in testa di fare,sono tua nonnamentre dice queste parole però sento il suo culo muoversi e spingere verso di me…la mia mano risale la sua coscia fino alla natica alzando la sottovestequello che da anni sogno di fare,lo so benissimo che sei mia nonna ma siamo anche un uomo e una donna mezzi nudi su un letto,se vuoi smetto ma ho una voglia matta di scoparti tutta…mi spinge allindietro,ora mi ritrovo supino lei si gira mette una coscia sopra di me e la testa sul mio petto,comincia a baciarlo con foga,poi si tira su si toglie le mutandine e me le lancia sul viso le annuso,poi fa per togliersi la sottoveste ma io le dicotogliti solo il reggisenoubbidisce e poi mi toglie i miei slip…si rituffa su di me comincia a baciarmi e mordicchiarmi dalla pancia in su arriva al petto la prendo e comincio a baciarla lentamente ma profondamente,le lingue e le salive si mischiano…una sua mano afferra il mio cazzo di marmo e lo massaggia dalle palle fino alla cappella,sa il fatto suo,poi ricomincia con baci morsetti e leccate a tornare verso il basso…lo prende in bocca,quindi si dedica totalmente a leccarmelo dalle palle passando con la lingua lungo lasta e su fino alla cappella che succhia avidamente….mi guarda negli occhi mentre lo fa sto muorendo…la afferro per la testa e la tiro verso me,lei si infila il cazzo bello umido di saliva nella fica e comincia a cavalcarmi..si muove bene,la sento sdrusciare bene la fica al mio pube mentre io gli abbasso le spalline e la sottoveste facendogli fuoriuscire le tette,una terza bella morbida,bei capezzoloni che succhio avidamente…lei mi prende la testa e guardandomi negli occhi non ci credo mi fai venire pochi altri movimenti e si butta su di me fermandosi…affondo altri due o tre volte il cazzo dentro lei tenendola stretta per il culo..ogni affondo un gemito di piacere..poi si sfila dal mio cazzo e si mette a pecora con le mani appoggiate alla testata del letto..scopami così tesoro,vienimi dentro,ho voglia di sentirti venire dentro di me..non me lo faccio dire due volte e sono subito dietro di lei…pochi minuti,la schiaffeggio un pò sulle chiappe poi la prendo per le spalle tre/quattro colpi fortissimi lanciamo tutti e due un gemito e la riempio di sborra…lei si alza e appoggia la schiena a me la abbraccio e la bacio da dietro…ci mettiamo giù e ci addormentiamo tutti aggrovigliati…al mio risveglio lei non cè,ci sono però le sue mutandine e il suo reggiseno,sento rumori in cucina la raggiungo tutto nudo,la trovo allacquaio che lava i piatti con solo la sottoveste, ben svegliato tesoro…ciaogli dico io,comincio a sdrusciargli il cazzo sulle chiappe,la bacio sul collo,la giro gli faccio cadere la sottoveste e comincio a leccargli i capezzoli poi mi inginocchio e gli lecco la fica…la scopo in cucina in piedi da davanti al lavandino e a pecora appoggiata al tavolo…..così sono diventato lamante di mia nonna,quel giorno e quel mese sono senza dubbio le esperienze sessuali più belle della mia vita…non ho più scopato nessuna in quel modo…

Nonna 3 | Racconto incesti di visionario 2

Ormai ci siamo raccontate tutto e la cosa mi piace e mentre sono a letto con le tette della nonna in bocca penso a cosa si inventeranno Franco e la nonna e cosa faremo con l’amica,sarà una maiala oppure dovremo insegnarle tutto,con questi pensieri mi addormento accarezzandomi la mia fighetta depilata.

moglie puttana maritocornutogiochi erotici tra amiciincesto mamma e figliatroia cornutoracconti erotici di sottomissionepompino alla stazioneprenderlo nel didietroracconti incesti mamma figliosesso con dottoressadolcemente deborahsamael lilithmia zia è una troiamoglie putanastoriedi sessomi scopo la mia migliore amicascopata profgenere dei racconti eroticiporche in perizomaracconti erotici iniziazionemadre scopataraccpnti eroticizoccolonanonna pompiniracconti porno tradimentiorgia scuolaraccontti eroticiracconti erotici.itfesta bdsmstorie erotiche incestisolletico ai piedi con una piumaho scopato mia cuginale amiche del cazzofiga rottaracconti erotici la suoceramamma gnoccaporno racconti eroticiracconti erotici di lesbichedildo nel culosborrate in macchinati sfondo troiaxxx racconti pornoracconti sessualiracconti erotiviwww racconti pornoracconti hard incestipompini a canistorie sesso vereracconti veri di incestodominazione sottomissioneinculata sullo sgabellostorie lesbinculate di gruppotrans con mia moglieeroticenonno scopa nonnasesso madre e figliamamma che tettepiscio in bocca a mia mogliecarnevale eroticoraccontiincesto69carota in culofighe dal ginecologocazzi in manolei scopadonne tutte troieil ditalinoscopata con sorellaeacconti eroticianziana porcastorie erotiche gayottava di tetteincesti italinitette di antonella clericiracconti x adultifeticismo raccontiscopate a scuola