Mamma mi fai un pompino? – 6 – Le prime sborrate nella sua fica | Racconto incesti di Anna madre incestuosa

Oggi ho deciso di riprendere il filo del racconto ripartendo da quello che era successo il mattino del mio risveglio dopo quel primo,traumatico pompino che avevo fatto a mio figlio e poi…tutto quello che era accaduto nei giorni successivi e che aveva dato inizio al definitivo cambiamento del corso della mia vita affettiva,erotica e della mia visione morale e del mondo.

Mamma mi fai un pompino? – 6 – Le prime sborrate nella sua fica | Racconto incesti di Anna madre incestuosa

Oggi ho deciso di riprendere il filo del racconto ripartendo da quello che era successo il mattino del mio risveglio dopo quel primo,traumatico pompino che avevo fatto a mio figlio e poi…tutto quello che era accaduto nei giorni successivi e che aveva dato inizio al definitivo cambiamento del corso della mia vita affettiva,erotica e della mia visione morale e del mondo.

Che bella scoperta la domestica…… maiala! | Racconto tradimenti di skeggia

In assenza di mia moglie, era già capitato altre volte di rimanere solo in casa con Caterina (nome di fantasia) domestica Slovacca, 47 anni bruttina di viso ma con un gran bel fisico, asciutto, sedete alto e seno sodo (allincirca una 3a credo) che lasciava spesso intravedere portando magliette aderenti. Solitamente le ore trascorrevano velocemente ogni uno per i fatti suoi, lei assolta dalle sue faccende ed io impegnato sempre a fare altro, ed oltre a qualche sbirciatina al suo di dietro o a qualche scolatura niente più, nessuna fantasia in particolare.

Mia suocera mi fa inculare da marocchino | Racconto orge di gigi il cornuto

Da molto tempo scopo mia suocera e con lei alcune sue vecchie amiche grandissime troie. un giorno mi chiede mi piacerebbe vederti inculare da un mio amico, io gli dico be ma labbiamo già fatto altre volte ma lei insiste questa volta è speciale. va bene dopo un paio di giorni mia moglie mi dice è arrivata mia madre con un suo amico io intanto vado dal parrucchiere. arriva intato mia suocera e mi presenta il suo amico, marocchino e dopo pochi convenevoli mi dice dai incominciamo e cosi dicendo si abbasso sul suo amico e gli estrae il cazzo accidenti che cazzo sarà almeno 25 cm.e quent,è grosso io gli dico ma è enorme va bene per il tuo culo dove infili anche 2 cazzi ma nel mio mi farà malissimo, lei mi dice da non fare lo scemo prendi e sta zitto a me hai fatto mettere in culo di tutto ora tocca a te equindi senza fare storie prendilo nel culo. il marocchino mi fece mettere a col la testa nella figa di mia suocera ed il buco del culo a 90 gradi e senza darmi una leccata mi infilo lenorme cazzo io detti un urlo ed una morsicata alla figa di mia suocera ma lui continuono a stantuffarmi nel buco del culo lenorme cazzo. dopo alcuni colpi incomicia a godere e devo dire che alla fine mi piaque molto. a questo punto rientro mia moglie che vedendo questo cazzo gocciolante di sperma lo prese tranquillamente in bocca e lo succhio fino a farglielo rizzare ancora e senza aspettare altro si levò lo slip e si infilo il cazzo in figa mentre mia suocera gli leccò il buco del culo per prepararlo a ricevere il grosso cazzo e mi disse non ti preoccupare la gia preso altre volte. questo mio amico ci ha fatto assaggiare anche il cazzo del suo cavallo e ti assicuro che è stato fantastico la prossima volta verrai anche tu. dopo avere sfondato il buco del culo di mia moglie il marocchimo volle venire in bocca a me e per poco non affogavo dalla quantita di sperma che mi verso in bocca. mia suocera intanto si era messa a succhiami il cazzo e cosi anchio venni copiosamente in bocca a lei mentre mia moglie aveva incominciato un furioso ditalino. ciao allao prossima visita al cavallo ed altro del marocchino.

Mia suocera mi fa inculare da marocchino | Racconto orge di gigi il cornuto

Da molto tempo scopo mia suocera e con lei alcune sue vecchie amiche grandissime troie. un giorno mi chiede mi piacerebbe vederti inculare da un mio amico, io gli dico be ma labbiamo già fatto altre volte ma lei insiste questa volta è speciale. va bene dopo un paio di giorni mia moglie mi dice è arrivata mia madre con un suo amico io intanto vado dal parrucchiere. arriva intato mia suocera e mi presenta il suo amico, marocchino e dopo pochi convenevoli mi dice dai incominciamo e cosi dicendo si abbasso sul suo amico e gli estrae il cazzo accidenti che cazzo sarà almeno 25 cm.e quent,è grosso io gli dico ma è enorme va bene per il tuo culo dove infili anche 2 cazzi ma nel mio mi farà malissimo, lei mi dice da non fare lo scemo prendi e sta zitto a me hai fatto mettere in culo di tutto ora tocca a te equindi senza fare storie prendilo nel culo. il marocchino mi fece mettere a col la testa nella figa di mia suocera ed il buco del culo a 90 gradi e senza darmi una leccata mi infilo lenorme cazzo io detti un urlo ed una morsicata alla figa di mia suocera ma lui continuono a stantuffarmi nel buco del culo lenorme cazzo. dopo alcuni colpi incomicia a godere e devo dire che alla fine mi piaque molto. a questo punto rientro mia moglie che vedendo questo cazzo gocciolante di sperma lo prese tranquillamente in bocca e lo succhio fino a farglielo rizzare ancora e senza aspettare altro si levò lo slip e si infilo il cazzo in figa mentre mia suocera gli leccò il buco del culo per prepararlo a ricevere il grosso cazzo e mi disse non ti preoccupare la gia preso altre volte. questo mio amico ci ha fatto assaggiare anche il cazzo del suo cavallo e ti assicuro che è stato fantastico la prossima volta verrai anche tu. dopo avere sfondato il buco del culo di mia moglie il marocchimo volle venire in bocca a me e per poco non affogavo dalla quantita di sperma che mi verso in bocca. mia suocera intanto si era messa a succhiami il cazzo e cosi anchio venni copiosamente in bocca a lei mentre mia moglie aveva incominciato un furioso ditalino. ciao allao prossima visita al cavallo ed altro del marocchino.

Come mi hanno imputtanito la moglie parte 1 | Racconto scambio di coppia di Walterigio

Questa è la storia di come mia moglie e stata convinta a diventare una puttana da una coppia di veri porci professionisti. Era la seconda volta che entravamo in quel club prive ed anche in un prive in assoluto. Dopo un po di giri di perlustrazione entriamo nella sala per sole coppie ed inizio a giocare con mia moglie Laura. Era ancora vestita, ma le avevo tirato la gonna fino allombelico, tolto le mutandine e la stavo masturbando con passione. Laura e una bella trentacinquenne, bionda, occhi azzurri, non molto alta ma una terza piena ed un culetto niente male. Mia moglie e pluriorgasmica e se eccitata gode molto facilmente. Io, Walter, quarantenne, alto castano, ben dotato ed anche grande porco. Mentre ero impegnato nel farle il ditalino una coppia si avvicina a noi e mentre lui, seduto di fianco a Laura non fa nulla, la sua donna, saprò poi che si chiama Betta, si inginocchia di fronte a me, mi tira fuori il cazzo ed inizia una dolce masturbazione. Dopo poco mi fa alzare e mentre lo imbocca mi fa girare di spalle a Laura. Succhiava divinamente ed io persi ogni cognizione. In un attimo di lucidità mi volto e sento Laura gemere forte mentre il tipo le aveva infilato un dito nella fica e la stava baciando sul collo. Betta si alza e, sempre con il mio cazzo in mano, mi sussurra allorecchio che Laura e fantastica e se mi piace vederla godere. Dico che adoro vederla e soprattutto sentirla godere. Lei in modo molto, molto suadente mi chiede se voglio che tutti noi ci dedichiamo solo a lei per farla godere come non ha mai goduto. Io, ormai infoiato come una scimmia, accetto con enfasi e Betta subito si inginocchia ed affonda la testa tra le cosce di Laura che subito inizia a sospirare sempre più forte.nello stesso momento il compagno di Betta, saprò poi chiamarsi Loris, inizia a sbottonare la camicetta bianca di Laura, le sgancia il reggiseno e le succhia i capezzoli duri e grossi con forza. Io infilò il mio cazzo in bocca a mia moglie e mi godo lo spettacolo. Non passa molto che Laura viene con gemiti e sospiri. Betta si siede e con il solito movimento mi fa girare riprendendomi il cazzo in bocca.mi dimentico di tutto in quella bocca calda e con una lingua che alterna leccate sulla cappella a succhiotti alle palle. Ad un certo punto, Betta si rialza e, sempre segandomi, mi sussurra di girarmi: lo spettacolo mi prende come un calcio in faccia, Laura completamente nuda, sdraiata supina sul letto a cosce spalancate che si gode Loris sopra e dentro di lei che la scopa con lentezza, ma in maniera decisa. Betta continua a sussurrarmi quanto sia bella Laura e di come sia eccitante sentirla urlare di piacere. La sua voce unita alla sua mano sul mio cazzo, mi mandano in estasi e, seppure riesco a pensare di come sia strano che Laura si lasci scopare, cosa che non succede molto spesso anzi, è la prima volta che la vedo montata da un altro uomo, non riesco a dire o fare nulla se non godermi la scena. Poi sento Betta che mi tira per il cazzo e llo infila in bocca a Laura che subito inizia a succhiare. Lei paste unga le sue tette e vedo che la sua mano sinistra si infila a toccare fica e cazzo di Loris o almeno così mi sembra. Laura grida come può che gode mantenendosi il mio cazzo in bocca. Solo allora Betta ricomincia a parlarmi allorecchio dicendomi di far mettere Laura alla pecorina che vuole leccarle la fichetta, mentre Loris la scopa ed io continuo a farmi spompinare. Sentendomi sempre io a controllare il tutto, lo dico a Laura che subito si mette a pecora e riprende a succhiarmi ed a muovere il suo bel culo per farsi meglio scopare da Loris. E Betta si infila sotto di lei con la lingua va dritta sul clitoride della mia donna che di nuovo gode e me ne accorgo da come stringe le labbra sul mio cazzo e dai mugolii di piacere. Betta, con il solito movimento, si prende in bocca il mio cazzo rimettendosi seduta e facendo sì che io sia di spalle alla coppia che continua a trombare sempre più forte, almeno secondo le urla soffocate di Laura, ma per me ormai esistevano solo le labbra di quella gran troia di Betta. Dopo lennesimo urlo di piacere di mia moglie, Betta ricomincia a dirmi con voce tentatrice è subdola di quanto sia fortunato ad avere una donna come Laura, io mi sento sempre più fiero e padrone e dico che ora dobbiamo concentrarci tutti su Laura e cosi facciamo: Loris con un rantolo sborra nel preservativo con il cazzo ben piantato nella sua figa. Io le riempio la bocca del mio caldo seme mentre Betta aumenta il piacere di mia moglie masturbandola. Rimaniamo per qualche attimo fermi per riprendere fiato, poi Betta prende Laura per mano e spariscono in bagno nude con gli abiti in mano, mentre io vengo accompagnato al bar da suo marito che si prodiga in lodi su mia moglie e di quanto io sia fortunato ad averla sempre a disposizione. Ancora un po rimbambito dal piacere provato,mi sento un vincente, ma quanto mi sbagliavo. Le ragazze tardano a tornare ma preso dalle chiacchiere delluomo e dalla mia vanità no ci feci troppo caso. Seppi poi da Laura che la perfida Betta laveva masturbata facendola venire due volte di seguito mentre le diceva di quanto fosse bella e di come fosse giusto che lei godesse in tutti i modi possibili, insomma doveva darla via molto più spesso. Quando ci raggiunsero al bar, perfettamente ricomposte e belle, vollero scambiare il cellulare perché anche Betta voleva essere montata da me, ed io fesso ci credetti.

Jessica ed Helen tra torture e sesso | Racconto sadomaso di Amoledonne

Grido: maledizione, Helen! Ci hai fatto scoprire per la tua dannata voglia di sesso! ci stavamo infiltrando nella loro organizzazione, potevamo scoprire i nomi dei loro capi, e tu, per fare la femmina sexy con quel George, che conoscevi da pochi giorni, gli dici, a letto, di essere un agente dei servizi segreti, depositaria di files riservati! Helen mi guarda terrorizzata! siamo nude, legate a due croci a X nella camera di tortura dei delinquenti!! Helen mi sussurra con voce tremante: hai ragione, Jessica, sono stata una stronza incosciente, ma …. e ora? che succederà? La guardo, lavora con me da alcuni mesi: ha 24 anni, è una gran troia, molto sexy: corpo spettacoloso, tette dure, capezzoli grossi,culo sodo e alto, capelli neri e lunghi, occhi azzurri, bocca da porca che fa subito pensare ai pompini, e fica allargata dalle scopate… credo sia stata promossa al rango di agente scopando con tutti i nostri superiori.. Helen ripete tremando: e ora che succederà? Cerco di riprendere il mio self control e le dò una previsione edulcorata per non terrorizzarla ancora di più: ora vorranno sapere molte

Mi sono inculato mia nipote sabri | Racconto incesti di Mario il cornuto

Mia nipote sabri è una bella ragazza con un bel seno gambe bellissime ed un bel culo a mandolinino, mentre sua madre ha una corporatura grossa però ha letto è una grande troia, infatti per lei non cè nessun ostacolo, fare lamore con donne ho uomini e lo stesso fa divertire tutti anzi un giorno siamo riusciti ad infilarci nel buco del culo due cazzi ed un piccolo vibratore e quindi sua figlia non mi sembrava avere le stesse attitudini della madre. Sabri ha 18 anni ed il caso volle che mio fratello e sua madre andassero in crocera e quindi vene a stare con noi per 20 giorni. I primi giorni filarono via senza niente di strano poi io incomincia a curiosare tra le sue cose e trovai un piccolo vibratore che mi incuriosi ed allora incominciai a guardare quando andava a letto e normalmente si faceva con il piccolo vibratore che si infilava anche nel buco del culo. Il giorno dopo mia moglie era uscita per compere e sarebbe tornata in serata, allora quando Sabri si alzo dal letto e ando in bagno, con una vestaglia trasparente senza mutandine nel reggiseno, io sbirciai dal buco della serratura era tutta nuda, era una meraviglia di donna con due favolese tette, pochi peli sulla figa ed un culo stupendo, io mio cazzo si induri a tal punto che quasi mi venne voglia di farmi una sega, ma in quel momento Sabri apri luscio del bagno ed io riusci a malapena ad entrare nella mia stanza con il cazzo fuori dai pantaloni, lei mi chiamò dicendomi, zio non trovo il bagnoschiuma, ed io ma quanda che forze è nellantibagno sopra la mensola, ma lei vieni tu per favore che non riesco a prenderlo, io stavo mettendo il cazzo nei pantaloni quando lei apri la porta della mia camera era completamente nuda e vedendomi con il cazzo fuori dai pantaloni mi disse mi stavi spiando vero? io feci si con la testa e lei senza altre parole si e presa in mano il mio cazzo e mi dice adesso devi chiavare anche me come fai con mia madre, vi hò visti diverse volte e quindi sono stufa di infilarmi il vibratore e cosi dicendo si butta sul letto ed io sopra di lei e la chiavo e poi mentre stavo per venire lei mi dice non ti preoccupare prendo la pillola e quindi gli venni nella sua bellissima figa. poi quando gli tolsi il cazzo dalla figa lei lo prese in bocca e poi mi disse adesso voglio dare a te per primo il mio buco del culo ancora vergine e quindi dagli una bella leccata io la girai gli leccai quel bellissimo buco lo apriì con delicatezza e poi gli infilai il cazzo il buco del culo di Sabri e mereviglioso, gli chiesi se gli faceva male. ma lei mi disse no dai più forte voglio sentirlo tutto nel buco del culo e mentre mi inculi fammi anche un ditalino che voglio venire insieme a te. Infatti venimmo insieme gli riempii il buco del culo e poi ci abbracciamo come due amanti, insieme andammo sotto la doccia ci toccammo da tutte le parti lei volle mettermi nel buco del culo il vibratore e godette come una pazza e poi ci riempii la bocca di sperma. Lei ppoi mi disse domani andiamo a casa mia che porto anche Susi la mia migliore amica, anche lei vuole essere inculata da te, tutte le volte che ne parliamo ci facciamo dei ditalini e ci infiamo in figa ed in culo tutto quello che abbiamo a portata di mano però il cazzo non è mai entrato nel mio e nel suo buco del culo e lei è ancora più troia di me, allora io dissi sono daccordo però anchio voglio portare il mio amico Mario, cosi proverai a prendere il cazzo in figa e nel buco del culo. E cosi il giorno dopo con una scusa andammo a casa sua dove arrivò anche Susi, con me cera gia Mario e quindi senza tante presentazioni incominciammo io a scopare ed inculare Susi, mentre Mario chiavava ed inculava la Sabri poi tutte e due inculammo e chiavammo Sabri e poi Susi. Poi Sabri mi disse adesso voglio vedervi inculare un con laltro, mentre noi due ci facciamo un bel 69. Le chiaviamo ancora adesso, ma qualche volta viene anche la troia della madre-

Marito vuole vedere la propria moglie fa la troia | Racconto tradimenti di Enzo1974

Continuo .non avevo smesso di pensare a Laura è di come la desideravo scoparla .il lunedì mi avviò verso jambo mi da l lindirizzo nel tragitto mi fermo da un fioraio è prendo una rosa gli chiedi di tagliare per farla più piccola raggiungo casa sua le invio un messaggio gli dico sono sotto casa lei ti ho visto 2 piano mi apre salgo trovo la porta socchiusa entro lei mi fa accomodare in cucina gli do la rosa è rimane stupita mi ringrazia dicendo che è bellissima è gli dico come lei è mi spiega che questi piccoli gesti attenzioni sono tempo se no anni che non li riceve .Dai metto a fare il caffè apre la credenza è si alza sulle punte nel farlo noto che non indossa le mutande avendo un mini pantaloncino .mette su il caffe si volta noto che a due chiodi dritti che risaltano si siede è gli dico che non ho fatto che pensarla lei spero in bene io si più che bene lei pensavo male per il taglio io la rassicurò che va bene esce il caffe me lo da lo prendo è gli dico senti Laura che ce il bagno ? Me lo indica stavo scoppiando è lunga è è si ti serve altro si tu è un asciugamano appena entra la bacio rimane stupita ma subito partecipa le sposto di lato il pantaloncino è la tocco è bagnata glie li sfilo la faccio sedere sul bidee con la pucchiacca rivolta verso lacqua tiepida inizio a insaponarla. È bacia bocca collo si sfila la maglia è nuda già mi sbottona i pantaloni è mutande li sfilo è ora tocca a te inizia a segarlo un po anche se era di ferro mi inizia a insaporire anche legarlo mi asciuga è andiamo in camera da letto la metto a pecora è inizio a chiamarla di brutto a tirargli i capelli è a tratti gli mollo dei schiaffi sul culo è viene è un lago di umori le ordino di toccarsi il clitoride è riniziare andare su di giri di nuovo gli sputo in culo è le infilo un dico dentro è tra ditalino è è capocchiate secche si ribagna di brutto lo sfilo è punto al culo lei no non lo mai fatto neanche con mio marito è sta cosa mi manda alla neuro continuo a dargli il tormento alla pucchiacca è continuo a infilare dito è saliva di colpo glie lo sfilo è gli do un colpo secco entra un po e lei fa male fermati è io rilassati è a tradimento glielo infilo tutto da un mezzo grido di dolore ora ti è entrato rilassati fa male è più mi dice così più inizio a comprarla ora inizia a godere ho si dammelo lo voglio è inizia a non capi più niente si infila un uno due dite nella pucchiacca sto tutta bagnata è ansima la schiaffeggia il culo è gli dico ti piace ora ti senti tutta troia si sono solo tua sono la tua troia la tua zoccola la tua puttane sto per venire la prendo per i capelli gli dico di girarsi è succhiare è le dico ora troia devi bere tutto lei no non lo mai fatto ora lo farai invece Laura con la mano sulla testa le do il ritmo sto per venire vengo a uno sforzo di vomito ma beve tutto è continua è pulisce per bene la capocchia ma e dolce il tuo .sfinito mi sdraio le mi bacia è mi dice che stato bellissimo è aveva perso il conto di quante volte era venuta .è da quanti anni non era venuta così. Si alza va in cucina è mi porta un po di caffe che era diventato freddo sai che ore si so fatte .io no sono le 11 30 siamo stati quasi 2 ore. Squilla il telefono era suo marito gli dice che fra un ora sarebbe rincarato lei si ok mi alzo mi do una rinfrescata la bacio lei ricambia appassionatamente è vado via dopo poco mi chiamo il cornuto è mi chiede come è andata io gli dico bene va bene mi fa tanto ho messo na cam e la vedrò in me stesso ti divertirai a vederla .se ce qualche cuck .ho marito che voglia fare giocare la propria moglie [email protected]

Il primo ditalino | Racconto prime esperienze di Silvia.S

Salve a tutti,é la prima volta che mi affaccio su un sito di questi e sinceramente ero molto titubante riguardo al fatto se condividere più o meno la mia esperienza..Mi presento sono Silvia e sono della provincia di Bari,ho 49 anni e sono moglie e madre di due splendidi figli.Sono impiegata in una banca e ho una vita molto regolare e tranquilla,caratterialmente sono molto introversa e timida e forse il fatto di scrivere qui senza che nessuno mi veda o mi giudichi mi fa star tranquilla e un certo senso mi da un senso di libertà.Sono sposata da circa 25 anni e diciamo il mio rapporto con mio marito è abbastanza statico,dopo tanti anni é pure normale,com lui ho sempre avuto un rapporto sempre complice,ci siamo sempre detto tutto ma sotto forma intima entrambi abbiamo sempre avuto paura ad esternare i nostri desideri e per le proprie voglie forse perché io ho avuto una educazione molto rigida e severa,non saprei..Dopo tanti anni anche il rapporto sessuale con il proprio marito si affievolisce e si finisce con fare lamore una voglia ogni tanto.Una sera era a casa sola perché mio marito era a cena con dei colleghi e i miei figli come al solito fuori,mi feci una donna e mi misi al computer,che tra laltro lo usano anche i miei figli,per fare una ricerca di lavoro.Per curiosità andai in alcune cartelle per vedere foto dei miei figli e mi ritrovai una cartella dove cera scritto privato,laprii e mi ritrovai una decina di filmati estremamente osè per non dire porno..Non rimasi stupida perché è normale che dei ragazzini navigano in siti così,volevo chiudere ma la curiosità mi spinse ad aprirne alcuni;per me era proprio e vero tabù,rimasi un Po esterefatta e non nego un po imbarazzata soprattutto per la paura che qualcuno potesse rientrare.Per stare più tranquilla presi il computer portatile e lo portai in cameretta e socchiusi la porta,cera un video in particolare in cui entrambi si praticavano sesso orale ma non so il perche rimasi li ferma a guardare.Provai un senso di piacere,anche perché era più di un mese che con mio marito non avevamo rapporti,indossavo un camice da notte e uno slip,alzai il camice e spostai leggermnete lo slip e iniziai a massaggiarmi dolcemente le labbra.Sono sincera,in 49 anni non mi é mai capitata una simile cosa,neanche da ragazzina,e provavo un po di imbarazzo soprattutto per il fatto di essere mamma.Decisi di levarmi lo slip e rimanere solo in camicia da notte,allargai le gambe e con un Po di saliva mi bagnai leggermente il dito medio..Il video proseguì e arrivo ad un punto che luomo iniziò un rapporto sessuale,più aumentava le botte e più il mio dito entrava nella mia vagina, mi sentivo accaldata,mi aiutavo con il sedere a spingere verso le mie dita,provavo un piacere strano,un piacere molto più forte di quello che provavo con mio marito;mi sentivo libera di godere senza inibizione,anche perché con mio marito non avevo mai andato oltre al sesso ordinario.Quando nel video lui con tutta forza la prese e le portò la bocca verso il suo organo ,sentii la mia vagina molto più bagnata,magari immaginavo io con mio marito,vedevo un qualcosa che avrei magari desiderato provare ma che era puro tabù,e quando vidi lui venirle in bocca e sul viso chiusi gli occhi e iniziai a entrare con le dita con piu violenza,ebbi un orgasmo lungo,tremavo,avevo la pelle doca,rimasi un minuto ferma,senza forze,mi alzai e spensi il computer;andai al bagno e mi lavai,ero sensibile al tatto,nel lavarmi sentivo ancora i miei umori uscire,mi ero liberata.Tornai al letto e pensai che forse non era il massimo come mamma e moglie arrivare a commettere simili gesti anche perché sapevo che avevo commesso un peccato.Scusate se ho approfittato di questo sito per per sfogarmi o magari semplicemente parlare del mio rapporto che non va con mio marito.Scusate ancora.se sono sembrata volgare!

La sorella di mia moglie | Racconto incesti di Umberto

Dopo tante storie lette finalmente ne ho una da raccontare pure io. Sono Umberto, ho 45 anni ben portati, sono felicemente sposato e ho una figlia che, per motivi di studio, vive a Pisa. Siamo siciliani, compresa mia cognata Manuela che vive da tempo a Milano con la famiglia: marito e 2 figli. Manuela, nel recente mese di Aprile, è stata 10 giorni a casa nostra in quanto la mamma, mia suocera, cadendo si è fratturata lanca. Manuela si premurata a venire non solo per affetto ma anche per dare una mano a mia moglie nellassistenza alla mamma vedova. Questo perché in ospedale vi era la possibilità che un familiare potesse restare per assistere lammalata, sia di giorno che di notte. Manuela era arrivata da 4 giorni e lindomani mia suocera sarebbe stata sottoposta ad intervento. Ci eravamo già trovati da soli 2 notti. Devo dire che lei avrebbe voluto stare a casa della mamma distante appena due isolati da noi. Mia moglie la convinse a stare da noi per non essere sola. Quelle due sere e quelle due notti tutto normale anche se, francamente, in entrambi, un po di imbarazzo non mancava. Manuela è una donna di 47 anni; una bella donna nonostante la non più giovane età: con un bel corpo formoso e un bel paio di tette; occhi e capelli castani e bella in viso. Lei non faceva nulla per non mettere in evidenza la sua femminilità e la sua carica erotica. Il giorno dellintervento siamo tutti in ospedale; per loccasione ho preso un giorno di congedo pure io. Una mattinata massacrante e piena di tensione. Fortunatamente tutto bene e poi Manuela rimane e mia moglie torna a casa con me in quanto avrebbe fatto il turno di notte. Alle 19,00 la riaccompagno e alle 20.00, ora di fine visita, Manuela torna con me. In auto mi dice che si sente distrutta, che ha bisogno di una bella doccia e di dormire. Sta facendo la doccia e aspetto; nel frattempo mi cambio indossando un pantalone di cotone leggero con elastico a mo di tuta e una maglietta. La cena è già pronta, bisogna aspettare solo la cottura della pasta. Mi premuro ad apparecchiare e quando la vedo spuntare non credo ai miei occhi: è in pigiama. Ma che pigiama? E quasi nuda; è così leggero, di un colore verdino chiaro, che è del tutto trasparente. Non ha reggiseno e le sue tette sono in bella mostra; bianche come il latte con 2 larghe aureole e 2 grossi capezzoli. Le mutandine nere coprivano appena la peluria oppure era del tutto rasata. Mi scombussolo, non so che faccia ho. E lei? Forse non aveva notato di essere così? Ma che fa voleva stuzzicarmi? Credo di no, però io non sono sereno e quando mi da le spalle, girata verso i fornelli per badare agli spaghetti, noto che le mutandine sono così mini che lasciano scoperto linizio dello spacco fra le chiappe. Sento il cazzo agitarsi e non poteva essere diversamente. Sto col cazzo duro per tutta la durata della cena, fortunatamente è nascosto dal tavolo. Siamo seduti di fronte ed evito di guardarla perché gli occhi vanno sulle sue tette. La situazione cambia quando finiamo di cenare e lei inizia a sparecchiare. Sto seguendo distrattamente Michele Santoro, Anno zero. Penso di doverle dare una mano; proprio in quel momento mi chiede quale fosse il posto del peperoncino e le indico in alto nel pensile di centro. Ha difficoltà e si alza in punta di piedi. La vedo nuda e il cazzo non lo controllo proprio più. Mi avvicino per aiutarla. Sono dietro di lei, prendo il barattolino dalla sua mano e lo rimetto al suo posto. Ma in quella posizione il cazzo è sul suo culo. Lo sente ed ha un sobbalzo di stupore. Capisce che è un caso. Pure io, ma il cazzo no e si rifiuta di abbandonare la posizione. Sto li impalato pressando più del dovuto. Capisce che non è più un caso fortuito. Non si può muovere perché è incastrata tra me e il mobile. Ma dai! Che fai? Togliti Non ci riesco. Muovendomi comincio a strofinare il cazzo sulle sue natiche finché non trovo il solco. Sospira; di impazienza, credo. E dai! Che vuoi fare? Smettila dice appoggiando le mani sul piano. Le chiedo se lo sente. Ehe! Tu che dici? Ti piace? Ehe! Mi piace o non piace non cambia niente. Dai togliti Non ci riesco. Mi sono sentito provocato. Quindi porto le mani sulle tette. No, per piacere lasciami. Provocato da chi? dice mettendo le mani sulle mie nel tentativo di togliermele. Ma così facendo perde lequilibrio e va giù col busto. Piegandosi il suo culo preme ancora di più sul cazzo. E costretta a rimettere le mani sul piano e sono libero di palparle le tette come voglio. Non è serena e se ne rende conto. Umbè, scusami se ti sei sentito provocato ma non volevo, non era nelle mie intenzioni. Ora basta, smettila Ma ti piace? Mi piace. Certo che mi piace. Ma che vuoi fare?. La sento sospirare; credo di piacere questa volta. Vado con le mani sotto il pigiama e i suoi capezzoli sono come 2 chiodi. Ahaaa, ahaa! No. Per favore Umbè. nche lei muove il bacino mentre ansima di piacere. Vado per sfilare il sopra pigiama e fa resistenza appoggiando le braccia sul piano e quindi chinandosi ancora. Le lecco le spalle e la nuca e, pur cercando di trattenersi, le sento gemere. Con una mano mi tiro giù pantaloni e slip, prendo la sua mano sinistra e la porto li. Appena lo tocca si ritrae la mano. No, no dice. Ritento di sfilarle il sopra pigiama e questa volta mi lascia fare. Le sue tette sono penzolanti e riprendo a palparle. Il cazzo adesso lo sente ancora meglio. Con la mano le tiro giù il pigiama e le mutandine. Dice no, ma appena sente la potenza e il calore del cazzo fra le chiappe sussurra. Siiiiii. Porto la mano destra sulla fica ed è un lago di umori. Non è depilata, ma ben curata. Il cazzo è fra le sue cosce. Mi abbasso per poterla penetrare. Anche lei si muove nel tentativo di trovarselo nella giusta direzione e quando il cazzo va dentro Ohooo! Si, siiii dice. Allarga le gambe fin quanto glielo permette il pigiama, ma è sufficiente e il cazzo la trafigge completamente. Geme e si dimena. Le chiedo se le piace e più volte risponde di si. Dopo un po di minuti, a seguito di 4 colpi bene assestati, gira la testa verso di me e ansimando grida: Siiiiiii. Ha un orgasmo tumultuoso e si agita venendomi incontro. Il suo dimenarsi mi porta allorgasmo e le sborro nella fica godendo insieme. La sborra bollente prolunga il suo orgasmo; le chiedo se le piace e risponde: Si, ancora. Le sfilo il cazzo dalla fica e senza nemmeno girarsi rimette a posto mutandine e pigiama, rimette il sopra e, senza nemmeno guardarmi, rossa e mortificata in viso, va in bagno. Mi risiedo sul divanetto e ancora distrattamente riguardo la TV. Sento scorrere lacqua del bidet e dopo qualche minuto ritorna, apre la finestra, si accende una sigaretta e sedendosi appoggiando il gomito sul tavolo anche lei distrattamente guarda la TV. Mi accendo una sigaretta pure io e le dico di avvicinare il posacenere. Lo tiene, con il braccio disteso, tra lei e me. Perché ti sei sentito provocato? Cosa ho fatto? Ma se sei praticamente nuda! Le tette al vento, praticamente in mutandine, scusa, non è che sono di marmo Non era mia intenzione; non me ne sono accorta, me ne sono accorta ora in bagno; è la prima volta che metto questo pigiama e comunque tutto posso immaginare tranne che di suscitare tutto questo eccitamento. Intanto finiamo di fumare, spegne la cicca e lo stesso faccio io mettendo la mano sotto la sua per sostenere la pressione che faccio per spegnerla. Sei molto provocante dico. Siamo entrambi imbarazzati; insomma è la sorella di mia moglie ed io il marito di sua sorella. E rossa di vergogna. Niente di meno. A questa età. nemmeno fossi una ragazzina! Però ti è piaciuto Ehe, si, mi pare normale. Intanto il mio cazzo si stava risvegliando. Il danno era già fatto e volevo scoparmela per bene con tutta le sua complicità. Mi alzo, chiudo del tutto le persiane, vado di fronte a lei e mi sfilo pantaloni e slip. No,
che fai? Non esageriamo adesso. Lo guarda con ammirazione. Ma dai che vuoi fare? Non ti è bastato?. Non le do retta e mi mi accovaccio a cavallo sulle sue cosce. Per favore Umbè finiamola qua abbiamo ancora voglia Che ne sai? Ti piace E proprio questo il problema. Dai rivestiti. Le prendo il viso fra le mani e le tappo la bocca con la mia. Mmmmmm riesce a farfugliare. Riesco a ficcarle la lingua il bocca tenendola ferma. Esploro la sua bocca e ben presto sento la sua lingua intrecciarsi alla mia. Incominciamo a slinguarci e a succhiarci in un frenetico e lussurioso bacio infinito. Stiamo così per un bel po di minuti fino a quando la sento gemere nella mia bocca. Sento la sua mano sinistra sulla mia guancia destra e la destra, titubante, sul cazzo mezzo duro. Prende a segarlo lentamente e dopo un po staccandomi le sussurro: Come sei brava! Ti piace maneggiare il cazzo?. Mi guarda alzando gli occhi su. Ormai è presa, infatti tiro lingua fuori e lei la prende a succhiare sospirando. Ne approfitto e le alzo il sopra pigiama; mi stacco dalla sua bocca, lei per un attimo dal cazzo, alza le braccia e se lo lascia sfilare. Prendo a palparle le tette e lei riprende a manipolare il cazzo con ambedue le mani. Sospiriamo e gemiamo insieme alternandoci a ficcare la lingua ognuno nella bocca dellaltra. Mi sollevo sui piedi e metto il cazzo fra le tette; lo stringo in mezzo e mi muovo lentamente. Lei guarda il cazzo che fa su e giù; nel frattempo le stuzzico i capezzoli e mi guarda con gli occhi socchiusi. Le do la lingua e la risucchia nella sua bocca; libero il cazzo dalle tette e lo uso per stuzzicarle i capezzoli; poi glielo sbatto in faccia e sulle labbra; mi guarda come per rimproverarmi, ma subito tira fuori la lingua e glielo strofino su. Prende il cazzo fra le mani e lo lecca tutto facendomi gemere di piacere. Glielo devo dire? Glielo dico: Che bella troia che sei! Continua fammi vedere che cognata troia che ho. Nel suo io si fa strada la convinzione di dover dimostrare che tipo di femmina fosse. Infatti alza il cazzo e prende a leccare le palle; me le morde fissandomi con uno sguardo libidinoso e di sfida. Troia, bocchinara le sussurro scandendo le sillabe. Lo imbocca giocando sulla cappella e poi se ne fa entrare più di metà in bocca. Sa come farmi impazzire, mi muovo come per scoparla e vedo le sue guance che si gonfiano. Volete sapere che fa? Se lo sfila dalla bocca e tira fuori la lingua come per dirmi di succhiarla per gustarmi il sapore del mio cazzo. Accetto il suo invito, gliela succhio e geme dentro la mia bocca. Mi alzo e la faccio alzare; le tiro giù insieme pigiama e mutandine; se ne libera con i piedi mentre io mi sfilo la maglietta. Siamo entrambi nudi; la prendo e la faccio sedere sul tavolo, allargo le sue cosce, mi chino e mi ci tuffo con la lingua. Ahaaaaaa Ti piace troia? Si, siiii. Ohoo. Porco. Sei un porco, non sapevo di avere un cognato così porco. Continua. Siii. Ahaaaa. I suoi umori vaginali le colano lunghe le cosce. Lecco, lecco e poi mi alzo dandole la lingua da succhiare. E poi ancora giù e di nuovo su, una slinguata alla fica e una alla sua bocca. Più volte e ogni volta lei mi dice che sono porco ed io che è una troia. Finché Porcooo, mi stai facendo godere ancora. Continua, continua grida allargandosi la fica con le mani. Vado su e glielo ficco tutto dentro. Ohoo porco! Mi fai morire così. Che belloooo! Si sfondami ancora, più forte. Prendo un bel po di saliva e le inumidisco lano. La troia si dimena. Capisce che la voglio inculare. Le tiro su le cosce appoggiandole sulle mie spalle. Quando si sente il cazzo fra le chiappe si alza sui gomiti. Porco, porco e depravato dice sorridendo con malizia. Non faccio nessuna fatica, il cazzo entra liscio come lolio. Il suo culo è ben collaudato. Troia ti piace nel culo eh? Ce lhai tutto rotto. Quanti ne hai presi cazzi in culo eh? Brutta troia! Non ti interessa, pensa a scoparmi. Ahaaa, si che bello! e prende a farsi un ditalino. Glielo sfondo a dovere e gode facendo dondolare pure il tavolo. Ti piace la sborra nel culo? Si, si riempimi di sborra Grido di piacere. Godi, godi porco; godi nel culo di tua cognata. Dopo vuole dormire. E stanca. Pure io. Lindomani mattina laccompagno in ospedale, ritorno a casa per accompagnare mia moglie e poi vado al lavoro. La sera dopo, quando mia moglie ha il turno di notte, viene tutto naturale: viene a dormire nel letto matrimoniale con me e si dimostra ancora più troia della sera precedente. Non so nemmeno io quanta sborra le ho fatto bere. Quando poi, qualche giorno dopo laccompagnai allaeroporto, mi disse: Alla prossima Speriamo presto, troia Porco..

Mia suocera mi fa inculare da marocchino | Racconto orge di gigi il cornuto

Da molto tempo scopo mia suocera e con lei alcune sue vecchie amiche grandissime troie. un giorno mi chiede mi piacerebbe vederti inculare da un mio amico, io gli dico be ma labbiamo già fatto altre volte ma lei insiste questa volta è speciale. va bene dopo un paio di giorni mia moglie mi dice è arrivata mia madre con un suo amico io intanto vado dal parrucchiere. arriva intato mia suocera e mi presenta il suo amico, marocchino e dopo pochi convenevoli mi dice dai incominciamo e cosi dicendo si abbasso sul suo amico e gli estrae il cazzo accidenti che cazzo sarà almeno 25 cm.e quent,è grosso io gli dico ma è enorme va bene per il tuo culo dove infili anche 2 cazzi ma nel mio mi farà malissimo, lei mi dice da non fare lo scemo prendi e sta zitto a me hai fatto mettere in culo di tutto ora tocca a te equindi senza fare storie prendilo nel culo. il marocchino mi fece mettere a col la testa nella figa di mia suocera ed il buco del culo a 90 gradi e senza darmi una leccata mi infilo lenorme cazzo io detti un urlo ed una morsicata alla figa di mia suocera ma lui continuono a stantuffarmi nel buco del culo lenorme cazzo. dopo alcuni colpi incomicia a godere e devo dire che alla fine mi piaque molto. a questo punto rientro mia moglie che vedendo questo cazzo gocciolante di sperma lo prese tranquillamente in bocca e lo succhio fino a farglielo rizzare ancora e senza aspettare altro si levò lo slip e si infilo il cazzo in figa mentre mia suocera gli leccò il buco del culo per prepararlo a ricevere il grosso cazzo e mi disse non ti preoccupare la gia preso altre volte. questo mio amico ci ha fatto assaggiare anche il cazzo del suo cavallo e ti assicuro che è stato fantastico la prossima volta verrai anche tu. dopo avere sfondato il buco del culo di mia moglie il marocchimo volle venire in bocca a me e per poco non affogavo dalla quantita di sperma che mi verso in bocca. mia suocera intanto si era messa a succhiami il cazzo e cosi anchio venni copiosamente in bocca a lei mentre mia moglie aveva incominciato un furioso ditalino. ciao allao prossima visita al cavallo ed altro del marocchino.

Mi sono inculato mia nipote sabri | Racconto incesti di Mario il cornuto

Mia nipote sabri è una bella ragazza con un bel seno gambe bellissime ed un bel culo a mandolinino, mentre sua madre ha una corporatura grossa però ha letto è una grande troia, infatti per lei non cè nessun ostacolo, fare lamore con donne ho uomini e lo stesso fa divertire tutti anzi un giorno siamo riusciti ad infilarci nel buco del culo due cazzi ed un piccolo vibratore e quindi sua figlia non mi sembrava avere le stesse attitudini della madre. Sabri ha 18 anni ed il caso volle che mio fratello e sua madre andassero in crocera e quindi vene a stare con noi per 20 giorni. I primi giorni filarono via senza niente di strano poi io incomincia a curiosare tra le sue cose e trovai un piccolo vibratore che mi incuriosi ed allora incominciai a guardare quando andava a letto e normalmente si faceva con il piccolo vibratore che si infilava anche nel buco del culo. Il giorno dopo mia moglie era uscita per compere e sarebbe tornata in serata, allora quando Sabri si alzo dal letto e ando in bagno, con una vestaglia trasparente senza mutandine nel reggiseno, io sbirciai dal buco della serratura era tutta nuda, era una meraviglia di donna con due favolese tette, pochi peli sulla figa ed un culo stupendo, io mio cazzo si induri a tal punto che quasi mi venne voglia di farmi una sega, ma in quel momento Sabri apri luscio del bagno ed io riusci a malapena ad entrare nella mia stanza con il cazzo fuori dai pantaloni, lei mi chiamò dicendomi, zio non trovo il bagnoschiuma, ed io ma quanda che forze è nellantibagno sopra la mensola, ma lei vieni tu per favore che non riesco a prenderlo, io stavo mettendo il cazzo nei pantaloni quando lei apri la porta della mia camera era completamente nuda e vedendomi con il cazzo fuori dai pantaloni mi disse mi stavi spiando vero? io feci si con la testa e lei senza altre parole si e presa in mano il mio cazzo e mi dice adesso devi chiavare anche me come fai con mia madre, vi hò visti diverse volte e quindi sono stufa di infilarmi il vibratore e cosi dicendo si butta sul letto ed io sopra di lei e la chiavo e poi mentre stavo per venire lei mi dice non ti preoccupare prendo la pillola e quindi gli venni nella sua bellissima figa. poi quando gli tolsi il cazzo dalla figa lei lo prese in bocca e poi mi disse adesso voglio dare a te per primo il mio buco del culo ancora vergine e quindi dagli una bella leccata io la girai gli leccai quel bellissimo buco lo apriì con delicatezza e poi gli infilai il cazzo il buco del culo di Sabri e mereviglioso, gli chiesi se gli faceva male. ma lei mi disse no dai più forte voglio sentirlo tutto nel buco del culo e mentre mi inculi fammi anche un ditalino che voglio venire insieme a te. Infatti venimmo insieme gli riempii il buco del culo e poi ci abbracciamo come due amanti, insieme andammo sotto la doccia ci toccammo da tutte le parti lei volle mettermi nel buco del culo il vibratore e godette come una pazza e poi ci riempii la bocca di sperma. Lei ppoi mi disse domani andiamo a casa mia che porto anche Susi la mia migliore amica, anche lei vuole essere inculata da te, tutte le volte che ne parliamo ci facciamo dei ditalini e ci infiamo in figa ed in culo tutto quello che abbiamo a portata di mano però il cazzo non è mai entrato nel mio e nel suo buco del culo e lei è ancora più troia di me, allora io dissi sono daccordo però anchio voglio portare il mio amico Mario, cosi proverai a prendere il cazzo in figa e nel buco del culo. E cosi il giorno dopo con una scusa andammo a casa sua dove arrivò anche Susi, con me cera gia Mario e quindi senza tante presentazioni incominciammo io a scopare ed inculare Susi, mentre Mario chiavava ed inculava la Sabri poi tutte e due inculammo e chiavammo Sabri e poi Susi. Poi Sabri mi disse adesso voglio vedervi inculare un con laltro, mentre noi due ci facciamo un bel 69. Le chiaviamo ancora adesso, ma qualche volta viene anche la troia della madre-

racconti milfcazzo nigerianoracconti miluincula la madreracconti la ziapompino al cavalloputtane cinesemoglie che si fa scoparesega mammastorie incestil marito guardoneerotivi raccontihanno inculato mia mogliepadrona e schiavafisting significatoeroticiracconti gratismi scopo la compagna di bancocoppia lui cuckoldracconti erotici giovaniporno storierotico storieracconti erotici in pubblicocuckqueanracconti annuncio69youtube racconti eroticii pompini di mia cognataracconti di sesso veroil culo della suoceraraccontierotici incestocome si masturbano le donnetesti pornoracconti erpticiil pompino perfettoimmagini molto eroticheracconti erotici gratistrans cazzo nerola figa della suocerastorie di sessscambio di copiaracconti erotici vecchiacontadina maturamia moglie è una troiaracconti coppie bisexsesso in conventoracconti eroti ciracconti ererotismo raccontiracconti eroticemamma e zia scopanoho scopato mia nipotescopate in saunacazzo grosso per mia mogliemoglie che si fa scopareracconti porno brevimamma e papa pornosesso con fratellila zia mi fa un pompinoracconti porno con transmasturbazione in classeincedtimia moglie in mutandeugiosaracconti porno fantasiealano maculatomoglie scopata da amantenonne vacchefamiglie nudistestorie vere di donne che tradisconoincestoraccontiincest italianimio marito mi ha chiesto di farlo in tretesto pornotettona in spiaggiacuckold campaniamassaggiatore a domiciliovibratore in pubblicoracconti eroiticipompinara racconticoppie al cinema pornoscopata dal preteraccontierovideo gay sottomessiinculano mia moglieveline culosegretarie erotichemoglie troia spiaggiamasturbamiracconti di incesto con mammazie troie raccontimamma ingoiosesso con donne e animaliracconti porno di mogli troiestorie sul sessoculi sverginati