Marito cuckold diventa sottomesso e travesta | Racconto trans di Luigino

Salve a tutti eccomi di nuovo a raccontare la mia storia che non è di fantasia ma veramente vissuta e tuttora la vivo. Io se vi ricordate ero stato sottomesso e travestito e trasformata in Cristina in donna da Saverio, il bull che si scopava mia moglie, colui che la ha sverginata e inculata come io con la mia pisellina piccola e moscia non ero riuscito a fare, se vi ricordate nel mio precedente racconto ero rimasta sola soletta con il mio Marione, e magari vi ricordate che il mio maschio si era fatto sbocchinare I suoi 25 cm di cazzone che poi aveva pericolosamente appoggiato sulle mie chiappette e a pecorina me lo strofinava senza ritegno in mezzo mentre le sue grosse palle pelose mi sbattevano nel solco del culetto, fra me e me pensavo che non avrei potuto ribellarmi perché un maschio così forte tozzo con le sue mani callose ruvide mi avrebbe sicuramente picchiata e io così esile senza peli vestito in lingery bianca tutta in pizzo e con il velo bianco in testa come una sposina, come aveva chiesto lui tramite il bull di mia moglie Saverio, lui voleva che fossi pronta a essere sacrificata e sverginata e voleva una femminuccia da trasformare e fare sua per sempre,e mentre il suo grosso membro padroneggiava sul solco del mio culetto mi diceva che ero proprio carina e che sarei diventata proprio una dolce femminuccia e che il mio culo era meravigliosamente femminile e che ero portata alla femminilità e che con lui sarei diventata dolce morbida e ubbidiente, mi diceva che il suo cazzo mi avrebbe fatto un po male ma che poi mi sarebbe piaciuto e non avrei potuto più farne a meno del suo bananone. Io cosa potevo fare non potevo ribellarmi, ripensavo alle parole del bull di mia moglie che mi aveva chiesto di far divertire il suo amico altrimenti mi avrebbe ammazzato di botte e poi sentivo il Marione sopra di me e la sua grossa cappella oramai allentrata del mio buchino ripensavo a mia moglie che mi diceva che il cazzo è bello e che dopo averlo preso non avrei più voluto essere uomo, ma solo femmina e tornare a stare sotto un vero maschio, cosa potevo fare, mi girai e gli chiesi di possedermi , lui ridacchiando si chinò su di me e in solo colpo mi entro dentro con il suo mostro fermandosi in me facendomi urlare come un animale ferito, mentre io lo pregavo di levarlo che era troppo grosso che mi faceva male, ma lui mi teneva stretta e mi diceva di fare la brava che era tutto dentro e che fra poco me lo sarei goduto tutto, io ero umiliata, dolorante e le lacrime ormai bagnavano il mio viso, allimprovviso mentre cominciava il suo pompaggio girò la mia testa e la sua lingua entro fra le mia labbra ero oramai sua e mentre io singhiozzando gli chiedevo di smettere lui mi chiamava puttanone e mi chiedeva di stare zitta e che ormai il culo era rotto come una fica, poi allimprovviso il dolore si era affievolito e piano piano cominciava a darmi una strana senzazione non volevo accettarlo ma cominciava a non farmi più male anzi mi piaceva lo sentivo uscire tutto e poi riempirmi di nuovo così su è giù e un gridolino effeminato mi scappò dalla bocca, lui soddisfatto ridacchiando mi chiedeva se mi piaceva il suo cazzone , in me ancora un po di dignità era rimasta e non volevo dargli quella soddis fazione stavo zitta e godevo a pecorina a occhi chiusi in silenzio, poi un suo forte affondo con il suo cazzone e un sonoro schiaffone sul culo mi fece fare un altro urletto e alla sua nuova richiesta di dirgli se mi piaceva il suo cazzone gli risposi gli dissi di sì e lo dissi urlandolo, un si effeminato e lungo anche la mia voce si era trasformata e lui se ne era accorto e subito umiliandomi mi rispose abbassandosi su di me e dicendomi che ero diventata femmina, mi chiedeva se volevo diventare la sua femmina, ero piena di cazzo soddisfatta mentre questo meraviglioso maschio mi montava mentre mugolavo umiliata e consapevole di essere sua, mi girai lo guardai e leccandomi con la lingua le labbra gli risposi gli dissi di sì lo volevo, volevo essere la sua donna e lui, lui mi sconvolse mi rispose che sarei diventata la sua fidanzata mentre io sotto il suo cazzone oramai ero persa godevo felice mugolando e rispondendo con un si si si è poi un altro si a tutte le sue richieste di uomo e maschio, fino a quando prendendo la mia pisellina moscia fra le sue mani callose appoggiandosi sopra di me alitandomi sul mio orecchio destro mi chiese se poteva sborrarmi dentro io oramai ero la sua preda ero femmina e sua, si gli risposi di sì che era il mio primo uomo e che volevo avere tutto il suo seme, che volevo essere marchiata dal suo seme ed essere sua per sempre, lui poi con un ultimo colpo di reni comincio a riempirmi di sborra dentro di me fino a 5 6 7 8 e più schizzi di sborra bollenti grugnendo e godendo come un maiale dentro di me mentre mi diceva di amarmi e che ero solo sua, io guardandolo negli occhi gli risposi che lui mi aveva sverginata fatto donna e che il suo seme in me mi aveva marchiata e fatta solo sua e mentre la mia pisellina fra le sue mani erruttava le mie inutli gocce di un liquido trasparente che neanche lontanamente somigliava alla sborra che il mio Marione aveva fatto in me godevo anchio chiamandolo amore mio. Continua vi è piaciuto

Marito cuckold diventa sottomesso e travesta | Racconto trans di Luigino

Salve a tutti eccomi di nuovo a raccontare la mia storia che non è di fantasia ma veramente vissuta e tuttora la vivo. Io se vi ricordate ero stato sottomesso e travestito e trasformata in Cristina in donna da Saverio, il bull che si scopava mia moglie, colui che la ha sverginata e inculata come io con la mia pisellina piccola e moscia non ero riuscito a fare, se vi ricordate nel mio precedente racconto ero rimasta sola soletta con il mio Marione, e magari vi ricordate che il mio maschio si era fatto sbocchinare I suoi 25 cm di cazzone che poi aveva pericolosamente appoggiato sulle mie chiappette e a pecorina me lo strofinava senza ritegno in mezzo mentre le sue grosse palle pelose mi sbattevano nel solco del culetto, fra me e me pensavo che non avrei potuto ribellarmi perché un maschio così forte tozzo con le sue mani callose ruvide mi avrebbe sicuramente picchiata e io così esile senza peli vestito in lingery bianca tutta in pizzo e con il velo bianco in testa come una sposina, come aveva chiesto lui tramite il bull di mia moglie Saverio, lui voleva che fossi pronta a essere sacrificata e sverginata e voleva una femminuccia da trasformare e fare sua per sempre,e mentre il suo grosso membro padroneggiava sul solco del mio culetto mi diceva che ero proprio carina e che sarei diventata proprio una dolce femminuccia e che il mio culo era meravigliosamente femminile e che ero portata alla femminilità e che con lui sarei diventata dolce morbida e ubbidiente, mi diceva che il suo cazzo mi avrebbe fatto un po male ma che poi mi sarebbe piaciuto e non avrei potuto più farne a meno del suo bananone. Io cosa potevo fare non potevo ribellarmi, ripensavo alle parole del bull di mia moglie che mi aveva chiesto di far divertire il suo amico altrimenti mi avrebbe ammazzato di botte e poi sentivo il Marione sopra di me e la sua grossa cappella oramai allentrata del mio buchino ripensavo a mia moglie che mi diceva che il cazzo è bello e che dopo averlo preso non avrei più voluto essere uomo, ma solo femmina e tornare a stare sotto un vero maschio, cosa potevo fare, mi girai e gli chiesi di possedermi , lui ridacchiando si chinò su di me e in solo colpo mi entro dentro con il suo mostro fermandosi in me facendomi urlare come un animale ferito, mentre io lo pregavo di levarlo che era troppo grosso che mi faceva male, ma lui mi teneva stretta e mi diceva di fare la brava che era tutto dentro e che fra poco me lo sarei goduto tutto, io ero umiliata, dolorante e le lacrime ormai bagnavano il mio viso, allimprovviso mentre cominciava il suo pompaggio girò la mia testa e la sua lingua entro fra le mia labbra ero oramai sua e mentre io singhiozzando gli chiedevo di smettere lui mi chiamava puttanone e mi chiedeva di stare zitta e che ormai il culo era rotto come una fica, poi allimprovviso il dolore si era affievolito e piano piano cominciava a darmi una strana senzazione non volevo accettarlo ma cominciava a non farmi più male anzi mi piaceva lo sentivo uscire tutto e poi riempirmi di nuovo così su è giù e un gridolino effeminato mi scappò dalla bocca, lui soddisfatto ridacchiando mi chiedeva se mi piaceva il suo cazzone , in me ancora un po di dignità era rimasta e non volevo dargli quella soddis fazione stavo zitta e godevo a pecorina a occhi chiusi in silenzio, poi un suo forte affondo con il suo cazzone e un sonoro schiaffone sul culo mi fece fare un altro urletto e alla sua nuova richiesta di dirgli se mi piaceva il suo cazzone gli risposi gli dissi di sì e lo dissi urlandolo, un si effeminato e lungo anche la mia voce si era trasformata e lui se ne era accorto e subito umiliandomi mi rispose abbassandosi su di me e dicendomi che ero diventata femmina, mi chiedeva se volevo diventare la sua femmina, ero piena di cazzo soddisfatta mentre questo meraviglioso maschio mi montava mentre mugolavo umiliata e consapevole di essere sua, mi girai lo guardai e leccandomi con la lingua le labbra gli risposi gli dissi di sì lo volevo, volevo essere la sua donna e lui, lui mi sconvolse mi rispose che sarei diventata la sua fidanzata mentre io sotto il suo cazzone oramai ero persa godevo felice mugolando e rispondendo con un si si si è poi un altro si a tutte le sue richieste di uomo e maschio, fino a quando prendendo la mia pisellina moscia fra le sue mani callose appoggiandosi sopra di me alitandomi sul mio orecchio destro mi chiese se poteva sborrarmi dentro io oramai ero la sua preda ero femmina e sua, si gli risposi di sì che era il mio primo uomo e che volevo avere tutto il suo seme, che volevo essere marchiata dal suo seme ed essere sua per sempre, lui poi con un ultimo colpo di reni comincio a riempirmi di sborra dentro di me fino a 5 6 7 8 e più schizzi di sborra bollenti grugnendo e godendo come un maiale dentro di me mentre mi diceva di amarmi e che ero solo sua, io guardandolo negli occhi gli risposi che lui mi aveva sverginata fatto donna e che il suo seme in me mi aveva marchiata e fatta solo sua e mentre la mia pisellina fra le sue mani erruttava le mie inutli gocce di un liquido trasparente che neanche lontanamente somigliava alla sborra che il mio Marione aveva fatto in me godevo anchio chiamandolo amore mio. Continua vi è piaciuto

orgia famigliacugini sessoche troia mia moglieorge in ufficioracconti esibizionistesuocera troionaraccontierotici realisesso col caposcopa nipotinaracconto bdsmtutto il cazzo nel culodonne a cui piace il cazzoeroticiraccontzia arrapatagara di orgasmivogliosa di cazziil primo cazzoi generi di racconti eroticistorie eroticoerotici raccomtimi sono scopato mia cognataraconti eroticizoofilia filmatiscopato da un transculoapertoscopate sveltineracconti di sesso in famigliamano morta sul busoccasione eroticacum drinkingstprie pornoracconti erotocisulle mie labbra streamingscopata in figaorge spagnoleracconti eroticjla mamma del mio amico raccontiracconti erorici gayorsi italiani raccontirompe culosfondami la figastorie potnoscopo mia nuoracoppie erotichepompino improvvisostorie porsommelier della figafungia di minchiaorgia in aereomadre scopatadonne che toccano i testicolimariti guardoni cornutistorie pornotacconti pornoobblighi e verità da fare a un ragazzopompino di mia madrescambi di coppiaracconti erotici segheracconti sexy gratisracconti sesso a treracconti cornutoracconti di clisteresotto la gonna di mia mogliescopata a sorpresainculata ziaracconti porno milfinculati da transtrans chiarabarbara scopatainculata x la prima voltale storie di milùche bel cazzoscopata bisexl'ultima notte pornostorie di sesso con canimarito cornuto inculatoracconti porno di zoofiliaeroticiraccontoscopate con canisverginare con le ditamariti cornuti e umiliaticugina bonaracconti erotici primo pompinoracconti di sesso gayracconti per adulti gratistettona raccontierotico storiemio fratello mi toccatroia nigerianasquirt analeitalia incesti