Assatanata | Racconto etero di IRIS

ASSATANATA di Iris Dorian conobbe Eva durante un improvviso temporale estivo che li obbligò a ripararsi sotto un porticato del centro storico. Lui notò quanto i jeans indossati dalla ragazza le sagomassero i glutei in modo perfetto. Con la coda dell’occhio le osservò il viso. Aveva i capelli biondi che le calavano sulla schiena ad […]

I miei cognati | Racconto bisex di luciano

La sorella di mia moglie si è sposata da poco, è una bella donna ed ha sposato un uomo bello e più giovane di lei. Ogni tanto andiamo a trovarli ed anche loro vengono da noi, insomma abbiamo un ottimo rapporto di parentela. Una sera al ritorno dal lavoro mia moglie mi dice che andrà via un paio di giorni con sua sorella per andare dalla madre ammalata. Per non stare sempre solo, telefono a mio cognato e gli chiedo se vuol fare una serata da scapoli, lui accetta ed allora ci troviamo in un bar vicino a casa sua. Dopo abbondanti bevute gli dico che per me è ora di finirla e lui mi dice che in queste condizioni non mi lasca andare a casa. Andiamo così a casa sua e per farci passare la sbronza decidiamo di farci una doccia. Mi fa accomodare in bagno e mentre sono sotto lacqua sento la porta aprirsi, entra anche lui in bagno, si spoglia ed entra in doccia con me. E proprio un belluomo, con un buon cazzo semi rigido che ammiro con piacere. Senza dire una parola inizia a saponarmi la schiena passando e ripassando sul mio corpo e facendomelo tirare di brutto. Condivido lidea ed inizio a saponarlo anchio, andando ad accarezzare quel bel corpo, quando poi i avvicino al suo cazzo lo vedo completamente in tiro e lo sento ansimare, così inizio a segarlo con calma subito ricambiato. E una sega lunghissima che ci porta molte volte vicino alla sborrata che però decidiamo di non fare. Usciamo dalla doccia e ce ne andiamo a letto e subito iniziamo nuovamente a palpeggiarci il cazzo vicendevolmente. Poi lui si gira e mi chiede se desidero farmelo succhiare, cosa che subito approvo ed in breve siamo intenti in un favoloso sessantanove che ci riempie le gole di cazzo. A forza di succhiare non resistiamo e quasi contemporaneamente ci sborriamo in gola lun laltro due cascate di brodo bollente. Finalmente ci calmiamo e chiacchierando vengo a sapere da lui che le due sorelle ogni tanto si scopano tra loro; le ha scoperte qualche tempo fa intente in leccaggio di figa con sborratura reciproca. Decidiamo di organizzare un incontro a quattro, una bella orgia dove tutto sarà concesso. Per farle partecipare decidiamo di svelare che siamo a conoscenza del loro segreto per cui ora devono stare al gioco e far sesso con noi due. Dopo alcuni giorni arriva la serata giusta, sono a cena da noi e dopo mangiato e ben bevuto, diciamo loro che sappiamo del loro amore lesbo e che, visto che noi siamo bisex, vogliamo fare unorgetta a tutto sesso. Senza tanto discutere, loro due dicono che va bene, così ci portiamo in camera nostra ed in breve siamo nudi e pronti per i nostri giochi. E stata una serata portentosa, ci siamo scopati tra noi in tutti i modi, entrambi abbiamo scopato le donne prima una e dopo laltra, le abbiamo inculate facendole impazzire dal piacere; ci siamo spompinati tra noi mentre loro due se la leccavano con passione, poi mentre mi scopavo la cognata e leccavo la figa a mia moglie, mio cognato mi ha inculato facendomi impazzire, poi abbiamo cambiato e mentre lui si inculava mia moglie, io mi inculavo lui, mentre mia moglie succhiava la figa alla sorella. Unorgia pazzesca che ci ha sderenato ma che ogni tanto continuiamo a fare per il sommo piacere di tutti.

La mia vita da cuckold | Racconto scambio di coppia di Persephone

Buongiorno a tutti, sono S. un cuckold di 45 anni, felicemente sposato con Lara, protagonista delle mie storie. Mi sembra corretto fare un po di introduzione, io sono un cuckold, lo sono sempre stato ma prima di conoscere Lara non ero mai riuscito a mettere la cosa in pratica. Lara oggi è una donna di 35 anni, alta, lunghi capelli scuri, pelle molto molto chiara, un bel culotto invitante ma soprattutto due tettone grandi e sode, una quinta naturale ancora di marmo. Ci siamo conosciuti 10 anni fa, lei faceva la prostituta, e ovviamente immaginarla con i clienti mi eccitava da morire, ma questo sarà argomento di un’altra storia. Fatto sta che con lei ho potuto finente realizzare le sue fantasie e ora, per quanto riguarda l’aspetto sessuale, sono il suo cuck obbediente e sottomesso, come dico sempre il mio corpo è suo e io sono qui per assecondare i suoi desideri e fantasie. al di la della sfera sessuale abbiamo un rapporto normalissimo e felice, quindi ovviamente quali vi racconterò sono episodi sporadici, avvenuti nel tempo ma non andrò in ordine cronologico, semplicemente quando riaffiorerà un ricordo cercherò di metterlo in parole, ma sarà tutto assolutamente reale, non aggiungerò o inventerò nulla.

La figa di mamma è sempre buona | Racconto incesti di Sebastian 80

Ciao a tutti, mi chiamo Matteo, ho 18 anni e vi voglio raccontare, la mia prima scopata con mamma. Io premetto che non sapevo che sarei arrivato a fare lamore con lei…ma comunque è stato bellissimo. La prima volta fu una sera di maggio, non faceva tanto caldo ; io ero attento a guardare la tv, quando mia madre scivolo in cucina, io spaventato dalla botta , corsi ad aiutarla, la presi in braccio e la portai in camera da letto. Preoccupato stavo x chiamare il medico, ma lei disse: tranquillo è solo una botta, sei sicura? Si….vieni qui accanto a me caro, io mi avvicinai a lei ..poi accade lei con le mani tocco i miei pantaloni, io le dissi: mamma che fa e lei nulla tesoro. Non ti piace? Si mi piace ma …non dovremmo, figlio mio siamo soli, non ti piacciono le donne? Si ma tu sei mia mamma, lo so caro ma sono anche una donna..fammi godere…le mi provoco, la buttai sul letto , alzai la sua gonna, non aveva le calze la sua pelle era liscia e morbida, strappai via le sue mutandine, quando visi la sua bellissima figa, non ebbi nessun ripensamento presi il mio pene e lo feci scivolare dentro il suo pancino.. Poi incominciai a scoparla…mentre entravo in lei le dicevo : mamma ti amo.. Lei rispondeva anche io amore..non capivo nulla, volevo entrare in lei sempre di piu…dopo schizzai in lei tutto il mio seme…talmente ne usci che la sua ne rovesciava fuori..ora sono passati 10 anni da quel bellissimo giorno, io anche se adesso sono sposato, una volta a settimana, vado da lei per scoparmela e riempirla del mio seme caldo… Siamo innamorati come il primo giorno.. Lei si cura sembra ancora giovanissima..io le dico che e la mia Fidanzatina con cui faro tanto sesso e se riusciro avro anche un bambino…

Al cinema porno | Racconto orge di Vecchiobambino

Quel giorno Cristina e suo marito Tiziano si stavano annoiando un po. Avevano voglia di sesso, ma non del solito sesso in casa, nel letto o sul divano, cercavano qualcosa di più, un po di trasgressione e quando venivano loro quelle voglie, erano pronti a soddisfarle in qualsiasi modo. Daltronde Cristina era abituata ad andare con altri uomini sotto gli occhi del marito e a lui faceva piacere assistere e partecipare alle esibizioni erotiche della moglie.

Dal primo bacio alla prima scopata con mia sorella, una vera storia lunga due anni. Parte 2 | Racconto incesti di JackMiller

Eravamo rimasti allestate del 2000,lei aveva 14 anni e io 16 e mezzo.Ero fidanzato con una sua compagna di classe e la sera uscivamo nella stessa comitiva.Con la mia fidanzata ogni tanto ci appartavamo ma oltre a intense limonate non andavamo oltre.Se qualche volta provavo a mettere le mani sotto la maglietta o la palpavo mi respingeva.Ovviamente questa situazione mi innervosiva e mi confidai con mia sorella,lei mi chiese fino a che punto desideravo spingermi con lei e io risposi che come minimo dopo 3-4 mesi che stavamo insieme desideravo toccarli il seno e magari leccarlo.Lei con un mezzo sospiro mi disse che avrebbe tanto voluto un ragazzo che la desiderasse come io desideravo la mia ragazza e cmq mi diede ragione dicendomi che era la mia ragazza quella troppo santarellina ma che cmq io dovevo rispettare i suoi tempi.Erano i primi giorni del giugno 2000 e con la mia famiglia ci eravamo trasferiti alle case al mare. Il pomeriggio lo passavamo insieme in camera,io tra allenamenti e partite ero sempre pieno di dolori alle gambe e gli chiedevo di farmi dei massaggi,lei invece mi chiedeva i grattini sulla schiena.10 minuti lei di massaggi perché ne avevo più bisogno e 5 minuti di grattini io questi erano gli accordi ma lo facevamo già da anni questo gioco senza nessun altro fine.Un pomeriggio era in costume da bagno e si alzò per andare in bagno,al ritorno si sdraio a pancia in giù e aspettava i miei grattini.Non aveva sistemato bene le mutandine e oltre ad avere mezza Chiappa scoperta,dalla sgambata fuoriusciva qualche pelo nero dalla figa.Ho avuto unerezione immediata e sono rimasto qualche secondo a fissare quella mezza chiappa bianca che faceva da contrasto con il resto del corpo abbronzato,ma quello che più mi accendeva come una torcia erano quei peli che fuoriuscivano.Iniziai a farle i grattini ma la mia fantasia aveva iniziato il suo viaggio senza fine.Le osservai la bocca e per la prima volta mi accorsi che erano belle carnose,guardai il seno e vidi che aveva già una bella dimensione,era più grande di quello della mia ragazza e aveva almeno una seconda.Lei era robusta ma non grossa,e sembrava più grande dei suoi 14 anni.In quel momento lei non era mia sorella,ma davanti a me avevo il corpo di una ragazza che te lo faceva venire duro solo a guardarla.Era la prima volta che mi succedeva.Non sapevo come iniziare lapproccio perché avevo paura di una sua reazione,così mentre gli facevo il grattino spostai le mani dalla parte alta della schiena al fondo schiena,chiusi gli occhi e presi poi coraggio.Lentamente staccai una mano e lappogiai sulla chiappa scoperta e rimasi per un po con una mano sulla schiena e laltra sulla chiappa.Lei apri unattimo gli occhi,pensavo che stesse per dirmi qualcosa ma poi gli richiuse e il suo battito iniziò ad accelerare come il mio.Staccai anche laltra mano e praticamente ero attaccato come un polpo sul suo culo.Suonò la sveglia che annunciava il cambio massaggio ma nessuno dei due disse una parola.Mi fermai unattimo per sistemare il pene e metterlo diritto, era tutto stretto allinterno del mio box da mare.Così mi feci coraggio e mi distesi su di lei che ancora era a pancia in giù facendoli sentire il cazzo duro che si strusciava sopra il suo culo.Lei si abbassò un pochino come per sistemarsi meglio e per sentirlo meglio e quello per me fu il segnale che potevo continuare tranquillo.Iniziai a strusciarmi sempre più forte a tal punto che sembrava che la stessi scopando da dietro e nel frattempo avevo anche iniziato a dare prima dei baci sulla schiena e poi al collo.Lei si spostò i capelli tutti da un lato per scoprire meglio il collo e lorecchio ma dopo aver leccato queste parti non feci in tempo a darle un bacio in bocca perché dopo tutto quello strusciare e i suoi gemiti di piacere mi sborrai dentro i box.Così senza dire una parola mi alzai e andai dritto in camera mia.Lei rimase sdraiata a pancia in giù,sembrava paralizzata ma aveva lo sguardo estasiato……CONTINUA

La sculacciata | Racconto incesti di noemi

Fremo.. le mano stringe forte il mio pisello che diventa sempre più invadente negli slip. Senza staccare gli occhi dal monitor, slaccio i pantaloni e li lascio scivolare giù, sfilo lo slip e butto tutto sulla sedia. Così libero posso godere appieno delle prestazioni fantastiche che la ragazza bionda mette in atto mostrandomi tutto il suo lato b.. Metto le cuffie e gemo con lei.

La mia amica con il suo cane | Racconto zoofilia di Manuela97

Io sono Manuela e ho compiuto 20 anni da pochi mesi. La storia che vi racconto lho vissuta la scorsa estate insieme ad una mia amica coetanea a casa sua. Se non la racconto a qualcuno divento pazza. La mia amica Gaia ha un cane,un alano molto alto che sta spesso nel suo giardino. Io e Gaia eravamo sedute in giardino a bere una coca cola e come se niente fosse il suo cane passa davanti a noi tenendo fuori in bella vista il suo lunghissimo pene rosso venoso. Sono rimasta allibita e sono anche un pò arrosita, perchè la statura del cane permetteva di vederlo molto bene.Gaia è anche lei un pò confusa e mi dice che è la prima volta che lo vede camminare in queste condizioni. Come se non bastasse si accuccia sulle zampe e lo mostra ancora meglio. Io sono turbata. Gaia lo stesso e per prima dice: glielo carezziamo? noooo dico io, ma sei pazza??? comunque lo sguardo ci cade sempre su quel…membro. Gaia entra in casa e torna con un fazzolettino, si accascia vicino al cane lo carezza sul muso,la testa e con la mano dentro il fazzolettino di carta gli afferra il membro e inizia a fargli un pompino. Io sono rossa in viso e confusa e mi chiedo quanto ci metta a venire..se anche i cani vengono…Gaia dice che vuole altro. Cosa???? dico io..neanche ho finito di parlare e Gaia si toglie gonnellino e peri e si mette in doggy style..il cane non perde tempo e si piega giusto un po (gigante come era) e la penetra con un deciso colpo secco che la fa urlare. Sono allibita. la mia amica scopa con il suo cane e urla come una ..cagna appunto..durante la scopata Gaia mi dice di passarle il suo peri e se lo mette in bocca..in effetti teme di essere sentita, perchè eravamo in giardino. Continua a farsi prendere dal cane per non so quanto tempo e si dimena e mugugna con il peri in bocca come una pazza furiosa. Quando sembra essere tutto finito, il cane continua a restare dentro di lei per non so quanto tempo, volevo fare qualcosa ma lei finalmente si toglie il peri dalla bocca e mi dice di stare ferma e zitta. Dopo forse 10 o 15 interminabili minuti il cane la lascia e si allontana.Le chiedo se per caso lo aveva già fatto altre volte ma non mi risponde e mi chiede se ho voglia di provare anche io. Dico di essere eccitata ma non me la sento proprio. Ci penso ogni giorno e la curiosità oppure la voglia mi cresce. Non so cosa fare.

Un mese con mia cognata 2° parte | Racconto orge di gigi il cornuto

dopo un paio di giorni di riposo, con la sola scopata con mia cognata arrivarono in Liguria mia moglie e mia suocera. Mia moglie mi disse sei un maiale hai fatto un sacco di scopate con quella troia di mia sorella senza dirmi niente, mia suocera rincarò la dose dicendo adesso voglie vedere cosa sai fare perchè di qui non ce ne andiamo senza averti fatto passare la voglia di tradirci senza dirci niente e quindi adesso fuori il cazzo ed incomincia a soddifarci tutte e tre. Non dissi niente ed incomincia con trombare lei per prima mentre mia moglie e sua sorella incominciavano a masturbarsi ognuna per conto suo perchè mia moglie non gli perdonava il fatto di non avergli mai detto quello che faceva in Liguria e sopratutto di non avergli mai fatto toccare la sua figa. Allora la madre si stacco da me e disse amia moglie adesso smettetela e tu che sei la più vecchia incomincia a leccargli la figa e poi vedrai che bei servizi che gli facciamo in questi giorni, allora mia moglie gli apre le gambe a sua sorella e gli infila la mano nella figa credendo che non aveva mai fatto fisting, sua sorella gli dice dai laltra mano infilamela nel culo: le due incominciarono a godere ed ad infilarsi nel mani dappertutto, mentre io avevo continuato a metterlo nel culo a mia suocera, lei mi disse non venirmi nel culo ma sborra sulla faccia a quelle due troie e cosi fecì. dopo avere sborrato sulla faccia delle due mia suocera disse adesso tutte e due mi leccate figa e culo fino a farmi venire almeno tre o quattro volte ed intanto voglio vedere, disse a me, continua a menarti il cazzo che la prossima sborrata la voglio bere io. Dopo alcuni minuti venni nella bocca di mia suocera lmentre le sue figlie continuavano a leccargli figa e culo. Nel pomeriggio mia cognata disse se volete faccio arrivare le mie amiche ed anche un paio di maschioni con due enormi cazzi. Mia suocera disse va bene, cosa aspetti a chiamarli tutti. Infatti dopo alcuni minuti arrivarono tutti e quattro e dopo le presentazioni di rito e qualche bicchiere di champagne, mia suocera disse mi è venuto caldo, posso spogliarmi e tutti in coro si faccialo tutti e quindi tutti restammo nudi. mia cognata intanto mi dice vai in camera da letto e prepara tutto. Io andai in camera da letto e attaccai lamaca al soffitto e preparai alcuni frustini e anche grossi vibratori. Rientrai in salotto e mia moglie e mia suocera avevano gia preso in faga i due grossi cazzi e le due amiche di mia cognata, che erano altre e non quelle che avevo gia scopato io, avevano incomiciato a leccarsi la figa tra di loro ed appena arrivai io mia cognata mi dice dai incomincia a mettercelo nel culo a tutte e tre. Incomicia da mia cognate e finii nel buco del culo delle altre due. Mia suocera intanto si era fatta mettere nel culo un cazzo dei due giovani e mia moglie la imitò guasi subito e avendo i due grossi cazzi li vidì soffrire per un pò ma mia suocera disse voglio vedere chi riesce per prima a prendere in culo due di questi enormi cazzi. mia mogli si offri per prima, ma per quanti sforzi fece non ci riusci, allora provò mia cognata, intanto io mi avvicinai alle due ragazze le quali mi presero in bocca il cazzo e infilandomi una mano nel buco del culo disserò anche te devi provare a prendere quei cazzi nel culo, io annui e però dissi dopo di voi. intanto mia cognata era riuscita a prenderli in culo i due grossi cazzi e quindi poi toccò a mia suocera che la penetrarono quasi subito, anzi disse se ci fosse posto prenderei in culo anche il tuo, mia moglie era rimasta male perchè non era riuscita a farli entrare tutti e due. allora si butto sullamaca nel stanza da letto e mi disse dai infilami il tuo cazzo e quanti più vibratori puoi, allora gli misi in culo il cazzo e chiamai le due ragazze a leccargli la figa ed il culo da sotto lamaca mentre io facevo entrare due grossi vibratori e lei urlava dal dolore ma continuava ad incitarci a leccare la figa ed il culo ed io a fotterla dal buco del culo sempre più forte e voleva che gli infilassi ancora un piccolo vibratore, il suo buco del culo sanguinava ma lei non cedeva e quindi una delle due ragazze con un colpo secco gli infilò un altro piccolo vibratore. Intanto i due maschi stavano inculando mia suocera, mentre mia cognata mi stava leccando il buco del culo per prepararlo a ricevere i 2 cazzi, il quali aveno riempito il culo di sborra a mia suocera e dopo aver fatto pulire i cazzi alle due ragazze ed io avere finito di togliere cazzo e vibratori da l buco del culo di mia mogli, mezza svenuta per lenorme sforzo di avere ricevuto tutta quella roba nel culo, mi avvicinai a due ragazzi e loro erano già pronti a mettermeli nel culo. allora girai lamaca, sulla quale mi ero sdraiato con il culo per aria ed il cazzo nel buco dellamaca dissi a mia suocera dai mentre mi inculano fammi un pompino. i due ragazzi sul letto incominciarono a mettermi nel culo i loro enormi cazzi e senza troppa fatica mi infilarono i due cazzi ed a fottermi, nel frattemo mia moglie mia cognata presero due vibracori una me lò misero in bocca e laltro quella troia di mia moglie scostando i due ragazzi mi infilò nel buco del culo anche il vibratore, io tirai un urlo e mia suocera che aveva in bocca il cazzo mi prese le palle le le schiacciò e quindi anche il vibratore insieme ai due cazzi mi entrò nel buco del culo. Venni in bocca a mia suocera e i due ragazzi nel mio buco del culo mentre mia cognata e le due ragazze si stavano leccando la figa e mia moglie leccava la figa a sua madre. Era uno spettacolo mai visto e dopo avere fattoni leccare il culo da mia cognata, dissi adesso tocca alle tue amiche prendere i due cazzi, ma lei disse ma li hanno già presi diverse volte e quindi vorrei invece usare un po difrustini sulle chiappe e fighe di mia sorella e mia madre, io disse va bene ed anche mia suocere disse di si perchè quello di essere frustata non laveva fatto mentre mia moglie non voleva perchè gli rovinavamo il culo. allora mia cognata che aveva in mano già la frusta gli mollo una frustatina sulle tette e un altra subito sulle chiappe e mia moglie urlò, allora mia cognata la bacio sulla bocca e gli infilò il frustino nella figa. allora le due ragazze con altri frustini incominciarono a frurare mia suocera e mia cognata che si divertiva a prendere in bocca i cazzi dei ragazzi mentre le due ragazze contiuavano a frustare a turno un pò tutti e anche mia moglie con il frustino nella figa prese un altro frustino e picchiava quasi serlvaggiamente sua sorella che per non urlare si infilo nel culo ed in bocca dei vibratori. Dopo molte frustate e inculate si fini tutti nel lettone grande in preda ad una adrenalina di sesso mai Vista. In quel momento squillo il cell, di mia cognata erano le altre due sue amiche si si prenotavano per il giorno successivo per una grande orgia di sesso come quella appena finita. Intanto stavamo per rivestirci quando uno dei ragazzi che aveva ancora il cazzo in tiro disse a mia cognata vorremmo ripetere quanto fatto a tua madre, a tua sorella e tua cognata ancora una volta con tua madre perche è la più troia di tutte ed e quella che ci ha fatto godere di più. detto fatto mia suocera e mia moglie presero in bocca i due cazzi che dopo poco erano già pronti mia suocera si mise a 90 gradi e la incularono per almeno 15 minuti mentre gli altri si abbracciavano e si palvano da tutte le parti, quando i due vennero mia moglie mia cognata succhiaro tutta la sborra dei due ed e mia cognata leccavano il buco del cula e la figa alle due ragazze che per ringraziarci ci pisciarono adosso tutto quanto avevavo nella vescica e cosi facemmo tutti gli altri. ciao.

La signora coi tacchi alti | Racconto feticismo di TripleH

Mi capitava spesso di uscire dallufficio, a volte per andare in banca, a volte in posta od altre commissioni. Un giorno, poco distante dallufficio la notai. Sui quarantacinque, abbronzata, minuta, bassa, magrina, coi capelli neri corti, con un vestitino estivo ed ai piedi dei tacchi incredibili: 14 o 16 centimetri. Dopo qualche giorno, ancora lei, un isolato più in là, sempre con un vestitino sexy e con altri tacchi altissimi. Passarono diverse settimane e gli avvistamenti non mancarono. Poi un giorno, inchiodai la macchina scesi, le andai incontro, la guardai dritto negli occhi e le dissi: mi scusi se la disturbo, volevo solo dirle che spesso la vedo passeggiare qui attorno, e che la trovo una bellissima donna e se proprio le devo dirla tutta volevo dirle che lho sempre vista con delle bellissime scarpe. Le andrebbe, durante la mia pausa pranzo, di venire con me in un negozio che vorrei regalarle un paio di scarpe ? La signora mi guardò perplessa … mi prendi per il culo ? Di solito mi fischiano e fanno apprezzamenti pesanti, che in parte comprendo … ma un approccio come il tuo non mi è mai capitato. Proseguì: senti io ho circa una quarantina di scarpe col tacco alto, perchè non passi a vedere la mia collezione e poi decidi tu che scarpe regalarmi. Ci scambiammo i numeri di telefono e mi diede anche lindirizzo. Avevo solo unora per le pause pranzo, ma lei abitava proprio ad un minuto dal mio ufficio. Suonai il campanello. Lei: salì, secondo piano a destra. Entrai nellappartamento, superato il disimpegno si aprì lambiente su di una bella e luminosa sala. Da un lato cera un tavolone lungo circa tre metri, dove ai bordi erano appoggiate tutta una serie di paia di scarpe dai tacchi o dalle zeppe altissime. Lei con una rapida mossa salì sul tavolo e rise. Per valutare bene i miei tacchi ho pensato di farteli vedere … indossati quindi farò delle mini sfilate. Cosa ne dici ? Io che ero già molto eccitato deglutii e feci si con la testa. Antonella, questo era il suo nome, si infilò il primo paio di scarpe ed iniziò a fare un pò di brevi camminate e movimenti sexy. Oggi, senza calze, ne smalto, poi magari nei prossimi giorni, per fartele valutare meglio, posso attrezzarmi come preferisci. I suoi piedi e le sue caviglie erano perfetti e quel primo paio di scarpe mi piacevano un sacco: erano dei tacchi di 14 cm, con un pò di plateau allanteriore, color grigio pastello lucido con un fiocco bianco sul davanti che faceva sembrare quei piedini un regalo. Il secondo paio erano rossi, lucidi, sempre con plateau e fibbia in plastica trasparente. Poi il terzo, il quarto, ecc. ecc. La mia ora volò velocissima… devo andare al lavoro, quando posso tornare a valutare le altre scarpe ? Antonella: domani alla stessa ora!

Mia sorella sorpresa nella stalla | Racconto zoofilia di arturo

Avevo 18 anni, e come tutti i ragazzi della mia età avevo voglia di vivermi la vita e divertirmi con gli amici, purtroppo le ristrettezze economiche imponevano nei fine settimana la presenza della mia famiglia nell’azienda di mio nonno per dare una mano nei lavori dei campi, così tutte le mattine dei sabati e dei prefestivi mio padre, mia madre, io e mia sorella salivamo di buonora sulla vecchia 127 special e si affrontava un viaggio di circa 30 Km, mezzora di strada e raggiungevamo l’azienda.

Inculata Dalla Zia | Racconto bisex di Hermann2

Cari amici, sono Hermann, voglio raccontarvi cosa mi è successo laltra sera. Dopo una settimana di lavoro è arrivato il tanto agognato weekend. Sabato mattina, dopo un ricca colazione sono andato a fare un po di corsa dato la bella giornata. Ritornato a casa ho fatto una doccia, sono entrato in cucina è ho trovato mia moglie con un completino così corto che appena si chinava in avanti si vedeva il suo magnifico culo. A quella vista non ho resistito, lo accarezzato e mia moglie gradiva, infatti passando la mano sul suo solco e andando più giù lo sentita bella fradicia. Prendendogli la mano la portai nellaccappatoio e lei ha iniziato a menarmelo. Mi era venuto dritto come non mai, lho portata verso il tavolo e fatta sedere ho iniziato a leccargliela, aveva delle labbra meravigliose e già il grilletto gonfio. Lei mugolava per il piacere, allora lo voltata a pancia in giù e mi sono accorto che sul tavolo cera un panetto di burro, quale migliore occasione, ne ho preso un po e lho spalmato sul suo buchino facendone entrare anche dentro. Lei se ne resa conto e si è rilassata. Mi sono avvicinato con la cappella al buco, facendola aderire il più possibile e ho iniziato a spingere. Il mio cazzo aveva un po di resistenza ad entrare che se ormai mia moglie non era più vergine da quellentrata, ma spingevo costantemente e ci riuscii. Era bellissimo, molto stretto e caldo, lei iniziò a godere e io ad ogni affondo penetravo sempre più. Le mi incoraggiava a fare più forte, cosa sorprendente da mia moglie che fino a poco tempo prima non ne voleva sapere, mi diceva: “dai sfondami il culo, mi piace da morire … fai più forte”. Iniziai una cavalcata selvaggia, ormai il cazzo scivolava dentro tranquillamente e lei tirò indietro le chiappe per rendere linculata ancora più profonda, ormai sentivo le palle sbattere sulla sua fica. Allimprovviso sentii il suo ano stringersi e lei avere un rantolo di piacere, segno che aveva avuto lorgasmo, non resistetti più e scaricai a più riprese la mia sborra nel suo culo. Era stato meraviglioso. Uscii e vidi il culo di mia moglie dilatato al massimo, ma lei mi sorprese ancora una volta, si accovacciò e fece colare lo sperma dal culo in un bicchiere che era lì sul tavolo, la fece colare per bene aiutandosi con un dito, avevo sborrato una discreta quantità, tanto da dubitare che ero stato lunico. Prese il bicchiere e lo portò alla bocca e bevve con piacere tutto il contenuto. Venne da me e baciandomi mi fece assaporare il mio sperma dicendomi “è stato bellissimo”.

racc incestoscambio di moglieracconti erossesso tra geyvicina di casa tettonami trombo mia cuginadonne con il culo rottofiga in montagnabidella troiaraccontiardmoglieputtana maritocornutoseghe a scuolaracconti esibizionismotette latteporno gay ziomoglie che godechiama la mia fidanzatasuocera seduce generoporno gay brasilianohorror pornomamme incestofilm sulle milfvito e sabrina cronologia videoracconti video eroticircconti eroticistorie porno di tradimentiracconti erotici napoletanisesso gay tra fratelliformentera nudacompagni di classe pornoracconti69 annunciano dilatatoporno sesso incestiattore porno gayracxonti eroticimi scopo la moglie del mio amicospompinamentiho voglia di farmi una segaraccontii eroticii generi di racconti inceatoscopate con mia sorellail buco del culosenza mutandine sotto la gonnaracconti fistingesibizionisti in autotette troppo grosseche scopataamo mia sorellavisita andrologica imbarazzanteporno zoofiliracconti erotici ditalinogeneri dei racconti eroticiracconti prima volta bisextroie cornutifa sesso con un cavalloracconti porno ziesesso con bestieraccontiadultiracconti di gang bangracconti di sottomissionemi trombano la moglieracconti giantessscopare mia figliala prima volta analeerotico storieorge di troiebondageselena86fradice pluralelibri per adulti gratisracconti eroticvi