Scopata in giardino | Racconto trio di Laura Panerai

Mi sveglio con il rumore di un furgone che entra in giardino, e d’alcune voci di persone che parlano, mi alzo da letto indosso una vestaglianera trasparente, mi affaccio alla finestra e vedo gli operai che sono venuti a riparare il pavimento in giardino. Che palle proprio oggi che avevo voglia di continuare a dormire, purtroppo i miei sono dei veri bigotti, proprio non li reggo vogliono a tutti i costi costruire un muro con i vicini per la privacy. Mi sento chiusa in un monastero chiavi e cancelli dappertutto. Mio padre mi vede e mi fa cenno di scendere. Vado giù a fare colazione, mentre arrivo nel salone, c’è la governante che serve la colazione, mio padre mi chiama nuovamente e vado e lo raggiungo in giardino. Con aria scazzata come sempre vado in giardino ci sono i miei genitori che parlano con un muratore anziano, mi presentano il muratore con mille cerimonie che palle non lì sopporto più. Però mi accorgo che a scaricare il furgone c’è Un bel giovane muscoloso con una salopette bianca tishirt bianca e con un bel sorriso. Lo guardo e lo saluto sorridendo. Finalmente un vero uomo in casa, non ne posso più degli amici di mia madre del club di bridge tutti vecchi stantii, puzzolenti di fumo.Guardandolo penso tra me e me cavolo che bel ragazzo Rientro in casa tutta contenta della visione dico tra me e me cavolo che bel ragazzo, toccandomi mi accorgo che mi ha fatto bagnare anche un po’ la fica. Salgo su in camera, mi spoglio ed inizio a provare i costumi, prendo un bikini di color bianco, lo infilo mi guardo allo specchio, dal costume spuntano i capezzoli e poi proprio bello il filo nel culo. Guardo il ragazzo dalla finestra suda mentre suda e sposta delle cose, osservo quei muscoli che si muovono e immagino quelle mani sul mio culo, sulle mie tette sono grosse e ruvide. Mi arrapo semper di più, mi infilo un dito in figa, inizio a masturbarmi, pensando a lui ed al suo cazzo, sento che mi sta già scendendo dalla fica un po’ di liquido. Apro le cosce, stimolo velocemente il clitoride penso al suo grosso e duro cazzo. Poi mi avvicino al comodino e tiro fuori il mio giocattolo preferito, mi infilo per un attimo il vibratore, lo spompino come fosse il suo pene, con due dita tengo aperta la figa e con l’atra mano me lo infilo bene bene. Intanto lo continuo a guardare dalla finestra con la bocca quasi bacio la finestra dal piacere che provo. In giardino è arrivato un altro ragazzo, decido di scendere e di andarmeli a scopare tutti e due. Tolgo il costume bianco fradicio ed indosso un completino nero scollatissimo quasi le tette escono fuori, con un tanga da paura,infilo dei tacchi e mi copro con un pareo il culo, prendo la crema solare il mio mp3, l’asciugamano e vado giù Scendo giù in giardino, vedo i muratori che subito mi notano, mi avvicino alla sdraio, sistemo l’asciugamano , mi tolgo il pareo mi metto a pecora per sistemare l’asciugamano, mostrando il mio bel culo sodo con il filo infilato dentro. So di essere guardata. Mi sdraio sistemo il top strettissimo, quasi le tette mi scoppiano apro la crema ed inizio a spalmarmi tutta, mi accorgo che mi guardano, li arrapo mi sento una rizzacazzi in calore. Maliziosamente inizio muovere la lingua, gli faccio capire di avvicinarsi. I due muratori si avvicinano lentamente al mio richiamo di troia scosto il costume gli faccio vedere la fica bagnata che li richiama. Sono due bei maschioni dotati me li farei proprio all’istante… gli chiedo di aiutarmi a spalmarmi al crema. Iniziano a massaggiarmi mentre io sto distesa sul lettino gli tocco i cazzoni duri mentre mi slacciano il costume e mi liberano le tettone dal costume. Apro la lampo di uno dei due ragazzi gli tiro fuori il cazzo ben duro, linizio a spompinarlo ben bene, gli strizzo le palle fra le mani. Mentre l’altro ragazzo mi allarga le cosce ed inizia a toccarmi. Anche lui vuole assaggiare la mia bocca sul suo cazzo me li ritrovo in bocca entrambi. E così faccio ho la bocca piena, sputo sulle due cappelle e li spompo. Dopo di che decido che voglio godere anch’io mi faccio leccare la fica da uno dei due mentre spompino l’altro, me l’apre bene bene e sento che mi sputa in fica ed infila la sua lingua calda dentro, sento che mi fa gonfiare la fica in un modo pazzesco sono bagnatissima. Finalmente la vera lingua di un porco.mi fa impazzire di piacere, non riesco nemmeno a spompinare l’altro cazzo. Mentre l’altro continua a ruotarmi la lingua nella fica fradicia. Mi facccio togliere la lingua bollente voglio un bel cazzone in fica ed uno in culo mi giro,ci sistemiamo uno si sdraia sotto di me e laltro sopra gli faccio cenno di ficcarci i loro cazzoni nodosi belli potenti pronto a spaccarmi la fica e di non risparmiare minimamente il mio culo arrapato. Come una maiala mi faccio spaccare tutti e due i buchi davanti e dietro, urlo di piacere e loro ancora che mi sfondano senza pietà, uno mi tappa la bocca ma io continuo ad urlare. Sento che dentro di me i cazzoni si toccano uno dalla fica e l’altro dal culo e loro che insistono dai dai troia dai così così beccati sti cazzi.. Troia, sbavo di piacere. Sono la loro cavalla, mi domano tutta, mi montano, imbizzarrita ed i due muratori mi cavalcano maledetti destrieri. Mi frustano anche il culo, me lo arrossano di godimento, con i movimenti del mio culo decido di farli sborrare insieme. Entrambi urlano di piacere. Mi sborrano insieme nei buchi,. Sento gli skizzi in contemporanea riempirmi i buchi. Non ce la faccio più godo di brutto, sto venendo. Ho un orgasmo incredibile mi vibra tutto il corpo, mi uccidono di piacere. Esausta vengo godo ed urlo di piacere… Mi rotolo. poi mi avvicino ai cazzi avida come sempre e lecco i due cazzi per pulirli. Intanto i miei genitori stanno per rientrare, ci risistemiamo tutti e tre i muratori tornano a lavoro io mi rimetto il costumino e riprendo a leggere. I miei sono tornati, vengono in giardino,si avvicinano e mi portano come regalo un nuovo libro, che palle. Poi sorridenti mio padre mi dice che brava figliola sei una vera studentessa modello, e poi rivolgendosi a mia madre abbiamo cresciuto una suora… E che suora risponde mia madre….

sborrata cavalloerotica.comcome scoparsi la sorellaconfessioni di un cuckoldracconti gay schiaviletteratura eros braniracconti oséfoto mutande usatesesso sadomasoracconti erticierptici raccontiu porno freeracconti sverginatatravestito in privatosesso con sconosciutaracconti erotici italiani gratisracconti.incestopareo con buco 10 modiculi di nataleracconti di sesso gratisorgasmi violentimutande sporche di marroncinoannunci69.it raccontistorie fetishi piedi di mia cognatacazzo xlracconti mamma padronaraccontierostradimenti sexpornaccistorie di sesso veremassaggiatori a domicilioracconi pornoracconti massaggioracconti bsdmracconti erotici tabooalice pompinoprima volta in figaincesti reali amatorialiracconti erotici cunnilingusstorie sesso gayfratello e sorella amantiracconti erorticisega dalla sorellascopata raccontibondage milforgia in ufficiola prima volta nel di dietroho chiavato mia madreprete scopa sposazoofilia raccontiscopare con un transfighe in legginsstorie di feticismoracconti esibizionismosesso vicinatroia mogliecuckoildracxonti eroticispogliatoio gayprima volta con transsi scopa l'amica della sorellafiga di mammasesso tra donna e canemolta sborraracc sexsesso con papaseso a trefiga fradiciadildo in casaracconti erotici fortise faccio un figlio lo chiamo emiliomia anal