Mamma fammi vedere le tette | Racconto incesti di Hero Solo

Mamma, fammi vedere…le tue tette.
Un racconto pescato in rete, cui ho aggiunto le mie esperienze personali..
Da adolescente, avevo una voglia matta di vedere una donna nuda
dal vivo. Purtroppo fino a 20 anni non ho avuto la ragazza né
tanto meno rapporti sessuali. E così, un po’ come tutti i
ragazzini, mi accontentavo di qualche rivista pornografica
sfogliata di nascosto nel bagno o la sera a letto nella mia
stanzetta in solitudine.
E poi mi concedevo un peccatuccio: spiavo mia madre (l’unica
donna di casa) dal buco della serratura. Lo so, non è molto
bello, ma tutto sommato, dopo che leggerete quello che sto per
raccontarvi, capirete che mia madre è stata molto comprensiva
nei miei confronti.
Era un sabato. Papà era a letto ed io e mia mamma, come spesso
accadeva quando non dovevo andare a scuola l’indomani, ci
attardavamo davanti alla TV a guardare qualcosa insieme.
Mia mamma aveva 45 anni, ed io la trovavo bellissima e
soprattutto molto arrapante. Portava ancora i capelli lunghi e
mossi, nerissimi. Fisico abbastanza in carne, gambe ben
tornite, cosce pesanti e una buona quinta misura di seno.
Quello che fino ad allora ero riuscito a vedere dal buco della
serratura del bagno erano due tette veramente grosse con dei
capezzoli molto larghi e scuri, ben sporgenti. Il mio cazzo
prendeva delle proporzioni smisurate non appena le vedevo
togliere il reggiseno, entrare nella vasca o farsi la doccia
lasciando scorrere l’acqua e la saponata su quei seni così
grossi e pesanti. E poi una bella fica pelosa e nera. In
realtà era solo la peluria quella che riuscivo a scorgere, il
resto lo immaginavo soltanto, ma lo desideravo ardentemente.
Quella sera, terminato un programma d’intrattenimento in TV,
facevamo un po’ di zapping e mia madre si soffermò su di una
scena di un film. Si trattava di una di quelle commediole sexy
anni ’70. La storia era di un’insegnante che dava lezioni
private ad un intraprendente e pruriginoso giovanotto.
Alla prima scena di sesso, anche se abbastanza castigato,
m’imbarazzai un tantino, ma mia madre non cambiò canale.
Appena la scena terminò mia madre mi chiese se io avevo avuto
già la mia prima esperienza. Io le risposi di no, e che lei
sapeva bene che non avevo la ragazza. Da lì la conversazione
si fece più imbarazzante per me, ma ad ogni domanda di mia
madre il mio cazzo pulsava pensando alla situazione del film
nonché alla vista delle cosce e degli ammiccamenti di mamma…
– Ma allora non hai mai visto una donna nuda…? …e non hai mai
baciato in bocca una ragazza?…Ma sai com’è fatta una donna?
Tutto quello che non aveva mai osato chiedermi, di colpo lo
chiedeva con naturalezza sembrando quasi sorpresa dalle mie
risposte negative.
– Ma non sei curioso…?;
– Si mamma, certo che sono curioso, ma io mica ho
un’insegnante come quella…- risposi alludendo al film;
Dopo un po’ mi disse:
– Ma si che l’hai vista una donna nuda, me..;
Mi si raggelò il cuore perché pensavo che si fosse accorta di
quando la spiavo, ma per fortuna mi tranquillizzai quando
aggiunse:
– Quando ti allattavo non ero mica vestita….
– Si, vabbè, grazie…- le dissi con la mia voce bloccata dalla
timidezza.
– Sai che non è cambiato molto?
– che cosa?
– Il mio seno, è stato sempre abbastanza grosso, però adesso è
solo un po’ più cadente.
Sentivo il mio cazzo premere furiosamente contro gli slip e
voler saltare fuori da essi, perché le avevo ben presenti le
tette di mamma, e l’idea che un tempo avessi avuto la fortuna
di succhiarle mi faceva aumentare l’eccitazione. Capivo che
dovevo osare, dato che il tono della conversazione era
scherzoso, le avrei potuto chiedere qualcosa…
Ormai non guardavo più il film, pensavo a come agire per poter
sperare in un “tenero” comportamento di mia madre.
Così decisi che alla prossima provocazione, se lei fosse
tornata sull’argomento, avrei recitato meglio la parte del
ragazzino frustrato, inesperto e bisognoso di superare i suoi
bloccaggi adolescenziali.
Così fu. Alla successiva scena erotica (l’insegnante che
andava a letto col papà dell’alunno) mia mamma riprese:
– Un po’ scarsina l’insegnante, i suoi due seni sono quanto
uno solo dei miei..;
Assumendo uno sguardo ed un tono da bambinetto bisognoso di
coccole, azzardai queste parole:
– Mamma, perché non me lo fai vedere, nessun’altra può
soddisfare la mia curiosità…
Cercavo di impietosirla ma in fondo mi aveva provocato lei. Le
fissai la camicetta all’altezza della scollatura, per dare
maggiore enfasi alla mia richiesta.
Mamma si alzò, non so se si accorse del gonfiore nei pantaloni
del pigiama, all’altezza del mio sesso. Venne a sedersi
accanto a me sulla poltrona e mi cinse le spalle con il
braccio. Io le poggiai la testa sulla spalla destra. Aprì i
tre bottoni della camicetta e vidi l’opulenza del suo seno
coperto parzialmente dal reggiseno nero. Mi sarei gettato
sulle sue tette e leccarla come avevo sempre sognato di fare,
ma la ragione mi consigliò di essere paziente perché comunque
qualcosa stava per accadere.
Borbottai una specie di complimento per il suo corpo così
giovanile e procace, e poi attesi ancora.
Prese la mia mano e la portò sul reggiseno. Prima su una
tetta, poi sull’altra, finché non cominciai a muoverla io
autonomamente. Le accarezzai la zona dei capezzoli, che
avvertivo essere duri e prominenti. Poi accennai ad infilare
la mano all’interno, ma non avevo il coraggio. Attesi ancora.
Lei mi carezzò la testa e disse:
– Toccami ancora se vuoi, tesoro..non ci trovo nulla di male, anzi…” disse, sganciandosi i gancetti dietro la schiena, per permettermi di toccarla meglio.
Non credevo più alle mie orecchie ed ai miei occhi: ero eccitatissimo e sentivo il mio cazzo ingrossarsi sempre di più. La mia mano s’intrufolò
all’interno del reggipetto e sentii il calore della sua tetta
contro la quale strinsi la mia mano aperta. Era enorme, non
riuscivo a contenerla nella presa. La tastai in lungo e in
largo, le solleticai il capezzolo, esitai con le dita attorno
all’areola, poi le toccai l’altra, con la stessa eccitazione e
sicuramente in maniera inesperta e goffa. Adesso le vedevo
insieme, nude, davanti a me. E lei mi lasciava guardare e
toccare.
– Mamma, sono bellissime – balbettai.
– Mi fa piacere che ti piacciano, tesoro.
Mi avvicinai con la testa e posai le mie labbra su un
capezzolo, aspirandolo timidamente.
– Era così che le succhiavo?
– Si amore – disse ridendo, ma stavolta dovette accorgersi che
la mia non era solo curiosità, ma anche vero e proprio
arrapamento.
– Però questo non reagiva così quand’eri piccolo…- disse
all’improvviso mettendomi una mano sul sesso, da sopra i
pantaloni.
– Mamma …così è troppo…- esclamai, cercando di mascherare con l’imbarazzo l’ulteriore arrapamento provocato da quel gesto insperato che
mi fece rizzare il cazzo ancora di più.
– Anch’io voglio tastare l’evoluzione del tuo corpo, come stai
facendo tu – mi rispose mantenendo la mano sul mio cazzo e
cercando d’indovinare i contorni del fallo e dei testicoli.
A quel punto mollai la presa del suo seno e misi la mia mano
sopra la sua, accompagnandola nei movimenti e nello strofinamento che sempre più prendeva la forma di una masturbazione.
Mi carezzava l’asta premendo di tanto in tanto e leggendo
l’eccitamento nei miei occhi, sorridendo.
Quando cominciai a sentirmi al colmo del piacere abbassai di colpo
pantaloni e slip e le misi in mano il mio cazzo nudo e
dritto. Lei non si scompose e mi masturbò ancora, baciandomi sulla guancia di tanto in tanto mentre io ricercavo ancora il calore delle sue
tette con la mia lingua vogliosa.
– Mamma, mi fai venire…- gridai.
– Si tesoro, godi pure, non vergognarti….Voglio darti
un po’ di piacere….Vieni in mano a mammina tua…
Quando si accorse che ero al massimo del piacere sessuale,
continuò a stringerlo forte con la mano e mi fece sborrare, sborrare e poi sborrare, senza
preoccuparsi di scansare il potente getto di sperma che le
riversai fino alle tette ed in parte sulle labbra e sul viso.
La baciai teneramente sulla bocca senza dire nulla; lei rispose al mio bacio, continuando a stringermi il cazzo e facendomi uscire fino all’ultimissima goccia; poi l’abbracciai e restammo così, stretti, per un po’, senza dire nulla: io continuai a stringere il suo seno, nudo sotto la camicetta. Poi lei si alzò, ricomponendosi un po’: “ Vado in bagno e poi a letto: Buonanotte, tesoro…” Io rimasi sul divano, con il cazzo da fuori; poi pensando alla cosa incredibile che mi era accaduta, mi sparai un’altra furiosa sega, prima di andare a letto anch’io.
Durante la settimana andò tutto come al solito; io sentivo però crescere la mia eccitazione via via che si avvicinava il sabato sera. Non mi sbagliavo. Quando papà andò a dormire, lei mi raggiunse sul divano ma, a differenza della volta precedente, a causa del caldo, aveva già indossato una leggera camicia da notte, che lasciava trasparire il seno maestoso e le mutandine bianche. Mi accostai a lei, e poggiai la mia testa sul suo petto, ritrovandomi un capezzolo a pochi centimetri dalla bocca. Lei era completamente rilassata; mi carezzava lentamente i capelli, gettando ogni tanto uno sguardo al solito film scollacciato del sabato sera. “Come stai?”, disse dolcemente “Come va con le donne? Hai fatto qualche amicizia? Mica puoi toccare sempre solo le mie tette…” “Perché no? Ti dispiace?” Prima della risposta le avevo già infilato la mano nella scollatura, riprendendo possesso del suo capezzolo scuro, che avvertii un già un po’ indurito. “Non, non mi dispiace…se ti fa piacere..ma io sono tua madre ed è diverso toccare la propria madre e la donna che si ama, anche se l’eccitazione sembra uguale, come adesso…” disse mettendo la mano sul mio cazzo, che era già duro da morire e si vedeva chiaramente sotto il pigiama. Io non risposi: mi bastò scostare un poco la stoffa della sua camicia per ritrovarmi a succhiare e baciare il suo seno, palpando e stringendo l’altro capezzolo. Lei non si sottrasse alle mie carezze…”Piccolino di mamma…Hai sempre voglia…Guarda come è duro…”, disse scostando lei l’elastico del pigiama, impugnando il mio cazzo ed cominciando a spararmi una dolce sega. Io mi abbandonai completamente, vinto dalle forti sensazioni che provavo: mia madre me lo stava tenendo in mano, con le sue tettone da fuori, che io potevo liberamente palpare, stringere, carezzare, succhiare senza alcun problema. Bastò pochissimo e cominciai a sborrare; mia madre, diligentemente guidò tutti i miei schizzi in un fazzolettino di carta, senza far sporcare niente; poi,appena mi fui calmato, me lo rimise dentro il pantalone del pigiama, scoccandomi un bacio sulle labbra: “Ecco fatto! Ora ci vediamo un altro poco di televisione e poi ce ne andiamo a dormire…” Io rimasi bloccato. Avvinghiato a lei, continuai a toccare le sue tette, a succhiare piano i capezzoli. Lei mi lasciava fare, continuando ad accarezzarmi la testa. Notai che si muoveva leggermente, quasi spingendo ritmicamente il seno verso di me, verso la mia bocca; ad un certo punto si appoggiò allo schienale e chiuse gli occhi, godendosi le mie leccate ed i miei goffi strizzamenti; avvertii anche dei brividi leggeri; poi la sua mano mi entrò di nuovo nei pantaloni, impugnando la mia asta che, manco a dirlo, era ridiventata dura come il ferro. “Sei di nuovo eccitato! Ma che ti faccio? Ti piacciono tanto le mie tettone?”
“ Si… Si.. mamma…” riuscii a dire, mentre toccavo alla disperata. La mano quasi per caso cominciò a scendere verso il basso: prima sulla pancia, poi si infilò nell’elastico delle mutandine e sfiorò i suoi peli. “Non, anche questo …no!!!”, disse mia madre bloccandomi la mano” Non ti sembra di esagerare? Ora vieni…e poi basta…anche farti toccare la…mia…cosa… no!” Io continuai a succhiarle il seno ed a strizzarle i capezzoli sempre di più; lei mi strinse forte le palle ed accellerò il suo movimento con la mano, beccandosi una bella sborrata proprio sul il seno. Quando uscì l’ultima goccia e ci calmammo un po’ tutti e due, lei mi abbracciò ancora dicendomi “Basta per stasera, tesoro…Tu queste cose le devi fare con la tua fidanzata, non con me…Va bene? Ora andiamo a dormire…”, disse alzandosi dal divano, senza curarsi delle sue belle gambotte nude (la camicia da notte era salita del tutto durante le nostre precedenti manovre) e del seno fuori dalla sua camicia da notte, che mi fornirono materiale per masturbarmi ancora, prima di crollare dal sonno e dalla spossatezza derivante dalle forti sensazioni che avevo provato.
Cominciò per me un’altra settimana di attesa: ormai non pensavo ad altro che al magico momento in cui sarei stato solo con mia madre ed avrei fatto del sesso con lei, senza affanni, tranquilli, sul divano di casa come per prendere un caffè. Lei non mostrava alcun cambiamento apparente ma mi accorsi che era andata dal parrucchiere a rinnovare la tintura; quella stessa sera sentii dei rumorini inequivocabili provenire dalla stanza dei miei genitori e la mattina dopo, a colazione, mio padre aveva l’aria molto sbattuta, mentre mia madre si aggirava tranquilla per casa con la vestaglia mezza aperta e senza reggiseno. Al momento di andare al lavoro l’abbracciai in anticamera e le infilai quasi per gioco la mano nella scollatura; lei non si scostò, anzi fece finta di volermi strizzare le palle, prima di stamparmi un bel bacio sulla guancia e spingermi fuori dalla porta. Finalmente arrivò il sabato. Io mi ero già fatto un sacco di seghe le sere precedenti, specie quando tornavo a caso e la trovavo ancora con qualche vestaglietta da casa che faceva vedere tutto; mi infilavo sotto la doccia e finalmente il mio cazzo trovava un po’ di riposo tra le mie mani. Avvertii comunque qualcosa di diverso nell’aria: mio padre seguiva la sua squadra del cuore in trasferta e mia madre gli aveva fatto trovare già la borsa pronta, perché doveva dormire fuori con gli amici e forse lo aveva anche dissanguato per bene prima del mio rientro, in quanto riemerse con un paio di profonde occhiaie dalla camera da letto dopo il riposino pomeridiano. Restammo così io e mia madre; lei mi chiese se sarei uscito ed io le dissi che ero molto stanco e volevo vedere solo un film in televisione, prima di andare a letto. Lei mi guardò senza parlare e continuò a riordinare la cucina. Mi misi sul divano fingendo di guardare il film ma in realtà seguivo i movimenti di mia madre: prima finì di rassettare in cucina, poi andò in bagno e sentii prima la doccia e poi il rumore dell’asciugacapelli. Poi, finalmente, venne a sedersi accanto a me, tutta profumata, con una corta camicia da notte. “Che cosa stai vedendo?”, disse tanto per avviare una conversazione. “Sto rivedendo questo vecchio film ma tra poco vorrei andare a dormire…se vuoi ti faccio compagnia ancora un po’…”grazie, resta qui…anch’io sono molto stanca ma mi voglio rilassare ancora un poco…”Bene” dissi io, che già non capivo più niente, sentendo il suo profumo di donna, “mettiti comoda”. Lei non se lo fece dire due volte e si distese sul divano, poggiando la testa sulle mie gambe. Io cominciai a carezzarle piano i capelli e vidi che lei socchiudeva gli occhi, come facendo le fusa. Dai capelli scesi al collo e dal collo scesi al seno, con delle lente e leggere carezze da sopra la stoffa, quasi per caso. Lei non mi fermò e sentii pian piano i capezzoli che diventavano duri e spingevano sotto la stoffa. “Ti prego…non fare così…poi sai che cosa ti succede…io sono la tua mamma…non ti devi eccitare toccandomi il seno…devi cercare delle amicizie femminili fuori dalla famiglia…ti devi fare una fidanzata vera…” Io mi bloccai e finsi di fare l’offeso, per cercare continuare quel dolce gioco: feci per alzarmi ma mia madre mi trattenne per un braccio, con dolcezza. “Dove vai, stupidone? Resta, anche stavolta, se ti fa piacere…Guarda come sei già …combinato!” Disse, quasi divertita, alludendo al mio cazzo che sembrava sul punto di squarciare il pigiama. “E’ colpa tua”, dissi sedendomi di nuovo accanto a lei ed abbracciandola” Tu mi fai impazzire più di tutte le ragazzine che conosco…”, dissi sbottonandole la camicia e tuffandomi a succhiare e baciare il suo seno florido, come avevo sognato di fare tutta la settimana. Con fare materno lei non mi ostacolava, anzi mi carezzava ritmicamente la testa e mi spingeva le tette in bocca. Avvertivo il suo respiro farsi più rapido, mentre mi saziavo della sua pelle liscia e profumata. Le mie carezze si fecero più ampie e passai al busto ed alla schiena; poi inevitabilmente, cominciai a tentare di arrivare allo sua figa. Le mi fermò con dolcezza la mano, sussurrandomi nell’orecchio” Non, non mi toccare lì…mi imbarazza…già stiamo facendo troppo…baciami il seno…piace tanto anche a me…” Io cercai di accontentarla, carezzandola nel modo più dolce possibile: ormai i suoi capezzoli erano ben dritti e duri ed era eccitantissimo succhiarli, morderli o strizzarli tra le dita. Lei rispondeva alle mie carezze e spingeva ritmicamente il suo corpo verso di me, dopo aver infilato la mano nei pantaloni ed aver stretto forte il mio cazzo. Riprovai la discesa verso il basso: questa volta giunsi sopra i suoi peli e per un attimo avvertii il calore della sua figona, che da anni mi faceva versare fiumi di sborra, senza averla mai vista…”No, no…lasciami stare…la…patatina…ti prego…ora no…” mi disse in un soffio nell’orecchio ”Se proprio vuoi toccarmi, fallo da sopra …” Io mi resi conto che ormai era eccitata anche lei e cercai di non forzare troppo la situazione: raggiunse il suo pube e cominciai a carezzarle la figa da sopra il tessuto leggero delle mutandine, ormai bagnate. Le fu percorsa come da una scossa e capii che avevo fortunosamente raggiunto il suo punto più sensibile. Mi sforzai di essere delicato il più possibile e mi dedicai a masturbare mia madre nel modo migliore, mentre lei quasi in trance, mi tirava una lenta sega. Ad un tratto lei ebbe come un sobbalzo, poi un altro; si girò e mi ficcò la sua lingua in bocca, accelerando al massimo i movimenti della sua mano. Mi accorsi di sborrare, mentre lei si agitava quasi scompostamente, tutta sudata; poi bloccò la mia mano sul suo ventre e sempre abbracciati, ci stendemmo sul divano l’uno sopra l’altra, senza dire niente. Ci stringemmo senza parlare per parecchio tempo; io mi godevo quel morbido corpo di donna sotto di me, ad occhi chiusi; poi tutti e due ritornammo in noi. Io ripresi a baciarle il seno ed a carezzarle i morbidi capelli, mentre lei mi carezzava la schiena lentamente, ad occhi chiusi. Fu lei a riprendersi per prima “Questa sera abbiamo veramente esagerato…Ho perso la testa, scusami…questi giochi sono pericolosi…non si può sapere dove si va a finire…cerchiamo di smetterla…è stata colpa mia…” disse sfilandosi da sotto di me, praticamente mezza nuda dopo le furiose manovre di prima ed andandosi a chiudere in bagno. Io rimasi stravolto sul divano, con ancora il suo odore nelle narici ed il suo sapore sulle dita, con il cazzo di nuovo dolorosamente duro. “Allora buonanotte…” mi disse lei uscendo dal bagno ed avviandosi verso la camera da letto. “Mamma…mi lasci così…”, dissi mostrandole sfrontatamente la mia asta in piena erezione, La mia improvvisa e sguaiata esibizione dovette colpirla: per qualche momento restò a guardarmi, per poi dirmi con voce bassa “Vieni da me…dobbiamo parlare…non possiamo andare avanti così…” La raggiunsi in camera da letto. Lei si stese e si mise comoda, con le gambe a vista e le tette in evidenza sotto la leggera camicia; mi fece segno di stendermi accanto a lei e, tenendomi la mano, cominciò a parlarmi della necessità di non prendere cattive inclinazioni, di cercare di frequentare ragazze della mia età, di uscire, eccetera…Io l’ascoltavo, fingendo attenzione; in realtà, voltato verso di lei, guardavo le sue tette quasi completamente fuori dalla scollatura e le sue gambe piene e mature, in vista fino alle mutandine. “ Allora, siamo d’accordo? “ disse mia madre, illudendosi di avermi convinto o forse cercando di allontanare da sé la tentazione di far riemergere la sua voglia di cazzo. “Si…hai ragione…cercherò di fare come dici ma…” “Ma cosa, tesoro?” “Ora come faccio…sono ancora sconvolto…posso dormire solo questa volta abbracciato a te?” Lei sorrise, immaginando chiaramente dove volessi andare a parare e che cosa le stavo chiedendo in realtà. “ Si, ma solo questa volta, tesoro…io sono una donna normale e certe cose mi hanno turbato; non pensavo di arrivare a…tanto ed a perdere così
la testa con mio figlio…e fare queste cose…” “Grazie mamma!” dissi pieno di entusiasmo ed abbracciandola forte, con il risultato di tirarle fuori le tette e di sventolarle di nuovo davanti il mio cazzo fuori dai pantaloni. Le mi strinse forte sussurrandomi nell’orecchio “Delinquente…” ed impadronendosi di nuovo della mia asta , mentre io già le succhiavo con foga capezzoli e mi riempivo le mani delle pelle liscia del suo seno. Anche questa volta le mie carezze le fecero effetto: avvertii i suoi primi brividi di piacere e, sempre leccando e succhiando, la mia mano puntò direttamente alla sua figa. Questa volta non mi fermò, forse ormai rassegnata; con un sospiro si limitò a spegnere la luce sul comodino e poi a sfilarsi da sola le mutandine, aprendo le gambe per farsi accarezzare bene. La trovai tutta bagnata ed i miei toccamenti servirono a qualcosa, come prima sul divano: mi ficcò la sua lingua fino in gola e mi strapazzò ben bene l’uccello, portandomi presto ad un’abbondante sborrata, mentre la sentivo gemere dal piacere sotto le mie mani. Per qualche minuto restammo fermi, aspettando che si calmassero i nostri cuori che battevano all’impazzata. Poi fu tutto semplice, facile e naturale: le sfilai con delicatezza la camicia da notte ed anch’io mi spogliai nudo: poi bastò girarmi verso di lei, con il cazzo di nuovo duro. Le lo prese in mano e me lo guidò nella sua figa, attirandomi sopra di lei ed incrociando le sue gambe dietro la mia schiena. Per la prima vera scopata della mia vita possedevo la donna che amavo di più, mia madre. Tentai di prolungare al massimo quel momento magico ma lei ormai aveva perso ogni ritegno: era lei a spingere il suo bacino ritmicamente verso di me, stringendomi tra le sue forti gambe e ficcandomi la lingua fino in gola. Era davvero scatenata ed in un attimo compresi che mio padre se la vedeva nera, quando lei lo afferrava e se lo sbatteva come stava facendo con me in quel momento. Cominciai a venire ed appena lei se ne accorse cominciò ad agitarsi ancora di più, quasi selvaggiamente: con un forte colpo di reni si girò tutta e si mise sopra di me e, quasi schiacciandomi col suo corpo giunonico, mi spremette fino all’ultima goccia, prima di abbandonarsi completamente, respirando affannosamente. Dopo qualche minuto di silenzio, dominato solo dal fortissimo battito dei nostri cuori, lei mi disse in un orecchio “Ora sai quanto è troia la tua mamma…” Io, sempre da sotto di lei, le dissi “No…Sei stupenda…Ti voglio bene ancora più di prima per quello che fai per me…” “Tesoro mio…” disse lei baciandomi. Il trillo del telefono sul comodino ci riportò alla realtà: era mio padre che dava la buonanotte a mia madre. Lei mi strizzò l’occhio e cominciò a prenderlo in giro per telefono “No…nostro figlio è uscito…sono sola…qui nel letto…” Mentre parlava mi aveva preso di nuovo il cazzo in mano, mentre io avevo preso di nuovo a carezzarle la figa ed a succhiarle il seno. “Perché sei andato alla partita…Mi manchi tanto…vorrei tenertelo in mano adesso…e farmi succhiare il seno…” diceva, mentre io facevo esattamente quello che lei diceva, penso per fare arrapare a distanza mio padre e farlo pentire della trasferta calcistica. Questo gioco telefonico mi eccitò tantissimo; sotto l’esperta mano di mia madre mi era di nuovo diventato duro, mentre io succhiavo, leccavo ed infilavo le dita nella sua figa bagnatissima. Poi diede il colpo di grazia: “Buonanotte amore…vorrei tanto addormentarmi col tuo bastone in bocca…” Posò il telefono e mi guardò intensamente. Poi, piano piano, mi fece stendere e cominciò a baciarmi tutto partendo dal mio petto ma dirigendosi presto verso il cazzo. Lo prese in mano e lo baciò sulla punta; poi lo scappellò e piano, golosamente, se lo mise tutto in bocca, iniziando a succhiarlo con un lento andirivieni. Io rimasi letteralmente paralizzato. Le emozioni di quella serata erano state veramente troppe…Non so come, sborrai ancora una volta, quasi spingendo tutto il mio corpo nella sua bocca. Poi…non ricordo quasi più niente. Forse sono svenuto tra le sue braccia oppure mi sono addormentato di colpo. La mattina dopo mi svegliai e solo il fatto che ero nudo nel letto di mamma mi confermò che non era stato un sogno tutto quanto era successo la sera prima. Dopo qualche minuto mia madre, già vestita di nuovo da casalinga, mi portò il caffè. Solo un bacio leggero sulla bocca fu il suo saluto…”Torna a dormire in camera tua, amore…tuo padre sta per tornare…devo aggiustare il letto…” In risposta al mio sguardo interrogativo mi disse: “Sbaglio o c’è un’altra trasferta della squadra di calcio la prossima settimana?”

monaca inculataracconti di sesso gaystorie di incestopompino veroiraccontidimilumoglie vogliosa di cazzobull e mogliescopa madre e sorellafoto artistiche erotichegabbia per il peneflick flock scarpeesibizionisti al maremamma troimi piace la ficaracconti nonna e nipoteracconti erotici nonno e nipotemarito voyeurcinema porno gayincontri in saunaragazza nuda spiataracconti erotic iracconti erotiviracconto bdsmlentamente nel culomi sono scopato mia suoceraorgia di famigliasa maneggiarla il boscaioloculo e cazzorupescissa raccontiorge perversetriangolo di pirogoffscopata allo stadiouomini robusti nudibarbara d'urso figaracconti di suocererecconti eroticisborra dalla ficasono tutte troieracconti.gay e bsxincesto fratello sorellaportale eroticoraccomti pornoincesti bisexnonne orgestoriedi sessopompino sul tramho scopato mia cognataincesto padre e figlia pornoracconti visita ginecologicasborrata interminabilemia mamma troiaraccontipornograficisoddisfavomamme e figli incestisognare la suocerarcconti eroticisesso con la badanteracconti di coppie pornopissing collantracconti porno ricattimatura puttanaracconti di trioracconti erotici italiala tettona del giornostorie di incestoraccontifetishracconti tradimentiracconti sesso cognatapreliminari eroticipompini e sborrascopata con suoraracconti porno 2015storie di culi rottiracconti hard incestracconti di sesso sfrenatofica sburratasesso con amicofidanzato superdotatoscopate di forzaracconti di scambistimi ha scopataracconti erotici sul trenosexy orgemasturbazionrclisteri e sculacciateracconti erotixi