Mamma e zie porche a ferragosto | Racconto incesti di MammaTroia.com

Vecchio racconto del 2013 su MammaTroia.com, visto il periodo lo propongo anche ai visitatori di questo sito.
Stranamente era arrivato il 15 agosto e il bel tempo era rimasto, niente nuvoloni come per gli altri anni, anzi un bel sole caldo che picchiava forte, adatto alle migliori abbronzature.
Scusate, non mi sono ancora presentato, sono Giovanni e scrivo dal mare dove sono in vacanza, adesso ormai è sera, ma la giornata appena passata di ferragosto non è stata calda solo a causa del sole, ma anche per avvenimenti sessuali sconvolgenti che riguardano la mia famiglia.
Abbiamo affittato una bella casetta al mare in Puglia, con tanto di spiazzo all’interno in un cortile privato, sistemata su due piani, ci permetteva di unire le nostre famiglie e suddividerci le spese. Questa mattina si era tutti pronti ad andare in spiaggia, la mamma e le mie due zie però dissero subito che non avrebbero fatto parte dei nostri, troppa confusione il giorno di ferragosto, preferivano rimanere in casa e prendere il sole in cortile in topless, in modo da cancellare gli antiestetici segni che si erano venuti a formare con il costume. Mio padre e miei zii se la ridacchiarono e, insieme ai cugini si apprestavano a sistemare le cose in macchina. Mia cugina aveva chiesto di rimanere, ma sua madre le disse che non era il caso. Io non ci provai nemmeno a chiedere di rimanere, non me lo avrebbero permesso visto che volevano prendere il sole nude, ma certamente non mi sarei mai perso quello spettacolo! Non giudicatemi un pervertito, ma vorrei vedervi a voi ad avere in famiglia certi figoni di zie. Anche mia madre si difende bene, nonostante abbia qualche chilo di troppo e un culone cellulitico, si ritrova un paio di tettone da record che riescono ancora a sfidare la gravità, solo che ho meno interesse perché mi è già capitato più volte di riuscire a vederla nuda, mentre con le mie zie non è mai capitato. Finalmente avrei visto le tette sode della bionda zia Graziella e lo splendido culo dell’altissima stangona di zia Patrizia! Feci finta di caricare la mia vespa per far vedere che andavo anch’io in spiaggia e, al momento opportuno, rientrai in casa e mi misi a spiare il cortile dal balcone del primo piano, c’era il sole che mi dava un po’ di fastidio perché picchiava proprio nella mia zona, ma la vista era fantastica. Zia patrizia doveva essersi già essersi messa la crema abbronzante perché era a prendere il sole sulla sdraio, purtroppo non le vedevo il didietro, era sistemata per prendere il sole davanti, potei notare quanto era piccolo il suo seno, sapevo che non era granché, ma in questo caso i suoi reggiseni erano degli ottimi strumenti per nascondere questa sua deficienza. Mamma e zia si stavano spalmando a vicenda l’abbronzante, finalmente potevo vedere le bocce di zia Graziella! È che tette! Non erano grandi come quelle di mia madre, ma erano di un sodo fenomenale. Dovevano piacere anche a mamma, perché mentre spalmava la crema si soffermava più volte su quelle rotondità e andava a stuzzicare in maniera direi anormala i capezzoli. Intervenne mia zia Patrizia: “avete finito di giocare con le vostre mammelle? Che ne dite di venire a leccarmi la fica? Da quando siamo venute in vacanza mio marito non mi ha toccata neanche per sbaglio!”.
“Non sei la sola” disse mia madre, “ma ho un’idea migliore… Avete visto il nuovo garzone del bar? Potremmo ripetere il gioco di due anni fa!”
“Siiiiiii, calippo!!” Gridò zia Graziella.
L’uscita di mia zia tanto sboccata mi aveva un po’ spiazzato, ricordai che due anni fa lavorava al bar un ragazzotto belloccio che piaceva molto alle ragazzine e, a quanto pare anche alle tardone, mentre lo scorso anno c’era un tipo anziano non tanto piacevole e pure antipatico. Quest’anno invece si è tornati nuovamente alla gioventù con un giovanotto di colore. Nel frattempo mamma aveva preso il cordless e stava chiamando il bar ordinando 3 gelati calippo. Avevo il fondato presentimento che presto si sarebbe scatenato qualcosa di veramente eccitante, il mio cazzo già stava trovando scomodo lo stare chiuso negli slip. Il trillo del campanello mi fece sobbalzare, il garzone aveva fatto presto nella sua commissione.
“Entra è aperto, siamo fuori in cortile, proseguì sempre dritto” gridò mia madre per farsi sentire meglio. Le tre troie non si erano neanche coperte, fecero entrare il ragazzo mostrando oscenamente le loro nudità, facendo evidenziare un certo imbarazzo al tipo.
“Scusaci, stavamo prendendo il sole, pensavamo venissi più tardi a portarci i gelati, comunque sei grande, chissà quante donne nude avrai già visto!”. Si come no pensai io, nei film porno magari…
“Niente, niente” disse il negretto, che forse era diventato rosso, ma visto il colore della pelle non lo si poteva sapere. Aprì allora il frigo portatile che si era portato appresso e tirò fuori i 3 calippo che porse alle tre donne.
“Cavolo” disse mia madre, “nel frigo sono rimasti parecchio congelati, ogni volta è un impresa riuscire a far uscire il ghiacciolo! Fortuna che conosco un metodo veloce…”. Detto fatto, mamma cominciò a far andare la mano su e giù sul calippo mimando una sega, avvicinando la bocca proprio nel momento in cui il gelato fuoriuscì dall’involucro e dando una rumorosa succhiata mentre parte del ghiacciolo liquido le scolava da un angolo delle labbra.
“Il mio metodo è migliore” intervenne zia Graziella, che si era infilata il gelato tra le tette e dopo neanche due secondi lo aveva fatto espellere direttamente sulla sua bocca e con la lingua lo leccava tutto.
“Siete due principianti” disse zia Patrizia e si infilò il calippo dritto nella figa, facendo saltare fuori immediatamente il ghiacciolo, che dopo una lunga parabola in aria andò a spiaccicarsi in terra.
“E brava la sbruffona, adesso rimani senza gelato” dissero all’unisono le due sorelle. Nel frattempo il garzone era con la bocca spalancata, non pensavo la mascella potesse scendere così tanto in basso, tra l’altro aveva un’erezione che non poteva assolutamente nascondere e di cui forse non si era neanche reso conto. Zia Patrizia chiese al garzone di farle avere un altro calippo, ma lui ne aveva portati solo tre, quindi non ne aveva altri con se.
“Lo sai che sei proprio birichino? Non si dicono le bugie, vieni avvicinati, lo vedo bene che ne hai uno nascosto lì in basso.” e indicava l’erezione. In quel momento mi vibrò il cellulare, era un sms di mia cugina, stava tornando a casa perché non mi aveva visto arrivare in spiaggia e pensava fossi rimasto in casa. Le scrissi velocemente di non fare rumore mentre rientrava e di salire nella camera con il balcone. Quando mi rigirai per continuare a vedere lo spettacolo, al garzone erano stati già calati i pantaloncini ed un cazzo dalle proporzioni enormi si ergeva in perfetta perpendicolarità.
“Wow” disse zia Patrizia, “a che gusto è? Cioccolato o liquirizia?” Il ragazzo balbettava senza riuscire a dire nulla, mentre mia madre invitò la sorella ad assaggiarlo per poterlo appurare lei stessa e non si tirò certo indietro, cominciando a leccarlo dalla base fino alla punta per un paio di volte, poi prese in bocca l’enorme cappella e mugolando succhiava a più non posso.
“Allora hai capito che gusto è?” Disse zia Gabriella, “nooo, adesso veniamo ad aiutarti a capire.”
“Ma che succede qui?”, mi venne un colpo, furtiva come un gatto era arrivata mia cugina. “E che cosa ti sei nascosto nelle mutande? Guarda che si vede che hai qualcosa lì dentro, chi vuoi fregare?”. Che mia cugina fosse un’ingenua lo sapevo, ma non mi sarei immaginato fino a questo punto… “E cosa stai spiando porco! Scommetto guardi mia mamma e le zie nude!” E mentre lo diceva, si affacciava a dare uno sguardo, rimanendo sbalordita dallo spettacolo: avevano fatto sistemare il ragazzo sullo sdraio e tutte e tre le sorelle leccavano contemporaneamente la lunga asta, per poi a turno dare una succhiata alla cappella.
“Non capisco, cosa stanno facendo le nostre mamme e la zia a quello? Sta male? Dai lamenti che fa sembra di si…” Già, peccato che il fortunello stesse mugolando di piacere… Decisi di fare il bastardo: “è il caldo Simonella, quando viene un colpo di sole o si è vicini, a noi maschi succede questa cosa” e tirai fuori l’uccello dagli slip. “Vedi? Non avevo nascosto niente”. “ohhh, allora stai male anche tu, vuoi che ti aiuti come stanno facendo mamma e zie?” Non so quante volte scossi la testa su e giù per indicare il si, fatto sta che non ci pensò sopra neanche un istante, che si era inginocchiata e messa a leccare tutto il mio cazzo insalivandolo a dovere, per poi fare esattamente le stesse cose che aveva visto fare alle nostre madri, ciucciandomi la cappella. Ogni tanto davamo un’occhiata giù per vedere cosa succedeva, il negretto doveva essere vicino alla conclusione e le tre troie non facevano altro che incitarlo alla sborrata. La mamma di Simonella si era attaccata alla sacca delle palle: “mmmh sono belle piene, a che ripieno è questo gelato? Al latte? Alla crema? O alla panna?”
Le altre due leccavano ritmicamente la base del glande, fino a che arrivò il momento, come un geyser dalla punta del cazzo cominciò a uscire un getto di sperma che senza scherzare arrivò a più di un metro di altezza prima di ricadere sul corpo del ragazzo. Avrò contato una decina di spruzzate, sembrava una fontana impazzita. Erano tutti sporchi di seme, ma non durò molto le tre porche pulirono tutto, prima dalle loro facce e poi dal negretto. A quella vista anch’io stavo per arrivare al culmine e mia cugina mi invitò: “dai porco che aspetti a sborrare anche tu? vieni in bocca a tua cugina, fammi sentire che sapore ha il tuo sperma”. A dire la verità fui preso un po’ di sorpresa da quelle frasi, praticamente si era presa gioco di me e io ci ero cascato pensando fosse un’ingenua, mentre la figura del fesso l’avevo fatta io… Cominciai quindi a venire: spruzzi corposi e densi arrivavano dritti in bocca a Simonella e, prima che ogni schizzata uscisse fuori, lei aveva già ingoiato la precedente, che spettacolo!
“Wow, sei venuto tanto! Ma devi bere più liquidi, la tua sborra è troppo densa e appiccicosa, me la sento ancora in gola, perché non mi pisci in bocca così la mandò giù?” Non potevo credere a quelle parole… Volevo accontentarla, ma non sentivo lo stimolo di urinare, effettivamente dovevo essere davvero disidratato, il sole era bello forte e io parecchio accaldato, giù intanto si davano da fare, le 3 troie erano col culo per aria e a turno si facevano inculare: “niente fica mi raccomando, quella al massimo ce la lecchi per bene dopo, solo penetrazione anale, noi non la diamo al primo che capita, mica siamo delle adultere, noi non cornifichiamo i nostri mariti, ci togliamo solo qualche sfizio con l’hobby della sodomia!”. Non so chi delle tre zoccole aveva pronunciato quelle parole, erano proprio delle paracule (scusate il gioco di parole), non è che avesse molto senso quello che dicevano, era un ragionamento un po’ campato in aria. Io tra l’altro ero un po’ confuso, mia cugina alzò la voce: “Allora! Se non mi pisci addosso tu, ci penso io!” e dopo averlo detto, con una posa plastica si mise a testa in giù, usando le dita si tirò verso il basso la figa e mirò alla sua faccia cominciando a lanciare corti e forti schizzi di piscio, il primo andò a vuoto, il secondo se lo prese in fronte e, finalmente, il terzo le finì dritto in bocca: ”Aaahh, ci voleva proprio, peccato che sia calda. Ne ho ancora tanta da fare, sdraiati che ti annaffio tutto”. Senza riuscire a ribellarmi, mia cugina mi fece sdraiare, sembravo un manichino inerme, la vedevo lì in alto che si apriva i labbroni della fica pronta a sparare il suo piscio sul mio corpo, mentre dal basso sentivo le frasi più immonde fuoriuscire dalle bocche di quelle porche di mamma e zie: “Sturami il buco del culooooo! Spingilo più dentro, fammelo sentire nell’intestinoooo! Facci un clistere di sborra caldaaaa!!”. Poi non ricordo più nulla, so solo che mi sono svegliato all’ospedale, c’era quel cornuto di mio padre e i miei due zii intorno a me che ridevano perché finalmente ero sveglio! Papà aveva chiesto di portare subito qualcosa visto che ero tornato tra i vivi e con che cosa si presentano quelle puttane di zie e mamma? Con tre calippo!!
“A che gusto lo vuoi caro? Fragola, arancia o cola? Da quando sei svenuto per il colpo di sole deliravi in continuazione, non facevi che nominare il calippo quà, il calippo là… sarà stato il caldo, avrai avuto la voglia di rinfrescarti anche nel sonno!”
Che troie pensavo! Ma come ero arrivato in ospedale, come mi avevo trovato? “Devi ringraziare tua cugina Simona! Meno male che è tornata a casa, non vedendoti arrivare in spiaggia è ritornata indietro e ti ha trovato svenuto sul balcone!” A quel punto dubbi amletici mi giravano per la testa… cazzo! ho immaginato tutto, la mia mente perversa ha costruito questo film mentre come un pirla mi ero preso un’insolazione? Non lo saprò mai per certo, non ho nessuna prova, ho controllato il mio cellulare e ho trovato il messaggio di mia cugina che mi avvisava che tornava a casa, ma non c’era il mio sms in cui le scrivevo di venire sul balcone senza far rumore… Da quando è partita l’immaginazione e quando è finita la realtà? Purtroppo non lo saprò mai per certo, ma volevo raccontarlo comunque in modo che ognuno di voi possa farsi una propria idea dell’accaduto! A questo punto non mi resta che dire: Buon Ferragosto a tutti!!!

moglie con transscopo mia nuoraracconti incesto figliostorie sesso incestodoppia penetrazione raccontidonne delle pulizie porcheraccontieroticporno palpate al cinemascopare con un transvoglia di cazzo transracconti incesto italianoracconti culoragazze che fanno pipiracconti porno zoofilisi fa scopare da un caneorgia con nerinipote vogliosazia ciccionabuongiorno con figaporno storiefeticismo stivalinonna e nipote incestoracconti incesto milubisex cuckoldsesso col caporacconti erotici perversiculo vogliosochiavare la cognatamoglie esibizionistaracconti erotici di mariti cornutic9mestorie di donne inculateporno gey nerigay bukkakemi ha sfondato il culoracconti per adulti con immaginiracconti gay69storie eroricheracconti erotici transsesso gay anzianimasturbazione tra donneracconti erotici vecchievoglio fare sesso con mia ziaracconti erotici sorellinascopo una milfracconti di moglie troiestorie eroticspa senza costume venetomilf in orge30 cm nel culogiochi di massaggisesso donna con cavallopompino migliore amicarotici raccontiraccobti eroticistorie di footjobdonna scopa un cavalloregala il culocuckold attivoracconti hard di donne matureamaporn raccontisesso a tre in yachtspia la ziaracconti dimilupecorina sul tavolosesso con un cavalloincesto sorella fratelloracconti erotici stuprobelle signore inculateaddio al nubilato sessoracconti erotici 2019erotismo lesboracconti hard nonne