Le esperienze mie e di mia moglie | Racconto trio di gambe_gambe_gambe

Come vi evince dal mio nick le gambe sono la mia passione… e in special modo le gambe velate…
Per me le gambe delle donne sono un’opera d’arte, di fronte ad una minigonna non resisto vado in ebollizione immediatamente.
La mia passione per i collant con il tempo ha compreso anche una forte passione per le autoreggenti o le calze con il reggicalze. Una figa incorniciata da calze e reggicalze è sublime.
Fortunatamente la ragazza con cui mi sono fidanzato a 17 anni, e che poi è diventata mia moglie, ha delle gambe bellissime, allora è stato naturale cercare di coinvolgerla nella mia passione. Lei già usava spesso minigonne e collant, ma da quando ci siamo messi assieme l’ho convinta a mettere sempre la minigonna, ed era uno spettacolo vedere tutti che si giravano a guardarla… oltretutto era comoda per i nostri giochi erotici.
Per i primi tempi lei non voleva avere un rapporto completo per cui per alcuni mesi abbiamo fatto molto petting e molto finto coito.
Il finto coito lo praticavano d’estate a pelle nuda, infilavo il mio pene tra le sue gambe a diretto contatto con il suo clitoride e con il movimento come un coito lo sfregavo procurando ad entrambi orgasmi eccezionali, d’inverno invece lei metteva i collant senza slip e a quel punto il mio contatto era con la sua figa velata e non sto a spiegarvi che sensazioni eccezionali allo sfregamento del pene con la sua figa velata, dovevo proprio trattenermi dal venire per aspettare che venisse lei e poi a quel punto le sborravo o sulle cosce o la facevo abbassare e le sborravo in bocca.
Dopo un po’ di tempo decidiamo assieme di passare al rapporto completo e durante i 4 anni di fidanzamento abbiamo fatto sesso praticamente ogni giorno a parte i periodi del suo ciclo.
Dopo che ci siamo sposati, io e mia moglie Ada, siamo andati ad abitare nello stesso condominio dei miei genitori, nel piano sotto al loro. Con i miei abitava anche mio fratello Gianni di due anni più giovane di me. Ada ed io avevamo un negozio in centro e mio fratello lavorava in una azienda a due passi dal nostro negozio così che per risparmiare un po’ andava e tornava dal lavoro con noi, finito il lavoro praticamente passava da noi in negozio e tornava a casa con noi.
Dopo circa due anni dal nostro matrimonio comincio a notare in Ada un forte interesse per Gianni, e lo noto da varie piccole cose, da come lo sfiorava, da come lo guardava, da come gli parlava ecc… ero certo che, almeno fino ad allora non c’era niente tra di loro, specie visto che con Ada stavamo praticamente sempre assieme, anche Gianni vedevo che guardava sempre Ada specialmente le sue gambe che erano sempre bene in vista e velate.
A quel punto mi si prospettavano 3 ipotesi:
1- Lasciavo Ada
2- Facevo finta di niente e sarei diventato sicuramente cornuto
3- Approfittavo della faccenda per portare la cosa in mio favore istaurando un gioco erotico che ci coinvolgesse tutti e tre, e di cui potevo reggere io le fila.
Tra le fantasie erotiche che ci raccontavamo spesso con Ada, quella di avere rapporti con altri uomini o con altre donne tutti assieme era molto frequente, e a me se devo dire la verità l’idea di vedere mia moglie penetrata da un altro uomo mi ha sempre eccitato tantissimo.
Decisi di attuare la terza ipotesi.
Una sera a letto subito dopo coricati guardo Ada e le dico “Di un po’ ma sei attirata da Gianni vero? Ti attizza tanto!”, vedo che lei sobbalza ma si riprende subito e mi dice “no ma che dici stai scherzando”, e vedo che però abbassa gli occhi, gli dico allora “ma non preoccuparti se è come dico io non c’è nessun problema dimmelo tranquillamente” e la guardo negli occhi per rassicurarla, e allora lei timidamente “bhe diciamo che si, mi piace, mi piace guardarlo… mi piace pensare le sue mani che mi accarezzano… sono imbarazzata a dirlo ma a volte in bagno mi sono masturbata pensando a lui che mi lecca la figa…”
“ti ho detto di non preoccuparti e di non imbarazzarti… anzi toccami e vedi che effetto mi ha fatto sentire le tue parole… ti ho sempre detto che mi piacerebbe vederti scopare con un altro no?”
“si lo so ma erano solo fantasie le nostre.”
“Ada queste fantasie potrebbero ora diventare realtà se tu vuoi.” A questo punto la vedo sobbalzare di nuovo e arrossire, mi guarda e io le sorrido per farle capire che parlo seriamente e continuo
“Se organizziamo bene la cosa e facciamo come ti dico io appena troviamo o ci creiamo l’occasione giusta vediamo di coinvolgere Gianni e facciamo tanti bei giochi erotici assieme. Ti va?”
“oddio dici davvero? Certo che mi va sarebbe bellissimo avere due cazzi tutti per me, oddio come mi sto eccitando alla sola idea”
Detto questo si butta su di me e mi bacia forte forte tanto da lasciarmi quasi senza fiato… e poi mi dice aspetta un attimo… e sparisce per 5 minuti in cabina armadio.
Ritorna (ah! come mi conosce mia moglie) con indosso una minigonna cortissima gambe velate con una calza color carne 20 den, décolleté tacco 12 e un gilet di pelle aperto che faceva intravvedere il suo bellissimo seno ( Ada porta una terza abbondante di reggiseno). E comincia a danzarmi davanti dicendo “dobbiamo festeggiare la bellissima decisione che abbiamo preso”.
Comincia piano piano a togliersi la gonna e scopro che aveva indosso un bellissimo reggicalze che assieme alle calze incorniciava il suo bellissimo pelo biondo. Sempre danzando sale sopra il letto… io stavo scoppiando avevo il cazzo durissimo e già lo smanettavo abbondantemente… lei ancora con il gilet addosso mi toglie la mia mano lo prende e comincia a masturbarmi e contemporaneamente a leccare il glande… dopo di che si ruota con le gambe e mi sbatte la sua figa sulla faccia e allora comincio a leccarla come un assatanato visto oltretutto che era già bagnatissima. Dopo dieci minuti di 69 comincio a scoparla in tutte le posizioni che ci venivano in mente per almeno un’altra ora abbondante… sembrava che quella sera fossimo entrambi eccitati come non mai, e il tutto già al solo pensiero di quello che avevamo deciso… non riuscivamo nemmeno immaginare cosa avremmo provato al realizzarlo. Dopo che lei aveva provato l’orgasmo per almeno un paio di volte prendo il mio cazzo lo infilo dentro la sua calza tra coscia e calza comincio a muovermi e in pochissimo tempo le sborro addosso bagnandole tutta la sua coscia. Dopo di che le reinfilo il pene in vagina e ci addormentiamo così abbracciati stretti stretti.
L’occasione giusta si presenta un paio di mesi dopo. Dovendo ristrutturare casa i miei dovevano lasciarla libera per un mesetto e sono andati nella casa in campagna, mio fratello dovendo continuare ad andare a lavoro e venuto ad abitare da noi.
Non potevamo certo essere troppo sfacciati per cui con mia moglie ci accordiamo di, diciamo così, sedurlo a poco a poco. Per il primo giorno decidiamo di non fare niente, in modo da capire come si potevano svolgere le cose. La sera del secondo giorno dopo cena e dopo aver guardato un pò di tele tutti assieme, Ada dice che va a letto, io le dico che rimango un pò alzato e Gianni dice che tra poco va a letto anche lui. Siccome per andare nella camera degli ospiti bisogna passare davanti alla nostra camera da letto, ci siamo accordati con Ada che lei avrebbe lasciato la porta aperta a metà e che avrebbe fatto finta di essersi addormentata mentre leggeva e dunque con la abatjour accesa. Dopo dieci minuti anche Gianni mi dice che va a letto, lo saluto e gli dico che tra non molto sarei andato anch’io… a quel punto abbasso la tv per sentire che succede, e sento che Gianni passando davanti la camera da letto rallenta, e anzi che dopo pochissimo ritorna indietro… a quel punto mi affaccio nel corridoio e lo vedo che si sofferma a guardare dentro la stanza, e poi va nella sua. Io ero già eccitatissimo ma dovevo subito andare a vedere che spettacolo aveva visto Gianni, chiudo tutto e vado nel corridoio, mi soffermo davanti alla porta della camera da letto e vedo Ada che era sdraiata con solo una punta di lenzuolo sulla pancia, le gambe velate con delle autoreggenti nere il seno scoperto e tutto il suo bellissimo pelo biondo in vista… era una visione spettacolare… mi è subito diventato durissimo al pensiero che lui l’aveva vista così, e ho provato ad immaginare cosa sia passato per la testa a Gianni… mi sono avvicinato alla porta della camera degli ospiti e dai rumori che sentivo si stava sicuramente masturbando. Vado in camera da Ada e le salto letteralmente addosso e le dico che secondo me Gianni si stava masturbando, lei emette un sospiro eccitatissimo e mi prende il cazzo e comincia a menarmelo, io le infilo due dita in vagina e cominciamo a masturbarci a vicenda… senza fare poi troppo caso a non farci sentire… anzi…
Raggiungiamo l’orgasmo molto velocemente e godiamo da pazzi entrambi, eravamo veramente molto stupiti da quanto fosse forte la nostra eccitazione.
Prima di addormentarci dico ad Ada che l’indomani avrebbe dovuto mettere la minigonna più corta che aveva con un paio di collant senza intimo, lei mi guarda un po’ stranita ma anche eccitata e mi chiede “Ma anche per andare in negozio?”, già altre volte si era vestita così ma solo per i nostri giochi erotici. Le dico “si così lo facciamo eccitare già di mattina presto… e poi se anche altri possono guardare meglio le tue belle gambe può solo essere eccitantissimo.” E la bacio in bocca, lei mi sorride e si vede subito che la cosa la intriga assai.
Il mattino dopo finita la colazione Ada dice che va a prepararsi, ritorna dopo dieci minuti con indosso un paio di stivali neri tacco 12, le gambe velate da un collant 20 den color miele, una gonna nera cortissima e una camicia bianca abbastanza attillata da risaltarle i suoi eccitantissimi seni… guardo di sottecchi Gianni e vedo che ha gli occhi strabuzzati e che cerca come può di darsi un contegno, ma difficilmente riesce a non guardarle le gambe. Saliamo in macchina per andare al lavoro e per tutto il tempo del tragitto guardando dallo specchietto vedo che lui ha gli occhi incollati alle gambe di Ada, gambe che vi giuro anch’io non resistevo dal guardare, e mi sono fatto tutto il viaggio eccitato all’invero simile.
Dopo che abbiamo posteggiato la macchina ci lasciamo con Gianni per andare ognuno al suo posto di lavoro, girandomi però noto che lui non riusciva a staccare gli occhi da Ada… e lo stesso anche molti passanti che non riuscivano a fare a meno di girarsi a guardarla.
Arrivata l’ora di chiusura del negozio Gianni ci raggiunge per tornare a casa, io dico loro di aspettarmi dieci minuti tempo di arrivare in un bancomat che avevo bisogno di contante, faccio finta di uscire e vado invece nel magazzino piccolo dal quale si può vedere tutto il magazzino grande. Ada con la più classica delle scuse e cioè la necessità di un aiuto per spostare degli scatoloni, chiede a Gianni di andare con lei nel magazzino. Ada sale su una piccola scaletta e chiede a Gianni di passarle delle scatole da mettere sullo scaffale. La scusa era veramente banale ma era perfetta per i nostri scopi. Io potevo vedere tutto e vedere Gianni che si trovava con gli occhi appiccicati a dieci centimetri dalle gambe di lei, che quando lei si abbassava un po’ le poteva quasi guardare le natiche, e che veramente sudava freddo dall’eccitazione me lo faceva diventare durissimo. Ad un certo punto, così come eravamo d’accordo, lei fece finta di cadere e gli si appoggiò addosso con tutto il suo corpo… a quel punto non ebbero nemmeno bisogno di dire niente lei gli tocco il pacco e si accorse subito che era durissimo, gli prese una mano e se la mise sotto la mini fino a fargli toccare la sua figa già bagnatissima… lui stava impazzando di eccitazione vidi che quando le toccò la figa bagnata ebbe quasi un sussulto di piacere. Ada lo sbottonò usci il suo cazzo e si abbassò a prenderlo in bocca mentre lui passando da dietro le infilò due dita nella vagina con tutti i collant… erano proprio due infoiati…lei nel frattempo si menava il clitoride da sopra il naylon e in pochissimo tempo lui le sborrò in bocca, non vidi neanche una goccia di sborra, quella troiona di Ada lo bevve tutto mentre ansimava perché aveva anche lei raggiunto l’orgasmo. Non vi nascondo che nel mentre io mi sono masturbato come un matto venendo su un paio di autoreggenti che mi ero portato dietro appositamente.
Si risistemarono ed io feci finta di rientrare in negozio proprio in quel minuto.
Mentre tornavamo a casa in macchina notai un certo imbarazzo in Gianni… ma la cosa non lo distoglieva dal guardare costantemente Ada.
Arrivati a casa io andai a preparare la cena (per dare modo ad Ada di non doversi cambiare e rimanere in quella mise così eccitante), e Ada e Gianni apparecchiarono la tavola. Cenammo guardando la tv e in quasi totale silenzio… io, e penso anche Ada, eccitato per cosa sarebbe successo di li a poco, Gianni sicuramente eccitato per quello che era successo in negozio. Finita la cena ci sedemmo in salotto per un digestivo… io e Gianni nel divano e Ada nella poltrona di fronte a noi. Seduta in poltrona con le gambe accavallate Ada ci offriva uno spettacolo veramente eccitante, che non avrebbe lasciato indifferente come si suol dire neanche un morto, gli stivali neri e tutta la coscia incollantata color miele, con la gonna talmente alta che si vedeva la base della natica… io avevo il cazzo durissimo e Gianni non le staccava gli occhi di dosso. A quel punto Ada chiede “ma ditemi un po’ che ve ne sembra delle mie gambe?” accarezzandosele con entrambe le mani “vi piacciono? E di questi bellissimi collant? Lo sapete che li porto senza intimo?” e nel dire questo scavalla le gambe e le apre… e visto come era corta la mini mette in mostra immediatamente il suo bellissimo pelo biondo che spuntava da sotto i collant… Gianni a quel punto diventa rosso dall’imbarazzo ma non riesce a distogliere lo sguardo dalla figa di Ada, io mi metto quasi a tremare dall’emozione e dall’eccitazione. Ada a quel punto dice “visto che non mi rispondete mi tocca verificare di persona se sono di vostro gradimento” si alza, si inginocchia davanti alle nostre gambe e allunga le mani verso i nostri cazzi, “cazzo quanto sono duri i vostri cazzi!!!”, e comincia a sbottonare Gianni, gli esce il suo membro e comincia a menarglielo e a leccarglielo… io mi alzo vado dietro a Ada, le alzo completamente la gonna e comincio a toccarle la figa da dietro… era fradicia e con una facilità incredibile le infilo tre dita in vagina collant compresi. Comincio a penetrarla con ritmo con le tre dita e sento che mentre ingoia il cazzo di Gianni mugula ad ogni mio movimento ritmico… dopo un pò mi abbasso e mi metto con la testa sotto le sue gambe e comincio a leccargli il clitoride continuando a entrare e uscire le dita… Ada talmente era eccitata che pompava il cazzo di Gianni con una foga impressionante… ad un certo punto Ada dice “adesso voglio vedere se Gianni ci sa fare con la lingua” fa alzare Gianni e dopo essersi tolta la gonna e la camicia, rimane con solo i collant addosso e si siede lei sul divano allarga le cosce e dice a Gianni “dai vieni a bere tutto il mio nettare” e lo guarda maliziosa… Gianni non se lo fa ripetere due volte e comincia a leccarle la figa da sopra il collant… io a quel punto salgo in piedi sul divano e do ad Ada il mio cazzo da succhiare… godevamo tutti e tre da matti… dopo un po’ vado a prendere delle forbici e taglio i collant di Ada in modo da poterla penetrare… la faccio mettere a pecorina e le infilo il mio cazzo durissimo in vagina… lei lancia un gridolino di piacere e Gianni comincia a menarsi il cazzo come un forsennato… dopo un po Ada glielo prende e ricomincia a succhiarglielo… “VOGLIO IL CAZZO DI GIANNI!!!” grida all’improvviso Ada… sbatte a sedere Gianni sul divano, gli sale sopra a candela e comincia a muoversi come una assatanata… io stavo impazzendo di eccitazione a quella scena… mi masturbavo sconvolto dall’eccitazione al vedere come era piuttosto lei che scopava Gianni e non al contrario. Tutto questo durò almeno un’ora e mezza con vari cambi di posizioni e protagonisti delle posizioni. E così dopo almeno tre orgasmi di Ada, Gianni le sborra sulle tette ed io subito dopo sulle sue bellissime cosce ancora inguainate nei collant color miele.
Stanchi ma enormemente appagati andammo tutti e tre a letto sicuramente tutti ancora eccitati dalla nuova esperienza che avevamo provato.
L’indomani mattina a colazione dopo un primo momento di imbarazzo, ci sciogliamo e facciamo colazione tranquillamente… finita la colazione Ada ci dice “io vado a vestirmi… non siete curiosi di come ritornerò?… facciamo così fatevi trovare con i cazzi di fuori che voglio vedere che effetto vi faccio.”
Stavolta eravamo noi due in balia di Ada, non potevano deluderla e dopo poco ci abbassiamo i pantaloni e l’aspettiamo… dopo pochissimo lei ritorna con un tubino nero molto corto dal quale si intravvedeva la balza di un paio di autoreggenti color castoro, e infine aveva un paio di decolté nere tacco 10, ci si para davanti e dice “ beh allora? Tutto lì?… vediamo se riuscite a fare di meglio” e comincia a sollevare il vestito e si vede subito che non ha intimo perché si affaccia subito il suo pelo biondo a questo punto io e Gianni siamo veramente eccitati io vado per toccarle la fica ma lei mi ferma e mi dice “no! In questo momento è proibito toccare dovete solo guardarmi e masturbarvi… io farò lo stesso” io comincio subito a menarmelo e Gianni fa lo stesso… lei si siede su una sedia e si infila due dita in vagina e con l’altra mano si mena il clitoride… non scherzo se vi dico che in meno di 3 minuti sia io che Gianni siamo venuti, lo spettacolo era altamente eccitante e le abbiamo sborrato uno su una gamba e l’altro nell’altra mentre lei bagnatissima godeva da matti. Al che lei ci dice ridendo“ora mi costringete a cambiarmi le calze” va di la e ritorna subito dopo con un paio di autoreggenti nere che si infila davanti a noi e rimane senza intimo dicendoci “così sono pronta per ogni evenienza” e usciamo di casa per andare a lavorare.
Vi assicuro che l’idea di lei in autoreggenti e senza intimo per tutto il giorno in negozio mi ha tenuto eccitato come un pazzo… anzi approfittavo tutte le volte che potevo per infilare una mano e toccare… in più tutte le volte che c’erano clienti maschi le dicevo di mettersi in posizioni che potessero fare intravvedere qualcosa e lei non mi diceva mai di no la cosa eccitava da matti entrambi…
Eravamo veramente in un momento particolare, quello che avevamo fatto con Gianni ci aveva resi più disinibiti e qualunque trasgressione ci eccitava da matti. Un paio di clienti vennero in negozio almeno tre volte quel giorno… io cercavo di mettermi sempre in modo da vedere anch’io quello che potevano vedere loro, la balza delle autoreggenti era sempre visibile e spesso si riusciva a vedere anche il pelo. Quando poi uscivano dal negozio mi avvicinavo ad Ada e le toccavo la fica, era sempre bagnata.
La sera tornati a casa dopo il lavoro assieme a Gianni io vado di nuovo a preparare la cena e ci apprestiamo per cenare Ada ci dice “stasera si cena in modo sexy voi vi togliete i pantaloni ed io mi spoglio nuda e rimango solo con le autoreggenti”… e così facciamo… ci sediamo a tavola per forza di cose tutti eccitati… e durante la cena Ada comincia a toccarci il cazzo a entrambi sia con il piede da sotto il tavolo che con le mani…noi facciamo altrettanto con lei mentre Gianni le toccava le tette io le infilavo l’alluce in vagina, poi ci alternavamo… tutta la cena passò così con i nostri cazzi durissimi e la figa di Ada sempre rorida.
Finita la cena decidiamo di metterci un pò più comodi e andiamo in camera da letto, lì Ada si sdraia sul letto e cominciamo subito a darci da fare io le comincio a leccare la figa e Gianni le mette il cazzo in bocca… poi ci alterniamo e sento che lei mi succhia fino il sangue tanto era infervorata a sponpinarmi… mentre lei mi continua la fellazio Gianni comincia a penetrarla in vagina e lei grida di piacere… continuiamo per almeno un’ora e cambiamo spesso posizioni… eravamo tre assatanati e sborriamo quasi tutti e tre assieme io e Gianni le riempiamo la faccia di sborra e lei arriva a bagnare il letto da quanta gliene esce.
Stanchi morti Gianni ci saluta e va in camera sua e noi ci addormentiamo abbracciati e contenti.

scopami ziasessoracconticazzo blackpausa merdaracconto xxxracconti eoriciracconti reali sessocreampie oralegang bang con transvacche inculatela troia di mia cognatamonaca inculataorge pissingzoofilia gifsesso transessualistorie mogli troieracconti sesso sfrenatoscopo con mia zianonne che seganodoppia penetrazione dolorosaracconti pornograficoscopata nel trenopiccoletroiezio si scopa nipoteuomini inculati da transil culo di martaquanto è alta anastaciaprima nel culola nonna pompinaraseghe sessopasqua eroticaamica inculataracconti sesso con nonnaincesti proibitiracconti cazzo grossogare di segheuna sega al cinemaracconti di sesso con donne matureamici etero scopanoballbusting storyincesto madreracvonti eroticisorpresa semplice per il mio ragazzostorie sesso vereracconti.69moglievogliosaracconti porno realmente accadutiincesti con mammapompino collegadocce miste uomini e donnecapezzoli lunghissimiracconto dominazioneorge perversemasturba il figlioracconti gay stupromia moglie con transracconti feticismo piediracconti erotricimasturbazione e palestrazie e nipoti pornoracconti porno sadomasoracconti 69 tradimentiho inculato la mammagioco strip pokerstorie porno annunciincestiitaliani.itaddio nubilato sessoprime esperienze analiracconti a69cornuto leccapiedivideo gay sottomessistorie di sessieroticiraccontipompini al canepompino eccitanteracconti segheraconti 69donne e sesso con animaliraccontie eroticiracconto massaggioscopata nel trenocazzi in manola mia troiatrans con collantvideo incesto padre e figliaincestiitaliani.itincesti nerimassaggio analezia mi fai scoparemi piace farmi pisciare addossopuzza di piedi al femminileraccconti 69racconti diincestogioco della bottiglia eroticosesso dolce e passionaleracconti ertocimoglieesibizionista