La vicina matura, sposata e baldracca | Racconto etero di Poporno

A 23 anni, finalmente, riuscì ad andare a vivere da solo. Studiavo e lavoravo per permettermelo, ma la soddisfazione di essere veramente indipendente mi ripagava di ogni sforzo.
Abitavo in un palazzo di 7 piani. Nel condominio eravamo circa in 70-80 vicini. Tra tutti, ce n’era una in particolare che addocchiai subito. Bionda, alta, sui 40 anni, una gran bella donna, sebbene matura, seno abbondante e un culo sodo ottenuto probabilmente con un intensa attività ginnica. Era sposata con uomo d’affari, abbastanza ricco (o almeno così si diceva) che però spesso era lontano da casa per questioni di lavoro.
La notai, oltre che per la sua bellezza, anche per il fatto che sembrava essere una donna particolarmente “allegra”, se mi si capisce. Indossava sempre un vestito unico, scollato a V e che arrivava fin sopra il ginocchio, ai piedi un paio di scarpe con un tacco alto. Ma non era solo il modo di vestire. Quando, per caso, la si incontrava in ascensore, oltre a guardarti come se fossi un bel pezzo di manzo (cosa che tra l’altro pensava tutta la palazzina di lei…), attaccava subito discorso e, per quei pochi minuti dal piano terra al suo (il quarto), ogni volta che c’era l’occasione si appoggiava prima al mio braccio, poi al petto, con fare solo apparentemente casuale. Insomma, la classica donna insoddisfatta che cerca del gran cazzo. E un bel giorno, finalmente, lo trovò.
Era un sabato mattina primaverile, io stavo rientrando dal lavoro, quando al pian terreno vidi la signora Elena (quello era il nome della baldraccona) con due o tre sacchetti della spesa dall’aspetto pesante.
Subito, non persi l’occasione per attaccare bottone: “Salve, signora Elena! Come sta?”
“Oh Andrea caro! Guarda non benissimo, doveva esserci mio marito a darmi una mano con la spesa, ma è dovuto scappare fuori città per lavoro.”
In quel momento vidi aprirsi la porta del paradiso, capendo che grande opportunità mi si stava aprendo.
“Ma signora, le do una mano io molto volentieri se permette!” dissi, senza nascondere un sorrisino accattivante.
“Oh ma sei proprio un caro ragazzo! Grazie mille!” disse, appoggiando la mano sul mio braccio. Presì i due sacchetti e entrai in ascensore. Lei mi si mise praticamente addosso “Scusa Andrea, ma è così stretto qua!”
Guarda caso, lo spazio era così angusto che per tutto il tempo della salita la sua mano rimase a palparmi l’uccello.
Arrivammo al quarto piano, lei uscì ed apri la porta di casa.
“Entra pure Andrea, non c’è nessuno!”
“Dove le poggio i sacchetti signora Elena?”
“Seguimi, li lasciamo in cucina!”
Appoggiai la spesa sul tavolo.
“Andrea, permettimi almeno di offrirti un bicchiere d’acqua! E per favore, dammi del tu! Fammi solo trovare i bicchieri nella lavastoviglie…” disse, e dicendolo si chinò a novanta sulla lavapiatti, tirandosi su goffamente il vestito, rimanendo in pratica con il culo bello esposto alla mia visione.
“Mmm, signora, ma lo sa che ha un bel sedere?”
Elensa si volse di scatto “Grazie Andrea! faccio un sacco di esercizi in palestra!”
“Ma non mi dica? Perché non mi mostra meglio i risultati? Lo sa che studio fisioterapia? Posso controllarle come stanno i muscoli!” dissi, mentendo spudoratamente.
“Oh ottimo!” e in men che non si dica, non aspettava altro, si tolse il vestito, rimanendo in mutande e reggiseno nero. Ammirai lo spettacolo. Per essere una donna matura, sui quarant’anni, era veramente favolosa.
“Sì vede che fa molto esercizio fisico!” dissi avvicinandomi. “Sì giri un attimo e si pieghi che controllo i muscoli dei glutei e delle cosce!”
Elena si piegò in avanti. Scostai il perizoma e toccai la fica. Le insinuai prima il dito medio, poi due dita… Era già bella calda e umida.
“Mmmm… Controlla Andrea controlla. ..”
Gliela leccai. Lei alzò la gamba, come fanno le cagne e si tolse abilmente il perizzoma… Le morsi il culetto e giochicchiai un po’ con i due buchetti… Si vedeva che sta troiona ne aveva presi parecchi anche dietro. La tirai per i capelli e la feci girare e inginocchiare. lei tutta sorridente mi slacciò delicatamente la cintura, mi abbassò mutande e pantaloni e si portò il cazzo al viso, annusandolo. Poi inizia a farmi un pompino fantastico…. Mentre con la bocca passa per tutta l’asta, con la mano mi schiaccia i coglioni. Come le piace ciucciarmelo… La cappella scompare e ricompare nelle sue labbra carnose… Si slaccia il reggiseno e le avvicina ai seni. Inizia a farmi una splendida spagnola con le sue tette, sputando sopra il mio cazzo quando non arriva con la lingua. Quando sto per venire, d’esperienza la faccio alzare.
Lei, fantastica, mi sussurra all’orecchio “Vieni, spostiamoci in camera…” e mi prende saldamente l’uccello in mano, conducendomi verso camera sua. Nella stanza da letto foto sue insieme al marito (che troia) e di loro tre col figlio di 15-16 anni (povero figlio di troia).
Si sdraia sul letto a gambe aperte. Senza sforzo la penetro, e inizio a muovermi. Lei geme dal piacere. Mi prende la testa e mi grida all’orecchio di fare più forte, di spaccarle la figa. Io mi stacco e la giro. Si mette a quattro zampe sul letto, a pecorina. Con la saliva, come se servisse, le bagno il buchetto della fica. È COSÌ INVITANTE…
Col cazzo durissimo entro e inizio a muovermi a ritmo. Aumento, senza curarmi dei suoi lamenti. La tiro a me per i capelli, col cazzo ben piantato nella figa. Non sono più in me, voglio possederla… le tiro un ceffone sul culo lasciandole il segno delle cinque dita. Lei grida, di sorpresa mista a dolore. Senza avvertirla, ne librificarla, cambio repentinamente buco.
“Ahia ma che cazzo fai!” prova a ribellarsi lei.
Il suo culo è fantastico, stretto e caldo…. mi chino su di lei e mentre la cavalco le bacio il collo…
“sei la mia puledra…” le sussurrò all’orecchio.. e insieme, veniamo.
CONTINUA.

mi eri mancatoracconti sesso transgeniv racconti eroticiporno orge in famigliaanalsexlavorare come promoter nei supermercaticuckold americasorpresa per il mio ragazzoracconti erotici sottomissionemangiami la figafidanzata scopa con amicocornuto bisexdonne scopate da transsverginastrapontrio straponporno palpate al cinemasesso donne animalimoglie e marito sessomamma mignottabuonanotte cuginettastotie pornomamma lo succhiaracconti gay sverginatoi tre buchi delle donneracconto pompinoracc di milulegamibdsmil mio primo ingoioincularsi la ziamoglie al sexy shopfregna in calorevoglio succhiarti il cazzoracconti erotici famigliapiccanti raccontiantonella clerici tetteracconti erotici cognatagiovani gay sborranomia madre tradisce mio padrestupro analebuongiorno eroticifa una sega al caneracconti erotici professoreschiavo bdsmracconti veri sessotrio eroticoi generi di racconti eroticiporno storieurinoterapia capellistorie erorichenonna perversafoto di mia moglie troiascopata con la collegale cosce della profgay a lettosottomissione raccontinone troiestorie erorichesesso suocerail piu bel culo del mondoporno gay camionistiporno la moglie del professorescopata da un caneracconri eroticilorella cuccarini culoorgasmo in biciclettai racconti eroticiscopare la nonnaracconti erotici ragazzi gaysesso cuckhorror pornoracconti erotico incestoerotici rccontinel culo di ziasega di mia sorellacappella nel culoho masturbato mio fratellopiccole ninfomanile gambe di mia mogliescambio coppiagiochi erotici raccontiracconti di sessoorge raccontivoglio prenderlo nel culoorgia tra studentifidanzata esibizionistapompini sotto il tavolospiando mammaincula la suoceraracconti eroticviracconti feetho fatto una sega a mio fratellovoglia di sborrarecazzo per mia moglienonna porcellonaracconti di sesso in famigliazio e nipote scopanoinculato davanti alla moglieracconti di sborrate