La tipa che voleva filmarmi mentre mi facevo un altro uomo | Racconto bisex di Ciucciolandia

La prima volta che assaggiai lo sperma ero con Lara, la tipa che frequentavo un annetto fa. Uscivamo insieme da qualche settimana, era da subito scattato un grande feeling tra noi e passò poco che finimmo a letto insieme. Magra, seconda scarsa, capelli neri, occhi verdi e molto tatuata, era una ragazza molto diretta che andava subito al sodo. Il sesso era grandioso con lei, non essendo molto carina e all’apparenza timida e scontrosa con quel look gotico da quando usciva con me sembrava voler recuperare il sesso non fatto in precedenza. Gran bocchinara, già dal primo pompino in macchina mi fece subito capire di apprezzare molto la sborra, ingoiando dalla prima volta. Avevamo un feeling incredibile e nonostante un cazzo nella norma riuscivo a farla anche venire due volte. Nel giro di qualche settimana si fece anche scopare il culo, dimostrandosi molto aperta ad ogni esperienza, anche a filmini porno amatoriali che facevamo senza mai inquadrarci in faccia. La cosa particolare era che spesso ingoiava e poi mi baciava mentre continuava a salirmi sul cazzo. Mi faceva strano ma in fondo mi baciava anche dopo che mi aveva succhiato il cazzo per cui non protestai.
Il primo vero assaggio di sperma lo feci dopo un mesetto, quando mi baciò a sorpresa mentre aveva ancora in bocca tutta la mia sborra. Aveva raggiunto l’orgasmo, si era presa il cazzo in bocca per farmi venire con un gran pompino e una volta venuto salì di nuovo sul mio uccello. Fu strano, ma la sborra era molto dolce e poi lei continuava a scoparmi…beh, me la limonai alla grande e mentre mi cavalcava ancora, la assaporai per bene. In sostanza mi feci una bevuta con lei. Visto che non dissi niente, da quel giorno in poi Lara continuò a farsi sborrare in bocca e a baciarmi mentre si continuava a far scopare. A me andava bene perché quando lo toglievo dalla sua figa calda per sborrarle in bocca, non venivo mai completamente, per cui continuare a scoparla era molto eccitante. Sì ok, dovevo assaggiare la mia sborra ma in fondo era sempre la mia. E Lara si meritava che stessi a quei giochetti viste le acrobazie che faceva e la sua completa disponibilità a letto. abituato ed eccitato da quella cosa, una notte mentre la scopavo alla missionaria tirai fuori il cazzo e le schizzai sborra su tutta la faccia, poi la baciai, leccandola a lungo. L’apice lo raggiunsi quando lei mi fece un pompino con ingoio ma l’ingoio fu tutto mio. Dopo che si assicurò che avevo finito di sborrare si alzò, mi fece aprire la bocca e versò tutto il mio seme sulla mia lingua. Da quel giorno ci lanciammo sempre più in pratiche interessanti. Utilizzavamo oggetti, cazzi finti per fare una doppia penetrazione a lei e che succhiavamo insieme e sui quali mi faceva venire per poi mettermeli in bocca. Avevamo perfetta sintonia su tutto, quando le mettevo la lingua in culo durante un 69, lei mi prendeva quasi tutto il cazzo in bocca e poi mi succhiava le palle. Un giorno mi regalò un pompino con leccata di culo incorporata, e qualche tempo dopo passò al pompino con un dildo nel mio culo incorporata. Non riuscivo a dirle di no tanto era brava. E le schizzate che facevo con la cappella nella sua bocca e un dildo in culo erano potentissime.
La vera novità avvenne quando una sera lei mi disse che stava frequentando anche un altro ragazzo. Non me ne fregava nulla, alla fine io e lei uscivamo solo per scopare ma quando disse che voleva fare una cosa a tre rimasi sorpreso. Essendo di larghe vedute e comunque curioso (e diciamolo, sperando che poi lei avrebbe accettato una cosa a 3 con un’altra ragazza), accettai e mi presentò Yuri. La serata iniziò in maniera piacevole a casa di Lara. Man mano che passava il tempo la serata divenne sempre più stuzzicante, lei si cambiava spesso di abito giocando con noi, diventando sempre più sexy ed infine si presentò solo con calze a rete da punk. Ci disse che avremmo dovuto solo divertirci, lasciarci andare ai nostri istinti e avremmo goduto tutti alla grande. Era chiaro cosa intendesse, ma per renderlo ancora più chiaro, ci disse che avremmo entrambi apprezzato le nostre sborrate. Ci spogliò, baciandoci, spingendoci uno verso l’altro, tirò fuori i nostri uccelli dalle mutande, entrambi molto simili come dimensioni e lunghezza (forse Yuri aveva una cappella più grossa) e una volta a letto succhiò alternativamente i nostri cazzi. Poi li prese e cominciò a sbatterli uno contro l’altro, eretti, duri. Ci fece mettere uno di fronte all’altro mentre lei in ginocchio li segava entrambi con una sola mano e si infilava entrambe le cappelle in bocca. incrociai lo sguardo con Yuri. Era chiaro che quella sera non avremmo avuto limiti. Era chiaro che anche io e Yuri saremmo finiti insieme. E allora inutile attendere. Lo guardai e gli dissi che era un bel ragazzo. Lui ricambiò e disse che avevo un bel cazzo. Io gli risposi che sarebbe stato tutto suo solo se mi avesse fatto succhiare il suo cazzo fino a farlo sborrare. Yuri sorrise e disse che mi avrebbe scopato volentieri. Fu così che ci baciammo per la gioia di Lara, che si unì al bacio e ci disse che non vedeva l’ora di vederci all’opera, soprattutto da soli. Yuri disse che poteva mettersi comoda e guardarci. Lara si sedette su una sedia e ci osservò. Lui mi baciò e mi trascinò a se, sdraiandosi sotto di me. Mi disse che voleva scoparmi, voleva raggiungere l’orgasmo con il mio cazzo, mi spinse a succhiargli i capezzoli e poi mi spinse ancora più in basso, dove c’era il suo membro eretto. Sapevo bene che non era come prendere in bocca un cazzo finto. Che se avessi succhiato il suo cazzo sarei diventato bisessuale, ma sinceramente non feci in tempo a pensarlo che già stavo gustando la sua salsiccia. Era molto più buona ed eccitante di quanto pensassi. Insalivandolo per bene scivolava perfettamente nella mia bocca e le mani iniziavano a toccarlo, toccare le sue palle, i suoi addominali. Lo baciavo e lo sbocchinavo, in attesa che Lara si unisse. Ma dopo qualche minuto vidi che non si avvicinò. Mentre lo leccavo a Yuri la guardai e vidi che si stava masturbando mentre ci osservava. Ci fece solo un gesto, quello di cambiare. Fu così che Yuri me lo prese in bocca. ma non solo me lo prese in bocca, mi fece un lavoro incredibile segandomi a due mani, succhiandomi le palle, leccandomi anche il buco del culo e sputandoci sopra prima di infilarci dentro un dito, due dita, tre dita, allargandomi sempre più quell’ano che presto sarebbe stato sfondato.
Guardavamo Lara ogni tanto che continuava a sditalinarsi, vestita solo con le calze a rete e che non dava il minimo segno di volersi unire. Yuri mi guardò e mi chiese se andava bene continuare senza di lei visto che la troietta non sembrava volesse raggiungerci, e che dovevamo considerare una scopata gay. Gli risposi che non me ne fregava un cazzo se lei non si univa, che avevamo già iniziato a scopare come due veri gay e che dovevamo continuare. Aprì le gambe come invito. Ormai era fatta. Stavo per essere penetrato da un altro uomo e fare un grande passo dal punto di vista sessuale. Sentì il primo dolore per l’ingresso della cappella. Poi il piacere per ogni centimetro in più che Yuri infilava. Mi disse di rilassarmi, io gli risposi che ero rilassatissimo e che non vedevo l’ora che arrivasse fino in fondo. Fu così che Yuri mi fece sentire le sue palle sbattere contro il mio culo e le mie palle stesse. Lara continuava a guardarci masturbandosi con un primo dildo e stuzzicandosi anche l’ano con un secondo, che presto le entrò nel culo. Yuri sfondò e mi baciò. Lo limonai pesantemente mentre prendeva il ritmo. Pian piano la scopata gay prendeva sempre più piede e io mi godevo ogni affondo del mio nuovo amico. I cazzi usati da Lara stavano facendo il loro effetto, facilitando l’ingresso del membro palpitante di Yuri. Lara mi chiese se volessi un pompino ma io non le risposi nemmeno. Ero troppo occupato a tenere il culo aperto. Ero incredibilmente arrapato, tirai Yuri a me e lo limonai all’infinito. Lara commentava sempre più incuriosita, chiedendomi come mai non fossi stato così arrapato anche con lei e le risposi che lei non era un ragazzo. Mi chiese se ero gay e non risposi. Mi chiese se mi piacesse il cazzo e le dissi che era ovvio. Mi chiese ancora se fossi gay e alla fine le dissi che se mi stavo facendo scopare da un altro ragazzo era ovvio che fossi gay. In quello stesso istante iniziai a schizzare sborra su tutto il mio corpo, alcuni schizzi arrivarono fino al mento, dove riuscii ad arrivare con la punta della lingua per assaggiare il mio stesso sperma. Anche Yuri era ormai pronto. Tirò fuori il cazzo dal mio culo e lo puntò verso la mia faccia. Aprì la bocca e tirai fuori la lingua. Se dovevo fare il gay tanto valeva farlo fino in fondo e bere tutta la sborra del mio amichetto. Lara interruppe Yuri sul più bello e mi disse che mi avrebbe sborrato in bocca solo se mi facevo filmare mentre lo facevo. Acconsentì, a patto che filmassero col mio cellulare. E mentre Lara mi filmava chiedendomi ancora se fossi gay, risposi dicendo di guardare quello che ingoiavo. Yuri finalmente venne e mi riempii la bocca di sborra caldissima e densa. Guardai Lara che mi filmava e le dissi chiaramente che adoravo la sborra e che ero gay.
Durante il relax post scopata io e Yuri ci guardammo soddisfatti a vicenda. Lui in fondo si era scopato qualcuno e io avevo goduto in maniera diversa da ogni altra. E, a mente un po’ più lucida pensai che mi ero appena fatto montare da un altro ragazzo ma non me ne fregava assolutamente nulla. Anzi, era stato parecchio piacevole. Chiedemmo a Lara se si fosse unita a noi durante il secondo giro. Lara ci disse che voleva solo vedere due uomini scopare tra di loro, che voleva filmare un amplesso intero tra due gay, che la eccitava tantissimo vedere due ragazzi con l’uccello in tiro succhiarselo e prenderselo in culo a vicenda. Avrebbe fatto qualunque cosa per vederci scopare e filmarci. Yuri mi guardò e disse che si sarebbe fatto volentieri un altro giro con me, anche davanti alle telecamere perché la cosa lo stuzzicava parecchio. Io ero un po’ preoccupato, non volevo che il video andasse in giro. Lara mi assicurò che lo faceva solo per diletto personale e io accettai. Tanto se anche fosse andato in giro, non me ne fregava un cazzo che i miei amici mi avessero visto a letto con un altro uomo. Posi solo due condizioni. La prima era che anche Yuri dovesse prenderlo in culo da me nel video. Lui mi disse che non vedeva l’ora. La seconda era che volevo farmi una giornata di sesso anale con Lara. Metterglielo nel culo finchè ce la facevo. Lei si mise a pecora facendomi vedere il dildo che aveva in culo e mi disse solo di darle il giorno. Trovato l’accordo, procedemmo al video.
Io e Yuri iniziammo con una doccia, baciandoci, toccandoci, lavandoci. E più lo baciavo, più mi diventava duro. Mi piaceva Yuri. Troppo. E alla fine, dopo aver goduto del suo lavoro di bocca, iniziai il mio ma mi feci prendere la mano e mi dimenticai di Lara, dell’accordo, del video e succhiai fino a che Yuri non mi fermò dicendo che dovevamo anche scopare. Acconsentii con la bocca che sapeva del suo cazzo e mi misi semplicemente a pecora, invitandolo ad incularmi. Mi lasciai scopare per quasi 10 minuti prima di farlo sdraiare e sedermi direttamente sul suo cazzo, cavalcandolo e masturbandomi per il godimento. Alla fine gli sborrai addosso e quando anche lui fu pronto mi misi in ginocchio per succhiargli tutto il cazzo fino a berne ancora il suo nettare. Lara fu entusiasta del video e dei seguenti che facemmo quella sera, due video di bocchini con sborrata in bocca a vicenda (il mio culo aveva dato anche troppo).
La serata finì lì e io tornai a casa meditando su quelle grandi scopate che mi ero fatto. Nei giorni seguenti sentii Lara che mi invitò a casa sua per mantenere la sua parte dell’accordo. Una notte magica per il mio cazzo e il suo ano. Si lasciò dominare e sfondare come non aveva mai fatto, chiedendomi di filmarla mentre godeva e prenderlo in culo. Dopo tre ore di sesso e quattro sborrate di cui due in culo, ne uscì devastato. Lara ne approfittò per chiedermi se fossi ancora disponibile ad un incontro con Yuri e un altro amico. Le chiesi se anche quella volta volesse filmare e mi confermò che voleva organizzare l’incontro solo per quel motivo. Accettai ma solo se avesse trovato una ragazza per una cosa a tre con me e lei. Disse che aveva già un’amica. Fu così che una settimana dopo incontrai Yuri e Nicolas. Lara ci disse che avrebbe filmato ogni singola scopata che avremmo fatto e che poi ognuno di noi avrebbe avuto la sua ricompensa personale. Nessuno si tirò indietro anche perché tutto sommato eravamo tre bei ragazzi e anche ben dotati. O meglio, pensavo che eravamo dotati finchè non vidi Nicolas nudo. Quando Lara fu pronta, iniziai a baciare Yuri. Avevo più confidenza e praticamente all’istante avevo già il cazzo di marmo, così come lui. Ci spogliammo a vicenda ed eravamo già tutti e tre con il cazzo in tiro. E Nicolas vinceva a mani basse. Era quasi sui 22cm mentre io e Yuri ci aggiravamo sui 17. Appena lo vidi gli dissi di mettersi comodo che avrei voluto succhiare quel membro fino a farlo sborrare. Lo leccai per tenerglielo duro fino a che non inglobai la sua cappella in bocca. in quel momento Yuri scomparve per me. Come vidi nel video girato da Lara, Yuri mi inculò mentre io ancora sbavavo letteralmente su quella grossa minchia. Montandomi, mi preparò a Nicolas, che poi prese possesso del mio culo per il resto della serata. Mi accorsi che era uno stallone quando dopo un paio di minuti che mi inculava, ricoprii il viso di Yuri di sborra. Yuri si lamentò della mia velocità ma quando Nicolas si prese anche il suo retto, anche lui sborrò istantaneamente. Insieme poi regalammo a Nicolas un doppio chinotto con ingoio. Dopo la pausa, Lara disse che era delusa. Si aspettava molto di più da noi e quindi ci diresse nel secondo video, dicendoci cosa fare.
Ci fece rivestire e creò la scena. Io e Yuri eravamo una coppia gay che invitava un loro dotato amico ad una notte di sesso. Quando entrò in scena Nicolas lo seducemmo e lo baciammo a lungo. Poi lo spogliammo, liberando il suo fantastico cazzo e commentandolo con ardore e golosità. Oggetto del nostro desiderio, lo toccavamo con delicatezza. Poi ci spogliammo a vicenda e iniziammo a leccare lentamente la minchia di Nicolas. Solo ad un cenno di Lara potemmo finalmente metterci in bocca la cappella. Io ero sicuramente più infoiato di Yuri per cui sbocchinai Nicolas senza sosta mentre Yuri si prese in bocca il mio membro. Poi cambiammo e fu Yuri a sucare Nicolas mentre io dopo un breve pompino glielo misi nel culo su suggerimento di Lara. Yuri si fece allargare il culo da me poi su sua iniziativa risalì lungo il corpo di Nicolas e si mise il suo cazzo nel culo, cavalcandolo. Io allora mi spostai e infilai l’uccello in bocca a Yuri poi lo offrì a Nicolas che lo rifiutò. Allora scivolai sul suo corpo anche io offrendo il mio culo a Yuri che mi baciò e mi penetrò mentre stava ancora cavalcando il cazzone. Quando Nicolas si stancò di stare seduto, cambiammo posizione e mi misi a pecora per primo. Gli altri due mi scoparono a turno. E lì mi accorsi della grossa differenza tra Yuri e Nicolas. Supplicai Nicolas di montarmi come non aveva mai montato nessuno e lui non si risparmiò. Lara ci fece anche una bellissima inquadratura. Io con tutti i centimetri di Nicolas sul cui cazzo ero seduto e Yuri con tutti i miei centimetri nel suo culo. Fu una posizione da favola per me essere in mezzo a quei due. Non potè durare a lungo perché avrei sborrato in pochi minuti ma Lara me lo impedì. Io sarei dovuto venire in bocca a Yuri mentre mi faceva un bocchino e mentre Nicolas mi inculava. Obbedimmo. Yuri sborrò nella mia bocca mentre Nicolas lo inculava. Nicolas sarebbe venuto mentre io e Yuri, ancora con le bocche che sapevano di sborra, gli succhiavamo il cazzo insieme. Nicolas ci ricoprì di sborra e io e Yuri ci baciammo a lungo.
La serata finì lì. Fu una notte gay che mi fece riflettere molto su quanto fosse bello scoparsi e farsi scopare da un altro uomo. Tuttavia riscossi la mia ricompensa e mi scopai Lara insieme ad una sua amica. Non era particolarmente bella ma aveva due tette infinite con due capezzoli enormi e turgidi. Ed era molto lesbica. Devo dire che sembravo io l’ospite che faceva un favore a loro. Tuttavia fu estasiante. Le due ragazze non si risparmiavano nel leccarsi la figa e sditalinarsi mentre si infilavano a vicende le lingue nei culi evidentemente allargati. Il doppio pompino poi non lo avevo mai provato. L’amica di Lara mi mise il cazzo tra le sue bombe e si suddivise a succhiarlo con Lara. Poi Lara mi cavalcò mentre la sua amica la inculava con uno strapon. Poi inculai l’amica mentre Lara la penetrava con uno strapon di dimensioni importanti. Mi sedetti per permettere all’amica di cavalcarmi anche se Lara spesso tirava fuori il cazzo dalla figa per succhiarlo. Il culmine fu quando usammo tutti i dildi che avevamo. Le due ragazze ne usarono due a doppia punta e se li infilarono nella figa e nel culo muovendosi all’unisono nella posizione della forbice mentre io offrivo il mio cazzo a tutte e due per farmelo succhiare. Quando raggiunsero l’orgasmo entrambe si dedicarono al mio membro e mi fecero sborrare sulle loro facce. Fu tutto eccitantissimo. Quella fu l’ultima volta che vidi Lara.
Un mese dopo incontrai Yuri per caso. Ci fermammo in giro a fare un aperitivo e mi raccontò la verità. Aveva scoperto che Nicolas in realtà era il ragazzo di Lara o qualcosa del genere e che ci aveva scopato solo perché lei voleva fare un video. Infatti avevo notato che non ci aveva mai nemmeno toccato l’uccello. E mi confessò che lui era invece totalmente gay e che non era mai stato con Lara, ma che ci aveva usato per fare la prova generale del filmino che voleva fare con Nicolas. Si scusò con me. Lo tranquillizzai dicendo che non c’era problema, che a me non era dispiaciuto fare quello che avevo fatto e lui si rasserenò. Mi disse anche che Lara gli aveva dato i video che avevamo fatto. a parlare dei porno gay che avevo girato, mi accorsi durante l’aperitivo di avere un erezione. Dissi a Yuri che non li avevo ricevuti e che nonostante la rividi per sbattermela con la sua amica poi non me li diede. Mi chiese se volessi averli anche io e accettai. Così andai a casa sua per recuperarli. Mi diede una chiavetta ma gli chiesi come fossero venuti e lui disse che erano fantastici. Gli chiesi se ci si fosse segato e lui sorrise. Confessai che tanto l’avrei fatto anche io non appena avessi visto i video e lui mise la chiavetta nella tele e schiacciò play. Gli sorrisi e gli dissi che a furia di succhiargli il cazzo sarei diventato gay. Lui mi rispose che lo ero già, si tolse i pantaloni e mi mostrò il membro già eretto. Senza pensarci, mi inginocchiai a sbocchinare il mio amante gay che sembrava non attendere altro da me. E nemmeno io attendevo altro. il mio cazzo duro, la salivazione che mi permetteva di rendere umida quella nerchia e farmela scivolare in gola. Erano tutte prove che mi piacesse succhiare quel cazzo. Così accolsi la sua cappella nella mia bocca e mi dedicai interamente a farlo godere con la sola lingua, spingendomi il cazzo fino in gola. Lui era estasiato e sarebbe anche venuto ma volevo il mio premio.
Ci trasferimmo nel suo letto. ero pronto a prenderlo. Mi misi a pecora e lasciai che Yuri mi leccasse l’ano e lo cospargesse di lubrificante. Yuri mi chiese se fossi sicuro di prenderlo nel culo ancora da lui, affermando che se lo avessi fatto sarei diventato totalmente gay. Gli dissi che ero diventato gay nel momento in cui avevo bevuto la sua sborra la prima volta. E che se ero a letto con lui in quel momento era perché mi piaceva. Volevo essere inculato. Lo supplicai di penetrarmi e di sfondarmi. Invece lui mi fece mettere alla missionaria, mi penetrò e mi baciò. Gli misi le braccia intorno al corpo e contro ogni mia aspettativa facemmo l’amore. lentamente, il suo cazzo si infilò dentro il mio culo andando avanti e indietro. Non smettevamo di baciarci, di toccarci, di limonare. E schizzai sborra ovunque. Dopo mezz’ora che facevamo l’amore lui non riuscì più a resistere nonostante il lentissimo ritmo di inculata e sborrò come se non ci fosse un domani. Finita la venuta, stava per togliere il cazzo dal mio culo ma lo bloccai, chiedendogli di penetrarmi ancora. Lui non sapeva cosa fare ma io lo baciai e lo trattenni dentro di me. Il suo membro rimase eretto e non potè fare a meno di continuare a incularmi fino alla seconda sborrata. Fu così entusiasta di quel doppio anale che mi chiese se potevo resistere per farne un terzo. Gli dissi che andava bene a patto che poi lui mi facesse un pompino fino all’ingoio e lui mi baciò e mi penetrò ancora. Purtroppo aveva esaurito le cartucce. Per farsi perdonare me lo prese in bocca e mi fece sborrare una seconda volta.
Passammo il resto della serata ad incularci a vicenda mentre guardavamo i video girati da Lara. Yuri mi invitò a dormire da lui e, stanco e con il culo rotto, accettai. La mattina dopo ci svegliammo e ci separammo scambiandoci i numeri. Nei giorni seguenti ci vedemmo diverse sere e certo non per guardare un film. Fu così che lentamente iniziai una relazione gay con lui. Uscivamo insieme senza dare nell’occhio e scopavamo dove capitava. Non parlavamo mai di quello che c’era tra noi. In fondo mi sembrava chiaro. Era praticamente solo sesso, pochissimi baci. Per questo non mi feci problemi quando una coppia di ragazzi mi abbordò in discoteca dopo diverse settimane. Aspettarono che mi allontanai dai miei amici e si avvicinarono, andando dritti al sodo. Gli dissi di aspettare che i miei amici se ne andassero e quando rimasi solo con la scusa di ballare ancora un po’, mi fermai a parlare con loro. Erano carini, simpatici. E si offrirono di darmi un passaggio a casa con la condizione che li sbocchinassi entrambi nel parcheggio. Eccitato da quel fuoriprogramma così esplicito li seguii nel parcheggio e salimmo al SUV con cui erano arrivati. Ci appartammo in un posto più tranquillo dove i due si spogliarono, scesero dalla macchina, mi fecero tirare giù i finestrini e, uno da una parte, uno dall’altra, misero i loro cazzi duri attraverso il finestrino, come in una sorta di gloryhole. Senza sapere di chi fossero, a turno li succhiai per lunghi minuti. Poi mi concentrai quasi solo su quello più grosso e soddisfacente. L’altro si accorse di ciò e senza dire nulla aprì la portiera. Per comodità, io ero a pecora a succhiare la nerchia, così l’altro mi bendò con una cravatta, mi slacciò la cintura, mi abbassò i jeans e le mutande e me lo appoggiò. Non trovando la minima resistenza da parte mia, puntò la cappella sul mio buco ed entrò. Non fu una gran scopata ma il pompino che feci era da dieci e lode. Quello che si stava facendo fare il servizietto per concludere si segò e mi schizzò in faccia numerosi spruzzi di sborra calda. Conclusa quella specie di scopata a tre gay, i due ritornarono in macchina e andammo in città. Prima scese uno dei due, che abitava nei pressi della discoteca, poi rimasi solo col guidatore che dovette portarmi in giro per quasi mezz’ora, abitando io dall’altra parte della città. Quando si fermò però non eravamo a casa mia. eravamo sotto casa sua. Poi entrò dal cancello e mise la macchina in box. Gli chiesi perché e candidamente mi rispose che voleva scoparmi per bene perché aveva visto che ero un gran bocchinaro. Lo guardai e gli chiesi se fosse lui quello col cazzo enorme e lui rispose di sì. Gli saltai addosso succhiandogli quell’enorme membro e poi mi sedetti su di esso facendomi inculare direttamente in macchina. Fu un’esperienza incredibile. Cavalcai quel cazzo fino a farlo venire mentre mi sentivo una gran puttana. Mi chiese di stare da lui a dormire nonostante fosse quasi mattina. Ovviamente accettai per farmi montare da quello stallone al risveglio. E feci bene. quando vidi quel cazzone eretto la mattina seguente, mi feci legare le mani dietro la schiena e lo succhiai fino all’ingoio più completo. Lui, non soddisfatto, dopo essersi ripreso mi legò nuovamente le mani e mi scopò come solo uno stallone con 24cm di minchia sapeva fare.
La sera tornai da Yuri, che confessò di amarmi. Non sapendo come reagire e non volendo dirgli della mia notte avventurosa, feci l’amore con lui tutta la notte, accordando qualunque sua richiesta. Mi presi un paio di giorni per pensare a quello che mi aveva detto. Avevo quasi deciso di provare ad avere una storia con lui. In fondo scopavamo bene insieme, mi piaceva la sua sborra e mi amava. Mi ero ormai deciso a provare quella relazione gay quando lo stallone da 24cm mi mandò un messaggio piuttosto esplicito. “Ho un bel bignè ripieno di crema calda che vorresti leccare”. Ero indeciso. Per vedere se dovevo iniziare la storia con Yuri andai dal tizio della discoteca. Riuscii a resistere ai suoi baci e ai suoi palpeggiamenti. Ma quando si spogliò e mi sventolò in faccia quella minchia..gli confessai di essere la sua puttana e mi feci scopare dopo avergli succhiato giustamente il cazzo. In fondo, era talmente bello che lo meritava. Prima mi sborrò in bocca poi mi penetrò mentre ancora gustavo il suo sperma. Io sborrai mentre lo prendevo in culo mentre quel maiale mi dava della mignotta. Quando si svuotò del tutto mi mandò a casa e mi disse che non ci saremmo più rivisti perché era sposato. Rimasi scioccato ma non importava. In fondo avevo ottenuto quello che volevo e lui pure. Cancellai il suo numero e tornai da Yuri. Volevo confessargli tutto ma non ebbi il coraggio. Anzi mi inginocchiai e gli feci un lavoretto da paura. Dopodiché lo montai come se non ci fosse un domani e mentre gli aprivo il culo gli dissi che doveva abituarsi ad essere scopato ogni volta che ci vedevamo visto che ci saremmo frequentati.
Ci frequentammo per sei mesi circa poi tutto finì. Da allora non vidi più Yuri, Nicholas, Lara o lo stallone della discoteca. Conobbi però Ilaria, Kevin, Michele, Paola, Stefano. Tutti miei nuovi amichetti di letto. perché non ho ancora deciso la strada definitiva. La figa mi piace, ma nemmeno il cazzo è poi tanto male…

racconti xgay fucking machinemoglie eccitataracconti eccitantiex moglie troialezioni di fistingracconti erotici scambio coppiecinghiate punizionemoglie troia al parcopompino a un canedonne sesso animalimia cognata è incintagola profonda 2racconti erticiraccontiincesti69 con mia moglievoglia dipornoamica sessoio e la mia migliore amicaporno gay zioi racconti eroticizoofilia amatorialeraccontu eroticiracconti di erosracconti porno pretisotto il vestito nudasuocera seduce nuorasi scopa l'amica della sorellaraccomti pornoeroriciraccontistorie di sesso tra fratellivergine di culoerotica 2019gay pornpincesti in bagnoracconti di sesso analezia provoca nipoteracconti incentuosiincula sua sorellaracconti millumogli bisextrombare mammasborro gayracconti foot fetishraccontidi sessochat eccitantimoglie inculata da transscopata inaspettataseghe in ufficioracconti erotici di maturemi piace il culoincesti con zieracconti erotici sesso con animaliraccontisexiracconti hot realimia zia mi segaerotici racconti i generisesso sado masogay sauna romprima volta gay raccontoculo di maialenonne piscioneracconti erotici di zoofiliaprima volta di mia moglieamica milfsadomaso donneracconti erotici di punizioniwww disinibiti comstorie fetish piediobbligo o verita domanderacconti erotiiciincesti reali amatorialisesso con il caposcopa la mamma dell'amicoditalino al marepompino di prima mattinaragazza dorme nudastorie sesso incestosharon e andreasesso nel prive