Golosa di sperma | Racconto etero di iziasfizia

Come faccio quasi tutte le sere, anche quella sera verso le 22.30 entrai in servizio al bar del mio Hotel in Repubblica Dominicana. A quell’ora c’è sempre poca gente in quanto la maggior parte degli ospiti appena dopo cena esce per fare un giro sul lungo mare o in uno dei tanti locali sulla rinomatissima “Calle Duarte”.
Congedai quindi Flor, la barista, e presi io il suo posto. Al bancone c’era solo Roberto, il nostro cuoco che aveva appena finito di sistemare la cucina e stava consumando una birra, l’unica e l’ultima prima di ritirarsi come al solito in camera sua. Approfittando del fatto che eravamo soli mi chiese se dopo la chiusura sarei passata da lui per una bella e sana scopata, cosa che avevamo già fatto più volte e che ultimamente facevamo sempre più spesso. Ci pensai un attimo e poi sorridendo maliziosamente gli confermai che non appena chiuso il bar, verso mezzanotte, sarei andata da lui. Avevo voglia e non volevo lasciarmi scappare quell’occasione.
Poco dopo, erano circa le 23.00, arrivò anche Josè, un dominicano 50enne che lavora qui come guardia armata notturna. Era come al solito in uniforme, con il suo cinturone con pistola legato alla vita. Ci salutò e si sedette anche lui per farsi servire il suo solito caffè doppio che lo aiutava a rimanere sveglio di notte. Chiacchierò un po’ con noi poi entrò in servizio, muovendosi dal bar per iniziare il suo giro di perlustrazione lungo il perimetro dell’Hotel per sincerarsi che tutto fosse in ordine. Anche Roberto si alzò e, dopo avermi fatto l’occhiolino, salì in camera sua dove disse che si sarebbe fatto una bella doccia e mi avrebbe aspettato.
Rimasi sola per un po’, ammazzando il tempo asciugando qualche bicchiere e sistemando alcune bottiglie esposte. Poco prima di mezzanotte rientrarono alcuni ospiti: quattro coppiette di italiani, tutti sui 30-35 anni, si erano conosciuti durante quella vacanza e quella sera erano usciti facendosi reciproca compagnia ed ora rientravano ancora tutti insieme. Ridacchiavano divertiti e scherzando fra di loro. Tutti mi salutarono e le quattro donne mi chiesero le chiavi delle camere, dove intendevano ritirarsi perché l’indomani avevano in programma una gita alla capitale. I maritini invece decisero di prendere un ultimo drink al bar, rassicurarono le mogli che sarebbero arrivati presto e si sedettero al bancone dove ordinarono 4 cuba-libre e ne offrirono uno anche a me.
Mentre preparavo quei cocktail li sentivo chiacchierare: oggetto della loro discussione erano le belle ragazze del posto che anche quella sera avevano solo potuto guardare, passeggiando sul lungo mare o ballando in uno dei tanti locali del posto. Tutti e quattro sostenevano che essere venuti in vacanza lì con le mogli non era stata una buona idea, visto che se fossero stati soli avrebbero certamente trovato altre belle donne con le quali divertirsi e certamente anche fare del buon sesso.
Bevvi con loro senza però entrare nella discussione, sorridendo delle loro battute e delle fantasie erotiche che stavano immaginando. Mi divertii oltremodo quando tutti e quattro iniziarono a raccontare i difetti delle loro mogli, facendo prendere alla quella conversazione una piega sempre più piccante.
Filippo, un tipo pelato e dal viso sempre ben curato e pulito, sosteneva che sua moglie era totalmente contraria ai rapporti anali, immaginandosi che se fosse stato solo non si sarebbe lasciato scappare uno dei tanti bei culetti di qualcuna delle mulatte che aveva visto ballare anche quella sera. Leonardo, un tipo con la faccia da imbranato e dai modi un po’ grezzi, raccontò invece di come sua moglie non gradisse fare pompini, tanto che ormai nemmeno glielo chiedeva più. Luciano, il più bello del gruppetto, magro, moro e anche sempre sorridente e simpatico, si lamentava del fatto che ormai i rapporti con sua moglie erano a scadenza settimanale, a volte anche quindicinale, quando lei si impuntava e diceva di non averne voglia. Matteo, altro bel morettino, era annoiato ormai dal metodicità dei rapporti con la moglie, che comunque erano frequenti ma sempre uguali: baci, preliminari orali reciproci e scopata alla missionaria per concludere.
Finirono i loro cocktail e Leonardo propose di berne un altro: “l’ultimo prima di andare a nanna. Così mi addormento ed evito di importunare mia moglie che di sicuro anche stasera non me la dà.” Tutti ridemmo e io subito preparai i nuovi drink.
Mentre versavo rhum e coca, sentivo i loro sguardi su di me, di tanto in tanto alzavo gli occhi e sorridevo, scoprendoli che mi guardavano e certamente immaginavano di poter dare anche a me una bella ripassatina. Anche loro mi sorridevano ed ero certa che non aspettassero altro che anch’io aggiungessi un mio commento femminile a quella loro conversazione fra mariti desolati.
“Io ai miei partner non faccio mai mancare nulla.” Dissi loro, attirando e catturando la loro attenzione e la loro curiosità. “Mi piace fare di tutto-continuai-davanti, dietro, sopra o sotto e soprattutto!!” Feci una pausa studiata per vedere come reagivano, poi conclusi “Soprattutto adoro succhiare e ingoiare.” Detto questo sorrisi divertita dai loro sguardi un po’ stupefatti, e infilandomi in bocca la cannuccia, succhiai lentamente qualche sorso di cuba-libre.
I quattro adesso mi guardavano più eccitati, scorrendo i loro occhi su di me, sui miei capelli biondi raccolti dietro in una bella coda di cavallo, incrociando i miei occhi chiari, insistendo sulla scollatura della maglietta e inquadrando i miei fianchi stretti ed invitanti. Io poi, maliziosamente, mi girai un paio di volte sul bancone, prendendo il carico pronto dalla lavastoviglie e mostrando loro il mio bel culetto avvolto nei jeans corti che indossavo quella sera.
Li avevo in pugno e pensai di divertirmi ancora un pochino. “Certo, foste stati qui soli, magari vi avrei anche fatto provare qualcosa…ma dato che le vostre mogliettine vi aspettano, non vi rimane che immaginarvelo.” Matteo scuoteva il capo sorridendo, Luciano continuava a fissarmi facendomi ben capire di averlo eccitato e non poco, Filippo alzò gli occhi al cielo e sospirò, mentre Leonardo ordinò un altro Cuba per lui dicendo che voleva assolutamente dormire e l’alcol lo avrebbe aiutato evitando di andare in camera e masturbarsi pensando a me. Ridemmo tutti di gusto e subito dopo la compagnia si sciolse.
Luciano e Matteo se ne andarono per primi, mentre Filippo decise di rimanere un poco aspettando che Leo finisse il suo drink. Ne preparai un altro che divisi a metà con Filippo e noi tre rimanemmo lì a chiacchierare ancora un poco, con Leonardo che era un po’ alticcio e che ancora mi chiedeva se davvero i pompini con ingoio erano la mia passione. Io confermavo sorridendo, e sempre sorridendo aggiungevo “Ah se non ci fosse stata tua moglie…stasera ti avrei svuotato.”
Filippo, che era ancora abbastanza sobrio intervenne invece seriamente: “Se vuoi puoi farglielo comunque- disse- vi appartate in un angolino del giardino e liberi quest’uomo delle sue pene.” La cosa si stava facendo seria e io un po’ mi stavo eccitando, pensando che in fondo Filippo aveva ragione. L’idea di fare un pompino a Leo e dargli una soddisfazione che non riceveva mai nemmeno dalla moglie, era una cosa fattibile e che iniziavo a desiderare.
“Ma sua moglie? Se dovesse venire a cercarlo?” provai a dire come per provare ad evitare la cosa. “Faccio io il palo –disse Filippo – appartatevi dietro il bar e se viene qualcuno vi avviso.”
Guardai Leo per un attimo e poi gli feci cenno di seguirmi. Andai verso la porzione di giardino dietro il bar e lo aspettai in un angolo buio. Lui arrivò camminando lentamente, ancora forse incredulo di ciò che stava accadendo. “Vieni – gli dissi- non ti mangio mica.” Gli tesi una mano e lo tirai verso di me. Lo spinsi delicatamente contro il muro e subito mi inginocchiai davanti a lui. Gli sbottonai cintura e pantaloni, gli calai la zip e abbassai in un sol colpo pantaloni e boxer, trovandomi davanti al viso il suo bell’uccello ancora moscio.
Odorava un poco, sicuramente aveva fatto un paio di pisciatine quella sera, ma la cosa non mi fermò. Lo scappellai delicatamente usando due dita e dopo una passatina con la lingua sul glande, me lo misi in bocca e cominciai a succhiarlo.
Lui cominciò a gemere sommessamente, mentre il suo cazzo lentamente mi si ingrossava in bocca. Mi staccai un attimo e glielo sollevai, infilando poi la mia lingua sotto alle sue palle per leccarle e quindi succhiare anche quelle. Con la mano lo masturbavo lentamente e il suo cazzo, di dimensioni normali, era adesso durissimo e pulsante. Passai la mia bocca sull’asta, la insalivai per bene, così come subito dopo leccai ed insalivai la sua bella cappella turgida. Qualche colpo di mano e poi di nuovo in bocca, trattenendo una mano sulla base del cazzo e lavorando di bocca e lingua ad un ritmo sempre più serrato.
Improvvisamente dal bar sentimmo provenire una voce di donna. Mi fermai un attimo e capii che era la Moglie di Filippo che gli stava chiedendo spiegazioni sul perché fosse lì da solo. “Aspetto che Leo torni dal bagno” disse lui. La donna era arrabbiata e Filippo per evitare isterismi dovette seguirla. Per un momento pensai che Leonardo volesse rinunciare ed andarsene, invece quando non si sentì più nessuno lui prese a masturbarsi, mentre io rimasi lì in ginocchio passando la lingua sulla punta del suo glande. Voleva venire e io non aspettavo altro. Si tese appoggiandomi la sua mano libera su una spalla, si tirò sulle punte dei piedi per trovare più forza, e aumentando il ritmo della sega venne in breve tempo, ansimando un po’ più forte e scaricandomi il suo liquido in bocca.
Ingoiai quel nettare e contenta di aver fatto un gran piacere a Leo, leccai e ripulii per bene anche la sua cappella grondante di qualche ultima gocciolina. Ma adesso dovevamo andare. Mi alzai e aspettai che si risollevasse i pantaloni. Passammo dal bar dove presi un sorso di cuba e poi lo salutai con voce suadente. “Tutto ok?” gli seppi dire. Lui sorrise e annuì, mi diede un bacio sulla guancia e si allontanò veloce verso la sua camera, dove probabilmente la sua ignara mogliettina già dormiva.
Io ero eccitata, volevo solo chiudere il bar e raggiungere Roberto in camera sua. Guardai l’ora, era già l’una. Stavo chiudendo quando da dietro il locale del bar, proprio da dove poco prima ero appartata con Leo, spuntò sorridente e felice il caro Josè. “Li tratti troppo bene questi clienti” mi disse, ed era evidente che mi aveva visto spompinare quell’uomo e che si era anche goduto lo spettacolino. Non dissi nulla e chiusi il bar, poi passai al banco della reception, dove di notte si sistemava Josè per consegnare le chiavi agli ospiti più ritardatari, facendo di tanto in tanto anche un giro di controllo fra i vialetti del giardino dell’hotel.
Posai le chiavi del bar nel solito cassettino e feci per avviarmi, ma Josè mi fermò “prima che te ne vai devo farti vedere una cosa.” Mi disse di seguirlo ed entrò nell’ufficio dietro la reception. Sapevo cosa voleva e siccome ero già eccitata e con lui non era nemmeno la prima volta, spensi le luci dell’ufficio e mi sedetti sulla poltroncina girevole della mia scrivania. Sentii la sua zip aprirsi e subito dopo mi ritrovai il suo grosso cazzone fra le labbra. Lo succhiai per bene e dopo pochi minuti mi esplose in bocca.
Lo ripulii e lo salutai e subito corsi sulle scale che portavano verso le due camere di sopra, una mia e l’altra quella del cuoco Roberto. Entrai nella sua stanza come eravamo d’accordo, ma Roberto già dormiva, stanco del lavoro della giornata e dall’ora ormai tarda. Era nudo nel letto, la lampada sul comodino era accesa ed illuminava il suo grosso corpo, il suo petto peloso ed il suo ventre prominente. Il suo cazzo era moscio e penzoloni fra la peluria dei suoi testicoli. Guardandolo mi spogliai, mi toccai da sola e mi sentii bagnatissima. Mi inginocchiai sul letto e senza svegliarlo iniziai a leccarglielo, mentre con una mano mi titillavo il clitoride. Il cazzo di Roby iniziò ad ingrossarsi, a sussultare lentamente mentre lui mugolava nel sonno parole incomprensibili. Gli leccai i testicoli ed il cazzo mi si allungò sulla faccia, ebbe un altro sussulto e io toccandomi con più decisione ebbi il mio orgasmo, che mi scosse non poco fino al punto di far svegliare Roberto.
“Sei arrivata” bofonchiò, mentre io senza nemmeno rispondergli presi a succhiare il suo cazzo regalando anche a lui un bel pompino con ingoio, il terzo di quella nottata…che appagò almeno per quelle ore, la mia golosità…
Aspetto commenti e suggerimenti a [email protected] fatevi vivi, vi risponderò volentieri.

2 tettonetrans al cinema pornostorie sadomasosesso tra eterosex masturbazioneuna gran troiaprima nel culopompino incestoracconti incesti veri italianiporche con animaliche bello nel culomasturbata al cinemaclub prive esperienzetrans superdotati che sborranoracconti porno zoofiliasborrata di cavallogiochi erotici pericolosimamma leccami la figaerotici raccontoracconti eoticifarsi la cognataeros gratisracconti erotici pissingstoria pornoracconti incedtositi di racconti eroticidonna scopa con animaliracconti trasgressionimi piace il penele seghe della mammaingoia tutta la sborrami fai un pompinocazzo di negroinculata da due cazziracconti di mamme porcheincesto tra fratellisesso ziocazzo vogliosostorie bdsmracconti incesrosborrate a trea letto con la profannunci incestoil culo di miamogli trioraccontj eroticistudentessa troiaracconto d'incestoracconti erotici scuola mediascopata insegnanteiomiluracconti erotici donna maturami scopo l amica di mia figliacinghiate sul sederemia moglie mi piscia in boccaragazza si fa scopare dal suo canemilf cuckstorie di sessisesso porno raccontifiga molto strettaracconti desideryamadre puttanaracconti gay miluvestito da troiabariste sexivoglia di pornnoracconti sesso 69odore di culosesso con horseerotici racconti 69la madre del mio amico