Compagni di classe | Racconto etero di dantex

Sono sempre stato un ragazzo timido.
Fin da piccolo.
Pensavo di non essere all’altezza degli altri ed avevo un sacco di problemi nel rompere il ghiaccio anche con i miei compagni di scuola.
Questo mio atteggiamento faceva sì che io fossi lasciato perdere da quelli che avrebbero potuto essere miei amici e mi trovavo spesso in solitudine.
A scuola, però, ero molto bravo in un paio di materie e questo mi aiutava a non cancellare del tutto ogni tipo di rapporto con i miei compagni di classe: quando avevano davvero bisogno sopportavano le mie paranoie ed i miei stupidi atteggiamenti pur di prendere un necessario bel voto nelle verifiche in classe di recupero di fine anno.
Una volta diplomato persi ogni contatto con i miei ex compagni di classe.
La situazione migliorò un poco quando iniziai l’università.
Lì fui costretto ad allacciare rapporti con chi frequentava le mie stesse lezioni. Migliorai un po’ nei rapporti con gli altri, ma la mia timidezza non scomparse mai.
Mi avevano addirittura convinto a frequentare due volte la settimana, la palestra che si trovava nei pressi dell’università, così stavo anche riuscendo a tenere sotto controllo il mio fisico.
Modestie a parte ero diventato un bel ragazzo.
Per questo fui molto sorpreso quando Sara, nel maggio successivo al diploma mi contattò.
“Ciao sono Sara, la tua ex compagna di classe, ti ricordi?”
Anche se erano le nove di sabato, anche se stavo approfittando del fatto di essere momentaneamente a casa da solo e mi stavo masturbando completamente nudo guardando un CD porno, non potevo dimenticarmi di lei.
Lei aveva due anni più di noi. Per motivi che non ho mai saputo, aveva sospeso per due anni gli studi. La ammiravamo quando noi eravamo in prima e seconda e lei già frequentava la terza e la quarta e ce la siamo trovata in classe in quinta.
Per fortuna aveva perso l’abitudine di venire a scuola con gonne corte o pantaloni aderenti: fare lezione con lei vicino era particolarmente difficile.
A questo aggiungiamo che, causa malattia, io cominciai l’ultimo anno qualche giorno dopo gli altri.
Data la mia “simpatia” e “capacità di relazionarmi” con gli altri, quando iniziai, mi trovai da solo nell’unica coppia di banchi disponibili.
Quando lei arrivò nella nostra classe, le lezioni erano già iniziate da quasi dieci giorni e dovette forzatamente accomodarsi nel banco con me.
Non so gli altri, ma quando la vidi entrare mi ricordai subito di lei, anche se era cambiata rispetto a due anni prima.
I capelli rossi, le gonne corte o i pantaloni aderenti, avevano lasciato il posto al nero naturale e a vestiti più sobri e adatti al luogo.
Credo che in un anno ci saremo scambiati venti parole.
“Si, si, mi ricordo. La mia compagna di banco”
“Esatto.. Posso disturbarti, avrei un’emergenza.”
“Tranquilla, non stavo facendo nulla. Dimmi”
Guardai il mio glande che era rosso e gonfio quasi per dirgli “aspetta un attimo, poi riprendiamo”.
“Un po’ mi vergogno a chiamarti, ma avrei ancora bisogno del tuo aiuto in mate.”
“Come?”
“Si, non per me, ma per mia sorella. Dovrebbe recuperare l’insufficienza, lunedì la interrogano. Sto cercando di darle una mano, ma ci sono un paio di cose che proprio…”
“Cosa posso fare?”
“Se passo a prenderti, potresti venire da me?”
Il pene, che stava dando segni di afflosciamento, improvvisamente tornò in erezione.
Lo guardai sorpreso. “Che cazzo stai facendo?” pensai dentro di me.
“Franco? Ci sei?”
“Si, scusa… stavo pensando a come organizzarmi. Comunque, si passa pure. Tra quanto?”
“Se sei già libero, anche subito.”
“Si.. cioè.. dammi dieci minuti che avviso i miei.”
“Va bene. Grazie, a dopo.”
Non feci in tempo a riagganciare che sentii l’auto dei miei che rientravano.
Recuperai in fretta e furia il CD, e mi catapultai in doccia per giustificare il fatto di essere nudo.
Feci una bella doccia fredda, anche e soprattutto per calmare i miei bollenti spiriti.
Mi rivesti ed informai mia madre che da lì a poco sarei uscito.
“Torni per pranzo?”
“Penso proprio di si”
Da lì a poco suonò il campanello.
“Franco!! Cercano te.”
“Si, arrivo.”
Era Sara.
Mi rivolsi a mia madre: “Ci vediamo dopo”.
Faceva freddo, casa sua non era troppo distante dalla mia e la sua auto, evidentemente, non si era ancora scaldata a sufficienza. Indossava una giacca a vento, guanti e cuffia con due ciondoli in concomitanza delle orecchie.
“Ciao. Scusami ancora per il disturbo.”
“Ciao. Figurati. Spero che non vi offendiate se vengo con la mia tuta da ginnastica preferita.”
“Tranquillo. Con questo freddo…. Anche perché, non che io sia vestita lussuosamente.”
E mi mostro i suoi pantaloni. Anche lei era in abbigliamento ginnico.
Salimmo sulla sua Panda bianca.
“Allora, come va? Università?”
Naturalmente fu lei a rompere il ghiaccio.
“Si.”
Poi, rendendomi conto che due lettere erano poche per una conversazione, esagerai.
“E tu?”
“Mi sono messa d’impegno. Ho iniziato medicina. Basta matematica.”
Lei era bravissima in tante cose. Ma la matematica era il suo incubo.
“Complimenti. Medicina non è semplice.”
“Si, vero. Ma sai che è sempre stato il mio sogno.”
No. Non lo sapevo. Le venti parole che ci eravamo scambiati in quinta non comprendevano informazioni sui suoi sogni o sulla sua vita al di fuori della scuola.
“Non mi ricordavo.”
Arrivammo a casa sua.
“Oggi siamo sole. I miei sono di turno questa settimana. Troverai un po’ di casino.”
Parlava come se io sapessi tutto di lei.
Avrei voluto urlarle “Guarda che della tua vita io non so un cazzo! Non mi hai mai detto nulla di te!”
“Scusa, non ricordo. Che lavoro fanno i tuoi?”
“Sono medici. E io vorrei seguire la loro strada.”
Nel frattempo aveva parcheggiato la sua vettura all’interno del cortile della villa.
Ero già stato a casa sua. Aveva avuto bisogno di me due volte durante l’anno.
Ma non sapevo avesse una sorella.
Avevo conosciuto sua madre, che era stata molto gentile con me, mettendo in evidente imbarazzo la figlia.
Scendemmo dall’auto ed entrammo in casa.
Sara ci annunciò.
“Elisa. Siamo arrivati”.
Il deserto. Nessuna risposta.
“Elisa! Dove sei?”
“Si, si, arrivo. Mi ero riaddormentata.”
Intanto ci spogliammo dei nostri pesanti abiti, cuffie e guanti e ci recammo in salotto.
Sara iniziò a spiegarmi di cosa aveva bisogno la sorella.
Poi di colpo si interruppe.
“Che maleducata. Vuoi un caffè?”
Rimasi un poco titubante.
Dai piani alti Elisa rispose per me. “Si, si, fai il caffè. Serve anche a me.”
“Visto che lo devi fare, caffè anche per me.”
Ci spostammo in cucina.
“Mia sorella è un pericolo ambulante. È più bella di me, lei è rossa naturale, come la mamma. Solo che a volte non si rende conto di quello che e è, non si rende conto che non è più una bambina e ci fa fare figure imbarazzanti. Lei d’estate, è capace di presentarsi a pranzo in topless. Spero che si ricordi che ti venivo a prendere e scenda presentabile.”
Mentre prendeva le tazzine dai pensili della cucina notai che la sua maglia della tuta era corta e che evidentemente, sotto, non indossava magliette perché quando alzava le braccia potevo il suo ombelico e la sua schiena nuda.
Sara mi era sempre piaciuta. Era stata spesso il mio sogno mentre mi masturbavo. Avevo sempre sognato che un giorno prendesse lei l’iniziativa e mi scopasse selvaggiamente.
Solo sognato.
Però adesso mi stavo eccitando.
Sentivo il mio membro che iniziava a spingere, ma la mia tuta aveva pantaloni abbastanza larghi per contenere quel principio di erezione. In ogni caso stavo maledicendo la mia abitudine di non indossare quasi mai l’intimo.
“È pronto il caffè?”
Elisa era comparsa alle mie spalle.
Mi girai verso di lei, me la ritrovai a poco più di due metri.
Evidentemente non si era accorta della mia presenza.
Non aveva indossato nulla di più di quello che indossava per dormire: mutandine e canottiera bianche con spalline strettissime. Le prime erano così aderenti che senza troppa immaginazione ci si poteva fare un’idea delle forme che coprivano e lasciavano fuoriuscire i biondi peli pubici. La seconda era così leggera che si distinguevano benissimo i capezzoli.
Sara si girò e la vide.
“Cazzo! Elisa. Ti avevo detto che andavo a prendere Franco. Vai a vestirti e renditi presentabile!”
“Che rompipalle che sei! E poi… a lui piace”
Non mi stava guardando in faccia.
Mi stava guardando tra le gambe.
Stavo avendo una clamorosa erezione.
Non sapevo cosa fare, cosa dire…
Elisa, invece, era estremamente a suo agio. Si era appoggiata al tavolo e mi stava mostrando il suo fondoschiena e la parte posteriore delle sue mutandine, che in realtà erano un perizoma che fasciava molto sensualmente le sue natiche e si infilava tra di loro.
Sara era imbufalita.
“Smettila di fare la scema e vai a vestirti!!”
Elisa uscì dalla cucina.
Io ero imbarazzatissimo.
Vedevo Sara che sbirciava tra le mie gambe la mia erezione, ma stava cercando di darsi un contegno.
Non riuscii a dire nient’altro che “Posso andare un attimo in bagno?”
Era la prima cosa che mi era passata per la mente per cercare di toglierci da quella situazione.
Sara mi indicò dove fosse.
Il bagno era enorme.
C’era una grande jacuzzi, da almeno quattro posti, con un grande box in vetro trasparente e tutto il necessario perché il tutto si trasformasse in doccia-idromassaggio.
Per un attimo immaginai le due ragazze nude mentre facevano la doccia: se possibile l’erezione aumentò.
Cercai il bidè, ma mi accorsi che sorprendentemente non c’era.
Allora mi avvicinai al lavandino.
Mi abbassai la tuta e cercai di mettere il mio membro sotto l’acqua fredda.
Niente il problema non si risolveva.
Pensai allora che l’unica cosa che mi rimaneva da fare fosse quella di farmi una sega.
Iniziai così a masturbami, visualizzando davanti a me quel bellissimo ed invitantissimo lato b di Elisa.
“Franco tutto bene?”
La porta si spalancò. Evidentemente nella concitazione non l’avevo chiusa bene. Sara aveva solo cercato di bussare, ma al primo colpo, l’uscio si era improvvisamente aperto.
Mi trovò così. Con il cazzo in mano mentre mi stavo facendo una sega.
L’eccitazione dovuta all’imbarazzo di essere stato scoperto provocò un’improvvisa eiaculazione.
Sara sorrise, io cercai di coprirmi con le mani.
Con mio grandissimo stupore entrò e si avvicinò a me.
“Elisa fa quest’effetto”.
Mi diede un bacio sulle labbra, poi si inginocchiò, spostò le mie mani ed afferrò dolcemente il cazzo.
Nonostante si stesse afflosciando e fosse sporco di sperma, lei continuò a masturbarmi appoggiando il mio glande alle sue labbra, così da accogliere in bocca tutto il resto dello sperma che era ancora in me.
“Elisa! Guarda cos’hai combinato.”
Faceva un po’ fatica a parlare, perché aveva la bocca piena di sperma che non aveva deglutito ma che non aveva ancora sputato.
Elisa arrivò.
“Cos’hai?”
Vedendo la scena si interruppe, sorrise e si avvicinò alla sorella che nel frattempo si era rialzata, sempre tenendo il mio cazzo nella sua mano destra.
Con la mano sinistra mi tastò i coglioni e, dopo avermi concesso uno smagliante sorriso prese a baciarsi con la sorella.
Vidi la sua lingua intrufolarsi nella bocca di Sara e vidi lo scambio del mio sperma tra le due ragazze.
Poi Sara si girò verso di me e mi baciò, facendomi assaggiare parte del mio prodotto che ancora aveva in bocca.
Senza dire una parola uscimmo dal bagno e mi accompagnarono al piano superiore, nella stanza di Sara.
Mi fece spogliare e coricare sul letto.
Si mise a cavalcioni sopra di me e subito dopo si tolse la maglia della tuta.
Sotto aveva un reggiseno in cotone, di quelli che solitamente indossano le atlete. Sensualità garantita zero, ma a me erano sempre piaciuti e in quel momento Sara poteva anche indossare un’armatura: mi sarebbe piaciuta in ogni caso.
Se lo tolse. Potei così ammirare il suo seno. Forse un po’ piccolo per lei, ma quei due capezzoli così piccoli erano stupendi.
Sentii voci arrivare dalla tv: Elisa aveva finito di armeggiare ed era riuscita a trovare un film porno adatto alla nostra situazione. Un trio con due ragazze ed un ragazzo.
“Vi piace? Voglio fare tutto quello che fanno loro!”
Le prime immagini mostravano le due donne in atteggiamenti lesbici, quindi fui molto felice della sua proposta ed accettai di buon grado.
“Si. Va bene. Qualsiasi cosa facciano.”
Elisa scomparve per qualche istante e ricomparve con uno strapon.
Si rivolse alla sorella.
“Sei pronta?”
Sara scese dal letto e si tolse i pantaloni, rimanendo solo con un perizoma in cotone nero.
Elisa, che non si era rivestita, si tolse la canotta della notte ed indossò la cintura.
Sara si stese sul letto, Elisa le andò sopra. Iniziarono a baciarsi e toccarsi.
Poi Elisa iniziò a scendere lungo il corpo della sorella, baciando e stuzzicando con la lingua ogni millimetro di pelle su cui passava.
Ben presto si trovò a giocare con i capezzoli che prima stuzzicò, poi leccò ed infine succhiò come una bambina fa con la propria madre.
Sara le mise le mani sulla testa e la spinse verso il basso.
Elisa riprese la discesa, si soffermò un poco in zona ombelico ed arrivò in zona perizoma.
Glielo sfilò delicatamente e poi prese a leccare il clitoride e la fica tutta della sorella.
Sara iniziò a godere del trattamento riservato, così rivolse il suo viso verso di me ed iniziò a baciarmi, infilando senza scrupoli la sua lingua nella mia bocca.
Non ebbi il coraggio di confessare la mia verginità, ma Sara se ne accorse da come baciavo.
Interruppe il suo bacio e mi chiese.
“Sei vergine?”
“Si.”
Mi sorrisero entrambe.
Sara allargò le gambe per facilitare il compito alla sorella, poi si girò ancora verso di me, riprese a baciarmi e con la mano sinistra trovò il mio cazzo che si stava già riprendendo.
Elisa interruppe il suo cunnilingus e si mise in ginocchio tra le gambe della sorella.
Appoggiò la cappella del fallo alle grandi labbra umide ed iniziò a penetrarla.
A Sara piaceva.
Quando si rese conto che il mio cazzo era di nuovo duro, lo guardò.
Si rivolse verso di me, poi con voce abbastanza forte così che io potessi sentire, sussurrò all’orecchio della sorella: “Guarda il suo cazzo. È più grosso del tuo.”
Elisa si voltò verso il mio pene.
“Però… il nostro verginello! Lo voglio!!”
“No!! Era mio compagno di classe. Prima io.”
Stavano ridendo.
E si accomodarono ai lati del mio cazzo, iniziando a leccarlo e a prenderlo in bocca alternativamente.
Poi Sara si alzò, si mise a cavalcioni sopra di me e se lo infilò tutto dentro di lei.
Forse a causa del primo orgasmo, la mia durata aumentò, dando così modo alla ragazza di poter raggiungere l’orgasmo senza che io eiaculassi.
Apparentemente contenta e soddisfatta, lasciò il posto ad Elisa.
La sorella compì le stesse azioni, ma quando il mio cazzo fu dentro di lei, non potei non notare le differenze tra loro.
Nonostante stessi scopando la mia seconda donna nella mia vita, le differenze mi risultarono molto evidenti.
Sara era dolce sia nei movimenti, sia nel modo di accogliere il mio cazzo dentro di lei, sia nel modo che aveva di muoversi, sia nelle parole dolci che mi sussurrava.
Elisa era molto più aggressiva. Mi cavalcava quasi con violenza, sentivo il cazzo stretto dentro di lei come se ce l’avesse in mano e lo stesse stritolando, ed anche le parole che mi diceva erano volgari, al limite dell’insulto e forse oltre.
“Lo senti il cazzo dentro di me? Ti piace? Anche io lo sento bello grosso che mi riempie la fica.”
“Si, mi piace..”
Ad un certo punto si avvicinò al mio orecchio ed iniziò a sussurrare.
“Che bel cazzo che hai, proprio bello e grosso. Mi piace. Dimmi la verità ti piace scoparci, vero? Magari ti piacerebbe che io e Sara ci leccassimo la figa e magari io la scopassi come stai facendo tu con me?”
“Sborroooooo!!”
Non so quanto sperma riuscii a produrre, so solo che le diedi due o tre colpi secchi, violenti e cercai di infilare il più possibile il mio membro dentro di lei mentre eiaculavo.
Lei mi baciò.
“Bravo. Non preoccuparti, prendo la pillola”
Restò su di me ancora un po’, Sara ci stava guardando e aveva un sorriso molto prossimo alla risata.
Quando il mio membro fu moscio uscì da Elisa. Sara fu pronta a pulirlo con un fazzoletto di carta.
Erano quasi le dieci.
“Signora, buongiorno, sono Elisa, l’amica di Franco. Si, buongiorno. Niente, Franco ha il telefono scarico, volevamo solo avvisarla che si ferma a pranzo da noi, oggi. Perfetto. Si, ha ragione. È un uomo. Arrivederci.”
“Cosa?”
“Si, ho avvisato tua mamma che ti fermi qui da noi. Io ho ancora tanta voglia di cazzo.”
“Anche io!!” confermò Elisa, dandomi un leggero schiaffo sulle natiche.
Fuori face freddo, ma in casa il riscaldamento funzionava bene e tutto quel movimento ci stava costringendo ad una doccia.
CI spostammo nel bagno al piano terra, quello dove avevo iniziato a masturbarmi.
Sara volle essere la prima: “Prima io, così poi cucino.”
Senza aspettare nessuna risposta aprì lo sportello in vetro trasparente ed iniziò a far scorrere l’acqua, cercando di ottenere una temperatura adeguata.
Elisa era sparita per qualche secondo, ricomparve con in braccio due accappatoi.
Uno me lo porse: “Tieni. Questo usalo tu”.
Sara aveva iniziato ad insaponarsi e lavarsi.
Elisa iniziò a commentare.
“Guarda che troia che è. Guarda come si tocca i capezzoli. Ha ancora fame di cazzo.”
Poi, guardandomi, allungò una mano e prese a tastarmi i miei genitali.
“Ce la fai ancora o sei già spacciato?”
Non avevo esperienza.
Non sapevo se ce l’avrei fatta ancora.
I racconti dei miei colleghi di università che vantavano prestazioni immaginifiche non li giudicavo molto attendibili. Solo su una cosa avevo sentito una certa uniformità di considerazioni: l’importante non è averlo duro, l’importante (ed il difficile) è tenerlo duro per il tempo necessario.
Spiegavano che il cazzo, se un uomo viene eccitato, diventa sempre duro. Il problema è che dopo diverse eiaculazioni non riesce a rimanere rigido per troppo tempo e non fornisce nemmeno al “proprietario” sensazioni di godimento, anzi, a volte diventa persino doloroso.
Qualcuno raccontava addirittura di avere avuto rapporti con ragazze che, dopo aver fatto loro raggiungere l’orgasmo con bocca o mani, si divertiva a proseguire nella masturbazione, provocando dolori che diventavano terribili ogni volta che la mano di lei toccava la cappella.
Non nascondo il fatto che questa cosa mi incuriosiva parecchio. Avevo anche provato un paio di volte a continuare a masturbarmi dopo una sborrata. Non mi sembrava che ci fosse così tanto dolore.
“Allora? Ce la fai?”
Mi ero perso nei miei pensieri.
“Non lo so..”
“Ahh già, tu sei un verginello!!”
Si mise a ridere ed entrò in doccia con la sorella.
Elisa vuotò del docciaschiuma sul proprio corpo e su quello di Sara.
Iniziarono a lavarsi a vicenda, non disdegnando di passare e soffermarsi sulle rispettive parti intime.
A Elisa piaceva farsi toccare. E a Sara piaceva toccare Elisa.
Le mordicchiava e succhiava i capezzoli mentre con la mano destra le toccava il clitoride.
Con l’altra palpava quasi selvaggiamente il suo sedere. Poi fece scorrere la mano verso l’interno fino a raggiungere il forellino posteriore della sorella. Nonostante Elisa fosse girata verso di me, vedevo chiaramente cosa faceva Sara grazie agli specchi che facevano da pareti alla doccia.
La mano si soffermò proprio nel centro delle natiche fino a quando, dolcemente, il dito medio di Sara si fece strada ed entro nel buchino di Elisa, che non la fermò, anzi aiutò quella penetrazione.
Elisa mi invitò ad entrare.
“Che fai li impalato? Non vieni a lavarti?”
Sara tolse la mano dalla fica della sorella, così da accogliermi meglio tra di loro.
Mi vuotò un po’ di docciaschiuma ed anch’io inizia a farmi lavare e lavare le sorelle.
Sara liberò il culetto della sorella e io mi ritrovai con quattro mani che si occupavano del mio corpo. Sara era davanti a me, mi lavava il petto e poi scendeva giù, passando alla parte inferiore della schiena e poi alle mie natiche. Elisa, invece si occupava della mia schiena. Poi iniziò a scendere, passando al mio stomaco e poi più giù sul basso ventre, infine sul cazzo.
Quando lo toccò sentì che era ancora in fase di erezione.
Si appoggiò a me e mi spinse verso Sara, fino a quando la mia cappella toccò il ventre della ragazza.
Quando si accorse che ciò che la stava toccando così in basso era il mio cazzo, sorrise a me ed alla sorella.
Riattivarono le due docce che erano sopra di noi e ci togliemmo la schiuma di dosso.
Elisa, sempre dietro di me, mi afferrò il cazzo con la mano destra e le palle con la sinistra.
Tenendomi il cazzo scappellato, iniziò a masturbarmi, passando dolcemente la mano anche sulla cappella.
Era bellissimo. Non mi ero mai fatto una sega così.
“Quindi ti piace scopare con noi. Ti piacciono le nostre fiche e le mie mani. O preferisci la nostra bocca?”
Contemporaneamente Sara, che nel frattempo si era inginocchiata davanti a me, iniziò a leccarmi la cappella, poi aprì bene la sua bocca e accolse tutto il mio cazzo. Iniziò così a spompinarmi.
“Senti com’è brava? È brava con i cazzi, ma anche con le fiche. Anzi, non so quale preferisca. L’ho beccata più di una volta a scopare o leccare delle fiche. E anche a guardare film porno di lesbiche. Che troia che è. È brava?”
“Siii… sii… nooo, non fermarti.. ti prego”
Sara aveva abbandonato il mio cazzo e si era rialzata. Adesso strusciava il sul bel culo sul mio membro.
“Ti piace la sua bocca? E il suo culo? Cosa ne pensi? Non è meraviglioso? Sai quante volte gliel’ho leccato? Ho infilato la mia lingua in quel buchino mentre lei mi urlava di infilargli lo strapon? Ma io non l’ho mai fatto. Anche se son sicura che qualche cazzo vero lo abbia già preso nel culo e che abbia anche usato il vibratore da sola.”
Io ansimavo. Godevo. Impazzivo.
“Vuoi il suo culetto? Vuoi romperglielo anche tu?”
Senza aspettare alcuna mia risposta, Sara si inarcò così da avere l’ingresso del suo culetto appoggiato al mio durissimo cazzo.
Elisa lo indirizzò con le mani, poi spingendomi verso la sorella mi incitò a penetrarla.
“Dai. Spaccale il culo. Infilaglielo tutto dentro. Sentila come gode, la cagna!”
Sara gemeva. Sembrava davvero una cagna in calore. Quando la penetravo lentamente, soprattutto all’inizio, mentre il mio cazzo di abituava a quello stretto buchino, la sentivo godere. Poi, quando in preda all’eccitazione iniziai a scoparla più velocemente, anche quasi con violenza, iniziava a emettere qualche gridolino di dolore. Poi iniziò quasi ad urlare.
Vedevo il mio cazzo scomparire nel sul culetto, vedevo le sua chiappe vibrare ad ogni mio colpo sempre più veloce e violento.
“Ti prego.. mi stai aprendo, mi stai sfondando. Fermati. Ti pregooo..!!”
Ma la sorella mi incitava a proseguire.
“Non fermarti. Sfondala. Falle sentire tutto il tuo cazzo. Fa così perché ce l’hai grosso e duro. Più grosso e più duro di tutti quelli che ha preso fino ad ora.”
“Ahhhhh… per favore…”
“Non fermarti. Sentila godere, sentila supplicare. Infilale tutto il tuo cazzone fino alle palle. Faglielo sentire quant’è grosso e duro. Falle sentire la differenza tra un dito ed un cazzo vero, bello e grosso come il tuo.”
Raggiunsi l’orgasmo.
Urlai di piacere. Urlai davvero.
“Troia eccomi!! Ti sborro nel culo! Troia che non sei altro!”
Quelle parole mi erano uscite senza controllo, quasi non fossi stato io.
Dopo aver sborrato continuai le diedi ancora tre o quattro colpi.
Poi uscii da lei.
Elisa mi diede alcuni baci sull’orecchio, mentre Sara si girò e mi diede un intenso bacio con la lingua.
Terminammo di lavarci. Elisa scappò via quasi subito, recandosi in cucina per preparare il pranzo.
Io e Sara rimanemmo qualche secondo da soli, seduti nella vasca.
“Cazzo, ma ce l’hai davvero grosso!! L’ho sentito quasi fino in gola!”
“Davvero è così grosso?”
“Non è così grosso, è grosso. Non sei Rocco, ma hai un bel cazzo. Grosso e lungo il giusto. Abbastanza perché lo si possa sentire in bocca, nella fica e soprattutto nel culo. A proposito. Mi hai sfondato il culo, ma sarà una cosa di cui mi vendicherò.”
Così dicendo prese in mano le mie palle e le schiacciò provocando in me una fitta di dolore.
“Ahi.. ferma.. mi fai male!”
Sorrise, si alzò e mi invitò a fare altrettanto.
Dopo esserci asciugati ci vestimmo.
Ci vestimmo … io indossai slip e maglietta, Sara si rimise il perizoma e la canotta che indossava durante il nostro primo incontro.
Quando raggiungemmo la cucina, vidi che anche Elisa non si era sforzata più di tanto nel vestirsi: indossava un perizoma nero e una maglietta lunga che le copriva appena il sedere.
Durante il pranzo Elisa ed io parlammo dell’ultimo anno di scuola superiore, con Sara che si intrometteva chiedendo maggiori dettagli.
Elisa. “Probabilmente eri uno dei più carini, ma quel tuo modo di fare… che palle!”
Sara. “Cioè?”
Elisa. “Ma si… durante il giorno era già tanto se mi diceva ciao. Ed eravamo compagni di banco.”
Io. “Ero.. sono timido. Mi sembrava di starti sulle palle.”
Elisa. “Ma va. Solo che non parlavi con nessuno, per tirati fuori una parola bisognava quasi pregarti!”
Io. “Mi spiace. Anche perché mi sarebbe piaciuto ogni tanto venire con voi. Non solo quando c’era da fare qualche verifica.”
Elisa. “Ma.. ti piacevo?”
Io. “Si. Tantissimo. Tu eri sicuramente la migliore, poi c’era Marta.”
Sara. “Quindi, ti facevi delle seghe pensando a loro?”
Non risposi.
Sara insisteva. “Quante al giorno? Quanto torturavi il tuo cazzo? Lo facevi diventare viola?”
Elisa. “Si, mi interessa. Ti masturbavi pensando a me?”
Io. “Si. Qualche volta. Più raramente pensavo a Marta.”
Elisa. “E cosa immaginavi?”
Io. “Ti pensavo. Soprattutto quando indossavi qui pantaloni neri aderenti, e …”
Sara. “E ti facevi delle seghe.”
Elisa. “Mi pensavi. Ma esattamente a cosa pensavi. Cosa immaginavi di fare?”
Io. “Immaginavo di abbassarti quei pantaloni e di scoparti da dietro, in piedi.”
Sara. “Nel culo?”
Io. “Nella fica.”
Elisa. “E con Marta? Cosa immaginavi quando pensavi a Marta?”
Io. “Che me lo succhiasse. Che fosse lei a farmi la sega.”
Elisa. “Marta è una lesbica. Lo sai?”
Rimasi sorpreso.
Elisa. “Lecca la fica in modo divino.”
Io e Sara eravamo stupiti.
Elisa. “In gita. Ti ricordi che eravamo in camera insieme? Non mi ero preoccupata di vestirmi troppo dopo la doccia, prima di andare a dormire. Avevo solo le mutandine. Vidi i suoi sguardi. Poi quando lei uscì a sua volta dalla doccia, completamente nuda, si avvicinò a me, con la scusa di confrontare i nostri corpi cominciò a toccarmi, dopo poco io feci altrettanto ed in pochissimo ci trovammo sul letto a baciarci, strusciarci e leccarci a vicenda.”
Sara. “Sorellina! Credevo che lo facessi solo con me.”
Elisa. “L’ho fatto solo con lei.”
Io. “Solo quella volta?”
Elisa. “No. Ci scopiamo ancora. Magari uno di questi giorni chiamo anche te.”
Sara. “E io? Niente?”
Elisa. “Tu sei il suo sogno erotico. Se la vedi venire qui e siete solo voi, sappi che potrai scopartela come vorrai.”
Me la stavo immaginando, Marta, inginocchiata tra le gambe di Elisa che le leccava la patatina.
Mi immaginavo la sua testa coperta da quella folta chioma rossa riccia che si muoveva per permettere alla lingua di procurare il massimo del godimento alla sua amante.
Sara. “Hai fatto molto bene ad avvisarmi. Mi sto già eccitando.”
Elisa. “Se volete la chiamo. Mi invento qualche scusa, le dico che sei sola in casa..”
Io. “Allora mi rivesto e vado..”
Elisa. “No. Stai buono. Noi scopiamo in un’altra stanza. Poi, se vuole, sarà Sara a portare Marta da noi.”
Elisa ci spiegò il suo “piano” nei dettagli. Cazzo se era perversa.
In poche parole, avrebbe chiesto a Marta di portarle un libro, avvisandola che lei stava per uscire e che in casa ci sarebbe stata solo Sara. All’arrivo di Marta, Sara avrebbe dovuto presentarsi vestita solo con slip e reggiseno, avvisando l’altra ragazza che era appena arrivata e che aveva trovato un messaggio della sorella.
Poi avrebbe dovuto incentivare Marta, eccitandola come lei sa fare.
Io ed Elisa, nel frattempo, “all’insaputa di Sara”, scopavamo in camera, con la porta aperta.
Dopo aver fatto un po’ di preliminari giù da basso, Sara avrebbe dovuto accompagnare Marta in stanza. Questo tragitto l’avrebbe fatta passare obbligatoriamente davanti alla camera aperta della sorella.
Con “grande stupore” si sarebbe accorta che noi eravamo in casa e…. poi avremmo atteso gli sviluppi.
“E se, invece di stare al gioco si incazza e se ne va?”
Sara. “Amen. L’importante è che mi abbia prima leccato bene la passerina.”
Elisa rise.
Io ero un po’ agitato.
L’eccitazione aveva lasciato il posto alla preoccupazione ed il mio membro era tornato improvvisamente a riposo.
Terminammo il pranzo, poi Elisa iniziò “lo spettacolo”.
“Ciao Marta, sono Elisa.”
Dopo i convenevoli, Elisa chiese all’amica se le poteva prestare un libro di testo che era sicura Marta avesse.
“Certo. Quando te lo posso portare?”
“A me servirebbe con un po’ di urgenza, però adesso devo uscire. Ma tu se vuoi, puoi venire. In casa c’è mia sorella. Puoi darlo a lei.”
“Va bene. Allora lo porto a lei.”
“Grazie mille. Mi saprò sdebitare.”
“Se tua sorella è a casa da sola, può essere che tu lo abbia già fatto. Oggi ho tempo da perdere.”
Elisa rise, salutò la ragazza ed avvisò la sorella: “Mi sa che non dovrai provocare più di tanto. La sola idea di trovarti da sola l’ha già eccitata.”
Salimmo tutti e tre al piano superiore.
Sara si recò nella propria stanza a scegliere ed indossare intimo idoneo, Elisa ed io ci coricammo sul grande e comodo letto della sua camera.
Stavamo iniziando a baciarci, quando la sorella irruppe: “Ehi!! Calma, se no lo fai sborrare prima che arrivi Marta!! Vado bene così?”
Indossava un completino di cotone nero.
Le mutandine a perizoma, il reggiseno era composto da una specie di fascia sorretta da due spalline piccolissime.
A me andava benissimo.
Elisa, invece, non era d’accordo. “Ti pensavo più troia. Metti quell’altro che hai, quello da cacciatrice, in pizzo. E poi… non vorrai presentarti alla porta così. Mettiti anche la camicia da notte, quella nera corta, quella che quando la metti con sotto niente, fa vedere la tua bella fica depilata.”
Sara protestò: “Era per confermare il fatto che sono ‘appena arrivata a casa’.”
Elisa. “Arriverà pensando a come convincerti a scopare con lei. Fatti trovare vestita da troia, così non capirà più nulla e non presterà attenzione a quello che dirai.”
Sara uscì e tornò poco dopo.
Effettivamente Elisa aveva ragione. Vestita come le aveva consigliato era davvero da urlo.
Mi permisi di dire: “Così sei perfetta.”
“Un’ultima cosa”, stava dicendo Elisa, “Prendi lo strapon ed appoggialo lì, in bella vista, magari le piace.”
Sara rise, sparì di nuovo, ricomparve con lo strumento di piacere che aveva utilizzato poche ore prima con la sorella e poi scese in salotto ad aspettare Marta.
Io ed Elisa, intanto ricominciammo a baciarci.
Cominciammo con calma, per poi appassionarci sempre di più.
Le nostre mani cominciarono a cercare prima il corpo, poi il sesso dell’altro.
Infilai le mie sotto l’elastico delle mutandine della mia amante e poi presi a stringerle le natiche.
Lei stava facendo altrettanto.
Poi lei fece scorrere la sua mano sinistra all’interno dei miei slip accarezzandomi prima i fianchi e poi andò a cercare e trovare il mio cazzo che iniziava ad avere l’ennesima erezione.
Ci volle poco perché, sotto i tocchi sapienti della ragazza, tornò in completa erezione.
Decisi di ricambiare il favore, così feci altrettanto: feci scivolare la mia mano destra ed andai a toccarle il clitoride.
I baci che ci stavamo scambiando diventarono ancor più appassionati.
Dopo poco, lei si spostò, mi fece stendere meglio sul letto e mi tolse gli slip.
Me lo riprese in mano ed iniziò a succhiarlo.
“Quando arriva Marta, voglio che ci trovi così. Voglio che veda mentre te lo succhio. E in questa posizione, vede anche il tuo cazzo.”
Quando suonò il campanello della porta di casa, ebbi un sobbalzo.
Elisa si staccò da me e disse: “Eccola. Deve essere lei. Adesso vediamo cosa succede.”
Naturalmente non potevamo vedere nulla.
Ci mettemmo in religioso silenzio per ascoltare il più possibile.
“Ciao. Tu devi essere Marta.”
“E tu devi essere Sara. Ciao.”
“Entra pure. Scusa se mi trovi così, ma sono appena tornata e stavo pensando di farmi una doccia.”
“Non preoccuparti. Ti ho portato il libro per Elisa.”
“Si, si. Entra. Qui sulla porta fa freddo. Si sta meglio in casa.”
“Grazie.”
“Vuoi qualcosa? Un caffè?”
“Se è possibile un tè.”
“Si certo. Va bene quello con la cialda?”
“Si. Grazie.”
Un attimo di silenzio, interrotto solo dal rumore della macchina elettrica che stava preparando il te.
“Scusa se ti scavalco, ma lo zucchero è proprio li.”
“Senti. Lascia perdere il tè.”
“Si. Sono d’accordo.”
“Non ti piace che ti tocco?”
“Al contrario! Solo che hai le mani un po’ freddine.”
“Togliti gli slip, la bocca è calda.”
“Aspetta, tu sei l’ospite, le cortesie vanno rivolte prima a te.”
Sentimmo Marta gemere e sussurrare invitando Sara a continuare e fare richieste.
Immaginammo cosa stesse succedendo.
Chiesi ad Elisa di interrompere il pompino e limitarsi ad una lentissima sega di mantenimento, perché avrei potuto sborrare.
Intanto la posizione delle ragazze di sotto doveva essersi invertita perché adesso era Sara a dare suggerimenti e ringraziare l’altra donna.
Ad un certo punto Sara emise un lungo ed acuto “Siiiii”.
“Mi hai fatto venire. Senti, io ho tempo, Elisa tornerà tardi, andiamo in camera?”
La risposta di Marta non si fece attendere.
“Certo. Non penserai di avermi fatto passare la voglia con una semplice leccata..”
Bene. Il primo passo era compiuto.
Ci mettemmo in posizione tale per cui dalla porta si sarebbe potuto vedere chiaramente tutto ciò che facevamo: si poteva vedere benissimo che il ragazzo steso sul letto ero io, si poteva vedere benissimo il mio cazzo che spariva nella bocca di Elisa e si poteva vedere benissimo il culo di lei con indosso ancora il perizoma.
Non le sentimmo salire.
Un po’ perché entrambi eravamo concentrati in altro, un po’ perché probabilmente erano scalze.
Come da variante al piano originale, la porta della stanza di Elisa era socchiusa qual tanto per poter sentire i rumori che provenivano dall’interno e per poter sbirciare ciò che stava succedendo.
Sara si fermò poco prima dell’ingresso.
“Ma… chi c’è in stanza? Mia sorella mi ha detto che usciva. Non l’ho vista rientrare.”
Si avvicinò lentamente ed in modalità “pantera rosa” alla porta.
Riuscivo a scorgere la scena guardando il riflesso un piccolo quadro posto sulla scrivania.
Vidi Sara che lentamente apriva la porta per vedere meglio. Vicino a lei c’era Marta.
Si fermarono qualche istante a guardare.
Cercai di capire le loro espressioni.
Sentii Sara sussurrare qualcosa a Marta, sorrisero e poi, la porta si spalancò di colpo.
“Elisa, ma non mi hai detto che eri uscita?”
Elisa si staccò da me di colpo.
Io mi coprii immediatamente la zona intima con le mani.
Sara finse di scusarsi. “Scusate.. non avevo visto che.. insomma…”
Marta intervenne: “Ma tu sei Franco!”
“Si. ciao.”
Si rivolse ad Elisa.
“Non mi avevi detto che dovevi uscire?”
“Si, dovevo andare da lui a prendere una cosa, poi, invece, lui è venuto da me, una cosa tira l’altra, era tanto tempo che non ci vedevamo..”
Sara interruppe la loro conversazione che non stava portando da alcuna parte e, con in mano la cintura fallica, lanciò l’idea.
“Visto che siamo qui… che ne dite di mischiare fiche, cazzi e questo?”
Fortunatamente la sua proposta fu accettata da tutti.
Sara indossò lo strapon.
Elisa riprese a succhiarmi il cazzo.
Marta mi baciò, si avvicinò al mio orecchio e mi sussurrò: “Ho sempre sognato di far fare la puttanella ad un uomo”.
Si mise a cavallo della mia faccia, mi prese per i capelli e mi ordinò: “Lecca.”
Mentre la leccavo, lei si muoveva, facendo appoggiare la mia lingua dove e come più le piaceva.
Forse eccitata dalla situazione, forse già avanti per il trattamento riservatole da Sara in salotto, raggiunse l’orgasmo abbastanza in fretta.
“Pulisci bene tutto, troia.”
Non lo so.
Non mi aspettavo che me lo dicesse in quel modo.
Ma, in fondo in fondo mi piaceva.
Mi piaceva che una ragazza mi chiamasse troia.
Mi piaceva essere il gioco sessuale di una donna.
“Che ne dite di legarlo al letto?”
Sentii le altre due ragazze che accettavano l’idea.
Tutto sommato non dispiaceva nemmeno a me.
La giornata aveva preso una piega inaspettata.
Elisa uscì dalla stanza.
Quando tornò aveva delle strane bende: “Sono quelle che usano in ospedale quando devono immobilizzare i pazienti. Non lasciano nessun segno, ma non danno nessuna possibilità di muoversi.”
Marta era sempre seduta sulla mia faccia.
Le altre due si stavano occupando della mia immobilizzazione.
Allacciarono le bende ai miei polsi e poi direttamente al letto.
Sara mi chiese di muovere le braccia.
Effettivamente erano immobilizzate anche se non sentivo alcun dolore o fastidio.
Fecero altrettanto con le mie caviglie.
Adesso ero davvero immobilizzato al letto.
Ero a loro completa disposizione, avrebbero potuto castrarmi, io non avrei potuto oppormi.
La situazione iniziava ad intrigarmi.
Marta scese dalla mia faccia e si posizionò tra le mie gambe.
Prese in mano il mio cazzo ed iniziò a masturbarmi.
Si fermò.
Mise la mano sinistra alla base del membro e la abbassò, facendo scorrere la pelle che lo riveste e scoprendo interamente la cappella.
Si avvicinò al cazzo con la bocca e fece scendere un po’ di saliva sul glande completamente scoperto.
Tornò a masturbarmi.
Mi provocò nuove ed intense sensazioni ovviamente mai provate prima.
Lo scorrere della mano sul cazzo e sulla cappella era qualcosa di fantastico, mi ricordava vagamente lo scorrere del mio membro nei sessi delle due ragazze, avevo paura di scoppiare subito.
Evidentemente le mie smorfie di piacere non passarono inosservate, perché Elisa intervenne.
“Piano, piano. Oggi ha fatto le prime scopate della sua vita.”
Risero.
Marta mi guardò.
“Davvero?”
Non risposi, ma annuii.
“Allora faremo in modo che non te la dimenticherai mai.”
Poi si rivolse alle sorelle.
“Quindi voi oggi l’avete già scopato?”
Rispose Sara.
“Si. Certo. A me ha rotto anche il culo.”
Marta mi guardò e, mentre mi teneva scappellato il membro, lo colpì con un leggerissimo schiaffo.
“Ehi!!”
“Non ti piace?”
E mi colpì nuovamente, stavolta un po’ più forte.
“Fa male!”
“Ma a me piace.”
Un altro schiaffo.
“Basta, per favore.”
“Pregami.”
Ancora uno schiaffo.
“Per favore, fermati.”
“Ho detto di pregarmi.”
Un altro.
“Ti prego, fermati.”
“Dammi del lei. E dimmi ‘Dea Marta, ti supplico, fermati’.”
Ancora.
“Dea Marta, ti supplico, fermati.”
Cambiò impugnatura.
Lasciò per qualche istante il mio membro, circondò lo scroto con la mano destra, in modo da avere le mie palle nel palmo della mano.
Strinse leggermente e tirò verso di sé.
“Ahhh.. fa male…”
“Ti ho detto di darmi del lei!”
La sua voce diventava sempre più decisa e aggressiva.
Le due sorelle guardavano e sembravano divertirsi.
“Dea Marta, la supplico. Si fermi.”
“Tu dici una cosa, ma il tuo cazzo ne vuole un’altra.”
Effettivamente, mentre io mi lamentavo del dolore che la ragazza mi stava provocando, il mio cazzo non dava segni di cedimenti, anzi, se possibile diventava sempre più duro.
“Secondo te, troia, perché rimane duro?”
Risposi così.. senza pensare.
“Perché sono la sua troia, Dea Marta.”
“Cosa sei?”
La guardai per capire se ciò che avevo detto andava bene.
Strinse i coglioni.
“Sono la sua troia, Dea Marta.”
“Bene. Dillo più forte così sentono anche loro.”
Alzai la voce.
“Sono la sua troia, Dea Marta.”
“E cosa vorresti fare? Cosa pensi di fare con quel cazzo?”
“Dea Marta, è suo. Faccia quello che vuole.”
“Bravo impari in fretta. Adesso voglio sentire com’è dentro di me. Non deludermi.”
“Aspetta.”
Sara aveva altre idee.
“Fammi provare un attimo.”
Sostituì la sua mano a quella di Marta.
Iniziò a tirare lo scroto verso di lei e contemporaneamente mi schiacciava le palle.
Mi faceva male e non feci nulla per nasconderlo.
Mi contorcevo nel netto completamente immobilizzato, urlando, pregandola di smettere.
Ma lei non si fermava, anzi rideva delle mie sofferenze, imitata dalle altre due.
Finalmente Marta decise di avermi visto soffrire abbastanza.
“Sara, fermati, così lo rompi.”
Risero, ma per fortuna Sara si fermò.
Elisa si avvicinò a me.
“Povero piccolo. Ti hanno fatto male?”
Sperai che quello non fosse il preludio ad una nuova tortura.
Sbagliavo.
Prese in bocca il mio capezzolo sinistro.
Iniziò a succhiarlo, ma ben presto iniziò a morderlo.
Con la mano cercò l’altro e lo strizzò.
Fortunatamente questa nuova tortura durò pochissimo.
Marta si coricò sopra di me e mi baciò.
“Adesso vediamo se saprai soddisfarmi.”
Così dicendo, sollevò il bacino quel tanto da permettere alla sua mano di afferrare il mio cazzo e dirigerlo verso la sua fica.
Strofinò un paio di volte il mio glande sulle sue grandi labbra e poi se lo spinse dentro di sé, aiutandosi con i movimenti del corpo.
Si strusciò su di me, facendo entrare sempre di più il mio cazzo, poi si alzò ed iniziò a cavalcarmi.
Non me la ricordavo così bella. Quando eravamo a scuola mi facevo seghe immaginandomela nuda, fantasticando su come poteva essere sotto gli abiti, ma adesso, la realtà superava ogni fantasia.
Avrei voluto afferrarle i seni, ma le mie mani erano legate…
Lei mi cavalcava ora strusciando la fica su di me, ora alzandosi ed abbassandosi.
O era bravissima a fingere o le piaceva.
Per me sarebbe stato il terzo orgasmo, quindi non fui velocissimo.
Questo mi permise di poter vedere la ragazza raggiungere l’orgasmo.
“Bravo. Mi hai fatto godere.”
Si alzò da me, sfilandosi il mio cazzo.
Era ancora duro, io non ero riuscito a raggiungere l’orgasmo.
Le ragazze, soprattutto Sara, furono contente di questo.
“WOW! È ancora duro! Possiamo divertirti ancora!”
Marta lo aveva preso in mano e lo tastava mentre lo segava.
“Cazzo. Ma quante volte lo avete fatto sborrare?”
Le due sorelle risero e fecero segno “due” con le dita.
“Slegategli le caviglie”.
Mentre diceva queste parole, Sara stava indossando lo strapon.
Elisa rideva.
“Vuoi vendicarti?”
“Certo!”
Marta non capiva. Elisa la illuminò.
“Sai, prima le ha rotto il culo…”
Una scossa mi percorse la schiena.
Cosa cazzo volevano fare?
Sara stava mettendo qualcosa, una specie di gel sul cazzo di lattice.
Si avvicinò a me.
Non avrà intenzione di …
“Apri le gambe. E Alzale.”
Intanto si era messa tra le mie cosce.
Io non dicevo nulla, ma non eseguivo le sue richieste.
Elisa mi prese in mano le palle e le schiacciò.
“Hai sentito?”
“Vi prego… sono vergine”
Quasi piangevo.
“Non ti sei fatto tanti problemi quando ti abbiamo sverginato il cazzo. E nemmeno con il suo culo ti sei prima preoccupato di chiedere qualcosa. Adesso zitto e fai come ti dice.”
Non urlava, ma era di una calma terrorizzante.
In tre riuscirono ad alzarmi le gambe e le tennero divaricate, per dar modo a Sara di avvicinarsi al mio vergine buchino.
Appoggiò la cappella del cazzo di lattice al mio foro.
La strusciò, forse per spargere un po’ di gel.
Poi si fermò e riappoggiò il suo glande sul mio buco del culo.
Iniziò a spingere.
Non vedevo quanto stava entrando.
Entrava lentamente.
Quando la cappella fu quasi interamente dentro, a causa della sua forma e dell’elasticità del mio buco, lo strapon fu come risucchiato. Fu come se due metri di un grosso e ruvido palo entrarono dentro di me.
Mi bruciava tutto.
Iniziai a lamentarmi, a urlare di dolore.
“Ahhhh. Ahhh. Basta.. brucia. Per favore, vi prego fa malissimo!!”
Elisa mi sfotteva.
“Ma sarà entrato di un millimetro. Hai nel culo la cappella ed un millimetro di cazzo. Ma piantala.”
Sara non aveva pietà e lentamente continuava la sua opera di penetrazione.
Effettivamente dopo qualche secondo (mi erano sembrate ore) il fortissimo dolore che si era impossessato del mio culo e mi aveva fatto persino sudare, stava scemando.
Iniziai lentamente a decontrarmi.
Sara se ne accorse ed accelerò la mia prima penetrazione.
Finalmente si fermò.
“Eccolo. Adesso te l’ho infilato tutto. Come hai fatto tu con me. Adesso ti scopo come una troia.”
Ed iniziò prima lentamente, poi sempre più velocemente e rabbiosamente ad incularmi.
Le altre due la incitavano.
Elisa si era appoggiata al letto, in posizione per vedere bene la scena.
Marta le si era inginocchiata davanti ed aveva iniziato prima a toccarla, poi a leccarle la fica.
A seconda di come Sara mi sodomizzava, più o meno velocemente, più o meno rabbiosamente, io provavo strane sensazioni di godimento o dolore.
Sara sapeva esattamente quello che faceva.
“Ti piace vero, troia? Se faccio così godi, vero? Puttana. E così? Così no, così ti fa male… ma così piace tanto a me. Certo che per essere vergine. Ce l’hai tutto nel culo. Mi piacerebbe vederti scopato da un uomo. Troia come sei scommetto che gli faresti un pompino superbo.”
Elisa, intanto, godeva della lingua dell’amica.
“Martaaaa…. Devi venirmi a trovare più spesso!! Sei bravissima. Siii, non fermartiiiii, siiiiii”
La vide tremare e reclinare il capo all’indietro.
“Godooooooo!!!”
Finalmente Sara si fermò ed estrasse lo strapon.
Non fu dolce.
L’estrazione così veloce fu addirittura più dolorosa della penetrazione.
Sara era divertita.
“Però.. oggi ti abbiamo trasformato. Non sei più vergine da nessuna parte.”
Le ragazze risero.
Poi Elisa disse.
“Credo sia ora di far sborrare il nostro servo.”
Non ne capii il motivo: mi legarono di nuovo le caviglie.
Elisa me lo riprese in bocca.
Lo teneva con la destra, ora muovendosi in sintonia con la bocca, ora tenendolo scappellato.
Alternava il pompino vero e proprio con dei colpetti di lingua sulla cappella, sull’asta, sulle palle.
Ad un certo punto si fermò e si mise a sedere tra le mie gambe.
Io ero eccitatissimo. Non so quanto sarei potuto resistere.
Prese il gel e ne vuotò un poco sulle mani.
Quindi mi massaggiò il cazzo, poi cominciò una delle più belle seghe della mia vita.
Più o meno come aveva fatto Marta, quando mi aveva messo la saliva sul glande, aveva messo la mano sinistra alla base del cazzo, stringendo leggermente il membro, con l’intenzione raggiunta di tenere il cazzo completamente scappellato e leggermente più gonfio del solito.
Con l’altra mano iniziò a segarmi.
Non riesco a spiegare quella sega. Non riesco ad esprimere le sensazioni che provavo.
Era meglio di tutto ciò che avevo fatto da solo prima di quel giorno, ma anche meglio di tutti i modi in cui mi avevano fatto godere quel giorno.
“Sborroooooo”
Schizzai. Vidi il mio primo voluminoso schizzo alzarsi fino a quasi venticinque centimetri.
Elisa non si fermò e mi svuotò completamente le palle.
Ma non si fermò.
Continuò a masturbarmi, continuò ad andare su e giù con la mano sulla cappella.
Iniziai a provare un certo dolore. E più andava avanti, più il dolore aumentava.
Mi contorcevo più di quando mi stavano strizzando i coglioni.
Mi faceva malissimo.
Lei mi guardava negli occhi sorridente, incurante del mio dolore, anzi mi stava sfidando.
Io contraccambiavo il suo sguardo, ma il mio era carico di dolore, di supplica.
“Ti prego, ti prego, fa male, ti prego.”
Ridevano.
Ma Elisa non ci pensava nemmeno a fermarsi.
Continuò la sua dolorosissima sega.
Il mio cazzo non diventò completamente moscio.
Non riuscivo a capire cosa stesse succedendo, ma rimaneva con una parziale erezione.
Fortunatamente il dolore cominciava ad affievolirsi.
Lei mi guardava negli occhi, con un sorriso perfido.
Era inginocchiata lì, in mezzo alle mie gambe, mi stava segando, stava per farmi sborrare per la quarta volta quel giorno. E mi guardava con quello sguardo di chi sa che stai godendo, di chi sa che ti piace.
La velocità della mano era perfetta.
Mi accorsi che in realtà il dolore al glande non era passato, era lei che sapientemente stava evitando di toccarlo. Avevo chiuso gli occhi per un istante, cercando di gustarmi fino in fondo quella sega, ma lei voleva che io continuassi a guardarla, così aveva ampliato la corsa della mano sul cazzo ed era tornata a toccare la cappella. Ebbi una contrazione di dolore e tornai a guardarla e supplicarla con lo sguardo.
La dolce tortura durò pochi secondi, finalmente dal mio cazzo uscì un nuovo schizzo, questa volta molto meno intenso del precedente.
Questa volta Elisa proseguì la masturbazione quel tanto che bastava per fa uscire tutto lo sperma.
Poi abbassò la testa sul mio cazzo, lo prese in bocca e, aiutandosi anche con la lingua, lo pulì.
Anche questa operazione, che prevedeva (o forse non prevedeva, ma a lei piaceva farlo) il passaggio della lingua sulla mia cappella, risultò abbastanza dolorosa.
Pulito per bene il mio membro, si avvicinò alla mia bocca e mi passò tutto lo sperma che avevo raccolto.
Ingoiai tutto.
Finalmente mi slegarono.
Il cazzo, soprattutto la cappella, tanto utilizzata per i loro giochetti, mi faceva ancora un po’ male.
Facemmo tutti la doccia.
A turno.
Marta era in “grandissimo ritardo” e scappò via quasi subito.
Io rimasi un po’ con loro.
Sara ruppe il silenzio.
“Se penso che non me lo hai fatto conoscere prima…”
“Pensa che io ce l’ho avuto vicino di banco per un anno.”
Avevo il cazzo moscio. Non è che avessi moltissima voglia di parlare di sesso. La timidezza si era di nuovo impadronita di me.
Elisa mi coinvolse.
“Tutto bene? Sei così silenzioso.”
“Si, si. “
Le mie risposte monosillabiche non fecero arrendere le sorelle.
“Sicuro?”
“Si, si. Tutto bene.”
“Sei offeso perché ti abbiamo sottomesso e sodomizzato?”
“No, no. Davvero.”
Sara intervenne.
“Ti è piaciuto mentre ti inculavo?”
Era una risposta difficile.
Soprattutto era una conversazione che con il cazzo moscio non potevo sostenere.
Mi sforzai.
Non volevo deluderle. Volevo tornare da loro. O anche solo da una di loro tre.
“Non so. È stato strano. Cioè. Quando mi avete chiamato puttana mi sono eccitato. Quando me l’hai messo, quando l’hai”
Sara mi interruppe.
“Dillo, quando ti ho infilato il dildo nel culo.”
“Si, ecco, quando l’hai infilato la prima volta è stato un po’ doloroso, soprattutto l’ingresso della cappella. Poi… ha iniziato a piacermi. Soprattutto mi eccitava il fatto di essere sottomesso da una donna, davanti ad altre donne che si divertivano a sottomettermi e umiliarmi.”
“È la stessa cosa che ho provato io prima, quando mi ha sverginato il mio.”
Elisa. “Eri vergine? Non l’avrei mai detto.”
Sara. “Non che ti dica proprio tutto. Ma avevo voglia di provare. Volevo essere scopata nel culo. Lui ce l’ha grosso ma non enorme. Direi che è stato fatto apposta per farmi godere.”
Elisa. “Quindi tra noi tre l’unica vergine di culo sono io?”
Sara. “Sorellina, se non lo sai tu.”
Mi guardò e appoggiò una mano sulla mia patta.
“Credo che tornerai presto in questa casa. Il mio buchino vergine vuole assolutamente assaggiare questo bel cazzo.”
Sarei potuto rimanere per cena.
I miei non sarebbero stati a casa.
Ma probabilmente non sarei riuscito ad accontentare le due ragazze.
L’uccello era ancora un po’ dolorante.
Ci accordammo per ritrovarci e passare una settimana al mare, nella loro villetta con piscina.
Quindi Elisa mi portò a casa.
Cenai e mi accomodai davanti alla tv.
Pensavo alla giornata.
Mi ritrovai ad essere eccitato.
Presi il mio tablet, lo collegai in wifi al tv, cercai sul web filmati pornografici dove c’erano donne con strapon che sodomizzavano uomini.
L’elenco era molto lungo.
Lo feci scorrere e trovai quello di una bella (anche se poco formosa) ragazza rossa e un muscoloso e dotato ragazzo.
All’inizio i due ragazzi si scambiavano piaceri con le rispettive bocche.
In particolare, aveva cominciato lei a toccare ed ingoiare il membro di lui che diventava gonfio e duro.
Poi lui si era inginocchiato tra le sue gambe ed aveva iniziato a darle colpi di lingua e poi leccare la fica semidepilata della ragazza.
Lei lo fece sdraiare sul letto, lo spompinò per qualche secondo e poi lo accolse dentro di se’.
Dopo poco si fermò e scese dal cazzo dell’amante.
Frugò in un cassetto, estrasse una cintura fallica e si avvicinò al ragazzo.
Lo fece girare, così da poter disporre del culo del ragazzo a suo piacimento.
Iniziai a toccarmelo.
Squillò il telefono.
“Ciao, sono Marta.”
“Ciao.”
“Mi son fatta dare il numero da Elisa.”
“Nessun problema.”
“Cosa stai facendo?”
Esitai per un secondo.
“Mi sto masturbando.”
“Davvero?”
“Si.”
“Sei uno spettacolo.”
“Ce l’ho durissimo.”
“Immagino. Mi piacerebbe sentirti godere.”
“Va bene. “
“Mi tocco anche io.”
“Si.”
“Come ce l’hai?”
“È duro. Lo sto segando come ha fatto Elisa. Con una mano lo tengo scappellato, con l’altra vado su e giù. È fantastico. E tu?”
“Sto toccando in clitoride. Immagino che sia la tua lingua oggi. Poi infilo un dito, non è come il tuo cazzo, ma stasera mi deve bastare.”
“Mi sarebbe piaciuto vederti scopare Sara o Elisa.”
“La prossima volta. Tranquillo.”
“Marta…”
“Stai venendo?”
“Si… quasi. La tua voce, Sara, Elisa, quello che abbiamo fatto oggi, il filmato. Non capisco più niente.”
“Si… anche io sono molto vicina. Quando sborri urlamelo al telefono.”
“Si. Quasi. Fallo anche tu.”
“io VENGOOOOOOOO”
“SBORROOOOOOOO”
“Wow. Siam venuti insieme. Come se tu mi stessi scopando.”
“Si. Ma scoparti è stato molto meglio.”
“Vero, ma ogni tanto bisogna arrangiarsi.”
“Non ho mai sborrato così tante volte in un giorno. Ce l’ho viola. Mi sa che per una settimana non potrò nemmeno guardarlo.”
“Scommetti che se venissi li adesso te lo farei tornare duro?”
“Sarebbe una scommessa persa.”
Ridemmo.
“Mi ha fatto piacere rivederti. Soprattutto vederti cambiato.”
“Anche a me ha fatto piacere. Sei sempre stata il mio sogno erotico, proprio insieme ad Elisa. Eravate le più fighe in classe.”
“Tu eri l’unico che avrei scopato con passione. Solo che eri antipatico come la merda.”
“Hai scopato qualcuno degli altri?”
“Si. Stefano e Giuseppe. O meglio solo Stefano. Giuseppe mi è venuto in bocca come ho appoggiato le mie labbra al suo cazzo e poi non c’è più stato nulla da fare.”
“Sarà stato vergine come me.”
“Si. Certo. Ma se tutti i ragazzi vergini fossero come te la prima volta… scoperei solo con loro!”
Ridemmo.
“Marta… ci rivedremo.”
“Scherzi??? Sicuramente. Mi auguro non solo per scoparmi!”
“Si. Cioè. No. Cioè dai… hai capito.”
“Tranquillo. Ho capito.”
“Andrei avanti a parlare con te per ore.”
“Bè, se fosse una questione di ore, ti fari venire qui da me.”
“Magari.”
“Dai. È tardi. Ci sentiamo presto. Mi raccomando. Non sparire come dopo la quinta.”
“Si. Ci sentiamo presto. Buona notte.”
“Buona notte.”
No. Stavolta non sarei proprio sparito.

scopare la figliavideo storie erotichesesso raccontimia suocera mi eccitapompino camionistamoglie depilatafrocettamoglie corteggiataporno nei cinemaracconti porno culofamiglia incestierotici raccpntiracconti porno zoofiliaa mia moglie piace prenderlo nel culotrans con coppiaracconto porno gratiscazzo nella ficaracconri pornozia e nipote che fanno sessoracconti porno i generinel culo della sorellainculata cavalloincesto lesbichesborra nel piattoglamour privècinquantenne arrapataorge di coppieraconti di sessohard storieracconti di sessoscoparsi la moglieracconti potnosono vogliosachiavata in ufficioscopata dal cuginoerotici raa cavalcioni su di luiracconti erotici annunci 69beccato a masturbarsiracconti di coppiaporno incstifemdom storiepiedini sborratisupposte raccontifidanzata toplesscosce in trenomi piace essere inculatastorie gay eroticheincesti reali italianiinculare la suocerasadomaso raccontiscopata dal nonnola prima volta che mi sono masturbataracconti pornisesso con mia mammasorella fa segami scopo mio nonnofarsi penetrare dal canemoglie troia al cinemaracconti erotici lattezoofilia con donnezio scopa nipotinamia moglie lo vuole grossocazzi a riposopornoracconti gratisputtane in discotecami inculo mia mogliecuginetta mia ti voglio beneracconti sesso incestirelatos pornobdsm cuckoldracco ti eroticii generi dei racconti eroticiracconto erotici gayorge in mascheraracconti fetish piediracconti erotici toplessscopata ad una festaerotico.itstorie porno di tradimentiscopata con dottoressaun ospite gradito per mia moglieracconti erotici matrignagay storiestorie erotiche gratiswurstel nella figawww racconti eroticile tette di mia cognataraccontiadultivideo storie di sessoesibizionismo spiaggiamoglie troia in vacanzatutto tetteannuncia a69racconti erotici in bus