Al cinema porno | Racconto orge di Vecchiobambino

Quel giorno Cristina e suo marito Tiziano si stavano annoiando un po. Avevano voglia di sesso, ma non del solito sesso in casa, nel letto o sul divano, cercavano qualcosa di più, un po di trasgressione e quando venivano loro quelle voglie, erano pronti a soddisfarle in qualsiasi modo. Daltronde Cristina era abituata ad andare con altri uomini sotto gli occhi del marito e a lui faceva piacere assistere e partecipare alle esibizioni erotiche della moglie.

La mia prima volta con tre uomini | Racconto orge di Elena di Castelbuono

Premesso che per me farlo con tre o piu uomini non è il massimo del godimento ma invece trovo il massimo piacere quando sono con due uomini che ovviamente sanno il fatto loro, che sono affiatati tra loro perchè sopratutto nella doppia penetrazione se non la sanno fare alla fine non godo nè io e neppure loro. Detto ciò devo dire che mi è capitato spesso di farlo con tre uomini perchè un periodo uscivo con un tipo che aveva due amici inseparabili e capitavano sempre occasioni con me unica femmina e loro tre che mi usavano per i loro godimenti , anche se io non ero da meno nellusare loro. la prima volta me la ricordo ancora perchè doveva essere una uscita romantica a due e cosi andammo a cena in un bel ristorante e poi mi disse che cera una sorpresa per me e mi portò in un residence sul mare. Entrammo e mi disse che doveva bendarmi e la cosa mi eccitava molto e lo feci fare. Poi mi legò al letto ma era una cosa che già aveva fatto per cui lo feci fare e poi iniziò a baciarmi … e con la mano mi toccava tutta facendomi bagnare sempre di piu; non potevo toccarlo perchè ero legata e neppure vederlo perchè bendata e ad un tratto sentìì piu mani che mi toccavano e capìì che non era da solo. Sui capezzoli sentivo due bocche diverse che mi mordicchiavano e ad un certo punto sentìì una lingua tra le gambe e iniziai a godere. Gli chiesi di togliermi la benda ma lui disse che non era il momento e per non farmi parlare ancora mi misero un cazzo in bocca ed iniziai a farmi scopare in bocca.Non sapevo quanti erano e la mia paura era di essere violentata o picchiata per cui anche se stavo godendo ero anche impaurita. Quello che mi leccava tra le cosce iniziò a sputarmi sia nella fica che nel culo e mi taratassava entrambi i buchi.. il culetto lo tenevo ancora abbastanza stretto mentre la fica era gia bella dilatata per cui lui ci infilò tutta la mano facendomi avere un orgasmo esagerato. Quello che me lo teneva in bocca vennè e mi fece ingoiare tutta la sborra mentre il terzo lo sentìì venirmi sulle tette e mi tolsero la benda e li vidi mentre mi stavano scopando. il ragazzo con cui uscivo teneva il cazzo durissimo e fece togliere la mano al suo amico e me lo mise dentro e inizìò a chiavarmi con forza mentre gli altri due cercavano di recuperare le energie e mi toccavano le tette e il culo. Dalla fica passò a mettermelo nel culetto e io allargai tutte le cosce per farlo entrare bene bene e lui mi mise in modo che laltro suo amico che intanto lo aveva nuovamente duro me lo potesse mettere nella fica nella posizione che ammetto preferisco per godere. Il terzo me lo rimise in bocca e cercai di farglielo diventare duro riuscendovi dopo qualche istante. Mi rendo conto che in molti/e di quelli che mi leggete non crederete alle mie esperienze ma davvero non mi sembrano cosi fuori dalla norma. Io ho scopato tanto e ancora oggi sono considerata una porca da tanti amici ma sfido chiunque a non ammettere quanto sia bello ed eccitante quando un uomo o un ragazzo o anche un uomo anziano ti mette quella mano fra le cosce .. ti entra nella mutandina… o quando si mettono con la lingua e mi allargano la fica fino a farmi venire… ma su che piace a tutte noi non solo a me che sono diventata negli anni una malata di sesso… ma sempre meglio esserlo di sesso che di altro non trovate.

Gara di seghe tra amiche | Racconto orge di versismo

ciao sono sempre io, con un altro racconto, sempre vero. prima di iniziare però volevo chiedere e far notare allo staf che legge i racconti prima di metterli che l altra sera ho sbagliato email, mettendo hotmail al posto di live, quindi se é possibile le notifiche dell altro racconto mandatele sulla mail con live ( cioè su quella messa su questo )

Al cinema porno | Racconto orge di Vecchiobambino

Quel giorno Cristina e suo marito Tiziano si stavano annoiando un po. Avevano voglia di sesso, ma non del solito sesso in casa, nel letto o sul divano, cercavano qualcosa di più, un po di trasgressione e quando venivano loro quelle voglie, erano pronti a soddisfarle in qualsiasi modo. Daltronde Cristina era abituata ad andare con altri uomini sotto gli occhi del marito e a lui faceva piacere assistere e partecipare alle esibizioni erotiche della moglie.

Dopo la fine degli esami, una bella vacanza con gli amici e unorgia sono quello che ci vuole PARTE 1 | Racconto orge di ragazzo97

Bisogna cavarsela con quello che si ha, quando si è giovani. Pochi soldi a disposizione. Si sprecano le ore davanti ad un pc a cercare le offerte migliori, le occasioni da cogliere al volo. In più, tra amici, bisogna sempre scendere a compromessi quando si tratta di organizzare un viaggio, che sia durante lanno o destate, quando le università e le scuole rimangono chiuse.

1° scopata con mia cognata | Racconto orge di gigi il cornuto

non ero mai riuscito a scopare mia cognata una bella donna,quando sposai mia moglie aveva solo 15 anni ed era in collegio dalle Suore e quindi veniva a casa solo ogni 3/4 mese ed io non avevo molto tempo allora per il mio lavoro: un giorno e arrivata a casa, io abitavo con mia suocera e naturalmente mia moglie. disse a mia moglie vado a farmi un bagno e prese e se ne andò via, dopo alcuni minuti mia moglie e mia suocera uscirono per fare spese ed io rimasi solo, allora andai verso il bagno dove io avevo fatto un piccolo buco per spiare mia suocera quando faceva il bagno e si masturbava furiosamente infilandosi nel culo e nella figa vibratori ed altri accessori, sua filia non era da meno e la vidi masturbarsi furiosamente. Dopo il bagno venne in casa ed io tentai un approccio ma vidi che era inutile e quindi lascia perdere. io andai via, per lavoro, per alcuni anni e quando tornai lei si era già sposata ed andata a vivere in Liguria. Alcuni mesi orsono chiesi a mia suocera, che intanto era diventata la mia amante con la complicità di mia moglie, come anvano le cose con laltra sua figlia e lei mi disse bene anche se con lei non abbiamo fatto molte cose come con tua moglie, ma gli è rimasta una voglia e sai quale di non averti mai scopato. Dissi io ma a tutto cè rimedio falla venire e vedrai che gli soddisferò la voglia. Lei mi dice ma non vuole farlo davanti a me e sau sorella, va bene dissi io, quando suo marito,marinaio, non cè vado io da lei. Mia suocera da grande troia quale è va bene io la chiamo però voglio esserci anchio. partimmo per la liguria e dopo i soliti convenevoli mia suocera disse io vado al mare e rientro nel pomeriggio e così se ne andò. mia cognata appena andata sua madre mi chiese come andava con sua sorella ed io gli dissi le solite cose ma lei incominciò ad avvicinarsi e con un sorrisino mi mise la mano sul cazzo e mi disse e tu credi che io non sappia che già scopi mia madre e fate dei festini con inculate e altre cose varie, naturalmente se sai tutto lunica che non ho chiavato sei tu. Allora lei mi tirò fuori il cazzo dai pantaloni e lo infilò in bocca io gli aprii la sottoveste e incomicia a succhiare quelle bellissime tette, sode e meravigliosamente in tiro con i capezzoli durissimi in un attimo fummo tutti e due nudi mentre le ha continuato a succhiarmi il cazzo io gli infilai un dito nel culo. mi disse fai piano perche mio marito non la mai fatto, ma in collegio un frate mi aveva già inculato più volte. gli dissi ma come da anni non lo ai preso più nel culo? no ma alcune volte gli ò infilato il vibratore e quindi adesso tocca a te farmi godere dal culo e cosi dicendo si mette a pecorina sul divano allaga le chiappe ed io infilo il cazzo, lei fa un urlo e mi dice ma e grosso mi fai male. Io tolsi il cazzo dal culo e glie lo infilo nella figa e lei allora gode come una pazza. dopo pochi minuti, erava tutti e due nudi rientra sua madre, senza suonare il campanello, non aveva chiuso a chiave e quindi poteva entrare chiunque, ma lei senza tanti preamboli  mi dice come è andata ed io benissimo anche se non ha voluto che continuassi ad incularla. bene disse lei allora ci penso io e cosi disse a sua figlia girati e vedrai che quando te lo metterà nuovamnete nel culo godrai tantissimo. La figlia si sdraiò a pamcia in giù e sua madre incominciò ad insalivargli il buco e la figa insieme e dopo poco incominciò ad infilargli due dita e poi tre ed infine gli infilà la mano mentre con laltra mano gli mastruba furiosamente il grilletto ed allora appena le gli togli la mano dal culo mi dice dai adesso mettigli ilcazzo e vedrai troietta dice alla figlia, quando godrai. io nel frattempo con il cazzo durissimo mi sdraio sopra e con un colpo di reni gli infilo il cazzo e mia cognata dai inculami adesso si che è bello farsi inculare ed intanto sua madre prese un grosso vibratore che aveva nella borsa e lo infilo nel mio buco del culo e con laltra mano continuò a masturbarsi finchè venimmo tutti e tre insieme. dopo alcuni minuti mia cognata mi disse spero che verrai ancora a trovarmi e cosi ti farò conoscere una mia amica che è lesbica ma non disdegna di prendere il cazzo. Siamo ritornati a casa, nel tragitto mia suocera mi ha fatto un favoloso pompino, quando arrivammo mia moglie chiese a sua madre allora come è andata? sei riuscita a farla inculare, si rispose mia suocera. allora eravate daccordo? si rispose mia moglie però mia sorella non voleva che ci foosì io, ma alla prossima volta voglio anche gli interessi perchè non ha mai voluto fare niente con me. Però adesso mi dovete fare un buon servizio anche a me perchè e tutto il giorno che pensavo a voi che stavate godendo ed io niente, allora mia suocera viene piccola che incomincio a dardi una bella leccata e poi tuo marito finira con incularti e chiavarti finche vuoi, io intanto quardo e mi masturbo un pò e cosi dopo avere chiavato ed inculato mia moglie ci addormentammo tutti e tre nel letto. ciao a tutti alla prossima.

Scopata con il cavallo | Racconto orge di gigi il cornuto

Alcuni giorni prima di natale ho chiesto a mia suocera se voleva accompagnarmi dal suo amico marocchino e le mi disse di si. andammo io lei e mia moglie,arrivati sul posto una piccola fattoria dove il marocchino lavorava come factotum il quale ci accolse con entusiamo dicendoci che ravano fortunati per i padroni non cerano e quindi potevamo metterci a nostro agio e cioè nudi. cosi facemmo dopo avere bevuto un tè fatto da lui con ingredienti segreti. infatti dopo pochi minuti eramo tutti molto eccitati e cosi andammo nella stalla dove cerano alcune vacche e due piccoli pony il marocchino intanto aveva messo il suo cazzo nella figa a mia suocera e due dita nel culo a mia moglie che già stava venendo a me disse scegli quello che vuoi puoi inculare prima le vacche e poi i pony non lo lasciai finire che avevo preso uno sgabello e avevo messo il cazzo nel cuload una bella vacca era molto calda e quindi gli venni subito nel culo, mentre il marocchino riepiva il culo a mia suocera, allora mi disse adesso prendi in bocca il cazzo del pony, enorme più del suo cazzo e cosi feci mentre mia suocera succhiava il cazzo allaltro pony, intato lui si prese mia moglie mettendogli il cazzo in culo e lei non fece nessun urlo perche lo aveva già preso alcune volte senza che io lo sapessi. questo mi eccito molte e dissi a mia suocera a brutta troiona anche tua figlia gli hai fatto sbattere da lui adesso ti prendi nel culo il cazzo di questi due pony. lei mi disse e si ma sono troppo grossi, non me ne frega niente tu devi farti inculare e chiavare da tutti e due. io tolsi il cazzo di bocca al pony che era eccitatissimo e lo infilai nel culo a mia suocera che mi implorava di non fargli male ma dopo alcuni colpi il pony gli riempi il buco del culo e lei godette come una pazza, allora dissi adesso con laltro prima nella figa e poi nel buco del culo e lei di rimando e mi metto il tuo cazzo in bocca mentre il marocchino ti mette il suo cazzo in culo. fu una cosa bellissima avevo mai goduto cosi tanto e poi vedere quella troia di mia moglie leccare il culo alle vacche. fu un trionfo del sesso che non ha tutti piace a noi che labbiamo provato è una cosa eccezzionale perche piace il sesso trasgressimo. dopo aveve preso nel culo quel grande cazzo del marocchino volli provare anchio se riuscivo ha prendere nel culo il cazzo del pony, ma non riusci mentre mia moglio lo prese soltanto nella sua grande figa ed il maricchino inculò anche mia suocera cosi ci chiavò tutti e tre. il volevo provare ancora una vacca e quindi mi avvicinai alla seconda vacca che prese molto volentieri il cazzo nel culo e cosi riusci a farle tutte e anchio dopo una lunga pausa volli inculare il marocchino ma lui non volle e mi fece solo un bellissimo pompino dicendomi che il suo buco del culo era riservato al suo padrone che prendeva anche il suo cazzo in culo con la sua signora che si sdidalinava,rnarrivederci alla prossima. vi bacio il buco del culo. ciao.

Apericena tra amiche milanesi | Racconto orge di marynella

Sai gli aperitivi tra amiche, nella Milano frenetica di impegni, dopo una giornata massacrante in ufficio? Io, Pamela e Anna ci siamo date appuntamento in un bar nuovo sotto casa di Pamela, a Porta Venezia, alle 19,00. Come al solito, tra donne, si finisce a parlare sempre di uomini e di moda. Ma questultimo è un argomento alla fine noioso e tutte e tre continuiamo a parlare di uomini, di sesso, delle ultime conquiste e di scopate, sia con i mariti che con gli amanti. Uno spritz tira laltro, passiamo al mojto, poi al prosecco in un crescendo di fiume alcolico. I discorsi si fanno sempre più piccanti, facciamo battute e osservazioni da veri camionisti (voi uomini neanche lo immaginate quanto possano essere scurrili tre amiche…), le persone che ci sono ai tavoli intorno rimangono scandalizzate, ne avvertiamo il brusio di dissenso. Non ci badiamo, anzi, ci divertiamo a sparlare di cazzi piccoli e grossi, di prestazioni maschili caritatevoli, di eiaculazioni arrivate allimprovviso…Sarà anche perché, oltre alla sbronza, abbiamo anche scopato tra noi tre, da buone amiche bisex, ma i nostri freni inibitori sono completamente abbattuti!

Al cinema privato | Racconto orge di Antonio48

Io sono Antonio e sono un marito di 48 anni. Mia moglie è Giuliana ed è una bella donna di 45 anni. Quel giovedì di inizio dicembre eravamo in giro d entrammo in un bar del centro per prendere un caffè. La nostra è una cittadina siciliana e noi siamo stati sempre una coppia normale senza fronzoli in testa. Siamo sposati da 18 anni, siamo affiatatissimi e ci amiamo ancora tanto. Fra laltro ci dedichiamo al sesso con ardore e sensualità disinibita. Dunque entrammo al bar e ci trovammo Piero e Mariella. Con lui siamo amici da ragazzi. Non ci vediamo spesso ma laffetto è sempre quello. Anche con lei vi è grande confidenza, sia da parte mia che di mia moglie. Ci salutammo baciandoci. Con loro un signore al quale ci presentarono. Federico, qualche anno più di tutti. Piero e Mariella hanno rispettivamente 46 e 44 anni. Non sapevo di cosa stessero parlando, il fatto sta che Federico stava per congedarsi e disse loro: Allora ci vediamo sabato? Dai è tanto che non venite. Poi, dopo aver dato uno sguardo a Giuliana, continuò. Anzi, perché non vengono pure questi vostri amici? Sarebbe un piacere. Tanto siamo in 10 e con loro 12. Notai Piero rabbuiarsi in viso e Mariella sorridere imbarazzata. Naturalmente se vi fa piacere aggiunse rivolgendosi a noi. Chiesi. Mi parlò di una cenetta in secco e poi avremmo visto un film. Tanto per trascorrere una serata. Con quindici euro a testa si sta una serata assieme. Che ne dici? Chiesi a Giuliana. Era daccordo e chiese a Mariella se loro ci sarebbero andati. Intervenne ancora Federico e ci consigliò di vederci prima con Piero e Mariella in quanto non sapevamo dove andare. Quindi disse che ci aspettava con piacere e ci salutò. Piero e Mariella erano impacciati. Ci salutammo affettuosamente e lui mi disse dove vederci alle 8 di sabato sera. Giuliana era indecisa come vestirsi. Elegante o casual? Chiamò Mariella, parlarono e poi tirò fuori un vestito fuori stagione. Un completo primaverile che non indossava da tempo tanto lì si stava bene e le consigliò, lei stessa mi disse, di non indossare gonne attillate perché alzarsi e sedersi in sedie e divani continuamente, era scomoda. Il completo verde era composto dalla gonna ampia leggermente sopra il ginocchio e da un giubbotto con elastico alla vita e ai polsini e chiuso son la cerniera sul davanti. Poi avrebbe indossato un cappotto. Intimamente sapeva bene come la volevo. Mi è sempre piaciuto immaginarla sexy quando andavamo in certe occasioni: coordinato di pizzo nero e autoreggenti, quella sera anchessi neri per adattarli al completo verde. Quando ci incontrammo con Piero e Mariella erano come stravolti. Lui mi fece cenno di seguirlo. Arrivammo in un villino e ci accolsero i padroni di casa: Federico e Maria Grazia. Lei gentilissima e sorridente, una gran bella 50 enne mora e sensuale. Ci diede il benvenuto sonoro e con un bel sorriso a 32 denti. Con Piero e Mariella si salutarono baciandosi sulle guance e con un: finalmente ci rivediamo. Ci fecero liberare dei soprabiti ed entrammo i un ampio soggiorno dove già erano coppie. Anche con loro Piero e Mariella si salutarono baciandosi. Ci presentarono. Loro erano: Nicola e Lina e Alessio e Antonella. Conoscevo Nicola di vista, la moglie Lina meglio perché è in servizio presso lufficio postale dove solitamente vado io. Mi riconobbe subito e, sorridendo a disagio, mi fece un cenno di benvenuto. E una bella femmina in carne come Mariella. Anche Mariella è in carne e da letto, solo che ha la faccia dangelo, al contrario di Lina che ha la tipica faccia da troia. Con Alessio ci conoscevamo ma senza confidenza; La moglie, Antonella, di tanto in tanto la vedevo per strada. In viso è bruttina ma fisicamente è bona come mia moglie. Ha un atteggiamento ingenuo ma quella sera stessa mi resi conto che non era proprio così. Mi sorprese il fatto che entrambe chiesero a Giuliana, quasi sussurrando, se fosse la nostra prima volta che frequentassimo il villino. Poco dopo arrivò unaltra coppia: Maurizio ed Elena. Quando lei fece il suo ingresso fu ben felice di vedere Giuliana; altrettanto mia moglie: erano state compagne di scuola. La conoscevo come conoscevo Antonella. Era lunica bionda e con gli occhi azzurri. Un tipo esile, poco sensuale ma affabile. Maria Grazia, la padrona di casa, mi appariva come la tipica 50 enne desiderosa, vogliosa e, secondo me, consapevole di suscitare agli uomini certe maialate, specialmente ai giovani. Quello che notai fu che tutte, come aveva consigliato Mariella sa mia moglie, indossavano veste o gonne non attillate. Il tempo dellaperitivo e poi scendemmo nel seminterrato. Un ampio locale a forma di elle. Ci fermiamo nel primo tratto della elle dove era apparecchiato un lungo tavolo. Laltra parte della elle era chiusa da una grande porta a soffietto. A tavola si entra in confidenza. E il posto giusto. Cena a secco: arancini e panini con panelle. Fu in confidenza che Lina, sussurrando, disse a mia moglie che il giubbotto che indossava era comodissimo. Capii tutto dopo, infatti Mia moglie fu la prima a ritrovarsi con le tette al vento. Ad un certo punto, dopo cena, Federico ci invitò a spostarci dallaltra parte per guardare il film. Quando aprì la porta a soffietto rimasi allibito. Intanto la prima cosa che si presentò davanti fu la spalliera di un grande divano semicircolare. In fondo, a parete, un max televisore di non so quanti pollici, non ne avevo mai visti di così grandi. Tra il divano e il televisore un grande e spesso tappeto bianco che calcolai fosse grande 5 metri x 5- Sopra, sparsi, svariati cuscini di vari colori. Tutto intorno svariate sedie e tavolinetti già apparecchiati con bottiglie di spumante, bicchieri di plastica, scottex e salviette imbevute. In fondo, sulla destra, la porta, poi constaterò, di un grande bagno con 2 lavabi, 4 bidet e un vaso. Captai e interpretai lo sguardo di mia moglie. Mi fece il cenno del boooh col mento. Maria Grazia ci invitò ad accomodarci e a noi ci fece sedere lateralmente. Lei accanto a me, ultima. Accanto a Giuliana era Alessio, poi sua moglie Antonella e così via. Laltro ultimo era Federico, al suo fianco Lina. Federico accese il televisore, la cassetta era già inserita. Il film era: La chiave, di tinto Brass, con la splendida e sensuale Stefania Sandrelli. Tutti abbiamo visto questo film e saremo tutti daccordo che lerotismo di certe scene è molto eccitante e non lascia indifferenti. Fu dopo una ventina di minuti che sentii un certo tipo di risatine invitanti. Provenivano dallaltra parte del divano. Mi girai e notai che anche mia moglie guardava da quella parte. Dopo i nostri sguardi sbigottiti e imbarazzati si incontrarono come per chiederci: ma che fanno? Dove siamo finiti? Si vedeva chiaramente che Nicola aveva una mano fra le cosce di Elena e, ancora più verso di noi, langelica Mariella giocava con la ,ano sulla patta di Maurizio mentre lui le palpava le tette e si baciucchiavano: Non sapevo cosa pensare anche perché, nel giro di qualche minuto, sentii Giuliana, che era alla mia sinistra, muoversi più verso di me. Mi girai e vidi che teneva la mano sinistra su quella destra di Alessio che tentava di insinuarsi fra le sue cosce. Forse fu un gesto di difesa quello di accavallare la coscia destra sulle sinistra. Mi venne limpeto di alzarmi e di fare un casino ma proprio in quel momento sentii una mano sulla patta. Non poteva essere che quella di Maria Grazia, la padrona di casa. Ma che situazione è questa, pensai. Mi girai nella sua direzione e mi sorrise afferrandomelo da sopra i pantaloni. Notò la mia meraviglia e mi fece locchialino. Sentii dei gemiti e vidi le cosce di mia moglie nude. La destra, quella accavallata, sollevata e la mano di Alessio che aveva superato qualsiasi resistenza ed era quasi arrivata alla fica. Mi rigirai e trovai le labbra di Maria Grazia ad aspettare le mie. Una slinguatina leggera e sensuale e le risatine dapprovazione e i gemiti più intensi distolsero la mia attenzione e quella di Maria Grazia: tutti si erano lasciati andare. Ecco perché erano più comode le gonne non attillate: le mutandine di Antonella erano a terra, la sua gonna completamente s
u e Piero la masturbava. Lei gemeva e glielo stava tirando fuori. In fondo la faccia da troia di Lina aveva già in mano il cazzo di Federico, il padrone di casa. Proprio accanto a me mia moglie si era adattata benissimo alla situazione: il giubbino aperto, il reggiseno a terra, la bocca di Alessio sulle sue tette mentre con la mano giocava sulla fica; la mano di mia moglie allinterno dei pantaloni di lui. I primi che andarono giù sul tappeto, quasi nudi, furono Nicola ed Elena ma nel giro di pochi minuti, tra inviti, spogliatine e gemiti con risatine, ci trovammo tutti giù. Eravamo le stesse coppie del divano e tutti eravamo impegnati in leccaggi e pompini. Che atmosfera! Chi lavrebbe mai immaginato? Da parte mia, dopo un lunga e sensuale slinguata, mi dedicai alle tette di Maria Grazia. Che tette! Mentre lei me lo manipolava e scappellava. Quindi me lo leccò e poi, messi di fianco, ci cimentammo in un 69- La sua coscia sinistra tutta su, mi permise di osservare Giuliana. La mia mogliettina? Prima supina, alzata sui gomiti, si godeva la leccata di fica di Alessio, poi fu lui a distendersi supino invitandola a mettersi su. Eravamo a meno di un metro e potei osservare il cazzo di Alessio nella sua bocca. I primo mmmmmmmmm e i primi orgasmi delle troie e poi: mettiamoci così, dammelo dentro, vieni sopra, ti scopo così e si passò alle chiavate. La faccia di troia di Lina cavalcava Federico, la faccia dangelo di Mariella accolse fra le sue cosce Maurizio, altri di fianco. Io fra le cosciazze di Maria Grazia slinguandoci oscenamente. Lo stesso la mia mogliettina: nella fica le piace sotto con le gambe attorno alla schiena, in questo caso quella di Maurizio. Lunica alla pecorina era Elena e Nicole la fotteva da dietro. Antonella, la bruttina, cavalcava Piero dandogli le spalle. A ripetizione mugugni, sospiri impazziti, gemiti e impatto di carni da parte di tutti e orgasmi femminili, ognuna a modo suo, non tardarono ad arrivare. Era passata una mezzoretta, il film andava avanti da solo col sonoro a minimo e si sentirono: vieni dentro, fammelo sentire, godi porco. Per quanto mi riguarda sborrai dentro Maria Grazia e lei continuò a godere mordendomi pure la lingua. Vidi Mariella che si spalmava la sborra sulla pancia, Vidi Federico sborrare nella bocca di Lina e vidi Alessio che si dimenava dentro la fica di mia moglie e lei: Uhu, uhu, uhu, sii, che sei caldo, mi piace. Scottex e poi un via vai dal bagno. Lo spumante era a disposizione, presi due bicchieri e mi sedetti accanto a mia moglie. Mi sussurrò: Lo sapevi? No. E tu? Figurati! Non sarei venuta Perché non ti stai divertendo? E tu? Battutine frizzanti sullandamento delle chiavate e risatine di approvazione. Poi, mentre si fermavano nuove coppie, Nicola si avvicinò a Giuliana seduta a terra accanto a me. Lui era ritto e si avvicinò fono a quando il suo cazzo moscio non fu sopra la bocca di lei, la quale, intuendo quello che voleva, sorrise con una smorfietta, uno sguardo a me e poi, senza prenderlo in mano, tirò fuori la lingua e leccò la cappella. Poi lo prese in bocca proprio mentre si avvicinò a me, camminando a 4 zampe, Antonella la quale imboccò il mio cazzo moscio. Accadde di tutto. Per noi che era la prima volta era proprio di tutto. Spagnole e pompini per rimettere su i cazzi, ancora 69 cambiando pure partner, chiavate cambiando ancora partner, vasellina e inculate e via vai dal bagno. Dopo ogni inculata il bagno. Inculai Lina ed Elena ed infine sborrai nella bocca di Antonella. Vidi mia moglie che si faceva sfondare la fica da Maurizio e poi farsi inculare da Federico. Alla fine Alessio le sborrò in bocca. No, non fu un caso che con Piero e Mariella ci fu poco. Ci fu più che altro, anche da parte loro, come un senso di riservatezza. La riservatezza andò a farsi benedire una settimana dopo. No, non eravamo invitati alla villa ma da loro perché volevano scusarsi con noi. Non ci dissero niente delle feste al villino perché si vergognavano. Come finisce finisce, pensarono. Ce ne parlarono approfonditamente dicendoci pure che quella per loro era la quinta volta. Ci parlarono pure della loro prima volta e ci chiesero se avevamo intenzione di andarci ancora nel caso in cui Federico ci avesse invitato. Rispose Giuliana dicendo che non ne era sicura e che ci doveva pensare. Convenimmo ridendo che ne valeva la pena. Poi Piero, battendo le mani e sedendosi vicino a Giuliana, disse: Stasera che cè bisogno per forza del film? Niente facciamo? Un invito bello esplicito e senza aspettare risposta prese a palpare le tette di mia moglie dicendole che quella sera laveva impressionata molto. Mi diedi da fare con Mariella e subito passammo alle slinguatew. In breve tempo si passò ai pompini, ai 69, alle scopate selvagge, alle inculate e alle doppiette. Una bella serata. Linvito successivo da parte di Federico fu nel mese di giugno, dopo il lockdown. Conoscemmo altre due coppie nuove. Piero e Mirella non cerano. Fu bellissimo il nuovo approccio, dopo quella prima volta, con Lina quando andavo a trovarla in ufficio. Mi sa un incontro tete a tete lo gradirebbe.

Ammucchiata in spiaggia | Racconto orge di Anonima

Come accade spesso sono andata a trovare il mio ragazzo nel week end. Vista la splendida giornata dopo pranzo abbiamo deciso di andare al mare. Mi ha portata in un posto meraviglioso ancora quasi incontaminato. Peccato che per causa del suo comportamento un po maschilista abbiamo litigato e abbiamo trascorso buona parte del pomeriggio separati. Era geloso del mio topless, ma il posto era praticamente desolato e io non vedevo perché mai avrei dovuto indossare la parte superiore del bikini. Stanco di passeggiare è tornato in silenzio a stendersi al sole. Fatte ormai le 19, ho approfittato del fatto che si fosse messo a sedere per appoggiarmi sul suo petto. Allora mi ha baciato sul collo piano, piano e poi mi ha stretto i seni tra le mani a riprova del fatto che il topless non è poi così tanto una brutta cosa. Insomma qualche bacio e qualche palpatina dopo la situazione si è fatta caliente e abbassato il suo costume, gli sono montata sopra nel vero senso della parola. Stavo godendo tantissimo, quando ci copre con laltro asciugamano e mi ferma. Si era accorto che due persone stavano passeggiando poco distante e ovviamente infuriato borbotta.

Finalmente 2 cazzi in culo | Racconto orge di gigi il cornuto

Mi avevano detto che chi prende due cazzi nel culo gode come non mai, io ho voluto provare e con una mia amica ci siamo messi a cercare se ciò era possibile ed infatti su un giornale per coppie abbiamo trovato una coppia di maschi che faceva al caso nostro. quindi fiduciosi siamo andati allappuntamento con la mia amica, vestita da grande troia, in un albergo di cremona, loro però si sono presentati in tre, 2 maschi ed una donna, ci siamo presentati ed io ho detto a mario laltro beppe e la donna gio(vanna). ma come facciamo adesso io avevo chiesto due uomini, stai tranquillo lei e solo di aiuto, e cosi dicendo tirò fuori il cazzo (notevole) e mi fece aprire la bocca e disse adesso succhia e gli feci un grande pompino mi venne in bocca mentre le due donne e beppe si stavano palpeggiando io dissi alla mia donna dai fatti sbattere mentre io incomincio a farmi fare il culo da mario e poi beppe da dietro mi mise due dita nel culo e disse a mario questo è già aperto per bene e quindi e meglio che incominciamo la giò intanto sera attaccata al buco del culo di mario e quindi lascio luomo e venne a leccarmi il culo quindi mi sdraiai a pancia in giù con le gambe che pensolavano dal letto la mia donna venne davanti e mi misa la figa davanti alla bocca e la giò si tolse dal buco del mio culo e allora beppe mi inculò molto adagio e poi sempre più forte e mario si fece fare un pompino da giò e dopo si avvicino al mio buco del culo e spostando leggermente beppe incomincio a forzare per fare entrare anche il suo cazzo nel mio buco del culo mentre io leccavo la figa a giovanna che aveva sostituito la mia donna la quale andò dietro per aiutare i due ad incularmi dopo alcuni minuti di spinte finalmente entrarono entrambi nel mio buco del culo. fu un momento quasi tragico per me mi fecero un male cane ed io al momento maledii chi mi aveva detto che era bellissimo. ma mentre i due continuavano ad incularmi malgrado le mie proteste venne tutti e due nel mio buco del culo ed allora anchio incomincia a godere e dopo che i due tolsero i loro cazzi dal mio buco del culo la mia donna si mise a leccarmelo e la giò mi scivolo sotto e mi prese il cazzo in bocca ma beppe gli disse lascia fare a me vedrai che goduria mi disse e cosi e stato. mi fece un gran bel pompino ed io venni però nella bocca di mario che sostituì beppe allultimo minuto e poi dopo avermi ripulito il cazzo adesso lo facciamo alle signore e giò disse era ora che ci facciate divertire anche noi e dopo avere riposato un pò la mia amica mi dice ma anche a me vogliono mettermi due cazzi nel culo certo dissi io, prima te li mettiamo nella figa e dopo nel culo. quindi io e mario mettemmo prima i nostri due cazzi nella figa della mia amica, metre beppe lo mettava nel culo di giò dopo noi due lo mettemmo nel culo di giò che era abituata a prenderne due nel culo e godette come una cagna in calore. dopo io e beppe incominciammo a lavorare il buco del culo della mia amica che quasi piangeva ma dopo alcuni sforzi entrammo tutte e due contemporaneamente nel culo e lei lancio un urlo quasi selvaggio e disse smettetela mi spaccate in due. ma noi non ci fermammo e mentre la giò la bacia in bocca noi le riempivamo di sperma caldo il buco del culo. dopo una mezzora i tre dissero noi dobbiamo andare spero di rivedervi e allora io dissi perche prima di andare non mi fate inculare da solo la giò e lei disse va bene ma vedo che non ti tira ma questo non è un problema i tuoi due amici fanno casa fare e cosi dicendo ficcai il cazzo in bocca a mario e la mano nel buco del culo di beppe e cosi il mio cazzo ridivenne abbastanza duro da incularla con notevole piacere di entrambi, ciao a tutti.

Al cinema porno | Racconto orge di Vecchiobambino

Quel giorno Cristina e suo marito Tiziano si stavano annoiando un po. Avevano voglia di sesso, ma non del solito sesso in casa, nel letto o sul divano, cercavano qualcosa di più, un po di trasgressione e quando venivano loro quelle voglie, erano pronti a soddisfarle in qualsiasi modo. Daltronde Cristina era abituata ad andare con altri uomini sotto gli occhi del marito e a lui faceva piacere assistere e partecipare alle esibizioni erotiche della moglie.

La mia prima volta a strip-poker | Racconto orge di Claudia3719

Ciao a tutti, mi chiamo Claudia, ho 25 anni e voglio raccontarvi questa mia esperienza che mi è successa 3 anni fa. Mi descrivo: sono di Rimini, sono alta 1,70, capelli scuri lisci, occhi verdi, fisico ben definito e 4° naturale di seno. Sono etero, ma il corpo femminile non mi lascia del tutto indifferente. Una sera di autunno un mio amico ha invitato me e tutto il nostro gruppo di amici a trascorrere la serata da lui visto che aveva casa libera. Eravamo una decina tra ragazzi e ragazze, e ci guardiamo un film tutti insieme a casa del nostro amico Massimo. Finito il film, Federico propone di giocare a poker, ma Massimo propone di giocare alla versione sexy per aumentare la posta in gioco. Ovviamente i ragazzi accettano allistante, mentre noi ragazze siamo più titubanti, ma alla fine ci lasciamo convincere. Il gioco è semplice, ad ogni mano di poker, chi perde deve togliersi un capo dabbigliamento. Purtroppo io parto svantaggiata, in quanto indosso solo un tubino nero e lintimo. La prima costretta a spogliarsi è Chiara, la sua doppia coppia la fa perdere, e quindi si sfila il jeans, mettendo in mostra il suo perizoma nero. Alla mano successiva ho un bel full, e sicura di me riesco a far togliere la maglietta a Massimo, che mette in mostra un bel petto scolpito da anni di palestra. Leccitazione nellaria sale, e dopo qualche altra partita sono costretta a sfilarmi il tubino, restando solo in mutandine e reggiseno bianchi. Dopo un pò, la mia amica Serena perde ed è costretta a sfilarsi il reggiseno, mostrando a tutti le sue tette tra gli applausi dei ragazzi. Passano altre partite, e tra le ragazze più di una resta completamente nuda, ma per non farle uscire dal gioco, possono scontare delle penitenze per continuare a giocare. Massimo mi fa perdere il reggiseno, e quindi sono costretta a liberare le mie tettone tra la soddisfazione di tutti i miei amici. Massimo è rimasto solo con i boxer, ma non riesce a trattenere leccitazione per cui si intravede un cazzo in piena erezione davvero niente male; la mano dopo ho molta fortuna e proprio contro Massimo mi capita un poker tra le mani, per cui lo costringo a sfilarsi i boxer. Lui capisce che sono molto eccitata anchio, per cui mi dice: Se vuoi le mie mutande, vieni a prenderle!Io non mi faccio certo pregare, mi alzo e mi avvicino molto a lui, gli struscio le tette sul suo petto per farlo arrapare un altro pò, poi mi accovaccio e mi ritrovo con la testa a 10 cm dal suo cazzo, ne sento lodore forte, con un movimento rapido gli abbasso i boxer e gli libero il pisello che stava scoppiando. Appena lo vedo resto incantata, sarà stato almeno 25 cm, completamente in tiro e già scappellato. Cerco di restare impassibile, mi prendo i suoi boxer a mo di trofeo e ritorno al mio posto. Nel mentre Serena perde ma è gia nuda, quindi Federico come penitenza gli impone di baciare per 20 secondi le tette di una ragazza a sua scelta. Lei sceglie di baciare le tette di Francesca, che porta una 3°, per cui affonda il viso tra le sue tette mordicchiandole i capezzoli. Nel frattempo anche io resto nuda, mostrando a tutti la mia fichetta depilata, in particolare Massimo sembrava molto interessato. Di nuovo io contro lui, ma stavolta ha lui la meglio, e come penitenza mi chiede di succhiargli luccello per 1 minuto. Io non mi faccio pregare e subito mi avvento sul quel ben di dio, iniziando a leccare la cappella e poi prendendolo tutto in bocca. E stupendo, quasi soffoco da quanto è lungo, lo masturbo un pò con la mano, e quasi allo scadere del minuto lo prendo di nuovo tutto in bocca, arrivando a sfiorare le palle con le labbra. Scontata la penitenza il gioco continua, ed è Chiara a perdere contro il nostro amico Antonio, che come pegno le chiede di farsi scopare a pecora proprio da lui; si mette il profilattico e inizia a scoparla per bene da dietro. Ci sa proprio fare, beata lei; mentre Antonio e Chiara continuano a darci dentro, il gioco continua e questa volta sono io ad avere la meglio su Federico; come penitenza lo lego alla sedia completamente nudo, mentre io e Serena gli facciamo un bel pompino. Voi direte, e la penitenza? La penitenza consisteva nel giocare con lui ma di non farlo venire, per cui io e Alessia iniziamo a succhiargli il cazzo, comincio io sulla cappella mentre Serena si concentra sulle palle. Dopo un pò è al culmine del piacere, e noi prontamente ci stacchiamo da lui, e prese dall’eccitazione, ci baciamo tra noi scambiandoci la saliva da vere porche. Facciamo lo stesso giochetto altre due o tre volte, e il suo cazzo stava per esplodere in quanto aveva la cappella molto gonfia e violacea. Decidiamo che è davvero troppo, e visto che Serena prendeva la pillola si siede su di lui guidando il suo cazzo nella sua fica; bastano tre colpi di bacino di Serena, e Federico scoppia in un bellissimo orgasmo riempiendole la sua fica di sperma bollente. Serena si sfila da Federico e dalla sua fica inizia a colare tantissimo sperma, io sono bagnatissima e inizio a leccare lo sperma direttamente dalla sua fichetta rasata. E’ davvero bellissima, inizio a scoparla con la lingua, e lei inizia a godere tantissimo, così ci infilo tre dita dentro fino a farla venire. Ormai abbiamo perso tutti i nostri freni inibitori, vedo tutti che stanno scopando ma il mio obbiettivo è il cazzo di Massimo. Lo vedo che si sta facendo fare un pompino da Irene, per cui mi aggrego anche io. Com’è bello il suo pisello, non smetterei mai di succhiarlo. Mi giro di spalle, ed inizio a strusciare il culo sul suo pisello, lui inizia a palparmi le tette, stuzzicando i miei capezzoli duri per l’eccitazione. Cerca di insinuarsi nella mia fica, ma purtroppo sono costretta a bloccarlo perchè non prendevo la pillola e lui non aveva nemmeno un preservativo, così gli dico che se vuole può entrare nell’altro buchino. Ci sputa dentro ed inizia a infilarci un dito dentro per rilassarlo, sono al settimo cielo, ci sa davvero fare. Poi ci infila tutto il cazzo molto delicatamente, e io gemo per il dolore perchè è veramente grande. Poi inizia a scoparmi lentamente e poi aumenta sempre di più il ritmo; dopo un pò mi dice cha ha quasi raggiunto l’orgasmo, così mi sfilo il cazzo dal culetto e lo prendo tra le mie tette, stringendole con le mani. E’ bellissimo sentire il suo cazzo che fa avanti e indietro in mezzo alle mie tette, e dopo pochi colpi viene inondandomi le tette di sperma bollente. Irene si avvicina ed inizia a ripulirmi le tette con la lingua, e per la gioia di Massimo iniziamo a baciarci scambiandoci lo sperma tra le nostre bocche. Anche gli altri hanno finito di scopare, ed a turni andiamo a farci una doccia per ripulirci. Lasciamo tutti felici la casa di Massimo, ma purtroppo non abbiamo mai più replicato quella sera, anche se da quel giorno io e Massimo siamo diventati trombamici in quanto avevamo una bellissima intesa sessuale.

cazzo di negrovendo il culoho inculato mia nipoteeroticiracconti.itla prima volta con mia cuginaracconti eropticiinculata da vecchioracconto incestitroppo bonaquella zoccola di mia moglieperizoma in palestratroia capsedere rottola prima volta con mia ziasesso con mio figliosono stata sodomizzataschiave frustatecazzo nel murostorie erotichracconti sesso estremobuon natale eroticoracconti sadomasifallo di gommapiedi pieni di sborraincularsi la cuginail pompino di mia cognatanudisti guardonisesso a tre bisexpisciami sul cazzostorie porno amatorialiorge pazzeschescopata con il dottoremasturbazione animaliinculata dal cognatofiga incestoracconti incesti mammaracconti erotici adultitracconti eroticieroticiracconti gaypompini nei parcheggiracconti mamma figliostorie sesso veresesso con suocerazoccolonaravconti eroticiracconti erotici gay e bisexracconti oornoerotica tourmogli in orgiaraccobti eroticicentro benessere eroticoscopa un canerotte nel culoerotici raccobtierorotici raccontimia sorella mi toccaultimi toplessseghe masturbazionecagne arrapatebello di ziabuon compleanno ziettopolina atomo occhiscopata da un canestorie eroticidue donne un uomo sessostorielle pornomano dentro la vaginaculi infuocatiscopare mamma amicoil cazzo di mio nipoteracconti lesbo bdsmstorie tradimentisempretibetorgia di compleannostrusciarsi in discotecaorgia in conventola moglie in caloreculi vergini rotticoccole hardfare sesso con gli animaliracconti erotici di sottomissionemassaggio di coppia erotico