Mamma mi fai un pompino? – 6 – Le prime sborrate nella sua fica | Racconto incesti di Anna madre incestuosa

Oggi ho deciso di riprendere il filo del racconto ripartendo da quello che era successo il mattino del mio risveglio dopo quel primo,traumatico pompino che avevo fatto a mio figlio e poi…tutto quello che era accaduto nei giorni successivi e che aveva dato inizio al definitivo cambiamento del corso della mia vita affettiva,erotica e della mia visione morale e del mondo.

Mamma ti amo | Racconto incesti di lucaded

Ho 18 anni, la mattina studio e il pomeriggio rimango solo in casa, sarà stata la noia ma iniziai a guardare video porno, mi piaceva guardare i trans, iniziai a provare i vestiti di mia madre, le sue calze, i reggiseni che imbottivo con fazzoletti, poi mi masturbavo. Un giono lei tornò prima dal lavoro e mi scoprì così vestito con il cazzo duro, invece di scandalizzarsi lei si spogliò e iniziò a cavalcare il mio cazzo, purtroppo per leccitazione venni subito e venni dentro.

La cognata scopata | Racconto incesti di Tenebrous74

Telefonata della cognatina sul mio cell. Lei mi chiede se posso scendere da lei per sistemare una presa di corrente del bagno che fa i capricci, e se posso andarci la mattina che lei resta a casa, le dico di si e l’indomani mi reco nel suo appartamento, i figli sono a scuola e il marito a lavoro, suono al citofono e lei mi apre, salgo le scale e lei mi accoglie d’avanti alla porta d’ingresso con addosso una magliettina e un paio di pantaloncini attillati.

Il malumore di mia suocera | Racconto incesti di kranic 2021

dopo le tante scopate con la nonna e le più diradate scopate con mia suocera, all ultima scopata, noto che è più fredda, al che le chiedo il motivo di questa sua freddezza, tra le lacrime mi dice che ha capito che ho unaltra donna, si è fatta mille domande, tanti dubbi, pensava che scopavo con mia cognata maggiore, che anche se un pensiero glielo avevo fatto, ma non avevo tempo per dedicarmi a lei per adesso.

Avevano un piano per farmi la festa | Racconto incesti di ScorpioneRM

Tornato da scuola in doccia e uscendo sento delle voci in camera di mio fratello Luca 20 anni io ne ho 18 sdraiati sul letto affianco a lui mio cugino Walter 21 anni guardavano un film porno e si masturbavano cazzo mio cugino stava messo meglio di mio fratello più corto ma doppio di circonferenza mio cugino lungo grosso cappella a fungo e avevano le palle gonfie mi sono eccitato ho fatto cadere asciugamano intorno alla vita e mi sono accarezzato e infilato le dita nel culo per paura di farmi scoprire ho accellerato i movimenti e mi sono schizzato nella mano e sono scappato in camera mia Il giorno dopo stavo mangiando in cucina mio fratello mi ha detto dopo che hai fatto la doccia porta una birra in camera mia a Walter è uscito ho fatto la doccia poi sono sceso ho preso due birre e sono salito ho bussato e aperto lui era sdraiato aveva una canottiera e sotto era nudo il cazzo era dritto lo chiamato poi curioso ho accarezzato il cazzone duro aperto gli occhi e mi ha detto ciao bello che ne dici è grosso ? Si fa paura gli ho passato la birra e abbiamo bevuto poi mi ha detto voglio farti vedere una cosa ha preso il cellulare e mi ha mostrato un video dove io spio loro e mi sego e mi accarezzo il culo e infilo le dita tremando e schizzando mi ha fatto segno di sdraiarmi sul letto Vedi carino non vuoi che lo mostro a TUO FRATELLO O TUO PADRE sai che casino che fanno un fratello e figlio finocchio e mi accarezzava poi ha preso la mia mano e la portata sul cazzone io lo segavo poi mi ha tolto asciugamano intorno alla vita e mi ha stretto le chiappe se sei gentile io sto zitto e mi ha spinto la testa sul cazzone lo baciato e leccato e succhiato e mi teneva ferma la testa e da sotto spingeva il cazzo per farmelo ingoiare poi si bagnava le dita e le infilava nel culo allargandolo mi ha costretto a mandarlo tutto in gola e mi ha girato a leccarmi e succhiarmi il buco che era pulito perchè sotto la doccia infilavo il tubo e lo pulivo dentro poi mi girato e io sotto allargato le gambe e salito sopra mi ha tenuto aperto le chiappe e sputato dentro e poi appoggiato il cappellone e a spinto una mano intorno al collo e altra sotto a bloccarmi il cazzo eccitato mi leccava il collo e le orecchie e poi mi ha girato il viso e quando ho fatto delle smorfie di dolore mi ha infilato la lingua in bocca e mi ha scopato poi lui sotto io seduto sopra e da sotto mi alzava e mi abbassava poi a pecorina infine mi ha sbattuto sul letto a gambe aperte venuto dentro e mi ha baciato con una forza e passione e entrato mio fratello nudo a cazzo dritto e mi ha messo il suo cazzone in bocca e ha preso il posto di mio cugino e lo succhiato e ingoiato mi ha scopato anche lui in tutte le posizioni poi lui sotto io in mezzo e altro dietro mi hanno infilato i due cazzi insieme e li urlato di piacere e sono venuto e anche loro in bagno a ripulirmi e poi li ho iniziati a succhiarli facendoli eccitare e mi hanno sbattuto soli e insieme e tutti e due io inginocchio e loro in piedi davanti alla mia bocca e ho ingoiato tutto .quando avevano voglia mi chiamavano e mi usavano un pomeriggio mi hanno chiamato in camera una benda sugli occhi e le mani dietro la schiena in ginocchio mi avvicinavano i cazzo sulla bocca e succhiavo mi ero accorto che uno era diversa i loro ormai a occhi chiusi li riconoscevo e questo era largo facevo fatica a ingoiarlo poi mi hanno tirato su e messo a pecorina uno i n bocca e uno in culo e quando entrato il cazzone ho sentito la carne slabbrarsi mi teneva con le manone sotto le cosce e mi tirava quando lo spingeva facendolo entrare tutto e urlavo dal piacere mi hanno sciolto le mani e mi sono sfilato la benda e il terzo era un ragazzone grosso roscio e cazzuto mi ha tirato e a cavalcioni sul cannone e sono venuto e mi ha girato e mettendosi le gambe sul collo mi ha scopato sbattendomi forte e alla fine ha scaricato un litro di seme colava dal culo e poi io in mezzo e a turno mi hanno spaccato il culo con due cazzi insieme passata una settimana avevo il culo che mi bruciava mettendo creme anestizzanti mi hanno detto domani pomeriggio andiamo ad una festa di un nostro amico preparati In una villa una festa pochi invitati vedevo dei ragazzi in costume buttarsi in piscina poi bere mi hanno portato dietro la casa un miniappartamento un salone angolo cottura e un bagno una camera da letto con un letto grande e tondo mi hanno fatto spogliare e dovevo aspettare dopo un quarto d ora si aperta la porta mio fratello mi ha detto fai finta di dormire e fai tutto quello che ti chiede il mio amico e mi da una sculacciata ci sono solo delle piccole luci il tizio si siede e mi accarezza le spalle e scende poi sento la sua lingua lungo la colonna e mi vengono brividi mi muovo mi infila la lingua nel culo mi morde la chiappe le stringe le bacia poi mi gira e mi lecca tutto succhia il cazzo poi si allunga e mi bacia con passione sento il suo cazzone sulla pancia mi abbasso lo lecco lo bacio e lo ingoio è duro sui 19 cm mi tiro su e mi ci siedo sopra e lo faccio entrare poi mi giro di lato e mi sbatte è dolce bacia con passione mi tocca delicatamente e si gira a 69 e veniamo uno nella bocca dell altro esce lui entra un altro e cosi per tutta la sera cazzi di tutte le misure ma il festeggiato un po bevuto mi prendeva con forza e della violenza costringendomi a fare quello che gli piaceva avevo capito che piu facevo resistenza e piu si eccitava e quando mi ha scopato ho goduto alla grande mi ha costretto a bere e succhiarmi la mano e poi il suo facendomelo ingoiare e baciandomi passandomi la lingua in bocca tutti soddisfatti poi mi hanno preso a fine serata mio fratello e mio cugino

Scopiamo e inculiamo la mamma | Racconto incesti di swm

Mi chiamo Antonio, la mia vita scorre tranquilla, qualche ragazzina, amici, il motorino, approposito del motorino, è un catorcio, oggi è domenica, tutti a casa, dopo mangiato il babbo è andato subito nell orto poco distante,possiamo vederlo da casa, fa molto caldo, la mamma sta lavando i piatti, indossa solo una vestaglia leggera e un pannello, è molto corta e un po chinata posso vederle quasi le mutande, è grassoccia, parecchia cellulite e un sedere bello grosso, e non parliamo delle tette, sciolte sotto la vestaglia, pendono e appoggiano lulla pancia. decido di partire, fatte poche centinaia di metri come sempre il motorino si ferma,cerco di farlo ripartire ma niente da fare,fortuna che è discesa, torno indietro e mi infilo subito in cantina dove ho gli attrezzi per ripararlo. dopo poco sento il rombo del motorino del mio amico franco, lui è piu esperto e può aiutarmi ma passano i minuti e non lo vedo apparire, forse la mamma gli ha dato qualcosa da bere, salgo le scale di corsa andando in cucina, non vedendoli mi fermo un attimo, mi basta per sentire un po di trambusto dietro la porta di camera mia,se non si spinge bene rimane solo accostata, allento un pochino e li vedo,hanno steso una coperta sul mio letto,mamma è stesa di fianco sul letto in maniera oscena,la vestaglia sollevata, franco in piedi di fronte a lei, si è levato i pantaloni e lo sta spingendo in bocca alla mamma,un cazzo bello grosso, non come il mio ma bello grosso, è lui nche fa avanti e indietro tenendogli la testa spingendolo fino in fondo, con laltra mano ha alzato una chiappa e fruga tra il cesto di peli,parlano piano ma nel silenzio li sento molto bene, lo lascia un attimo e lo guarda negli occhi, ne avevo proprio voglia,antonio torna stasera e lui sta nel campo fino a tardi, vienimi sopra che ho voglia di sentirlo, si è stesa gambe a ciondoloni,sempre in piedi lui ha preso le tettone cadenti dalle parti accostandole, si è chinato e ha preso i due capezzoloni eretti in bocca, lei con in mano luccello se lo è accostato, ha tirato indietro la testa,chiuso gli occhie bocca aperta ha tirato un lamento quando è entrato e ha cominciato a pompare, non era piu il mio amico, tutto sudato che mi sbatteva la mamma che lo incitava con amore,piccolo mio, senti come ti voglio, quando vorrai potrai approfittare sempre di me, che rimanga un nostro segreto, vienimi dentro che voglio sentire i tuoi schizzi, pochi colpi veloci e lho visto accostarsi fermo, stava venendo. dopo poco lo ha baciato come un bambino nella culla, ha preso la strada del campo e lui se ne è andato. ero eccitato al massimo, ho aspettato il suo rientro ho salito le scale di cantina facendo finta di essere tornato allora, stava lavando la verdura,mi sono accostato dicendole; ti voglio bene mamma; anche io amore mio. ma lho abbracciata brancando le tette, mi ha fulminato ma io subito ho detto un nome, franco, è tornato tutto normale perche stava rientrando il babbo stanco morto, ha mangiato qualcosa e subito si è steso sul divano per dormire qualche oraentrava alle dieci per il turno di notte, ma non potevo aspettare; vieni in camera mia , dobbiamo parlare, questa storia deve finire, avevo già tutto in testa, appena dentro ho cercato di spingerla sulletto, si divincolava pregandomi; fermo, sei mio figlio, ho alzato la voce ma lei mi ha messo una mano alla bocca, si è girata volendo uscire ma prima che potesse lho accostata alla porta e le ho alzato la vestaglia piangeva; ti prego, parliamone dopo che è partito il babbo, quella notte come le altre notti a seguire ho dormito nel letto matrimoniale scopandola e inculandola allo sfinimento, il mio amico ha minacciato di rendere la cosa pubblica ma abbiamo trovato rimedio, quando io la scopo lui si fa fare un pompino con lingoio,quando lui la scopa io mi faccio fare un pompino con lingoio ma gode di piu quando la trattiamo da troia e la scopiamo e inculiamo insieme, meglio quando possiamo vedere dalla finestra il babbo nel campo !!

Come ho iniziato a scopare con mio padre 2 (ora anche con mia madre) | Racconto incesti di kim

Sono Stefano, già dalletà di 16 anni avevo iniziato a guardare i miei genitori mentre facevano sesso. (Come scritto nel mio primo racconto). Ora da un mese scopavo con mio padre ed era bellissimo, mi ha insegnato molte cose e a godere moltissimo. Mio padre, che gli è sempre piaciuto avere un vibratore nel culo mentre scopa con mia madre, ed ora gli piace avere anche il mio cazzo nel culo, è bisex. Penso di esserlo pure io, mi piace quando mio padre me lo mette nel culo e viceversa, ma quello che voglio tanto fare è scopare una donna. Un giorno mentre mio padre e io eravamo a letto dopo aver fatto sesso gli ho detto che mi sarebbe piaciuto scopare una donna. Gli ho chiesto comera scopare una donna. Mio padre mi ha risposto che toccare, baciare, leccare, succhiare e scopare una donna era una cosa bellissima. Ad un certo punto ho preso il coraggio e gli ho chiesto: Lo sa la mamma che scopiamo insieme? Mi piacerebbe provare a far sesso con lei.

Fratello e sorella soli a casa (Lockdown story) | Racconto incesti di Veronica Mahler

Le giornate durante il lockdown erano tutte uguali, I genitori di Simona e Umberto lavoravano entrambi in un supermercato, il padre come direttore la madre come cassiera, pertanto erano autorizzati a recarsi a lavoro. Mentre Simona, diciottenne, e il fratello Umberto di un anno più grande erano studenti. Passavano gran parte della giornata a guardare Netflix, a volte facevano videochiamate con gli amici o cazzeggiavano sui social. A Simona mancava tanto il sesso con il suo ragazzo, mentre Umberto era ancora vergine e, chiuso in camera, passava molto tempo a farsi le seghe sui siti porno.

Serata imprevista 15 | Racconto incesti di Vinni

Ci risistemiamo ed io le apro la porta dello studio per farla uscire, tutti ci guardano, lei mi saluta amabilmente e si incammina verso l’uscita, come si allontana, lo sguardo di tutti i componenti dello studio si riversa su di me, deve essere fin troppo chiaro quello che è successo nella mia stanza, perfino il mio socio è uscito e mi guarda sornione, i ragazzi dandosi di gomito, le segretarie con sguardo di disapprovazione, e Estella poi, mi guarda proprio con aria schifata, indietreggio a lunghi passi all’indietro verso il mio ufficio, come una mummia che rientra nel sarcofago, cerco di richiudere la porta ma la mano del mio socio blocca la porta ed entra ridendo come un matto, la figlia Estella ne approfitta per intrufolarsi in stanza dietro di lui.

Io spio 9 mia mamma | Racconto incesti di lucaded

Verso luna di notte mi recai dalla cameriera, solita trafila mi truccò con molta cura e mi vestì con lintimo, calze a rete, reggiseno imbottito, vestaglia di seta, io avevo preso una pastiglia che mi aveva dato la nonna ed avevo una splendida erezione, lei mi sedette sul letto e iniziò a spompinarmi con gusto, mi sembrava di venire ma non sborravo, il cazzo era durissimo, poi mi disse che voleva legarmi e che comunque dopo si sarebbe data a me.

la mia schiavascoperto a segarsircconti incestostorie porno videoracconti di cuckoldmoglie troiettaragazza che viene sverginatascopata per ricattocane scopa la sua padronami inculo la mammaletture eroticheraccont eroticcentro benessere eroticoracc sexmoglie in spiaggiaalba eroticaincesto tra cuginiracconti pene piccolocornuto bisexracconti zie troieerotica passionesesso gay orsiracconti incetola mamma in caloresborrielloeroticiracla mia vicina porcagenere dei racconti eroticiaccecante o acciecantetrova transracconti porno dominazionei primi pompinimamma scopa figlio raccontimi scopo la mia migliore amicaracconti moglie troiaracconti eeoticiporno mature raccontitettone nude al marestorie mogli troieleccate di clitoridesesso con elettricistamia moglie e una porcamilitari gay pornoracconti pirnosexy orgechiavata gaystorie sessmamma senza mutandineracconti sesso amatorialiquella puttana di mia moglieracconti erotici gay fratellimassaggi erotici anali2 cazzi in figascopate con gli animaliracconti erotici animalle cosce di mammacuckqueansesso racconti eroticiracconti erotici di incestoracconti erotici incesto sorellazoofilia raccontiracconti eroticiùracconti hot gratisfantastico pompinoraconto eroticoprima volta cuckoldeccitatissimaracconto erosfradicia pluraleracconto erotico incestierotic raccontiporno x adultidominazione transdonna inculata da canesuora figaestremo analeseghe e schizziminigonne e collantil culo di mia madreidraulico e la casalingaorge di gruppoporno tradimenti in famigliaracconti erotici gloryholescopata treracconti gay incestidonne che fanno sesso con cavallocane che scopasessodonneconanimalisuocera trombata