A quarantanni finalmente rotta in culo | Racconto tradimenti di Anonimo ma non troppo

Ciao cara G.
Mancava sicuramente poco al nostro primo incontro. Il tuo nome già aleggiava nella famiglia della troia. Non ci conoscevamo ancora ma da li a poco lo avremmo fatto.
In compenso la vacca aveva fatto un passo decisivo: era uscita di casa per essere ospitata da parenti.
Il fatto stesso che avesse detto che era una situazione momentanea faceva ben capire che si lasciava le strade aperte per un ritorno a casa. Infatti non ci pensò nemmeno ad andare da un legale per la separazione.
Neanche per idea! Il cornutone faceva di tutto per riconquistarla e lei si comportava da vittima infelice.
In compenso aveva cominciato a chiamarmi amore.
Non che le cose cambiassero molto in fatto di sesso. Prima mi diceva dai porco trovami dei cazzi, ora diceva dai amore trovami dei cazzi!
Però che mossa vincente andare fuori di casa. Esattamente come quelle precedente in cui diceva al cornuto che era finita.
Ora era liberissima! Se prima la sera doveva uscire sotto gli occhi del marito ora poteva farlo senza alcun problema.
Il luogo di incontro rimase ( ed è ancora il medesimo). A pochi passi da casa tua.
Erano passati solo due mesi dal mio primo contatto.
Ora alla vacca rimaneva solo da farsi fare una cosa: rompere il culo !!!
E’ una mattina e mi chiama un certo Iobull e si comporta da porco. Troppo porco. Anche per me che non mi scandalizzo facilmente.
Mi dice che si offriva per portare (insieme a un paio di suoi amici) la puttana in motel e farla godere come una puttana. Usa proprio queste parole: portiamo la puttana in motel e la facciamo godere.
Gli dico che lei non lo prende in culo e lui aggiunge ,ridendo, che potevano essere loro romperglielo, così provava finalmente una bella doppia.
Mi stupivo di come una troia simile fosse arrivata a oltre quaranta anni ancora vergine di culo, nonostante la vagonata di cazzi presi dar ragazza.
Ma era vergine. Lo avevo constatato infilandole in varie circostanze un dito nel culo. Ed entrava con parecchia fatica causandole anche un poco di dolore.
Tornando al porco. Insomma: a me questo tipo non piace per niente.
Ma l’idea che siano altri a romperle il culo mi eccita.
Lo avessi fatto io sarebbe stato il quarto culo che avrei rotto. Non sarebbe cambiato molto.
Invece mi intrigava vedere fin dove potesse arrivare quella grandissima troia.
Decido di far scegliere a lei.
E per farlo devo girare a entrambi i relativi numeri telefonici. Da quel momento in poi io sarò tagliato fuori da tutto.
La puttana si mette in contatto con lui. Quando la risento le chiedo:
-Ma come l’hai trovato? A me è parso troppo porco. Ho avuto anche una piccola discussione con lui perché mi ha apostrofato come un cornuto, e sai che a me non garba. Gli ho detto che sono un complice, non un cornuto. Ma, a parte questo, a te come è sembrato?-
-Mah. Per me è ok. Anche il gruppetto era porco, ma mi sono divertita. Per me è ok.-
Ero consapevole di essere insieme a una troia. Una troia oltre l’immaginabile, ma in quel momento rimango comunque sorpreso dalla naturalezza. Naturale, ma anche eccitata.
Me ne rendo conto dal tono di voce. Saprò in seguito che la puttana appena chiuse la telefonata con il porco andò in bagno a masturbarsi.
Le chiedo di aggiungermi dei particolari.
-Quando mi ha chiamata ero al bar con le amiche. Le fighe di legno. Mi stavano giusto sfottendo perché io e te abitiamo lontani e quindi facciamo poco sesso. Se queste fighe di legno sapessero cosa faccio! Comunque, ti dicevo che mi ha cercata che ero al tavolino e sono uscita. Le amichette pensavano che fossi al telefono con te.-
-Ma lui come si è comportato?-
-Da porco. Ma sai che mi eccitano i maschi porci. Non voglio mica fidanzarmi, Voglio godere!-
-Quanti tori sarebbero?-
-In tre. Mi ha chiesto se mi piacciono superdotati. Ho detto si, ma prima li voglio belli duri. Meglio dei cazzi duri e un poco più piccoli, piuttosto che grossi ma molli. E comunque( qui la troia fa una risatina) se sono grossi e anche duri, meglio ancora!-
-Hai già definito i particolari?.-
– Si. Volevo solo sapere però se chiami tu quando sono in motel o chiamo io?-mi chiede la troia.
– Chiamo io. Mi raccomando le foto falle solo dal tuo cellulare e poi quando torni a casa me le invii. A che ora hai appuntamento?-
-Ci troviamo alle nove al solito parcheggio. Quindi valuta tu quando chiamare. Il tempo di arrivare e iniziare.-
Saprò in seguito, e con certezza, che la puttana provocò il porco (che non ne aveva certo bisogno) parlandogli della sborra come la sua bevanda preferita, della voglia che aveva di riprovare due cazzi in figa e che gradiva un vero trattamento da zoccola.
Il porco (evidentemente non fidandosi di ciò che gli avevo detto) le chiese se effettivamente non lo prendeva in culo come gli avevo anticipato.
Alla puttana sarebbe stato sufficiente un no. Un semplice no. Senza aggiungere altro. Invece confermò la sua verginità di culo, ma lo fece ammiccando al fatto che era tempo che qualcuno glielo rompesse.
Ore ventuno.
Alle ventuno ricevo una telefonata. E’ lei che mi chiama.
Avendomi detto che si trovavano alle ventuno in punto, penso che qualcosa sia andato storto. Probabilmente qualche imprevisto ha fatto saltare l’incontro. Inoltre eravamo d’accordo che avrei chiamato io.
Rispondo. Il tempo di dire :
-Ciao ..….- cerco di rispondere.
Non riesco a ultimare la parola che vengo sommerso da una voce maschile e porca:
-Ciao cornuto! Senti come gode la tua donna quando è piena di cazzi! Senti come gode! Diglielo troia! Diglielo che godi!-
Ora il telefono è vicino alla bocca di Marta:
-Oh. si, oh si, si…si…siiiii-
-Ha due cazzi in figa la troia. Adesso chiudo la telefonata, così mi dedico meglio alla bocca di questa troia. Gliela scopo fino a sborrarle in bocca, come vuole lei!!-
La telefonata si chiuse. Ero immobilizzato dallo stupore. Richiamai ma il telefono squillò a vuoto.
Solo a fine serata seppi che i porci proposero alla zoccola di anticipare l’ orario dell’ incontro e lei accettò.
Peccato si fosse “dimenticata” di avvisarmi! La puttana! Ecco chiarito il motivo dell’orario anticipato!
Provo quindi a richiamare, ma senza esito: il telefono suonava a vuoto.
Arriva una seconda telefonata. Sempre dal telefono della zoccola.
Stavolta la prima voce è di lei. E sta urlando dal dolore. Dopo qualche secondo sento distintamente la voce porca del toro di prima.
-Le stiamo spaccando il culo cornuto! Visto che non lo hai fatto tu, lo sta facendo Marco. Ha venticinque centimetri di cazzo in culo. Senza vaselina. A sangue la sta inculando! Senti il porco!-
E’ evidente che il porco che mi stava chiamando aveva avvicinato il telefono sulla bocca di un altro. La voce era presa da ansimi e a intermittenza diceva:
-Le sto spaccando il culo! Le sto spaccando il culo!-
Quindi di nuovo la prima voce:
-Senti come urla dal male la vacca. Quando ha finito Marco la inculiamo anche noi. Te la rendiamo bella rotta in culo!-
E il porco riattacca. Senza darmi il tempo di dire niente. Il tempo per me di realizzare cosa stia accadendo e arriva una terza e ultima telefonata.
La solita voce:
-Ciao cornuto. Senti come gode sta puttana ora. Senti come gode!!.-
Passa il telefono davanti alla bocca della troia: – Oh..si…siiiii…siiiiiiiiiii-
Quindi continua lui:-Ora è piena la puttana! Ha un cazzo in figa, uno in culo e io le sto scopando la bocca! Che puttana che è la tua donna! Vuoi un consiglio. Portala a battere…portala a battere… cornutone!-
A quel punto capisco che è perfettamente inutile richiamare.
Vorrei solo capire cosa sia accaduto. Arrivano le ventitre passate da un pezzo e non si ha notizia.
Finalmente uno squillo. Dal telefono della troia.
E’ ancora per strada, si sta indirizzando a casa. I porci l’hanno appena scaricata dall’auto. La vacca non mi da il tempo di chiedere niente. E’ un fiume di parole in piena. E io la faccio parlare senza interromperla:
-Oh amore mio! Ora sono una rotta in culo. Mi hanno rotto il culo questi porci. E’ stato doloroso ma poi mi è piaciuto, cazzo se mi è piaciuto! Se sapevo così non arrivavo vergine fino a questa età! Che maiali! Mi hanno fatto provare anche la doppietta figa culo mentre il terzo mi scopava la bocca. Uno mi martellava sempre. Instancabile, in tutti i modi, alla pecorina, di fianco, sopra di me. Li ho anche cavalcati. Ho fatto di tutto amore…di tutto. Ora sono arrivata a casa, ti chiamo dopo !-
Il tempo di chiudere la telefonata e ricevo una mail.
Il mittente è uno dei porci. La mail dice: “ Ciao cornuto!Guarda che bel servizio fotografico abbiamo fatto alla puttana ! Un vero book! Ti faremo avere la parcella! ahahah. Il tempo che ti riprendi a vedere le foto e ti inviamo anche un video. Dacci tempo di comprimerlo! Ciao cornuto e portala a battere. Una troia simile lo merita. Almeno, oltre che le corna, ti fai anche qualche soldo!”
Era evidente che dal loro punto di vista il cornuto fossi io! La cosa non mi infastidiva più di tanto in quanto non potevo certo pensare che capissero interamente la situazione. In fin dei conti, dla mio punto di vista, il cornutone era sempre il marito. Io ero solo il complice di una troia.
Quello che mi aveva irritato era invece il comportamento della zoccola. L’anticipo dell’incontro senza avvisarmi, il non rettificare su chi fosse il cornuto e non furono le uniche cose ad irritarmi.
Appena aprii la mail riscontrai che le foto non erano state scattate dal telefonino della puttana (come eravamo d’accordo e come mi ero anche raccomandato ) ma bensì da una macchina professionale!!!
Mi chiesi inoltre cosa fosse la questione del video. Le avevano girato anche un video?
Se non era nei patti le foto scattate in quel modo, figurarsi un video.
Cominciai a guardare le foto. Sono trentotto foto.
La prima vede la zoccola al centro del letto. Nella camera del motel.
E’ completamente nuda e abbracciata all’organizzatore. Sta limonando con passione. Disinvolta come una navigata pornostar. La luce della camera alla massima intensità e lei avvinghiata a un maschio che ha visto per la prima volta pochi istanti prima. Completamente nuda senza alcun orpello indosso.
Lingua con lingua. La lingua in bocca e la vacca succhia talmente con piacere che le compaiono le fossette sul viso.
Cosa era accaduto? La troia andò all’appuntamento a pochi passi da casa. La aspettavano due auto.
In una c’era l’organizzatore e nell’altra gli altri due porci. Lei salì sulla prima.
Quando uno dei due la intravide a pochi passe mentre saliva sulla prima auto disse all’amico che la vacca aveva proprio la faccia di una affamata di cazzo.
In motel entrarono in due gruppi, in quanto dovettero prendere due camere distinte.
Prima la troia con l’organizzatore. Nel frattempo gli altri due si erano leggermente attardati.
Uno dei due del secondo gruppo disponeva della macchina fotografica. Quando raggiunsero la camera in cui stava la troia insieme all’organizzatore, li trovarono già nudi che stavano limonando con passione in centro la letto. Scattarono quindi la prima foto. La troia li sentì entrare in camera. Era affaccendata a limonare e toccarsi con l’organizzatore, probabilmente non li vide neanche se non quando si gettarono su di lei.
Era la primissima volta che con quei tre. E non ci furono presentazioni.
-Mamma che gran zoccola!-disse uno dei due- ora ci spogliamo e ti facciamo godere per bene.-
-Dai, tiriamo fuori gli attrezzi e riempiamola. Questa gran puttana!-
Si spogliarono in un lampo e si gettarono su di lei. Ora erano in tre.
Seguono le altre foto.
Le infilano una mano completamente in figa e lei gode. Si vede tutto benissimo, anche il viso della puttana. Soprattutto il viso della puttana. In estasi.
I porci sono stati abili a evitare il più possibile i loro visi per concentrarsi sul viso della zoccola, oltre che sulla sua figa e sul suo culo.
Mentre uno le mette le mani in figa un altro le da il cazzo in bocca.
La mettono faccia su. Le sbattono due cazzi in bocca. In una foto il cazzo pare uscire da una guancia.
Queste quattro foto sono contraddistinte da essere dei primi piani. L’oggetto sono due grossi cazzi e il viso della puttana.
Mi faccio una domanda. Se già era così puttana da strada con due maschi, cosa sarebbe accaduto quando il terzo, una volta appoggiata la telecamera, si fosse aggregato anche lui?
Segue una foto che farebbe resuscitare il cazzo anche ai morti: gli occhi chiusi, la lingua completamente fuori e due cazzoni appoggiati sopra. Sono grossi e duri. Di dimensioni sopra la media.
La vacca ha sempre gli occhi chiusi. Ha gli occhi chiusi quando la immortalano esattamente nel momento in cui ha un orgasmo.
La troia infatti fece capire che ora ne aveva abbastanza di cazzo in bocca. Salì a cavallo di uno dei tre e dopo pochi su e giù raggiunse il primo orgasmo.
A quella foto manca solo l’audio!
Dalle impostazioni riesco a vedere a che ora sono state scattate le foto e mi accorgo che effettivamente l’ordine di invio, rispetto all’orario in cui sono state scattate, è reale. Sono quindi ordinate in modo crescente rispetto agli eventi.
Segue una foto in cui la vacca è a cavallo di uno dei tre porci. Avendo di fronte uno specchio la si vede sia di spalle sia di fronte. Si intravedono anche i porci. Lo specchio è pulito.
Dico questo perché questa foto si rivelerà molto importante per capire il seguito reale dei fatti !!!
Quindi la puttana va a cavallo di un altro e questo la attira a se tanto che i capelli della troia coprono il viso di entrambi. E’ evidente che stanno limonando. Dietro si aggiunge un altro e le sbatte il secondo cazzo in figa.
Ora ha due cazzi in figa!!
Noto un particolare che non è secondario. Il porco sotto di lei non la abbraccia. Le sue mani infatti tengono fermo il viso della puttana per limonarla meglio. Solo i capelli della puttana che cadono servono a nascondere il viso di entrambi. Ergo: si è sdraiata lei sul toro senza che nessuno la tenesse giù. E questo perché pochi istanti prima le dissero:
-Ora ti mettiamo due cazzi in figa. Puttana!-
Si era abbassata per permettere che venisse riempita con maggiore facilità.
Era quello il punto in cui mi avevano chiamato per la prima telefonata. Quella in cui godeva e confermava che ero un cornuto!
La troia era in estasi: Oh che bello, oh che bello, fantastico, fantastico, fantastico!-
I sui si,si, si, siiii non si contavano.
Infatti aggiunse un altro siiii quando le chiesero se io fossi cornuto. E me lo fecero sentire.
Arriva il momento fatidico. Quello della rottura del culo.
Glielo anticiparono: -Ora ti spacchiamo il culo troia!-
Avevano già deciso l’ordine. Il primo fu il più dotato, il più deciso, il più resistente.
Dotazione: ventiquattro centimetri veri di cazzo.
Uno dei tre si dedica alla fotografia. Il terzo pronto a intervenire.
Lui la impala senza pietà e la fotografano. A secco, senza vaselina !!!
Il cazzo in culo è enorme soprattutto in lunghezza! Lo fotografano quando è tutto fuori dal culo e quando è dentro fino alle palle!
In una foto lei cerca con una mano di allontanare il tipo, ma questo non glielo permette.
Fotografano anche la faccia della troia. E’ una maschera di dolore.
Compare anche il telefono vicino alla sua bocca. E’ il momento della seconda telefonata. Quello in cui mi fanno sentire lei che urla dal male.
Sono le uniche foto dove la puttana pare non gradire. La camera del motel si riempie delle urla eccitate dei porci. Chi incita a spaccarla, chi la avvisa che dopo si daranno il turno per incularsela.. E poi: “Lo senti in culo vero puttana? Sfondala per bene. Dentro anche le palle. Spingilo dentro fino in fondo.”
Le voci sono porche e depravate e ci danno dentro anche con le parole.
Le foto successive vedono lei nella medesima posizione. Girata su un fianco mentre viene selvaggiamente inculata.
Sono passati cinque minuti e ora la puttana pare gradire il cazzo in culo tanto che nel suo viso non compaiono più le smorfie delle foto precedenti.
Mi sembra impossibile che sia avvenuto tutto così rapidamente e riguardo le impostazioni. Per la precisione sono passati solo quattro minuti dalla foto in cui le rompono il culo.
Ora mentre viene sempre inculata le viene proposto un cazzo in bocca, che lei pare divorare. Mentre il solito porco continua l’opera della rottura del culo un secondo le offre il cazzo in bocca.
E la puttana non rifiuta. Anzi!
-Cazzo guarda come le piace ora- dice il secondo rivolto al terzo- tu fotografa io le sbatto il cazzo in bocca mentre lui la sfonda.-
Due foto dopo( sempre con un cazzo in culo e nella stessa posizione) sulle labbra della troia compare una traccia di sperma. E’ chiaro che le hanno appena sborrato in bocca!
Mentre il solito toro la incula, l’altro animale le proponeva il cazzo in bocca.
Fino a sborrarle in gola. E la troia ( a parte quella mini traccia sulle labbra) ingoiò tutto!
-Mio dio…ha bevuto tutto….avete visto ragazzi? Ha bevuto tutto!- dice uno.
Ora sono scatenati.
Quindi la zoccola si mise di nuovo a cavallo ( e sempre limonando) si ritrova nella stessa posizione in cui era quando le misero due cazzi in figa.
Solo che ora ha il culo rotto quindi arriva il momento della prima doppietta figa-culo. Viene fotografata!
Mi chiamarono anche in quel caso per farmi sentire come godesse.
Una volta chiusa la telefonata e smesso di fotografare si dedicarono tutti e tre alla vacca che si ritrovò con un cazzo in figa, uno in culo e uno in bocca.
Per farglielo provare per bene si alternarono nelle varie posizioni. Non ci sono foto che ritraggono le successive sborrate, che furono rigorosamente in bocca con ingoio totale e successiva pulizia accurata del cazzo.
Infine le ultime due foto che sembrano slegate dal contesto. Sembrano cronologicamente sbagliate infatti la ritraggono ancora cavallo di uno dei tre. E’ davanti allo specchio.
Ho ingrandito le foto e noto che sullo specchio appaiono delle manate.
Torno alle prime foto e non trovo traccia delle manate sullo specchio. E’ evidente che nel frattempo fosse accaduto qualcosa.
Mi precipito a guardare l’orario (sempre tramite le impostazioni) e noto che sono state scattate quasi trenta minuti dopo la doppietta figa-culo.
Cosa aveva fatto in quel periodo? Ci sono quindi trenta minuti di buio, dalle ultime due foto a quelle precedenti.
La zoccola mi richiama.
Io non riuscii a trattenermi e gli dissi che era incazzato. Per vari motivi. E mi parevano motivi scontati.
Innanzitutto avrebbe dovuto informarmi sul cambio di orario, non facendolo mi ritrovai a fare una figura da coglione.
Inoltre era a conoscenza che non gradivo essere chiamato cornuto e mi pareva che lei non avesse fatto niente per evitarlo.
In aggiunta mi ero raccomandato di fare foto solo dal suo cell, mentre la zoccola si fece fotografare e filmare da un’altra macchina.
La puttana capì la mia incazzatura e fece una goffa marcia indietro:
-Amore amore scusa. Amore mio! Prima ero sbarellata ma ti assicuro che non era così bello. Non mi sono neanche resa conto. Mi hanno presa come porci, ma erano decisi, non potevo rifiutare. Non dico che mi hanno violentato ma quasi…-
-Se vuoi li denunciamo- io che oramai avevo capito tutto e la mettevo alla prova.
-No..no…Sei matto! Poi esce tutto. Vuoi che mi sputtano?-
-Ok. Però sul sito possiamo bannarli. Basta scrivere cosa è successo e questi hanno finito di fare porcate. Almeno su questo sito!.
-No. No. Amore dai…non voglio casini. Ma non vedevo l’ora di finire!-
-Sono arrivate le foto. Ma quando avete finito?-
-Amore mio. Dopo la doppietta figa culo. Ho fatto di tutto per farli venire. Ho fatto di tutto!-
-Ma come mai hai fatto così tardi’?-
-Sono rimasta molto in doccia, amore mio.-
A quel punto prendo tempo, dicendo che andavo in bagno.
Nel frattempo arriva il video. Sono solo otto minuti. Ma che video!
Particolare importante : tutto il video è successivo alla rottura del culo e precedente alle due foto in cui è davanti allo specchio.
Questo significa che la puttana mentiva sul tempo passato in doccia. Aveva continuato a scopare anche dopo la prima doppietta figa culo. Inoltre sommando i tempi qualcosa non quadrava lo stesso.
Come arrivo a queste conclusioni lo spiegherò a breve.
Inizio a guardare il video.
Il primo minuto la zoccola è davanti allo specchio e cavalca con furia. Su e giù, su e giù . Si sentono le voci dei porci che incitano “dai godi troia godi”.
Completamente nuda. Alla massimo della luce che si possa avere in camera.
Ogni volta che scende sul cazzo ha un gemito di goduria. Un ooohhh….ooohh.. ogni volta che si siede sul cazzo!
La inquadrano dal basso e da dietro. Si vede il culo e la schiena. Va su e giù. Si intravede lo specchio davanti a lei e il porco(sempre attraverso lo specchio) che alle spalle la filma . Fanno un primo piano al buco del culo, che ora è visivamente rotto.
Dopo una sessantina di su e giù si sente la troia mentre ha un orgasmo. Gli altri urlano “brava troia godi tutta!.
Lei gode e solo in quell’istante smette di cavalcare.
Mi sarei aspettato che si fermasse e invece, il tempo di rifiatare, ricomincia a cavalcare. Una ninfomane e zoccola come lei non ne ha mai abbastanza di cazzo.
Ora appoggia le mani sulle gambe del porco. Si vedono i braccialetti che le aveva regalato recentemente il cornutone nel tentativo di riconquistarla.
La puttana va su e giù con furia. Cavalca il cazzone come una ammazzone infoiata.
Si intravede uno dei porci che sale sul letto e le si presenta davanti.
Ma la puttana in quel momento ha sicuramente gli occhi chiusi. Si stava gustando l’uccello del porco sotto di lei con gli occhi chiusi.
Posso affermare con sicurezza questo pur non vedendole il viso. Nel video infatti il viso non compare, ma si sente distintamente il suo “Ooooohhh” di stupore appena si rende conto di avere un porco davanti a se che le offre il suo cazzo in bocca.
Ed è a quel momento che si getta in avanti per divorare l’uccello e nel fare questo appoggia le mani sul vetro.
Ecco spiegato le manate delle ultime due foto!
Ergo le foto in cui era a cavallo con le manate sul vetro sono le ultime foto. Scattate non solo dopo la doppietta, ma anche dopo il video. Con un intervallo di tempo di mezz’ora.
Il video avanza con lei che è sempre sopra. Finora non si è ancora vista in viso. Uno dei porci dice:
-Ti ho sborrato in bocca e in culo, voglio ancora il culo. Mi piace il culo…-
Improvvisamente e senza cambiare posizione compare la faccia della zoccola!
Ora la ritraggono anche in viso. E non smetteranno mai di farlo fino alla fine.
Va su e giù godendo mentre, al suo fianco, le viene offerto un altro cazzo. Il terzo nel frattempo la filma.
Mentre ha un cazzo in figa ( a cavallo) si gira di lato per succhiarne un secondo.
Il porco non deve fare niente. Solo presentargli il cazzone duro. Ci pensa lei a divorarlo fino alla radice per poi scuotere la testa. Lo lecca, lo succhia tanto forte che si vedono le fossette sul viso. Si dedica anche alle palle prendendole in bocca.
Nella sequenza successiva hanno cambiato posizione. Stavolta la puttana è a faccia su.
Ma messa un poco di fianco in modo tale che possa prendere sia un cazzo in figa, sia uno in bocca. Il toro più dotato le alza le gambe e le scopa la figa mentre al suo fianco un altro glielo da in bocca. La puttana molla il cazzo solo per urlare mentre ha un altro orgasmo.
Con un poco di attenzione si nota che gode talmente tanto che con il braccio sinistro tira le lenzuola tanto che sono sollevate almeno trenta centimetri dal materasso. E da quanto gode che pare voglia strapparle quelle lenzuola.
In buona sostanza tra le foto e i pochi minuti di video ho potuto constatare ben tre orgasmi certi della zoccola. Se considerate che rimase in motel quasi tre ore non riesco a immaginare quanti orgasmi ebbe quella sera.
Poi la mettono di fianco. E’ la sequenza più lunga.
Uno la filma , uno le scopa la figa, e uno glielo da in bocca. Le dicono “puttana… troia… vacca” e lei succhia, lecca, passando dalla cappella al cazzo intero.
Lo inghiotte fino alla radice per poi passare la lingua dalle palle fino in cima. Quando quello che glielo da in bocca si allontana un istante lei allunga il collo cercando il cazzo. Sembra quegli uccellini che cercano cibo.
Fa tutto lei. Sembra che non veda cazzo da decenni! E’ spontanea! Come se si fosse fatta filmare da sempre! La luce è alta.
Viene inquadrata in primo piano. Si vede solo il viso in ogni sua sfumatura e il cazzone del porco che viene succhiato. Da quanto è vicina la telecamera pare di sentire anche il suo succhiare.
Alterna i modi di prenderlo in bocca.
Lo inghiotte tutto e lo succhia tanto da far vedere le fossette. Poi tira fuori la lingua e la passa lentamente dalle palle fino alla cappella. Spalanca la bocca e inghiotte le palle. Gli lavora la cappella con entusiasmo.
Insomma non pare proprio una che stia soffrendo, come aveva sostenuto.
Tre minuti così. Nel frattempo il porco che sta filmando dice che sta esaurendo la batteria.
Infatti da li a breve la macchina si spegnerà.
Improvvisamente un ordine:
-Dai mettiti alla pecora che ti inculiamo di nuovo!-
Cosa aveva detto la troia? Che aveva subito una quasi violenza, vero?
In quel caso mi sarei aspettato una titubanza. Magari anche un no,no, per favore no.
Invece il tempo che il porco finisca la frase e la puttana è già in posizione.
Senza altro invito. Senza neanche un tocco per invitarla.
Si posiziona con il culo alto e la testa bassa sul lenzuolo. Non è quindi alla classica pecorina a novanta gradi. No. Il culo è alto in modo che il porco lo possa impugnare bene.
E per essere ancora più comoda la troia distende le braccia davanti a se!!! Tiene le braccia distese per tutto il periodo, la faccia bassa sul letto e il culo bello alto!
Con molta, molta spontaneità ,e anche con molto piacere.
Il porco glielo schiaffa in culo. Un altro chiede conferma se la puttana lo abbia dietro. Lui annuisce e continua a martellarla.
Sono le ultime sequenze del video ma rallentate danno un quadro completissimo.
Il porco che filma infatti lo fa attraverso lo specchio rendendo visibili, anche se pochi istanti, i tre porci e la troia.
Quando gira la telecamera si intravedono le lenzuola macchiate di sangue causa lo sverginamento del culo. Le avevano proprio rotto il culo.
La vacca ha il culo alto rispetto al resto del corpo. Il porco le prende i fianchi e la martella il culo.
Un altro filma e il terzo si aggiunge al gruppo. Era andato in bagno. Quando si aggiunge dice:
-Dai che facciamo un’altra doppia per questa puttana!-
Poi il video si spegne.
Era evidente che la vacca aveva mentito su quasi tutto. Mi aveva visto incazzato e faceva una goffa marcia indietro.
Io capii in compenso con chi avevo a che fare! Semmai ci fosse stato ancora bisogno.
La raggiunsi qualche giorno dopo quella mini gang. Fu eccitante metterla alla pecorina.
Da subito. Volevo constatare di persona se i porci avessero fatto un buon lavoro.
Lo avevano fatto: ora era un rotta in culo!
In seguito con molta libidine, e in mia presenza, ebbi modo di farla definitivamente sfondare da un cazzo mostruoso. Gigantesco.
Ma di questo parlo più avanti.

nuda con amicile mie scopamichescopate al buioracconti erotici cuginoi racconti eroticisuocere perversegiochi bondagenonna e nonno fanno sessomogli in trioscopa col caneincesti nonne nipotivenire nelle mutandepompino coningoiostrip poker gaymoglie esibizionista raccontiscopata con mia figliami sono pisciata addossosesso tra parentipompino di mammanudo culoracconti gay e bsxstoria eroticaracconti sottomissione gaytette sudateinculato dal transimcestosesso incestpadrona raccontistorie ballbustinggay fuck machinepopornofare sesso con la cognataerotivi racconticuli da romperevisita da androloga donne dottoressefammi godereracconti omosesso con mia figliavoglio scopare mia madresculacciate eroticheracconti erotici incestincesto storie verecane scopa mogliescopare il figlioincesti padre e figlieracconti incesti violentinel culo di mia suocerasesso animalorge pornostargodi puttanaracconti. eroticiscopa la zia porcaguarda cornutocoperta di sborraerotoci raccontila fica di ziasega in trenomoglie troia al parcheggioho le tette grossetrans eroticoracconti di ragazze sverginatedonne sesso con canidoppio anale gaysesso con la collegastorie clisterimoglie eccitatasesso cn animaliil sapore della sborrasesso raccontiio mia moglie e il transmia moglie esibitapompini di coloreincesto mamme