La moglie scambista | Racconto tradimenti di pennabianca.

Mi chiamo Mario, ho quarantuno anni e sono sposato con Anna che ne ha uno di meno. Sono un tecnico informatico e lavoro per una ditta che istalla e si occupa anche della manutenzione di sistemi informatici. Inoltre ho come hobby la riparazione di pc e tutto ciò che è collegato al mondo informatico. Per fare questo mi sono ricavato uno spazio nel garage, un piccolo mondo dove mia moglie non ha mai messo piede. Il mio lavoro mi porta a essere spesso fuori casa. Mia moglie è una bella donna, mora, alta uno e settanta cosce snelle e ben tornite, terza di seno, ventre piatto nonostante una gravidanza, ma quello che la rende spettacolare è il suo stupendo culo a mandolino. Uno spettacolo della natura che rende satelliti tutti i maschi che lo vedono. Circa tre anni fa nella zona dove abitiamo ci sono stati una serie di furti compiuti da ignoti ladri che approfittando del fatto che le abitazioni erano per quasi tutto il giorno vuote entravano e si prendevano tutto quello che c’era da rubare. Per ovviare a tutto ciò ho deciso di istallare, a insaputa di mia moglie che al solo pensiero già si era spaventata una serie di micro camere collegate attraverso il wi-fi ad un computer che ho nascosto in garage. In un potente e capace Hard disk immagazzino le immagini che lentamente giorno dopo giorno vengono riprese, cancellando sempre lo stesso giorno ma di tre anni prima, in questo modo conservo le immagini dell’anno precedente così via. Un giorno un mio amico di nome Claudio, marito di Marina, collega di mia moglie mi chiede se posso dare una ripulita al suo portatile dopo che il figlio ci ha scorrazzato per vari siti porno, e come lo ha definito lui è “impestato “di sicuro dei peggiori virus. Ovviamente mi chiede di salvare alcuni documenti e foto contenute in alcune cartelle. Per precauzione salvo in un piccolo Hard disk tutti i suoi file e poi lo formatto. Quando rimetto dentro i suoi dati per essere sicuro di non inserire qualche virus nascosto apro e controllo tutto il materiale, e mi imbatto in una cartella che ne apre un’altra e poi ancora una e poi un’altra. In breve ne apro dieci e alla fine scopro una cosa che mi lascia a bocca aperta. Sono quattro foto di mia moglie nuda sul mio letto a cosce aperte e con le mani che invitano il fotografo a raggiungerla sul letto, poi una del suo meraviglioso culetto ben in mostra. Dopo un lungo momento di puro stupore mi metto ad osservare attentamente le foto. Sono bellissime! Mi riprendo dallo stupore. Mi assale una rabbia che mi fa diventare pazzo. Che cazzo ci fanno le foto di Anna nel suo pc? E quando le ha scattate? Analizzo attentamente le immagini. Vedo data e ora sul dettaglio della foto e allora vado nel mio pc che registra in casa mia e digito la data in questione. Arrivano precise le immagini del giorno. Mi ricordo che ero fuori per due giorni per un lavoro e vedo Anna che esce con Luca nostro figlio, e poi dopo circa un’ora torna, si spoglia e si fa una rapida doccia. Esce dal bagno e apre il nostro armadio a otto ante e prende delle cose da una scatola che non le ho mai viste. Calze velate, autoreggenti e un paio di scarpe dal tacco altissimo. Si ammira allo specchio e poi indossa il chimono azzurro che le ho regalato lo scorso anno e corre verso la porta di casa, evidente che qualcuno aveva suonato. Vedo arrivare l’ospite, è Claudio. Appenda dentro chiude la porta e la bacia con passione appoggiando entrambe le mani sul suo culo e lo palpa con gusto. Lei si stacca e si abbassa davanti a lui, gli apre i pantaloni ed estrae un grosso e lungo membro già perfettamente duro. Avevo sentito parlare di lui come un super dotato, ma non credevo che fosse così grosso e lungo. Io ho un membro nella norma quasi diciotto cm, e di media grandezza, ma lui ne ha almeno il doppio. Lei lo lecca e succhia infilandone almeno la meta dentro la gola e si impegna ad affondarlo quasi tutto. Resto stupito della facilità con cui lei ci riesce. Io e Anna siamo un coppia decisamente normale, facciamo sesso ogni volta che ne abbiamo la voglia, e possibilità. Lei era vergine quando l’ho conosciuta e l’ho sverginata io sia davanti che dietro. Oggi lei gode anche nel prenderlo in culo con estremo piacere, ma vederla così abile nel succhiare e ingoiare con facilità quel palo mi lascia stupito. Osservo la scena che dura alcuni minuti durante la quale lui le appoggia appena la mano sulla nuca giusto per dare il ritmo alla pompata. Poi lei si solleva, lascia cadere il kimono e nuda lo trascina tenendolo per il cazzo in camere nostra. Appena dentro si sdraia sul letto e lui dalla soglia gli scatta le foto che ho trovato nel suo pc. Poi abbandona il cellulare sul letto e si infila fra le sue cosce aperte e la lecca impegnandola in un 69 veramente bello durante il quale Anna raggiunge un orgasmo. La micro camera che non ha l’audio riprende il viso estasiato dal piacere di mia moglie. Le immagini sono talmente nitide che sembra di essere lì con loro. Lei sale su di lui e si impala su quel membro lungo e dritto che la sfonda in tutti i modi per almeno una mezzora o più. Infine dopo averla fatta venire varie volte la rigira e dopo averle dato una bella leccata al buchetto gli e lo pianta tutto dentro il suo culo che lo accoglie con estrema disinvoltura indice di ripetuti ingressi da parte del suddetto palo. Si devo constatare che mia moglie ha il culo sfondato! A volte, mi era sembrato strano, quando tornavo dopo giorni passati lontano che facendo l’amore con lei era, come dire, un po’ più aperta, ma non vi avevo mai fatto caso più di tanto. Ora so il morivo, si fa sfondare da un super cazzo! Analizzo il tutto e decido di fare un bel casino. Cazzo non ci sto a fare la parte del cornuto! Per prima cosa clono il cellulare di mia moglie. Si, sono consapevole che è da ignobili, e scorretto, anche illegale, ma non me ne fraga nulla, voglio sapere. Di conseguenza ad ogni telefonata o messaggio io saprò con chi a parlato o scambiato messaggi. Poi un improvvisa e reale richiesta di intervento fuori città mi dà l’opportunità di allontanarmi da casa. Lei come sempre è comprensiva e mi prepara la valigia, ma in realtà starò fuori al massimo una notte. Le faccio credere che saranno almeno tre. La metà del primo giorno è tutto regolare, poi inizia con lui, una serie di messaggi che annunciano una sera, la successiva molto intrigante. Claudio la passerà a prendere intorno alle venti, e la prega di essere puntuale e sexy. Io dal canto mio mi metto al lavoro rapidamente, risolvo il problema e torno a casa mia nel tardo pomeriggio, del giorno successivo. Mi apposto nelle vicinanze di casa e la vedo uscire e salire in auto con lui. Li seguo con discrezione. Immagino che se ne andranno da qualche parte per cenare e stare da soli e poi andare a scopare insieme. Percorrono un po di strada e poi escono dalla tangenziale, vanno verso la collina ed entrano in un gruppo di nuove casette molto carine e distanti un po fra loro, si fermano davanti a una villetta molto bella. È circondata da una bassa recinzione e ha molti fiori e piante che mi permettono di osservare il tutto senza essere visto. Al loro arrivo vengono accolti da una giovane coppia che li abbraccia e bacia con affetto e calore, mi stupisce la cosa, ma resto anche più basito quando vedo arrivare anche Marina, la moglie di Claudio che scende da una vettura insieme a tre maschi molto giovani e belli. Nel piazzale ci sono anche altre vetture, e subito dentro si sentono risate e la cosa mi incuriosisce molto. Giro intorno al perimetro, e scopro un posto dove se scavalco la recinzione mi ritrovo coperto da alcune piante e silenziosamente entro. Sono passati circa venti minuti dall’arrivo di tutti e ora si sente solo della musica melodiosa di sottofondo. Mi avvicino con circospezione e in silenzio osservo dentro da una posizione leggermente rialzata che mi mostra una verità che non mi aspettavo. Dentro ci sono quattro donne di cui una è mia moglie, e quattordici maschi! Si, li ho contati due volte. La scena è semplicemente una gang in piena regola, dove ogni donna ha più maschi a disposizione e se li gode alla
grande. Una delle donne, una bionda dalle tette enormi ha un maschio sotto che la scopa, uno in bocca e due che giocano con i suoi seni, Marina è già a cavallo di uno che la scopa da sotto mentre un altro la incula di gusto, e lei ne spompina un terzo. Resto meravigliato da mia moglie che a pecora si fa inculare da uno mente un altro da sotto la lecca e lei ne sega e succhia uno per mano. Osservare questa scena mi fa venire il cazzo durissimo, senza accorgermene mi sego come un sedicenne davanti al primo porno. Improvvisamente la scena cambia, Anna viene prese da tre che le riempiono tutti i buchi e pure le mani, Marina gode urlando insultata da un maschio che le sborra in faccia. La moretta che stava succhiando due cazzi è infilata da entrambi direttamente in figa e urla di piacere. Io sono combattuto fra il piacere nel vedere mia moglie come gode e fa godere, e l’incazzatura che riprende il sopravvento. Senza quasi rendermene contro entro nel salone fra lo stupore di tutti, l’ultima ad accorgersene è Anna, che mi guarda senza dire nulla.

Smoking fetish e molto di più | Racconto feticismo di Erika80

Ci sono tanti feticismi che costellano il complesso mondo dell’erotismo e, tra questi, uno sempre più visibile da tempo è lo “smoking fetish”, anche se si perde nel tempo, a iniziare dalla sensualità “vintage” delle attrici anni 60’, e – come tante altre manifestazioni della sessualità – anche nellipocrisia del falso perbenismo che avvolge il sesso.

Al cinema | Racconto gay di MIRIKIKI

Ultimamente sono stato in un cinema porno di una nota città del centro italia, entrai ma la sala era vuota, giusto tre o quattro avventori. Una volta non era così, dalle mie parti cera un cinema porno della provincia che era sempre affollatissimo, ci si entrava sapendo già che qualcosa di intrigante sarebbe successo, naturalmente tra uomini. Nella sala cerano delle regole non scritte di cui mi resi subito conto dal primo giorno che ci andai per curiosità: cera chi si metteva in fondo alla sala in piedi, con i cazzoni già induriti dalla visione del film e chi voleva fare una sega o un pompino, si fermava davanti ad uno di questi spettatori e senza tanti preamboli gli frugava nella patta, glielo prendeva in mano e lo invitava al bagno. Spesso erano giovani italiani e anche migranti. I più riservati invece ti aspettavano al secondo posto di ogni fila, ti ci sedevi accanto e via, iniziava il gioco. La prima volta che decisi di lasciarmi andare, entrato nella sala, mi sedetti accanto ad uno spettatore di mezza età. Aveva la patta dei pantaloni sbottonata e con la mano se lo toccava; feci finta di niente. Mi diede un fulgido sguardo e di lì a poco iniziò ad allungare la mano sulla mia coscia, io non reagii, così lui continuò imperterrito, mi prese la mano e se la portò sul cazzo, non feci resistenza, anche perchè già sedendomi con lui sapevo a cosa andavo incontro. Iniziai a segarlo con delicatezza, aveva un bel cazzo, naturalmente in tiro dalla visione del film. Si avvicinò allorecchio e mi sussurrò di prenderglielo in bocca, gli dissi di no, che non ero pronto, era la prima volta. Va bene disse, continua. E continuai, mi piaceva toccarglielo, segarglielo, era duro come il ferro, glielo stringevo, gli toccavo le palle, sino a che iniziò ad ansimare, capii che stava per venire, velocizzai il movimento della mano, lui diede un improvviso movimento di reni in avanti per evitare di schizzarsi addosso e finalmente venne. Misi la mano davanti allo schizzo dello sperma per non far sporcare le sedie davanti. Ci ripulimmo ed andai via. Quella notte a casa non dormii, pensando a quel cazzo, avrei voluto prenderlo in boccca, era diventato il mio tormento. Fu così che due giorni dopo ritornai allo stesso cinema con lintento di farlo, di fare un bel pompino a chiunque fosse stato. Entrato nella sala feci un giro di ricognizione e ritrovai lo stesso spettatore dellaltra volta. Mi sedetti accanto e lo salutai, lui ricambiò con tono sarcastico, sicuramente perchè aveva capito che questa volta ci sarei stato, e così fu. Anche in questo caso aveva la patta sbottonata e luccello quasi fuori che se lo toccava. Lo tirò completamente fuori, poi mi mise la mano dietro il collo e mi spinse la testa sul suo cazzo turgido. Non feci resistenza, sapevamo entrambi che doveva andare così. Glielo presi in bocca, mi piaceva leccarlo, prenderlo completamente in bocca e andare su e giù sullasta. Con la mano sulla testa mi accarezzava e ogni tanto me la spingeva sul cazzo. Mi piaceva quella sensazione di predominio da parte sua e di sottomissione da parte mia, mi rilassava. Dopo un bel pò che lo spompinavo iniziò a gemere di piacere, sentii la cappella gonfiarsi e scorrere qualcosa nella vena delluretra, era la dolce cremina che stava per inoondarmi la gola. Lui sollevò la mano dalla testa, per non farmi ingoiare lo sperma, ma io non lasciai il suo cazzo e bevvi tutta quella crema, continuando a leccarglielo sino allultima goccia.

Moglie dominante | Racconto dominazione di 12345

Ho conosciuto quella che poi è diventata mia moglie, in un sexy shop a Milano. Stavo scegliendo un DVD da vedere a casa con gli amici mentre lei acquistava uno strap on. Mi chiese qualche consiglio e la discussione ci prese a tal punto che dopo un’ora ero nella sua mansarda che mi sodomizzava con estremo gusto da parte di entrambi.

Finalmente il nero e la moglie | Racconto tradimenti di antonio63

una villetta bifamigliare sul litorale domizio, dove si trascorrevano le vacanze, e non solo, anche i fine settimana, io e mia moglie da qualche anno sposati,laltra coppia una cugina di mia moglie , con marito e figlia ,eravamo le coppie che occupavano la villetta, a volte insieme a volte in funzione del lavoro ci alternavamo a godere le meritate vacanze. per la manutanzione della villetta da anni ci affidavamo a omar , un cinquantenne marrocchino, che curava la casa in ns assenza. ebbene la presenza di omar nel periodo delle vacanze, con mia moglie ,premetto 35enne ,1,68, quarta di seno, un culetto a mandolino tipico della more meridionali, che girava in costume , qualche volta bikini, magari coperta da un trasparente pareo, faceva maturare in me strane fantasie , che mi accompagnavano nellatto sessuale, dove nel culmine dello stesso, rivolgendomi ad anna, mia moglie, gli prospettavo il mio desiderio di vederla posseduta da omar,cosa che intimimamente mi piaceva al punto tale che spesso ,immaginando al cosa mi masturbavo. allinizio ricevevo da anna atteggiamenti negativi,e di chiusura totale,mi definiva un porco e un malato.ma il seme del dubbio si era ormai fissato nella sua mente. cosi incominciai a notare atteggiamenti diversi, abbigliamento diverso,nei confronti di omar,cosi qualche volta mentre la chiavavo, continuando con la solita solfa a provocarla, incomincia a definirla sei la mia PUTTANA, sei la mia troia …. adesso entra omar e ti schiaffa la sua mazza nel culo…ti piacerebbe essere scopata da due cazzi…..riempita culo e fica di sborra…vero puttana? la svolta allimprovviso…si lo voglio , se mi vuoi puttana io lo saro,ha un bel pacco omar e lo mette in mostra, come io non gli lesino di ammirare la mia fighetta dal bikini quando sono sulla sdraio e lui sistema la siepe, allargando le gambe.era il massimo che mi potevo aspettare, come dincanto ebbi unaltra erezione, e lei si avvicino e toccando il mio cazzo mi disse ti piace , guarda il mio cornuto si eccita a pensarmi chiavata da omar, e allora in questi giorni …lo diventerai davvero,vieni mi disse andiamo a letto, mi fa sdraiare ed inizia a segarmi lentamente , si sfila lo slip e si inginocchia a gambe aperte allaaltezza del mio viso, ed incomincio masturbarla … la figa che colava ,il clitoride gonfio e lei che segandomi mi dice : lo sai omar si scopa mia cugina da anni , con la consapevolezza del marito! e lei che mi decanta il cazzo di omar , e lei che mi racconta come gli riempe figa e culo con abbondante sborrate, e come il marito presente si sega e a volte partecipa alla scopata,non capivo piu niente leccitazione al massimo, mi apprestavo ad una sborrata fenomenale, lapice era prossimo quando anna mi dice che ,il marito della cugina era solito leccare la figa sborrata, non ce la faccio e lei che mi fa ti piace cornuto vedermi sfondata da omar e dopo mi lecchi la sborra, ed io sborro e gli rispondo che si si …mi piace …troia fatti chiavare, fatti sborrare , fai la puttana con lui, portami la fregna piena….te la succhio io la sborra di omar, era linizio di un nuovo orizzonte sessuale, aperto a tutte le varianti. continua ….

La mia prima volta | Racconto zoofilia di teacherk9

Questo non è un racconto ma è una storia vera la persona in questione ha voluto che io raccontassi per lei la sua prima esperienza perchè grazie a questo sito ci siamo conosciuti e lei mi ha chiesto di iniziarla e solo ieri mi ha chiesto di scrivere tutto ciò che è accaduto perchè lei vuole ricordarlo e ha voluto che io lo scrivessi con il suo aiuto per alcune specifiche per avere un ricordo migliore di quello che è successo la scorsa settimana.Nomi e luoghi sono di fantasia per proteggere la privacy.

Teo sa come farmi godere | Racconto incesti di ScorpioneRM

Ho 18 anni mi chiamo Sonia sono una studentessa al quarto anno in famiglia siamo in 4 io mio fratello Teo 20 anni mamma e Papà lavora all estero 9 mesi e tre casa il giorno sono sola con Teo ancora non è arrivato mi sdraio in camera mia in mutandine e ho una cotta per un ragazzo e sto guardando il suo profilo muscoloso bello fico sempre in costume mostra il pacco chiudo occhi e immagino io e lui insieme che mi stringe mi bacia e le sue mani sul mio corpo mi accarezza da per tutto i seni mi alza la maglia infila la mano le stringe e mi stringe i capezzoli e io me li sto toccando apro le gambe allungo la mano la infilo nelle mutandine e inizio a toccarmi ansimo tremo tutta mi piace la mano scivola mi stavo bagnando tutta una mano sui capezzoli e altra nelle mutandine aprivo e chiudevo le gambe poi ho messo il cuscino tra le gambe e girandomi facendo pressione strusciavo la fica mi muovevo facendo salire il piacere e Mugolavo la mano andava forte e infilavo le dita fino ad urlare e avere un orgasmo e sono rimasta sdraiata ansimante tremando tutta per il forte orgasmo ero tutta bagnata apro gli occhi e sulla porta col cellulare in mano e il pantalone della tuta calato e il cazzone duro in mano ho fatto un salto che cazzo fai scemo cerco di sistemarmi che salta verso di me Cazzo sorellina sei brava mi hai fatto eccitare guarda fermo Teo che cazzo vuoi levati lo dico a Mamma lui gli faccio vedere il filmato e lo metto in rete cosi tutti si masturbano vuoi questo ? Dai Teo non fare lo scemo fammi alzare leva sto coso mi ha spinta sul letto venuto lungo sopra di me adesso mi fai godere zitta mi ha spogliata e ho cercato di fare resistenza e mi prendeva per i capelli e piangevo e cercavo di calciare ma lui era più forte poi allargato le gambe ha messo il cazzone in mezzo e allargato le mani e mi ha iniziato a baciare il viso e poi infilato la lingua e strofinava il cazzone tra le gambe caldo bagnato e strusciava sulle labbra della fica iniziavo a provare piacere poi sceso a baciarmi i seni e i fianchi e leccata la fica avevo i brividi tremavo tutta poi si alzato e in piedi mi ha fatto sedere e mi ha spinto il cazzo in bocca quando lo succhiato mi diceva di succhiarlo tutto e lo spingeva e mi faceva venire i conati ma entrava poi mi ha chiesto se ero vergine ho detto di si ha preso un asciugamano fai piano ti prego non farmi male e mi ha stesa mi baciava e passava le dita sullo spacco della fica bagnata e andava sempre più veloce io tremavo avevo brividi e poi allargata tutta salito sopra e appoggiato la cappella muovendola su e giu e spingendola piano piano ho sentito che sforzava e poi mi ha baciata stretta e spinto colpo secco e entrato ho urlato ho cercato di scappare mi teneva ferma e mi ha baciata con passione e voglia che ha iniziato a muoversi dentro e fuori mi stringevo forte a lui ho iniziato a sentire un calore sempre più forte e mi sono lasciata andare lo baciavo lo stringevo spingevo il bacino verso di lui e poi mi ha girata a pecorina e poi sono salita sopra e ho goduto tanto e anche lui siamo rimasti abbracciati in silenzio e ansimanti e sudati mi accarezzav i capelli e mi diceva stato bellissimo ha sentito quando ho goduto ho stretto i nervi delle pareti inguinali e ha sentito il caldo liquido del mio piacere mi ha baciato ci siamo addormentati verso le 18 mi ha portato da bere e mi sono fatta la doccia toccavo la fica avevo un dolorino poi ho nascosto asciugamano aveva macchie di sangue mi aveva sverginata ma è stato bellissimo .ogni pomeriggio lo aspettavo ero nuda facevo finta di dormire e lui entrava alzava lenzuolo e mi guardava completamente nudo il cazzo diventava duro poi lo avvicinava alla mia faccia e io aprivo la bocca e lo succhiavo e poi ci mangiavamo di baci e carezze e lo volevo in tutte le posizioni mi metteva le dita in bocca facendole succhiare come se fosse un cazzo e mi trattava da puttana troia mi sculacciava e mi diceva che ero solo sua guai se qualcuno mi faceva la corte era geloso mi faceva godere tanto ormai a pelle come mi toccava mi bagnavo subito tremavo tutta ho ingoiato il suo sperma mi scopava guardando un film porno sul pc e mi costringeva a guardare i cazzoni e mi diceva sai come ti farebbero godere tu in mezzo a loro e godeva e anche io domani vengo con Marco il mio amico ha un cazzo da paura tu domani voglio che mi aspetti nuda a letto fai finta di dormire dormi pesante che non ti svegli sonnifero cosi inserisco e ti prendiamo in due quando ti dico cannibale ricordati questa parola ti svegli e fai sesso scatenandoti e facendoti godere e godi voglio vederti schizzare alla grande lo fai per me ? lo abbraccio e gli dico tutto quello che vuoi basta che mi scopi sempre ormai sono tua e puoi chiedermi tutto e mi sono lavata profumata e anche il culetto ho lavato come ha chiesto lui sono eccitata e mi sdraio nuda e aspetto alle 14,30 sento la porta e due voci bevono poi si apre la porta mio fratello si avvicina si gira all amico gli fa cenno di fare silenzio toglie le coperte e mostra il mio corpo nudo mi accarezza e fa avvicinare amico che mi accarezza il culo poi mio fratello si spoglia nudo e anche amico tra le palpebre guardo e vedo il cazzone grosso doppio e lungo dell amico mi gira e mi avvicina il cazzo in faccia e lo spinge apro e lecco e succhio e amico mi tocca i seni e tra le gambe poi si abbassa mi gira di fianco e mi lecca infila la lingua dentro e fuori mi fa tremare infila le dita sono grosse che sembrano un cazzo le muove mi bagno e mi agito mugolando e lui mi mette il cazzone nella mano e lo stringo e lo masturbo grande faccio fatica a chiudere la mano ecco che il ragazzo ha trovato il clitoride mi agito urlo mugolo e gemo e muove fino a farmi godere e poi si da il cambio e provo a succhiarlo ma solo tre quarti entrano in bocca mio fratello di lato mi scopa uno in bocca e uni in fica tremo tutta poi mi lascia al suo amico mi viene sopra e mi bacia in bocca e struscia il cazzone lo abbraccio e lo stringo a me lui mi allarga le gambe mi bagna la fica e entra piano sono bagnata ma fa fatica poi lo ficca tutto e mi sbatte io mi muovo lo bacio lo stringo e mi faccio sotto a lui mio fratello dice la parola e mi sveglio e mi lancio il ragazzo mi sbatte forte mi prendono a turno poi mio fratello fa mettere sotto il ragazzo io mi infilo il cazzone e lui mi viene dietro e mi sbattono insieme e sono tutta bagnata orgasmo è vicino eccolo i cazzoni mio fratello lo sfila e lo spinge in fica insieme al cazzone mi aprono e godo come una pazza e loro anche mi riempiono mi cola tra le gambe restiamo cosi i cazzi si afflosciano e mi vado a fare una doccia anche loro si lavano restiamo nudi in camera parliamo delle esperienze mi sdraio e inizio a leccare i cazzi dei ragazzi e li faccio eccitare li metto tutti e due in bocca poi mio fratello si siede e mi dice fammi vedere come lo fai godere ti voglio puttana e calda e lui mi abbraccia e ci baciamo rotoliamo nel letto mi stringe i seni e mi morde i capezzoli a 69 ci succhiamo poi mi tira fuori dal letto e appoggiata alla parete a gambe aperte mi tira in fuori mi alza la gamba e mi scopa forte urlo la sua mano sulla fica mi masturba tremo urlo mio fratello eccitato che si masturba vedendomi sotto i colpi poi mi gira abbassa la testa sul cazzo di Teo e lo succhio e mi incula alla grande e vengo e anche loro Teo in bocca mi scarica e ingoio tutto restiamo a riposo per 4 giorni ho la fica in fiamme rossa e il culo mi brucia creme mi chiede come sto mi dice se domenica posso essere pronta ha una sorpresa per me . domenica pomeriggio mi porta a casa di un suo amico ma prima di entrare mi benda e mi dice che non devo toglierla solo se me lo chiede lui e entriamo sento delle voci mi porta in stanza stanno fumando sento odore forte mi da un liquore e mi fa girare poi mi toglie i vestiti resto nuda e mio fratello dice adesso uno alla volta i miei amici ti baceranno e cosi uno alla volta infilano la lingua mi abbracciano mi toccano sento i cazzoni duri appoggiati sulla mia pancia di varie dimensioni poi mi fa inginocchiare e uno alla volta li succhio

Quando qualcuno viene scoperto mentre si masturba | Racconto masturbazione di Giacomo77

In questo titolo si spiega tutto,Una sera ero a invitato da mia suocera percheera festa patronale e quindi dopo cena mi dissero noi andiamo alla festa?io gli risposi si andiamo cosi ci divertiamo un po,usciamo di casa arriviamo in piazza e dimentico il cellulare a casa e gli dico a mia moglie?torno a casa che ho dimenticato il cell,siccome io ho le chiavi entro e sento una vocina in bagno e penso vuoi vedere che emia cognata che scopa?mi inchino e guardo dal buco della porta ed era mia suocera sul bideche si strofinava la figa con le dite la guardo un poe decido di aprire la porta ma era aperta faccio la faccia sbalordita e gli chiedo scusa lei mi fa vieni dai fammi godere tu,io gia ero eccitato di mio ma non resisto e gli metto le mie dite in quella figa pelosissima e bagnata ed ecco che in un attimo mi esclama vengooooo,mi sento le mani in mare di liquido cremoso era la sua sborra calda ed ecco che le indirizzo il mio cazzo duro vicino la sua bocca e le schizzo il mio sperma dentro e lei se lo lecca tutto,finito mi fa?non dimenticarti di questa cosa potrebbe succedere ancora quindi…

storie porno tradimentiracconti erotici padre figliomamma pompinosborra gay in boccamamma chiavataraccontieriticiho tradito mio marito all'addio al nubilatoconfessione eroticheil mio primo ingoioculo d'oropunture sedere paurascambio di coppia veneziaincesto annunci 69storie di sessiputanellescopate incestiscopata da un vecchiopiedi da leccareerotivi raccontilezione di seghescopata atrelabbra da bocchinaraa letto con ziavieni dentrovestito sadomasoprima volta cuckoldracconti di trombatesesso al ristorantevestirsi da troiafilm porno moglienero scopa mia mogliemi piace farmela leccaremistress miavacche sfondateinculo tua mogliealano maculatodonne che scopano con gli animaliracconti milùsborrata di figaracconti di storie di sessotettone raccontiil primo ingoioracconti eroticimi masturboscopata nel bagno della discotecamaurizio che non diventi un viziomature che tradisconoracconti incesti italianitelegram hot italiabuon pomeriggio comicoracconti prima volta sessoracconti verginesesso camionistidue trans con cazzi enormiracconti erotivi gayracconti porosolco di pescapalestrati gayla mia ragazza e una troiasculacciate e sessoculi bisexspompinandocornuto inculatolibri erotismo onlineracc incestfiga mestruatadonne che pisciastorie sadomasola troiettasborra nel culo gaytrio straponracconti erotici di gayclisteri eroticisesso con il cognatoinculata da caneracconti erotici gay stuproprofessoressa zoccolafiotti di sborraracconti erotici zia e nipotedonne nude al supermercatouna grande inculataraconti erotici gayla milfchiavo mia suocerastorie pirnogran zoccolasuocere hot